Archive

Posts Tagged ‘Torino’

Artissima, principale fiera d’arte contemporanea all’Oval di Torino

October 7, 2015 Leave a comment
logo artissima 2015 ITA-04
Artissima 2015 Ventiduesima edizione

Artissima, la principale fiera d’arte contemporanea in Italia, torna all’Oval di Torino dal 6 all’8 novembre.
Riconosciuta internazionalmente per la sua attenzione alla ricerca artistica più innovativa, l’edizione 2015 porterà avanti molte nuove iniziative. La fiera presenterà sei sezioni, tra cui tre curate, importanti premi, percorsi guidati, una speciale VIP Lounge, un’esposizione delle collezioni pubbliche e private del territorio, talk ed eventi. Quest’anno, oltre 50 curatori e direttori di museo di tutto il mondo contribuiranno al programma, mentre i collezionisti saranno coinvolti in un modo del tutto nuovo. Ad Artissima il collezionismo non è solo un motore economico e culturale ma un impulso alla sperimentazione e a nuove sfide.
Main section
133 gallerie consolidate tra le più rappresentative della scena artistica internazionale
11R Eleven Rivington, New York; 22,48 m2, Paris; 3+1,Lisbon; 401contemporary, Berlin; A Gentil Carioca, Rio De Janeiro; Samy Abraham, Paris; ADN, Barcelona; Sabrina Amrani, Madrid; Analix Forever, Geneva; APalazzogallery, Brescia; Arroniz, Mexico City; Artericambi, Verona; Alfonso Artiaco, Napoli; Enrico Astuni, Bologna; Balice Hertling, Paris; Baril, Cluj-Napoca; Anne Barrault, Paris; Bendana | Pinel, Paris; Isabella Bortolozzi, Berlin; Thomas Brambilla, Bergamo; Brand New Gallery, Milano; Braverman, Tel Aviv; Bugada & Cargnel, Paris; CAR DRDE, Bologna; Luciana Caravello, Rio De Janeiro; Chert, Berlin; Hezi Cohen, Tel Aviv; collicaligreggi, Catania; Continua, San Gimignano, Beijing, Les Moulins, Habana; Copperfield, London; Raffaella Cortese, Milano; Guido Costa Projects, Torino; Curro y Poncho, Guadalajara; Monica de Cardenas, Milano, Zuoz, Lugano; de’ Foscherari, Bologna; Tiziana di Caro, Napoli; Umberto Di Marino, Napoli; Gallery em, Seoul; Ex Elettrofonica, Roma; Marie-Laure Fleisch, Roma; Frutta, Roma; Christophe Gaillard, Paris; Bruce Haines, Mayfair, London; Emmanuel Hervé, Paris; Andreas Huber, Vienna; Ibid., London, Los Angeles; In Arco, Torino; Martin Janda, Vienna; Antonia Jannone, Milano; Rodolphe Janssen, Brussels; Jeanrochdard, Brussels, Paris; Kalfayan, Athens, Thessaloniki; Georg Kargl, Vienna; Peter Kilchmann, Zurich; Eleni Koroneou, Athens; KOW, Berlin; Last Resort, Copenhagen; Laveronica, Modica; Emanuel Layr, Vienna; Le Guern,Warsaw; Antoine Levi, Paris; Josh Lilley, London; MA2gallery, Tokyo; Magazzino, Roma; Norma Mangione, Torino; Primo Marella, Milano; Marso, Mexico City; massimodeluca, Mestre-Venezia; Gabrielle Maubrie, Paris; Mazzoleni, Torino, London; Mario Mazzoli, Berlin; Mazzoli, Modena; Mendes Wood DM, Sao Paulo; Eva Meyer, Paris; Mind Set Art Center, Taipei; Francesca Minini, Milano; Massimo Minini, Brescia; Mitterrand, Paris; Monitor, Roma, New York; mother’s tankstation, Dublin; Franco Noero, Torino; On the Move, Tirana; Lorcan O’Neill, Roma; Otto Zoo, Milano; P420, Bologna; Alberta Pane, Paris; Alberto Peola, Torino; Peres Projects, Berlin; Rafael Pérez Hernando, Madrid; Giorgio Persano, Torino; Photo&Contemporary, Torino; Pinksummer, Genova; PM8, Vigo; Podbielski Contemporary, Berlin; Gregor Podnar, Berlin; Jérôme Poggi, Paris; Polansky, Prague; Anca Poterasu, Bucharest; Produzentengalerie Hamburg, Hamburg; Profile,Warsaw; prometeogallery, Milano, Lucca; Proyectos Monclova, Mexico City; PSM, Berlin; Repetto, London; Rizomi_art brut, Torino; Rotwand, Zurich; Lia Rumma, Milano,  Napoli; Studio Sales di Norberto Ruggeri, Roma; Richard Saltoun, London; Side 2, Tokyo; SMAC, Stellenbosch, Cape Town; Sommer, Tel Aviv; SpazioA, Pistoia; Sprovieri,London; Michaela Stock, Vienna; Sultana, Paris; Svit, Prague; Taik Persons, Berlin; Joseph Tang, Paris; Timothy Taylor, London; The Gallery Apart, Roma; Elisabeth & Klaus Thoman, Innsbruck, Vienna; Caterina Tognon, Venezia; Torri, Paris; Tucci Russo, Torre Pellice; Vartai, Vilnius; Federico Vavassori, Milano; Vistamare, Pescara;Waldburger Wouters, Brussels; Wilkinson, London; Jocelyn Wolff, Paris; Leo Xu Projects, Shanghai; Zak | Branicka, Berlin
New Entries
24 giovani gallerie attive da meno di cinque anni per la prima volta a Torino
Allen, Paris; Rolando Anselmi, Berlin; Piero Atchugarry, Pueblo Garzon; Balzer Projects, Basel; Laurence Bernard, Geneva; Central, Sao Paulo; Cinnnamon, Rotterdam; Bianca D’Alessandro, Copenhagen; Eastwards Prospectus, Bucharest; Daniel Faria, Toronto; Feuer/Mesler, New York; Giorgio Galotti, Torino; Hester, New York; Michael Jon, Miami, Detroit; knoerle & baettig, Winterthur; Alexander Levy, Berlin; Laurent Mueller, Paris; Operativa, Roma; Ornis A., Amsterdam; Berthold Pott, Cologne; Proyecto Paralelo, Mexico City; Rizzutogallery, Palermo; Deborah Schamoni, Munich; Tomorrow, New York
Present Future
Mostre personali di 20 talenti emergenti selezionati da un board di giovani curatori internazionali: Luigi Fassi (coordinatore), Fatima Hellberg, Lara Khaldi, Natalia Sielewicz, Fatos Üstek
Basel Abbas & Ruanne Abou-Rahme: Carroll/Fletcher, London; Rachal Bradley: Gregor Staiger, Zurich; Adam Broomberg & Oliver Chanarin: Lisson, London, Milan, New York; Alina Chaiderov: Antoine Levi, Paris; Danilo Correale: Raucci/Santamaria, Napoli; Kit Craig: Arcade, London; Daiga Grantina: Joseph Tang, Paris; Hazem Harb:Athr, Jeddah; Ewa Juszkiewicz: lokal_30, Warsaw; Hayv Kahraman: The Third Line, Dubai; Yazan Khalili: Lawrie Shabibi, Dubai; Ingrid Luche: Air De Paris, Paris; Elena Nemkova: Galerie Sisso, Paris; Marzena Nowak: Gregor Podnar, Berlin; Katie Paterson: Parafin, London; Hannah Perry: Seventeen, London; Rodel Tapaya: Arndt, Berlin, Singapore; Iza Tarasewicz: BWA Warszawa, Warsaw; Dena Yago: High Art, Paris; Nate Young: moniquemeloche, Chicago

Back to the Future
25 stand monografici dedicati alla riscoperta del decennio 1975-85, a cura di Eva Fabbris (coordinatrice), João Fernandes, Elena Filipovic, Beatrix Ruf
Vincenzo Agnetti: Zero…, Milano; Josef Bauer: unttld, Vienna; Chu Enoki: White Rainbow, London; Clegg&Guttmann: Mirko Mayer, Cologne; Raymundo Colares: Bergamin & Gomide, Sao Paulo; Peter Dreher: Koenig & Clinton, New York; Lili Dujourie: Micheline Szwajcer, Brussels; Hudinilson jr.: Jaqueline Martins, Sao Paulo; Concha Jerez: Aural, Alicante; Richard Kern: Guidi&Schoen, Genova; Pierre Klossowski: Isabella Bortolozzi, Berlin + Cabinet, London; Július Koller: gb agency, Paris; Maurizio Mochetti: Furini, Arezzo + Giovanni Bonelli, Milano; Alice Neel: Aurel Scheibler, Berlin; Leticia Parente: Jaqueline Martins, Sao Paulo; Maria Pininska-Beres: Monopol, Warsaw; Vettor Pisani: Cardelli & Fontana, Sarzana; Hassan Sharif: Isabelle van den Eynde, Dubai; Michael Smith: Ellen De Bruijne Projects, Amsterdam + Dan Gunn, Berlin; Aldo Spoldi: Antonio Battaglia, Milano; Supports/Surfaces: Bernard Ceysson, Luxembourg, Paris, Geneva, Saint-Etienne; Amikam Toren: Anthony Reynolds, London; Nanda Vigo: Cà Di Frà, Milano / Allegra Ravizza, Lugano; Franco Vimercati: Raffaella Cortese, Milano; Alison Wilding: Karsten Schubert, London
Per4m
Un programma di 12 performance presentate in modo sorprendente all’interno della fiera, a cura di Simone Menegoi (coordinatore), Sophie Goltz, Chris Sharp
Julie Béna: Joseph Tang, Paris; Julien Bismuth: Emanuel Layr, Vienna; Christian Falsnaes: PSM, Berlin; Flavio Favelli: Francesca Minini, Milano + Studio Sales di Norberto Ruggeri, Roma; Kasia Fudakowski: Chert, Berlin; Chiara Fumai: APalazzogallery, Brescia; Massimo Grimaldi: Zero., Milano; William Hunt: Rotwand, Zurich; Annika Kahrs: Produzentengalerie Hamburg, Hamburg; Francesco Pedraglio: Norma Mangione, Torino; Oscar Santillan: Copperfield, London; Iza Tarasewicz: Bwa Warszawa, Warsaw
Art editions 
Edizioni, stampe e multipli di artisti contemporanei
Colophonarte, Belluno; Editalia, Roma; El Astillero, Barcelona; L’Arengario S.B., Gussago; Giorgio Maffei, Torino; Danilo Montanari, Ravenna; s.t. Foto Libreria Galleria, Roma
Artissima
6-8 novembre 2015 
Oval, Torino 

Artissima è un marchio di Regione Piemonte, Provincia di Torino e Città di Torino; per incarico dei tre Enti, è gestita dalla Fondazione Torino Musei. La ventiduesima edizione di Artissima viene realizzata attraverso il sostegno dei tre Enti proprietari del marchio, congiuntamente a Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, Compagnia di San Paolo e Camera di commercio di Torino. L’organizzazione di Artissima è curata da Artissima srl, società costituita nel 2008 per gestire i rapporti artistici e commerciali della fiera.

Partners & Friends
Main Partner: UniCredit
Partner: Aon, CTA, Girard-Perregaux, GTT, illycaffè, K-Way, Lancia, Lauretana, Leica, Reda, Ruinart, Fondazione Sardi per l’Arte, Promos Scalo Milano
In kind-sponsor: Artsy, Cappellini, CarloAngela, FR Costruzioni, GL Events Italia – Lingotto Fiere, Poltrona Frau, Sagat, Zaini Milano
Official Carrier: Gondrand
Media Partner: La Stampa
Media Coverage: SKY Arte HD

ARTISSIMA 2015
OVAL, Lingotto Fiere
Via Giacomo Mattè Trucco70, Torino

5 novembre
Preview per la stampa e i collezionisti, Vernissage (su invito)

6-8 novembre 2015
Apertura al pubblico. Tutti i giorni, ore 12.00-20.00

Info
Artissima – T +39 011 19744106 – info@artissima.it – www.artissima.it

Artissima, ventesima edizione della rassegna Internazionale d’Arte Contemporanea a Torino

November 7, 2013 Leave a comment

exibartsegnala20131141824ARTISSIMA 2013
Ventesima Edizione
8-10 novembre 2013
Oval, Lingotto Fiere Torino

Si svolgerà davenerdì 8 a domenica 10 novembre 2013 (preview il 7 novembre) la ventesima edizione di Artissima, Internazionale d’Arte Contemporanea a Torino, per la seconda volta sotto la direzione artistica di Sarah Cosulich Canarutto.
Per il 2013 Artissima ha raggiunto nuovi importanti risultati attraverso il lavoro di internazionalizzazione avviato lo scorso anno sulla partecipazione di gallerie e artisti con l’obiettivo di introdurre nuovi e diversi punti di vista e connotare sempre di più la fiera come il luogo dovescoprire e incontrare le più interessanti proposte della scena artistica internazionale. Anche nello speciale programma che Artissima dedica ai grandicollezionisti è stato allargato il bacino di provenienza, richiamando sempre nuovi appassionati. Inoltre quest’anno la fiera porta a Torino un ancora più ampio numero di autorevoli direttori e curatori museali da tutto il mondo, coinvolti nei comitati curatoriali e nelle diverse iniziative promosse nell’ambito della fiera
Artissima 2013 ospita 190 gallerie (130 straniere e 60 italiane),in rappresentanza di 38 diversi paesi, di cui 12 nuovi rispetto alla scorsa edizione della fiera.
La presenza delle gallerie è articolata nelle tradizionali cinque sezioni: un eccezionale parterre di nomi affermati nella Main Section insieme alle gallerie più giovani della sezione New Entries consolidano la sua identità qualitativa e sperimentale. Particolarmente stimolante e ampia l’offerta delle due sezioni curatoriali: Back to the Future dedicata a 32 artisti attivi negli anni Sessanta, Settanta e Ottanta scelti da quattro prestigiosi curatori e direttori museali e Present Future con una panoramica sulla produzione artistica più cutting edge attraverso 24 progetti selezionati da un team di giovani curatori internazionali. Infine la sezioneArt Editions con alcuni spazi dedicati ai multipli d’autore.
Accanto alle gallerie, Artissima propone al pubblico alte iniziative ed eventi.
Walkie Talkies: unprogramma di visite guidate che coinvolge oltre 20 noti curatori, strutturato in una serie di dialoghi molto brevi tra gli stand della fiera, formulati quasi come degli intermezzi, delle opportunità per discutere, provocare, condividere con i visitatori idee e passioni.
Meeting Point e Book Corner: due aree riservate alla presentazione di progetti, cataloghi o a conversazioni e dibattiti su alcune tematiche fondamentali della contemporaneità, curati da istituzioni, associazioni, editori, gallerie; un’occasione unica di incontro e confronto con alcuni tra i protagonisti della scena artistica contemporanea internazionale.
Musei in Mostra: un grande spazio dedicato all’offerta espositiva di arte contemporanea a Torino e in Piemonte, un vero percorso museale con opere provenienti dallecollezioni di musei, fondazioni e istituzioni artistiche insieme a laboratori, workshop e incontri a cura di Zonarte, la rete dei dipartimenti educativi.
La programmazione culturale della fiera vede nel 2013 la prima edizione di ONE TORINO, una grande rassegna annuale, ideata e prodotta da Artissima e realizzata in collaborazione con le maggiori istituzioni di arte contemporanea e sedi espositive della città: Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, GAM Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Fondazione Merz, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e Palazzo Cavour. ONE TORINO propone cinque mostre collettive curate da sette prestigiosi curatori provenienti da aree geografiche eterogenee con lavori di oltre 50 artisti, sia affermati sia emergenti. La rassegna viene inaugurata in concomitanza con la fiera e resterà aperta sino al 12 gennaio.
Appuntamento dunque ad Artissima, da venerdì 8 a domenica 10 novembre 2013.
ARTISSIMA, un marchio di Regione Piemonte, Provincia di Torino e Città di Torino, per incarico dei tre Enti, è gestita dalla Fondazione Torino Musei. La ventesima edizione di ARTISSIMA viene realizzata grazie al sostegno dei tre Entiproprietari del marchio, congiuntamente a Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea – CRT, Compagnia di San Paolo e Camera di commercio di Torino.
Main Partner: UniCredit
Partner: AON, Fiat, illycaffè, Lauretana, Nikon
Official Carrier: Gondrand
Media Partner: La Stampa, Vogue Italia, L’Uomo Vogue
Media Coverage: SKY Arte HD
In Kind Sponsor: CarloAngela, Ferrero Rocher, K-Way, Sagat, Tisettanta con Format Progetti Abitativi
ARTISSIMA 2013
OVAL, Lingotto Fiere
Via Nizza 230, Torino
7 novembre
Preview per la stampa e i collezionisti, Vernissage (su invito)
8 – 10 novembre 2013
Apertura al pubblico. Tutti i giorni, ore 12.00 – 20.00
Info
Artissima – T +39 011 19744106 – info@artissima.it – www.artissima.it

artissima-banner

“Repertory”, grande mostra collettiva presso il Palazzo Cavour di Torino

November 7, 2013 Leave a comment

logo-one-torino

PALAZZO CAVOUR | Repertory
a cura di  Gary Carrion-Murayari, Curatore, New Museum of Contemporary Art, New York
7 novembre 2013 – 12 gennaio 2014
Opening mercoledì 6 novembre, ore 18
Palazzo Cavour
Via Camillo Benso Conte di Cavour, 8 – Torino
7 – 10 novembre: ore 10 – 19; sabato 9 novembre (Notte delle Arti Contemporanee), ore 10 – 23.
13 novembre 2013 – 12 gennaio 2014: mercoledì – venerdì, ore 15 – 19; sabato e domenica; ore 10 –18.;
lunedì – mercoledì chiuso.
Ingresso libero e gratuito / INFO: 011 530690 / 19744106 – http://www.artissima.it
Repertory è una grande mostra collettiva che riunisce quindici importanti artisti internazionali ponendoli in relazione con la straordinaria architettura barocca di Palazzo Cavour, storico edificio nel centro di Torino.
La mostra, a cura di Gary Carrion-Murayari, deve il suo titolo al famoso film Repertory di Ian Breakwell del 1973, film dalla straordinaria complessità nonostante i suoi soli 9 minuti di durata. Le inquadrature semplici e i cauti movimenti di camera condividono il linguaggio del film strutturalista, ma la sceneggiatura suggerisce un’intenzione descrittiva estesa, nella quale la relazione tra gli oggetti e il loro potenziale performativo è messo in evidenza e trasformato. Il film ritrae l’esterno di un teatro di Londra “chiuso a chiave e vuoto”. La telecamera si muove lentamente sulla superficie dell’edificio in un percorso di ripresa fisso e orizzontale, catturando le pareti esterne, le finestre sbarrate, e le uscite chiuse a chiave del teatro, così come i pedoni che di tanto in tanto passano davanti alla telecamera in una macchia indefinita. Durante il film, allo spettatore non è mai consentito l’accesso allo spazio interno del teatro – al contrario egli dipende del tutto dal narratore scelto da Breakwell per descrivere i dettagli fisici dello spazio riservato agli spettacoli e le possibili situazioni teatrali che esso racchiude.
Il progetto espositivo si divide tra scultura, pittura, fotografia, film e installazioni di artisti storici, quali  Ericka Beckmann,  Heidi Bucher,  David Haxton,  Andreas Schulze e di artisti più giovani come  Steven Claydon, Isabelle Cornaro,  Elad Lassry,  Christian Mayer,  Arthur Ou,  Karthik Pandian,  Carmelle Safdie,  Erin Shirreff,  Sue Tompkins, e  Andro Wekua.
Con approcci formali diversissimi, tutti gli artisti in mostra condividono un interesse a catturare “ciò che rimane” del corpo fisico, dello spazio architettonico, degli oggetti personali, e a tradurre attraverso le tecniche più disparate le loro storie sociali e private – storie che apriranno un dialogo unico e inaspettato con Palazzo Cavour e con la struttura, la decorazione e la storia politica e culturale di cui l’edificio è impregnato.
Le opere in mostra incarnano il diverso potenziale degli oggetti e delle superfici che il film di Breakwell descrive. In questo modo, essi esistono come il loro proprio repertorio – una sequenza di proposizioni disposte in maniera lineare attraverso un unico spazio architettonico. Il potenziale è quello delle opere d’arte di assorbire una varietà di storie, ricordi, e idee sulla propria superficie, senza riguardo al fatto che prendano la forma di sculture, dipinti o fotografie. Con l’eccezione dell’artista scozzese Sue Tompkins, le cui performance e testi attivano lo spazio attraverso una riformulazione radicale dei percorsi visivi e ritmici, la maggior parte degli artisti della mostra utilizza un unico linguaggio per costruire il proprio potenziale narrativo. E mentre alcuni artisti, come Steven Claydon e Andro Wekua creano le loro sculture surreali, pervase di memoria psicologica e politica, altri suggeriscono drammatici mondi immaginari nello spazio bidimensionale della pittura e della fotografia. Ogni artista esposto intraprende una forma di traduzione e trasposizione per accrescere il significato delle sue opere oltre le loro immediate proprietà materiali.
Con il suo stile essenziale e la sua rigida struttura dominante, Repertory rappresenta molto bene il nostro tempo. E come Breakwell, tutti gli artisti di questa mostra mettono in movimento una serie di azioni nelle quali gli oggetti agiscono e interagiscono, producendo nuovi significati.

Categories: Vernissages e Mostre Tags:

“Colori, Materie, Segni”, collettiva d’arte presso Spazio Arte Castello a Torino

May 10, 2013 Leave a comment

mancinelli-La-città-dei-due-pozzi

Torino – Giovedi 9 maggio alle ore 18:00 presso Spazio Arte Castello, in Piazza Castello 9 a Torino, si inaugura la mostra collettiva intitolata Colori, Materie, Segni, con gli artisti: Tamara Adani, Ariela Böhm, Vittoria Borelli, Liliana Cavigioli, Linda D’Arrigo, Vincenzo Del Duca,  Milena Demartino, Fabrizio Falchetto, Giovanni Firrincieli, Elena Furlanetto, Maria Elena Giannobile, Maria Carla Mancinelli, Fiorella Manzini, Giovanni Mangiacapra, Anna Maria Miccoli, Saro Puma, Barbara Rotta, Monica Scaglione, Antonio Tanzi.

ColoriMaterieSegni.
dal 9 al 25 Maggio
Mostra collettiva
Curatrici:
Maria Luisa Alberico e Marina Zatta.

L’Associazione Culturale Soqquadro nasce nell’ottobre del 2000 ed opera in prevalenza a Roma,la Direttrice Artisticaè Marina Zatta. Soqquadro, dalla sua fondazione ad oggi, ha realizzato più di 150 mostre d’arte in spazi pubblici e privati. Da anni ha concretizzato varie collaborazioni con diversi spazi e diverse realtà in Italia; in questa occasione Soqquadro collabora con lo spazio espositivo Spazio Arte Castello di Torino.
Soqquadro propone con Colori, Materie, Segni, una mostra che esplora l’utilizzo dei principali strumenti del lavoro artistico esplorandone i più disparati linguaggi e lasciando piena libertà agli artisti di esprimersi nella maniera che per loro sia la più rappresentativa. Il progetto di questa mostra prevede la suddivisione degli artisti in tre grandi categorie che sono appunto Colori, Materie, Segni, nelle quali le opere sono state inserite da Marina Zatta proprio per osservare e riflettere su come nell’arte si possa lavorare su diversi binari a seconda dell’esigenza che l’artista esprime con il suo lavoro.
È una esplorazione del fare artistico che non preclude nessun genere, sarà presente anche il linguaggio fotografico: anche nella fotografia la ricerca artistica si muove (se pur utilizzando strumenti e quindi seguendo possibilità ben differenti), all’interno di un campo visivo e creativo che può toccare ognuna di queste categorie più o meno in base alla sensibilità individuale dell’artista. La materia pittorica e la scrittura con la luce fotografica che cattura a sua volta segni, tracce di vita o la materia stessa catturandone talvolta l’essenza.
TITOLO DELLA MOSTRA: Colori, Materie, Segni
ARTISTI: Tamara Adani, Ariela Böhm, Vittoria Borelli, Liliana Cavigioli, Linda D’Arrigo, Vincenzo Del Duca,  Milena Demartino, Fabrizio Falchetto, Giovanni Firrincieli, Elena Furlanetto, Maria Elena Giannobile, Maria Carla Mancinelli, Fiorella Manzini, Giovanni Mangiacapra, Anna Maria Miccoli, Saro Puma, Barbara Rotta, Monica Scaglione, Antonio Tanzi.
CURATRICI: Maria Luisa Alberico e Marina Zatta
COLLABORATRICE: Anna Di Matteo
DURATA: dal 9 al 25 maggio 2013
ORARI: inaugurazione 9 maggio ore 18:00
lunedì dalle 17:30 alle 19:00; dal martedì al sabato dalle 15:30 alle 19:00 (festivi esclusi)
LOCATION: Spazio Arte Castello
INDIRIZZO:  Piazza Castello n.9, Torino.
INFO: associazionesoqquadro.wordpress.com  – www.donnasommelier.it
Tel. 011.5785220 – Cell. 333.7330045

“Le Auto dell’Avvocato”, esposizione di modelli di automobili dell’Avvocato Giovanni Agnelli al MAUTO di Torino

March 14, 2013 Leave a comment
Le Auto dell’Avvocato, esposizione di modelli di automobili dell’Avvocato Giovanni Agnelli al MAUTO di Torino-w600-h600
A dieci anni dalla scomparsa dell’Avvocato Giovanni Agnelli, il Museo Nazionale dell’Automobile (MAUTO) intitolato a suo nome dal marzo 2011, celebra la sua memoria con la mostra “Le Auto dell’Avvocato”.
Un’esposizione di modelli di automobili personalizzate appositamente, a livello estetico e funzionale, secondo i gusti dell’Avvocato.
Un viaggio nell’essenza del design automobilistico italiano del Novecento, sino alle origini di un nuovo approccio in ambito automotive, caratterizzato dalla creazione di esemplari concepiti su misura.
“Le auto dell’Avvocato – afferma il Presidente del Museo dell’Automobile Benedetto Camerana – è la prima mostra che ho voluto per il Museo. Come altre mostre che stiamo organizzando ha tre caratteristiche: un tema chiaramente italiano ma di rilevanza internazionale; è prodotta insieme a un partner importante; le automobili sono occasione per riflessioni più generali.”
La mostra si divide in tre differenti aree, ognuna arricchita da materiale grafico, fotografico, audiovisivo e multimediale. Nella prima, il visitatore potrà ripercorrere tutte le fasi dell’epopea Fiat e il loro incontro con i momenti storici più importanti del nostro paese.
La seconda parte, dedicata alle auto personali dell’Avvocato, espone nel dettaglio: una Lancia Thema S.W. Zagato, una Fiat Panda Rock Moretti, una Lancia K Limousine, una Fiat 130 Shooting Brake Maremma, una Fiat 130 Familiare, una Fiat Croma, una Ferrari 360 Speedway, una Lancia Delta Spider Integrale, una Fiat Multipla mare e la sua favorita, la famosa Fiat 125. Tutte autovetture caratterizzate da interventi di personalizzazione stilistica o meccanica.
“Periodicamente, tramite il suo fido autista, venivo invitato ad andare a trovarlo con lo scopo di discutere le sue idee in merito a questo o a quel modello” – spiega il Direttore del Mauto Rodolfo Gaffino Rossi -“Il punto di partenza delle vetture dell’Avvocato sono state le auto di serie, così come uscivano dalla produzione, poi si interveniva sulla motorizzazione, sugli interni da personalizzare e sul colore della carrozzeria” – aggiunge Gaffino Rossi.
La terza parte approfondisce il tema del Tailor Made applicato all’automotive: un argomento che rappresenta il continuum tra l’esperienza dell’Avvocato e l’attività svolta negli ultimi dieci anni all’interno del Gruppo Fiat. In questa sala, infatti, sono esposti alcuni significativi progetti di vetture personalizzate in collaborazione con il Centro Stile Fiat (in particolare sul modello Fiat Panda, Fiat 500 e Fiat 500 Large) ed il progetto “Ferrari Tailor Made”, realizzato dal Centro Stile Ferrari nel 2012.
“Sono felice che questa mostra oggi dia la possibilità al pubblico di entrare in contatto con un lato non completamente noto dell’Avvocato Agnelli, quello più creativo. Mio nonno amava guidare le auto, in particolare quelle che si faceva personalizzare nello stile, nei colori, nelle combinazioni di
page1image22976
materiali e nei motori. Era ispirato dalla contaminazione ed attratto dalla velocità.” – racconta Lapo Elkann, Presidente e fondatore di Italia Independent e Independent Ideas.
Il finale della mostra rappresenta dunque un tributo alla figura di Giovanni Agnelli come precursore del vero Made in Italy, oltre che capitano d’industria, ed è qui che si celebrano le sue intuizioni e la sua visione, che continuano a vivere nel lavoro dell’azienda.
Ricordando la data di nascita dell’Avvocato, la mostra viene inaugurata il 12 marzo e sarà aperta al pubblico dal 13 marzo al 2 giugno.
Il Museo è aperto il lunedì dalle 10 alle 14; il martedì dalle 14 alle 19; il mercoledì, il giovedì e la domenica dalle 10 alle 19; il venerdì e il sabato dalle 10 alle 21.
Biglietto unico mostra + museo: intero 8 euro, ridotto 6 euro, scuole 2,50 euro; ingresso gratuito per i possessori dell’Abbonamento Museo Torino Piemonte e della Torino + Piemonte Card.
INFO: Museo Nazionale dell’Automobile “Avv. Giovanni Agnelli” Corso Unità d’Italia, 40 – 10126 Torino
Tel. 011 677666/7/8 Fax 011 677666
http://www.museoauto.it info@museoauto.it
Categories: Eventi Tags: , ,

“Degas. Capolavori dal Musée D’Orsay”, esposizione presso la Palazzina Della Società Promotrice delle Belle Arti in Torino

October 23, 2012 Leave a comment

Torino – dal 18 ottobre al 27 gennaio 2013, la storica Palazzina della Società Promotrice delle Belle Arti di Torino ospiterà la più importante mostra che l’Italia abbia dedicato a Edgar Degas negli ultimi decenni: il Musée d’Orsay, che conserva le opere più rappresentative del pittore, accetta di privarsi per quattro mesi di ottanta capolavori, tra dipinti, disegni e sculture.
La straordinaria rassegna è prodotta in tutti gli aspetti progettuali, organizzativi e promozionali, da Skira editore, in stretta collaborazione con il Comune di Torino; la curatela è affidata a Xavier Rey, conservatore presso il Musée d’Orsay e specialista di Degas.
Edgar Degas è stato tra i protagonisti della stagione artistica impressionista della seconda metà dell’Ottocento, di cui ha condiviso l’aspirazione a una pittura più libera e aderente al vero, partecipando a quasi tutte le esposizioni del gruppo; ha tuttavia assunto una posizione del tutto autonoma all’interno del movimento, affrontando differenti temie padroneggiando le più svariate tecniche di realizzazione.
In mostra si potranno ammirare tutti i temi della sua copiosa produzione:l’ambiente familiare e l’esperienza italiana, che si concretizzano in ritratti come quello, fondamentale, della famiglia Bellelli; il mondo parigino del tempo, popolato da artisti, letterati e musicisti che amavano ritrovarsi nei caffé; il paesaggio, in cui Degas porta ad un livello di virtuosismo l’uso del pastello; i cavalli e le celeberrime ballerine, cifra stilistica del pittore, che lo spingono a concentrarsi sullo studio del movimento e lo stimolano ad una pittura aderente al reale; il nudo femminile.
La mostra di Torino rivela pienamente il percorso di un genio straordinario, protagonista di quella irripetibile stagione artistica nella Parigi di fine Ottocento.
Durata: dal 18 Ottobre al 27 Gennaio; Sito ufficiale della mostra http://mostradegas.it/

MITO SettembreMusica 2012, nuova edizione festival progetto musicale delle Città di Torino e Milano

June 13, 2012 Leave a comment

Per un mese il Festival MITO trasforma il modo di vivere nelle città di Milano e di Torino: un ricco programma di concerti e spettacoli, dalla classica al jazz, rock e pop, dalla musica antica a quella d’avanguardia, fino alle tendenze musicali più innovative, coinvolge il pubblico nella scoperta non solo della grande musica, ma anche dei luoghi più suggestivi e nascosti delle città.
19 giorni di Festival, dal 5 al 23 settembre, 190 appuntamenti nelle due città di cui 156 concerti, più di 4100 artisti coinvolti, avvicinano alla musica un pubblico nuovo e sempre più vasto. Un Festival accessibile a tutti, grazie all’abbattimento dei prezzi e ai tanti concerti offerti gratuitamente, MITO SettembreMusica diventa occasione di intrattenimento e divertimento, di gioia sincera dell’ascolto.
MITO SettembreMusica, fedele alla propria identità, anche per il 2012 rafforza l’impegno per diventare non solo occasione di ascolto, ma anche momento di educazione musicale attraverso il coinvolgimento delle scuole, dei licei, delle università. Le guide all’ascolto, i colloqui con i musicisti, gli incontri preparatori nelle scuole e la diffusione nelle periferie consolidano l’impegno del Festival su questo fronte, accentuato dalla grande attenzione rivolta ai bambini, anche ai piccolissimi.
L’inaugurazione e le grandi orchestre
L’edizione 2012 apre il 5 settembre al Teatro Regio di Torino, con l’Orchestre National de France diretta da Daniele Gatti in un omaggio a Claude Debussy nel centocinquantenario della nascita. Il giorno dopo Orchestra e direttore si spostano a Milano per l’inaugurazione meneghina al Teatro alla Scala. Al compositore francese è dedicato un ampio ciclo di concerti con molte opere sinfoniche, musica da camera e gran parte della produzione pianistica, eseguita da straordinari giovani talenti. Tra le importanti orchestre ed ensemble internazionali che saliranno sul grande palco metropolitano del festival troviamo l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo con Yuri Temirkanov, la English Chamber Orchestra con Colin Davis, la Internationale Bachakademie Stuttgart con Helmuth Rilling, Le Concert des Nations con Jordi Savall, Philharmonia Orchestra con Esa-Pekka Salonen, l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio con Bertrand de Billy, I Filarmonici di Roma con Uto Ughi. Il ritorno della Filarmonica della Scala, il 16 settembre a Milano e il 17 Torino, avviene sotto la guida del giovane italiano Andrea Battistoni. A Milano sarà l’occasione per portare la sinfonica fuori dai teatri d’elite e raccogliere molte migliaia di persone nell’ascolto della musica classica: un evento simbolo che trasforma un palasport in una sala da concerto con le musiche di Brahms e Musorgskij. Al pianoforte Louis Lortie. A Torino l’Orchestre de Chambre de Lausanne eseguirà con Christian Zacharias all’Auditorium Giovanni Agnelli tre concerti per pianoforte di Beethoven.
Focus contemporanea: Luis De Pablo e Kaija Saariaho
Con la London Sinfonietta diretta da David Atherton, la Filarmonica ’900 con José Ramon Encinar e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai sotto la guida di Daniel Kawka, MITO conduce il pubblico alla scoperta della musica del nostro tempo con un’ampia rassegna dedicata a due compositori viventi, lo spagnolo Luis De Pablo e la finlandese Kaija Saariaho. In tre concerti, replicati con programma identico a Milano e Torino, viene presentata una selezione rappresentativa dei loro lavori per orchestra o ensemble, con nove prime italiane e un prima esecuzione assoluta. Attorno a loro una schiera di autori contemporanei come Giacomo Manzoni, Sylvano Bussotti, György Kurtag, Claude Vivier, Fabio Vacchi, George Crumb, Filippo Del Corno, Gilberto Bosco, Michele Dall’Ongaro, Giulio Castagnoli, Fabio Mengozzi e Stefano Pierini, dimostra quanto la musica nelle sue molteplici espressioni sia un’arte “giovane” in continua espansione.
Musica sacra, antica, barocca
Una delle iniziative che più valorizza il legame tra musica e territorio è quella dedicata alla musica antica, sacra e barocca: concerti e messe nelle chiese cittadine, quindi in un contesto storico-architettonico che ne valorizza il contenuto e ricrea il legame tra presente e passato. In programma Messe e concerti da Ockeghem e Monteverdi a Bach e a Haydn, con importanti novità che emergono dal passato come la Messe solennelle di Hector Berlioz, creduta perduta e riscoperta solo nel 1991. A Torino Rinaldo Alessandrini con il suo Concerto Italiano esegue per la prima volta in città Il ritorno di Ulisse in patria di Claudio Monteverdi; a Milano un programma con le Sinfonie e i Madrigali di Monteverdi.
Quest’anno, nel 400° della nascita, MITO dedica un omaggio speciale a Giovanni Gabrieli, l’“inventore del suono stereofonico”: nelle sue composizioni suoni di voci e strumenti si incrociano sotto le arcate delle basiliche per una straordinaria esperienza di musica e architettura.
Omaggio a Giulio Ricordi
Sempre per celebrare un importante anniversario musicale, a Milano MITO SettembreMusica dedica un’intera giornata del cartellone a Giulio Ricordi, illuminato editore, scrittore, poeta e compositore milanese, nel centenario della morte. In programma un convegno e concerti che presentano alcune sue opere, dalla musica pianistica a quella da camera.
Dalla tradizione italiana alle musiche dal mondo
Il Festival si propone come modello per nuovi equilibri e proposte, aprendo il suo palinsesto a contributi e generi diversi. Due anime differenti: da una parte la tradizione italiana, con un filone di concerti dedicati alla canzone d’autore e alla musica popolare, per raccontare e valorizzare territori nostrani, con Ambrogio Sparagna e Francesco De Gregori, Paolo Conte, Peppe Servillo in Memorie di Adriano, Marta sui tubi play Lucio Dalla; dall’altra importanti collaborazioni a livello internazionale, come ad esempio con il metaLAB dell’Università di Harvard, il Montreux Jazz Festival e presenze da mondi lontani con il Gamelan di Sebatu che consentiranno al pubblico di incontrare nuove proposte internazionali, incroci di stili e incontri tra diversi generi.
Tra musica colta e popolare si muovono anche i concerti dedicati alle tradizioni di un Paese lontano: dal Marocco ritmi e canti in collaborazione con il Festival de Fès des Musiques Sacrées du Monde (città legata dal 2010 alla Città di Torino da un accordo di collaborazione), dalla Romania una serie di capolavori di George Enescu, il più europeo dei musicisti rumeni.
Jazz, rock, pop, elettronica e molto altro ancora
Concerti jazz, rock e pop, progetti d’avanguardia e serate di elettronica, che attraversano mondi musicali apparentemente distanti tra loro, offrono al pubblico uno sguardo trasversale sulla musica di oggi. Il trombettista Paolo Fresu torna a MITO con due concerti, a Milano e Torino, insieme a Uri Caine. A Torino un concerto con Alva Noto & Ryuichi Sakamoto, un recital della nigeriana Layori, due concerti di musica cinese al Museo d’Arte Orientale, AirEffects_atto primo con, tra gli altri, Riccardo Giovinetto e per finire il progetto Musica come estasi in collaborazione con il festival Il Sacro attraverso l’Ordinario.
A Milano un susseguirsi di artisti internazionali come il Tania Maria Trio, il giovane gruppo indie-folk islandese Of Monsters and Men, il polistrumentista berlinese Konstantin Gropper alias Get Well Soon, un omaggio al film cult Blade Runner, lo “sperimentale” Ben Frost con Music for Six Guitars, uno spettacolare omaggio al teorico dei media Marshall McLuhan, con la collaborazione del metaLAB@Harvard University, fino alla grande festa di chiusura, con quattro Dj che si divertono a rivestire di nuove e vivaci sonorità i grandi successi degli anni Settanta/Ottanta.
Alle sonorizzazioni e alla musica per film sono dedicati eventi in entrambe le città: a Milano un omaggio a Charlie Chaplin nel 35esimo anniversario della scomparsa con due proiezioni di film e l’esecuzione integrale dal vivo della colonna sonora originale; a Torino due sonorizzazioni al Museo del Cinema: KTL vs Sunrise di Murnau e Vladislav Delay vs Ho affittato un killer di Kaurismaki.
Mozart e la sindrome di Tourette è il tema di un incontro organizzato da MITO in collaborazione con l’Ospedale Niguarda e l’Istituto Neurologico Carlo Besta, l’Università degli Studi di Milano e l’Università LUdeS di Lugano per approfondire le relazioni tra l’ascolto, la composizione e l’esecuzione della musica e il cervello.
Spettacoli per bambini e ragazzi e il progetto educational
Per i bambini e ragazzi, ogni sabato e domenica pomeriggio, sei concerti-spettacolo a Torino e sette Milano, di cui, per la prima volta nel cartellone milanese, una giocosa rappresentazione musicale sviluppata ad hoc per bambini dai 18 mesi ai tre anni. all’interno del cartellone MITOFringe, il Festival propone, nel mesi di giugno, cinque guide all’ascolto con giovani musicologi. A Settembre si confermano gli incontri con i grandi artisti internazionali presenti al Festival. Per avvicinare i giovani alla comprensione della musica, una sezione del progetto Educational è rivolta agli studenti delle scuole e ai loro insegnanti. A Torino prosegue il fortunato progetto Dentrolamusica, guida telematica all’ascolto e alla lettura della partitura.
MITOFringe e MITO per la città
Le rassegne dei concerti fuori cartellone MITOFringe a Milano e MITO per la città a Torino tornano per il quarto anno nei due capoluoghi.
A Milano si potrà respirare aria di MITO già a partire dal 6 giugno, in occasione dell’apertura della biglietteria del Festival, fino al 7 luglio, con MITOFringe, la rassegna che anticipa il grande MITO di settembre e invade piazze, cortili, parchi, stazioni ferroviarie e della metropolitana, università, biblioteche e tanti altri luoghi ancora, dal centro alle periferie. Un mese di concerti offerti gratuitamente – dalla classica al jazz, rock e pop, dalla musica etnica a quella antica: un regalo alla città e un’occasione per i giovani musicisti emergenti di mettere in gioco il proprio talento.
A Torino, MITO per la città si svolgerà in contemporanea con il Festival e, quest’anno, si arricchirà di 30 concerti dislocati in chiese, teatri, centri di aggregazione e club, toccando tutte le Circoscrizioni, in rapporto stretto con la città e i suoi quartieri, con un’offerta di qualità, in stretta connessione con il cartellone principale, di prevalente matrice classica ma attenta anche a jazz, canzone d’autore e world music. Proseguendo inoltre la positiva esperienza degli ultimi anni, la musica continuerà a raggiungere ospedali, centri di accoglienza, case di riposo e istituti penitenziari, arrivando così a un pubblico che altrimenti non potrebbe goderne.
Da ultimo, ma di grande importanza, il Festival MITO suona green, perché è da sempre impegnato a compensare le emissioni prodotte e a ridurre l’impatto ambientale.
Infine la sesta edizione del Festival Internazionale MITO SettembreMusica si affaccia sul palcoscenico delle città di Milano e Torino con una grande novità che rappresenta per la manifestazione anche un importante riconoscimento a livello istituzionale: la presidenza del Festival, da quest’anno, è stata assunta in modo congiunto dai Sindaci delle due città. “Per tutti noi MITO SettembreMusica è la prova che la collaborazione tra le grandi città consente di produrre innovazione e diffusione della conoscenza artistica e musicale, non più patrimonio di pochi, ma beneficio di molti.”, dichiarano nella loro introduzione al programma il Sindaco di Torino Piero Fassino e il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia.
L’impegno diretto dei primi cittadini sancisce la natura di istituzione che MITO si è ormai conquistato nel cammino di questi anni”, sottolinea Francesco Micheli, Vicepresidente del Festival, “e pone le premesse per un maggiore intreccio delle amministrazioni comunali, con tutto il ventaglio delle loro competenze, con la crescita dell’iniziativa culturale del nostro Settembre.
La realizzazione del Festival MITO a Milano è affidata all’“Associazione per il Festival Internazionale della Musica”, presieduta e fondata da Francesco Micheli assieme a Alberto Arbasino, Gae Aulenti, Giovanni Bazoli, Roberto Calasso, Francesca Colombo, Gillo Dorfles, Umberto Eco, Bruno Ermolli, Inge Feltrinelli, Stéphane Lissner, Piergaetano Marchetti, Ermanno Olmi, Sandro Parenzo, Renzo Piano, Arnaldo Pomodoro, Livia Pomodoro, Davide Rampello, Franca Sozzani, Massimo Vitta Zelman e con un Comitato di Patronage di cui fanno parte Louis Andriessen, George Benjamin, Pierre Boulez, Luis Pereira Leal, Franz Xaver Ohnesorg, Ilaria Borletti, Gianfranco Ravasi, Daria Rocca, Umberto Veronesi.
A Torino il Festival è realizzato dalla “Fondazione per le Attività Musicali”, presieduta da Angelo Chianale e fondata dalla Città di Torino, Intesa Sanpaolo e Unione Musicale Onlus, nel cui Consiglio Direttivo sono Leopoldo Furlotti, Alessandra Bazoli, Alfredo Caviglione e Adriano Maestri.
Sul piano operativo le due città sono unite da un Comitato di coordinamento, presieduto da Francesco Micheli, cui partecipano per Milano: l’Assessore alla Cultura, Moda e Design Stefano Boeri, il Direttore Centrale Cultura Giulia Amato e il Direttore Settore Spettacolo, Moda e Design Antonio Calbi.
Per Torino: l’Assessore alla Cultura Maurizio Braccialarghe, il Direttore Centrale Cultura ed Educazione Aldo Garbarini, la Dirigente Spettacolo, Manifestazioni e Formazione Culturale Angela La Rotella. Oltre al Direttore artistico Enzo Restagno, al Segretario generale e coordinatore artistico Francesca Colombo e al Direttore organizzativo e coordinatore artistico Claudio Merlo.
MITO SettembreMusica è un progetto delle Città di Torino e Milano, realizzato dall’Associazione per il Festival Internazionale della Musica di Milano e dalla Fondazione per le Attività Musicali di Torino con il sostegno di Regione Lombardia e Regione Piemonte, Provincia di Milano. Un ringraziamento va ai Partner Istituzionali Camera di Commercio di Milano e Camera di Commercio di Torino, i Partner Intesa Sanpaolo, ATM Azienda Trasporti Milanesi, Eni, Compagnia di San Paolo; gli Sponsor Enel, Pirelli, Trenord, A2A, SEA Aeroporti di Milano, Milano Serravalle – Milano Tangenziali S.p.A, ASTM, Risanamento S.p.A., e i Media Partner Corriere della Sera, La Stampa, Telelombardia, Radio3, Radiotelevisione Svizzera, gli Sponsor tecnici FAI, Ferrovie dello Stato, GTT, K-Way, The Westin Palace Milano, Tim, Acqua Panna – S.Pellegrino e i tanti sponsor di singoli eventi.

“Bugs, Daffy, Silvestro & Co. I cartoni animati della Warner Bros.”, viaggio alla riscoperta dei cartoon al Museo Nazionale del Cinema di Torino

April 7, 2012 Leave a comment

Si concluderà il 27 maggio la mostra intitolata “Bugs, Daffy, Silvestro & Co. I cartoni animati della Warner Bros.” Una “Prima europea”, che, dopo aver toccato i principali musei statunitensi, a partire dal MoMA di New York, è stata allestita abilmente all’interno del Museo Nazionale del Cinema di Torino; partendo dalla grande Aula del Tempio continuando sulla rampa elicoidale della Mole, che raggiunge più livelli espositivi.
Un appuntamento per chi voglia ammirare i disegni colorati su fogli di acetato, i bozzetti a matita, le stampe, gli storyboard, i documenti e i manifesti dei formidabili personaggi nati dalla fucina d’animazione targata Warner Bros.
Denominate vere e proprie “Stelle” dei Cartoon, i personaggi rivelati dal 1930 al 1969, dal genio di grandissimi animatori, come Fritz Freleng (il padre di Porky Pig, Gatto Silvestro, la Pantera Rosa…) Bob Clampett (il canarino Titti), Chuck Jones, creatore tra gli altri di Beep Beep e Willy il coyote; con le loro trame sfacciate e avventure irriverenti, entrano anc’or oggi quotidianamente nelle nostre case, amati da grandi e piccini a livello nazionale e internazionale.
E fu proprio il mezzo televisivo, negli anni 70′, a farli conoscere in tutto il mondo, facendo leva sull’approccio divertente e spericolato, sempre piu specchio della cultura americana del tempo.
A differenza della Disney, dolce e favoleggiata, i cartoni animati della Warner portarono le loro storie su un immagine più moderna, caratterizzate da un umorismo grottesco, azioni energiche e personaggi contraddistinti anche dalle loro gag esplosive, come il vincente Bugs Bunny e la sua celebre frase :” Ehmm..che succede amico ?! “ (“Eh, what’s up, doc?” nell’originale); frequenze incalzanti e movimento ritmico.
Nel corso degli anni l’officina della Warner ha vinto sei premi Oscar, lo stile della Warner Bros è sintetizzato dalle parole dello sceneggiatore della casa di produzione:
“Scrivevamo cartoni per adulti , ecco il nostro segreto”.
L’imponente quantità di materiale originale proviene in parte dalla collezione privata di Steve Schneider, collezionista e studioso americano che ne ha curato anche l’allestimento.
Una mostra divertente e preparata in modo istruttivo, grazie alla quale si apprende il processo produttivo del cartone animato; in un museo da sempre organizzato in modo affascinante, per il gioco di luci, suoni e immagini che rendono tutte le esposizioni molto suggestive. Una bella esperienza a cui il visitatore, non rimarrà indifferente. Per chi dunque, non abbia ancora mai visitato il museo del cinema più importante a livello nazionale, e per i curiosi e/o amanti dei personaggi storici, ma sempre contemporanei, come quelli della Warner Bros.
And that’s not all folks!
In occasione della mostra, per il mese di aprile, il Museo Nazionale del Cinema di Torino organizzerà degli eventi in collaborazione con il Cinema Massimo propone un’ incursione nell’universo dei Looney Tunes.
Sabato 7 e domenica 8 aprile, alle ore 15.00, verranno replicati, nella Sala Tre del Cinema Massimo, Il meglio di Bugs Bunny e Il meglio di Beep Beep & Wile E. Coyote, una selezione delle migliori storie dei personaggi più popolari della serie.
Il Museo Nazionale del Cinema organizza una serie di iniziative legate al mondo dell’animazione tra Looney Tunes e Merrie Melodies. Per tutti i sabati e le domeniche del mese di aprile, alle ore 15.00, verranno proiettati, nella Sala Tre del Cinema Massimo, i cartoni animati della Warner Bros.
Per questo week-end, in occasione della Pasqua, non saranno attivate le attività di animazione organizzate dai Servizi Educativi del Museo Nazionale del Cinema in abbinamento alle proiezioni del week-end. Le attività riprenderanno regolarmente nei giorni 14 e 15 aprile 2012.

Fonte: Noisymag

“La bohème” e “Rigoletto”, grande repertorio italiano in scena al Teatro Regio di Torino

February 27, 2012 Leave a comment

Il grande repertorio italiano in scena al Regio
Teatro Regio, 6 – 20 marzo 2012
Il Teatro Regio propone a marzo due capolavori del grande melodramma italiano che si preannunciano da tutto esaurito: La bohème di Giacomo Puccini dal 6 al 17 marzo e Rigoletto di Giuseppe Verdi dal 14 al 20 marzo. Due allestimenti made in Regio che tornano sul palcoscenico del Teatro, con nuovi direttori e nuovi interpreti, per dar vita a una fitta e appassionante “Stagione nella Stagione”.
La bohème, opera in quattro atti di Giacomo Puccini, in scena da martedì 6 a sabato 17 marzo viene presentata nella storica produzione di Giuseppe Patroni Griffi, con scene e costumi di Aldo Terlizzi Patroni Griffi. L’allestimento – che ha riscosso un meritatissimo successo a Tokyo e Yokohama nella tournée in Giappone del 2010 – è quello realizzato nel 1996 dal Regio per il centenario dell’opera, che proprio al Regio vide la sua prima rappresentazione assoluta il 1° febbraio 1896. La regia è ripresa da Vittorio Borrelli e le luci sono di Andrea Anfossi.
Sul podio dell’Orchestra e del Coro del Teatro Regio sale Massimo Zanetti, che torna al Regio dopo aver diretto Tosca nel 2003. A proposito del suo ritorno, il maestro afferma: «sono molto contento di tornare al Regio. L’Orchestra era già meravigliosa allora e so che Noseda sta facendo un lavoro eccezionale. Avrò a che fare con uno strumento di grande valore». Protagonisti dell’opera sono: il soprano Maria Agresta (Mimì), che torna al Regio dopo il grande successo nei Vespri siciliani diretti da Noseda, il tenoreMassimiliano Pisapia (Rodolfo) applauditissimo Pinkerton nella recenteMadama Butterfly, il soprano francese Norah Amsellem (Musetta) e il baritonoClaudio Sgura (Marcello), entrambi al loro debutto al Teatro Regio. Completano il cast: Fabio Previati (Schaunard), Nicola Ulivieri (Colline) eMatteo Peirone (Benoît e Alcindoro). Maestro del Coro e del Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi” è Claudio Fenoglio.
La bohème sarà in scena: martedì 6 marzo, ore 20 – giovedì 8 marzo, ore 20 – domenica 11 marzo, ore 15 – martedì 13 marzo, ore 20, giovedì 15 marzo, ore 20 – sabato 17 marzo, ore 20.
Per le recite dell’8, del 13 e del 15 marzo – esaurite in prevendita – saranno garantiti 30 ingressi last minute a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.
«Bohème è la storia della vita, il ciclo della vita – afferma il maestro Zanetti – non c’è nessuno al mondo che possa dire di non ritrovarsi all’interno di questa visione dell’esistenza. In due ore si chiude un cerchio, in modo essenziale, ma con una luminosità, un ritmo fulminante e una consequenzialità che non lasciano scampo. Non a caso, in ogni teatro, con qualunque pubblico e con qualsiasi compagnia, rilevo sempre un enorme entusiasmo: qualcosa di inebriante, proprio come è inebriante l’idea che Puccini descrive».
In alternanza alla Bohème, andrà in scena dal 14 al 20 marzo, Rigoletto di Giuseppe Verdi nell’allestimento, che ha debuttato nel 2011 sul palcoscenico del Regio, firmato dal team che vinse il concorso La Creatività all’Operaformato dal regista Fabio Banfo, dallo scenografo Luca Ghirardosi e dalla costumista Valentina Caspani, coadiuvati da Claudia Brambilla, Chiara Marchetti ed Elena Rossi.
Da poco terminato l’impegno con Madama Butterfly, torna sul podio dell’Orchestra e del Coro del Teatro Regio Daniele Rustioni, che a soli 28 anni è già una consolidata realtà nel panorama internazionale. Dopo il debutto nel settembre 2010 al Teatro alla Scala, nel marzo 2011 ha diretto per la prima volta al Covent Garden di Londra, dove aveva già lavorato come assistente di Pappano, suo principale mentore insieme a Gianandrea Noseda che, infatti, lo chiamò nel 2007 a dirigere alcuni concerti a Torino. The Timesha detto di lui: «Chiaramente un altro talento in ascesa destinato a grandi cose».
Protagonisti di questa edizione di Rigoletto saranno il soprano Désirée Rancatore nelle vesti di Gilda, il baritono Giovanni Meoni nel ruolo di Rigoletto e il tenore Piero Pretti in quello del duca di Mantova. Accanto a loro, Irini Karaianni (Maddalena), Ziyan Afteh (il conte di Monterone),Armando Gabba (Marullo) e Matthew Pena (Matteo Borsa). Maestro del Coro è Claudio Fenoglio.
Rigoletto sarà in scena: mercoledì 14 marzo, ore 20 – venerdì 16 marzo, ore 20 – domenica 18 marzo, ore 15 – martedì 20 marzo, ore 20.
Le produzioni di Bohème e Rigoletto si avvalgono del fondamentale sostegno di Italgas, Partner Sostenitore del Teatro Regio. Dal 6 al 20 marzo sarà possibile ammirare nella Galleria Tamagno un’installazione sospesa, realizzata appositamente da Italgas che, attraverso sculture tubolari (dove al giallo si contrappone l’azzurro, simbolo dell’energia del gas) “narra” la complessità e l’articolazione di una rete di distribuzione del gas. 
La bohème e Rigoletto saranno presentati al pubblico nei consueti Incontri con l’Opera al Piccolo Regio Puccini, rispettivamente per l’opera di Puccini daAlberto Mattioli mercoledì 29 febbraio e per il melodramma di Verdi daEnrico Girardi mercoledì 7 marzo alle ore 17.30.
Tutte e due le opere saranno trasmesse in diretta da Rai-Radio3: La bohèmegiovedì 8 marzo alle ore 20; Rigoletto mercoledì 14 marzo alle ore 20.
Biglietteria del Teatro Regio, piazza Castello 215 – Tel. 011.8815.241/242 – e-mail: biglietteria@teatroregio.torino.it – www.teatroregio.torino.it.
UFFICIO STAMPA
Teatro Regio, Direzione Comunicazione e Pubbliche Relazioni
Paola Giunti (Direttore), Sara Zago (Relazioni con la Stampa)
Telefono: +39 011 8815233 – 8815239
E-mail:ufficiostampa@teatroregio.torino.it – giunti@teatroregio.torino.it –zago@teatroregio.torino.it
www.teatroregio.torino.it
 

Homeless, senza casa e invisibili

February 20, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Con le temperature particolarmente basse si è tornati a parlare di una parte di popolazione altrimenti invisibile: i senza dimora. Gli interventi sono quasi sempre di tipo emergenziale e assistenziale, spesso affidandosi a volontari. Certo, è importante fornire servizi di base, ma il rischio è che portino alla cronicizzazione dello stato di homeless. Sarebbe invece necessario ricorrere a politiche di riduzione e prevenzione del fenomeno. Da valutare in modo rigoroso, così da incanalare le risorse verso gli interventi che effettivamente producono risultati positivi.
La colonnina di mercurio molto al di sotto dello zero delle scorse settimane ha riacceso i riflettori su quella parte della popolazione che più di ogni altra risente delle condizioni climatiche. Li si può chiamare senza tetto, homeless, senza fissa dimora, clochard, esclusi, barboni. Si può porre l’accento sulla mancanza di una casa nel senso fisico del termine, oppure sulla mancanza di un ambiente di vita idoneo per poter sviluppare delle relazioni affettive. Si può utilizzare lo stereotipo romantico, ma poco realistico, di un individuo che per scelta di vita abbandona ogni convenzione sociale e si pone volontariamente ai margini; oppure si può pensare a un individuo vittima del sistema sociale che ai margini viene posto. Sono molti i modi con cui vengono indicati coloro i quali vivono in strada e non hanno una dimora propria ma, al di là delle disquisizioni semantiche, si tratta di veri e propri “invisibili”.
Homeless in due città
Invisibili per i comuni cittadini. Invisibili per i politici che non li identificano come potenziali elettori, in quanto molto spesso non posseggono una legale residenza, e tendono quindi a non includerli nelle priorità della propria agenda politica e a preoccuparsene solo nei periodi in cui “l’emergenza freddo” li porta alla ribalta della cronaca. Invisibili anche per le statistiche ufficiali. Tutte rilevano infatti la numerosità degli individui che vivono in condizioni di povertà, sia assoluta sia relativa, ma non considerano coloro che non hanno una dimora fissa e vivono in una condizione di povertà estrema ed esclusione sociale. Raccogliere dati censuari o campionari su queste persone è estremamente difficile. Trattandosi di una popolazione particolare, spesso nascosta, difficile da approcciare e in continuo movimento all’interno di un dato territorio, il monitoraggio nel corso del tempo è molto complesso. A questo si deve aggiungere il fatto che, nella quasi totalità delle indagini, la base di campionamento comunemente utilizzata sono le abitazioni. Per questi motivi gli homeless vengono sistematicamente esclusi dalle statistiche ufficiali sulla povertà e sulla diseguaglianza sociale.
Nonostante le criticità, per la prima volta in Europa negli ultimi anni sono state fatte due indagini approfondite sui senza dimora, a Milano e a Torino. In entrambe le occasioni, per il suo alto livello di attendibilità, è stato utilizzato il cosiddetto S-night approach (Street/Shelter approach). Oltre 300 enumeratori nell’arco di una sola notte, in entrambe le città, hanno effettuato simultaneamente il conteggio di tutti i senza dimora sull’intero territorio cittadino e hanno per la prima volta “scattato una fotografia” di questa popolazione. A Milano gli homeless censiti il 14 gennaio 2008 sono stati 1.560 (408 in strada e 1.152 nei dormitori) mentre a Torino il 18 gennaio 2010 sono stati 765 (288 in strada e 477 nei dormitori). (1)
L’incidenza del fenomeno rispetto alla popolazione delle due città risulta essere pari allo 0,12 per cento a Milano e allo 0,084 per cento a Torino. In entrambe le città la distribuzione spaziale è omogenea all’interno del territorio urbano e solo in alcune zone centrali si segnala una maggiore concentrazione. Sulla base del censimento, la notte seguente, si è proceduto alla raccolta di circa 1.500 questionari su un campione casuale di individui.
Proviamo a utilizzare i dati raccolti per capire se emergono dei tratti distintivi della popolazione e se si riscontrano delle differenze nell’individuo tipo tra il 2008 e il 2010, anni che sono stati cruciali per la congiuntura economica negativa conseguente alla crisi.
Mentre a Milano le donne rappresentano il 10 per cento della popolazione in strada e il 16 per cento nei dormitori, a Torino la loro incidenza è maggiore (20 per cento) ma concentrata essenzialmente nei dormitori (95 per cento). La popolazione nel 2010 a Torino è mediamente più giovane (40 anni) rispetto alla popolazione di Milano nel 2008 (51 anni in strada e 43 nei dormitori). In entrambe le rilevazioni circa il 70 per cento della popolazione è costituito da immigrati.
In entrambe le città è minore il turn-over per chi dorme in strada, ma il fenomeno sembra relativamente più recente a Torino. A Torino in media gli individui hanno perso la casa da 4 anni (4.7 anni per gli intervistati in strada e 3.7 per i residenti nei dormitori) mentre a Milano in media gli individui che dormono in strada hanno perso la casa da 7 anni e coloro i quali dormono nei dormitori da 4 anni. La strada rappresentare la forma più estrema di homelessness cui è associata una maggiore difficoltà di reinserimento nel tessuto sociale. A Milano sembra esserci un maggior livello di cronicizzazione nel tempo della condizione di senza dimora.
Sebbene la partecipazione al mercato del lavoro sia più alta rispetto a quella che si riscontra nella popolazione generale, per effetto soprattutto della quota maggiore di individui che dichiara di cercare un lavoro, il tasso di occupazione alla data dell’intervista si attesta tra il 10 e il 15 per cento ed è minore per gli homeless che vivono in strada. In entrambe le città la maggioranza degli occupati non possiede alcun contratto di lavoro e una quota significativa ha contratti a termine. Il salario mensile di chi possiede una qualche forma di lavoro è di 395 euro a Torino e 611 euro a Milano, in entrambi i casi evidentemente insufficiente a consentire l’uscita dalla condizione di senza dimora. Emerge inoltre una correlazione negativa tra probabilità di essere occupato e in cerca di un’occupazione e il ricevere sussidi pubblici. La stessa correlazione negativa si ha quando si considerano gli aiuti monetari da parenti o amici e gli aiuti in kind (cibo, vestiti, farmaci).
L’esperienza degli Stati Uniti
Gli interventi di welfare su questa popolazione possono essere di tre tipi: 1. interventi di emergenza, volti ad alleviare/attenuare il fenomeno; 2. interventi di supporto e housing, volti a favorire l’inclusione sociale; 3. interventi di prevenzione. Le prime due azioni sono dirette alla popolazione che già vive il fenomeno, mentre la terza ha come target la popolazione “a rischio”. Gli interventi di emergenza sono tipicamente di breve periodo e temporanei, quelli di inclusione e di prevenzione sono duraturi e producono effetti di lungo periodo.
La letteratura che valuta l’efficacia di queste politiche è per lo più circoscritta agli Stati Uniti, ma suggerisce che lemisure preventive siano da preferire in un’ottica di efficienza economica. Agendo sul tasso di entrata nellahomelessness, riducono infatti il numero di senza dimora e consentono di abbassare i costi monetari e sociali. In più, si ha un’ulteriore diminuzione dei costi per via indiretta poiché la minor congestione dei servizi esistenti consente di attuare strategie migliori per accompagnare l’abbandono dalla condizione di senza dimora così da avere percorsi di uscita più rapidi. Viceversa, attuando misure di intervento ex-post si perde l’effetto indiretto derivante dalle esternalità positive prodotte dal primo canale.
Le politiche preventive, le cosiddette close the front door o entry policies, sono molteplici e includono l’assistenza agli individui vittime di sfratti, la fornitura di alloggi a canoni differenziati in base al reddito, il sostegno con percorsi mirati degli individui in alcuni snodi di vulnerabilità della vita (come la perdita del lavoro, un divorzio, la conclusione del periodo detentivo, solo per citarne alcuni). Il fatto che la homelessness abbia alla base una molteplicità di concause rende difficile la definizione del mix di interventi di prevenzione adeguati da offrire.
I piani anti-freddo
In Italia gli interventi sui senza dimora sono nella quasi totalità dei casi di tipo emergenziale e assistenziale. Le città attuano i cosiddetti “piani anti freddo” che consistono nell’incrementare l’offerta di posti letto durante i periodi dell’anno in cui il clima è più rigido e nel fornire coperte, cibo e bevande calde. La maggior parte delle istituzioni ricorre all’aiuto di volontari e del terzo settore per rispondere all’emergenza. La figura chiave del reinserimento diventano gli assistenti sociali (pochi) che studiano programmi ad personam definendo un percorso individuale.
Due aspetti accomunano queste politiche: (i) sono tutte assistenziali; (ii) non c’è evidenza empirica dell’efficacia degli interventi sul reinserimento degli homeless nella società. Certo, è importante fornire servizi di base, ma il rischio è che portino alla cronicizzazione dello stato per la maggior parte della popolazione. Poca attenzione viene invece posta a interventi che possano avere un effetto significativo medio su tutta la popolazione. Approcci innovativi per ridurre o prevenire la homelessness sono disperatamente necessari. Le politiche devono essere valutate in modo rigoroso, ad esempio con l’uso degli esperimenti randomizzati, così da incanalare le risorse verso quegli interventi che effettivamente producono risultati positivi drenandole da tutti quegli interventi inefficaci. Questo ridurrebbe notevolmente i costi affrontati ogni anno dai comuni italiani per “l’emergenza freddo”.
(1) A Milano è stato effettuato simultaneamente anche il conteggio degli individui residenti in aree dismesse, insediamenti abusivi e baraccopoli. Tale popolazione è risultata essere di 2.300 individui adulti.

Michela Braga, Lucia Corno

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Categories: Civiltade Tags: ,