Archive

Posts Tagged ‘WWF’

WWF Russia, petizione per la protezione delle foreste

March 11, 2013 Leave a comment

WWF Russia, petizione per la protezione delle foreste-w600-h600

Il WWF Russia ha lanciato nel 2013 una petizione per la protezione delle foreste, puntando a ottenere la firma di oltre 100.000 cittadini russi. L’obiettivo è una legge che torni a proteggere le foreste, che le recenti modifiche del codice forestale hanno aperto allo sfruttamento industriale indiscriminato, anche in molte aree protette. Se la petizione avrà successo, sarà in grado di proteggere un’area grande il doppio della Francia, mettendo sotto protezione il 18 per cento delle foreste del paese.
“Le risorse forestali della Russia sono già esaurita, a causa di un eccessivo sfruttamento nel periodo sovietico, e del taglio illegale degli ultimi decenni. Negli ultimi 150 non è cambiata la metodologia nel decidere la quantità di legname da prelevare delle foreste. Questo ha portato le compagnie del legno a cercare sempre nuove foreste per lo sfruttamento commerciale “, spiega Konstantin Kobyakov, del WWF Russia.
“Le recenti modifiche alla legge fanno di queste aree un obiettivo primario per le compagnie del legno”, ha aggiunto.
Le foreste da proteggere coprono 17 diverse categorie, tra cui zone umide, boschi che assicurano prodotti non legnosi (funghi, bacche, noci), le foreste montane, le foreste boreali di tundra, le zone verdi, i parchi, le foreste urbane e zone di riproduzione delle fauna e di deposizione delle uova.
Aree forestali situate sulla riva di fiumi, torrenti, laghi o mari, così come le zone verdi attorno alle grandi città, dovrebbero rientrare nella definizione di “boschi soggetti a protezione ‘ .
Queste foreste servono a proteggere i bacini idrogeologici, a fornire acqua potabile, ad assicurare la fertilità del suolo, a stabilizzare il clima, a pulire l’aria, così come a fornire cibo alla fauna selvatica (frutti di bosco, funghi e noci). Queste aree avranno anche un a funzione ricreativa per gli abitanti delle grandi città, e di reddito sussidiario per le famiglie delle aree rurali.
Il WWF ritiene che le foreste in grado di assicurare preziosi servizi non possono essere sacrificate allo sfruttamento industriale: “Per 70 anni di queste foreste ci hanno protetto. Ora è giunto il momento di proteggerle. Per questo la legge forestale deve tornare a vietarne lo sfruttamento industriale”, ha aggiunto Kobyakov.

Fonte: Salva le Foreste

Categories: Green Peace Tags: ,

Terra, quarant’anni anni fa previsto collasso del pianeta

Era una ricerca svolta dal MIT, primo studio in campo scientifico che parlò della fine delle risorse del nostro pianeta e di una necessità impellente di uno sviluppo sostenibile. La ricerca fu commissionata nella primavera del 1972 dal Club di Roma e pubblicata in alcuni tratti dell’opera, nelle maggiori riviste ambientaliste e scientifiche dell’epoca fra lo scetticismo generale, poi invece smentito dalle ricerche più moderne. Il libro che ne risultò, riportava una simulazione effettuata con il computer sull’andamento di cinque variabili nella disponibilità di petrolio, cibo e sull’andamento demografico finanche a simulare una previsione che arriva al 2100. Uno dei primi scenari che saltarono fuori dallo studio fu proprio quello relativo ad un collasso economico intorno al 2030, allorquando le risorse a disposizione dell’umanità non saranno più sufficienti per mantenere la crescente richiesta di beni di prima necessità. Ciò ad esempio sta già avvenendo. Nonostante non fosse accolto con favore dalla comunità scientifica, il libro relativo alla ricerca vendette 12 milioni di copie in 34 diversi paesi. Lo stesso Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF e segretario della Fondazione Aurelio Peccei, organo che rappresenta in Italia proprio il Club di Roma che commissionò lo studio, ha in merito dichiarato: “Lo studio fu criticato un po’ da tutti, si disse ad esempio che il capitale umano, attraverso la tecnologia, avrebbe reso possibile superare i limiti delle risorse. In questi ultimi anni però, molti studi stanno dando ragione alle conclusioni che vennero fatte 40 anni fa”.

Fonte: AGS Cosmo

Categories: Mysterium, Natural World Tags: ,