Archive

Posts Tagged ‘Simone Pansolin’

“Canti del paroliere o voci dal Qohelet” di Simone Pansolin, Joker Edizioni

Simone Pansolin

Canti del paroliere o voci dal Qohelet

Prefazione di Fabio Russo

ISBN-13: 978-88-7536-280-5

€ 11,00

Simone Pansolin nasce a Genova nel 1983.
Si avvia giovanissimo agli studi musicali, interessandosi in modo particolare agli strumenti barocchi della famiglia dei liuti. Concertista di musica classica, si volge poi al mondo della letteratura, con specifico riferimento alla poesia. Nel 2009 pubblica la raccolta di poesie Miniature (Sciascia Editore, con un Saggio di F. Russo), caratterizzata da uno stile in apparenza prosastico ma di forte concisione poetica. La ricerca di un esito intenso, vicino al cosiddetto “poème en prose”, diverrà la sua cifra espressiva e di stile.
Insegna attualmente presso le Scuole Statali a indirizzo musicale nella provincia di Genova.
http://www.simonepansolin.com

Essere pioggia, notte, vento, sentire le cose o le situazioni intorno, questa la singolare esperienza di un giovane compositore teso a immedesimarsi in una natura filtrata dal pensiero. […] Qui Simone Pansolin in una orditura limpida e suasiva riesce a ricavare effetti di un sottile intellettualismo, che mette alla prova il lettore, lo pungola, lo avvince con la sua segreta filosofia della vita. […] Un’officina della mente pronta a dare voce a quello sfaldarsi e vanificarsi delle cose, che egli riprende dal suo Qohelet, secondo un intendimento di riduzione al poco, al vano. (um Nichts, direbbe Rilke), perché tutto cambia, si trasforma, si ripete entro un ordine cosmologico, e il mondo rimane per lui come era prima, «non resta che / il mondo», al di là di tanto operare. (dalla Prefazione di Fabio Russo)

Fonte: Joker Edizioni



Categories: Carta Tags: ,

“Miniature” di Simone Pansolin, recensione di Marzia Carocci

Simone Pansolin MINIATURE

Salvatore Sciascia Editore 2009 euro 12,00

Silloge poetica

Si tratta di un prezioso scrigno di “miniature poetiche”; Simone Pansolin è un giovane artista, musicista e poeta nato nel 1983 a Genova.

Pagine ricche di immagini poetiche dove ogni descrizione, ogni passaggio è intrinseco di suono, di colori, di calde note liriche in un linguaggio denso di “movimento” che spesso è assente in alcune poesie “formali”.

Da “L’aria in città profuma”:

L’aria in città profuma d’asciutto dopo la pioggia,e di muffe.

Le pozze d’acqua, nitide come specchi,sembrano strappi nel lastricato aperti su un mondo nascosto,là sotto i tanti acquerelli colorati che affondano nella cornice opaca del suolo(…)

In queste poche frasi tratte da una sua lirica possiamo certamente definire la scrittura dell’autore,”Prosa -poetica” dove le forme espressive hanno un movimento e in questo caso anche l’odore, diventa sensorio nella lettura, tanta è la capacità d’espressione del giovane Simone Pansolin.

Essenza pura la poetica dell’autore che riesce a dare un messaggio d’espressione molto marcata e regalare il senso di compiuto, all’interiorità dove, tramite la sua scrittura ci rende visibile ciò che lui vede, nell’intima profondità della sua anima.

Miniature, è un mosaico, un caleidoscopio d’immagini che pezzo dopo pezzo compongono l’introspezione di un giovane uomo, attento alla vita e a ciò che circonda il nostro vivere.

Written by Marzia Carocci

Fonte: Oubliettemagazine

apollinaire.mc@libero.it

Categories: Carta Tags: ,