Archive

Posts Tagged ‘Richard Dreyfuss’

“Rosencrantz e Guildenstern sono morti” di Tom Stoppard (1990)

October 21, 2011 Leave a comment

Rosencrantz e Guildenstern sono morti (Rosencrantz & Guildenstern Are Dead) è un film a colori di genere commedia, drammatico della durata di 117 min. diretto da Tom Stoppard e interpretato da Gary Oldman, Tim Roth, Richard Dreyfuss, Iain Glen, Joanna Roth, Donald Sumpter, Joanna Miles. Prodotto nel 1990 in Gran Bretagna e distribuito in Italia da Medusa.

Rosencrantz e Guildenstern, due giovani amici del principe di Danimarca Amleto, viaggiano a cavallo verso il castello di Elsinore, dove il nuovo re Claudio, zio e patrigno del principe, li ha fatti chiamare d’urgenza. Fonte: Movieplayer.it

Commedia parassita. Da Amleto di Shakespeare T. Stoppard ritaglia due personaggi marginali, già compagni di università del principe di Danimarca, invitati a Elsinore dall’usurpatore re Claudio per motivi poco chiari. Diventano pedine di un gioco che non comprendono. Leone d’oro a sorpresa, e fischiatissimo, alla 47ª Mostra di Venezia 1990, il film viene da lontano, da un atto unico in versi (1964), poi rielaborato in tre atti (1967) e infine potato, visualizzato e messo in immagini con una competenza e una golosità che sfiorano il virtuosismo, dal commediografo e sceneggiatore inglese Stoppard (nato Thomas Straussler nel 1937 in Cecoslovacchia), esordiente nella regia. Almeno per chi ha dimestichezza con Amleto i motivi di spasso non sono pochi in questa commedia prolissa e cerebrale: un dialogo sfizioso, capzioso e capriccioso; una coppia di personaggi che rimandano ai due vagabondi di En attendant Godot, a Laurel & Hardy, alle coppie litigiose dei clown del circo. Finché si arriva alla vertigine del quadruplice livello nella recita al castello: gli spettatori del film guardano il re e la regina che guardano due attori recitare un re e una regina in maschera bianca che guardano uno spettacolo di burattini. In un’omogenea compagnia di attori affiatati spicca il capocomico di R. Dreyfuss. Fonte: Mymovies