Archive

Posts Tagged ‘Perdisa Pop’

“L’ammazzatore”, di Rosario Palazzolo, Perdisa Pop

June 18, 2013 Leave a comment
PerdisaImager
L’ammazzatore
Rosario Palazzolo
Prezzo euro 9,00
Pagine 128
Isbn 978-88-8372-425-1
Pagine, 128
Prezzo libro cartaceo, euro 9,00, eBook euro 1,99
Un romanzo sulla coercizione del crimine e l´impossibilità della scelta.
Ci sono uomini costretti a vivere una vita che non gli appartiene, per scelte che non hanno fatto, per idee che non condividono. Ernesto Scossa è uno di questi. In una Palermo che non concede vie d’uscita, si trova a dovere uccidere per mestiere, fino a quando la consapevolezza di una scelta non gli concederà un vago spiraglio di luce. E farà ciò che c’è da fare.
Certuni coi baffi dicono che da ammazzatore ad assassino il passo è breve, dicono che quando succede la faccia si fa d’improvviso una maschera stipata di rughe e che se uno non ci sta attento, se non se la fida a distinguere, si ritrova con la coscienza nera come alla pece e non ci dorme la notte, loro che c’hanno i baffi dicono così e ci devo credere… io, secondo me, penso che la stessa cosa precisa può capitare pure ai dottori, o a quelli che guidano gli aerei, mettiamo.
L’ammazzatore Ci sono uomini costretti a vivere una vita che non gli appartiene, per scelte che non hanno fatto, per idee che non condividono. Ernesto Scossa, il protagonista de L’ammazzatore, è uno di questi. Nato in una Palermo che non concede vie d’uscita, si trova a dover uccidere per mestiere, fino a quando la consapevolezza di una scelta non gli concederà  un vago spiraglio di luce. E farà ciò che c’è da fare, costi quel che costi.
Rosario Palazzolo è nato a Palermo nel 1972. Drammaturgo, scrittore, regista e attore, per il teatro ha scritto e diretto: “Ciò che accadde all’improvviso”, “I tempi stanno per cambiare” (con Luigi Bernardi), i tre spettacoli che compongono la Trilugia dell’impossibilità: “Ouminicch’“, “‘A Cirimonia“, “Manichìni” e il Dittico Del Disincanto (“Visita guidata” e “Tauromachia“). Vincitore del Fringe al 18° Festival Internazionale del Teatro di Lugano, i suoi spettacoli sono stati rappresentati nei maggiori teatri di ricerca nazionali. Ospitato a più riprese dall’Università di Liverpool nell’ambito degli Studi di Italianistica, di recente al suo lavoro sono stati dedicati studi monografici e tesi di laurea, in Italia e all’estero. Per la narrativa ha scritto: “L’ammazzatore” (Perdisa Pop, 2007) e “Concetto al buio” (Perdisa Pop, 2010)…
Categories: Lectio Tags: ,

“Cattiverìa” di Rosario Palazzolo, Perdisa Pop

April 16, 2013 Leave a comment
PerdisaImager
Cattiverìa
Rosario Palazzolo
Prezzo euro 16,00
Pagine 320
Isbn 978-88-8372-617-0
Perché io mi sono fatta tutto il quadro della questione come a un piero angelo stampato, e perciò, tu, ora, per farti il favore, ascolta il consiglio mio: immaginati la migliore storia in cui non si fa altro che morire, sforzati, fai un respiro lungo lungo e riempiti la bocca di tutta l’acquolina che puoi, riempitela sulla fiducia, perché io ti prometto che sarà una storia per come la vuoi tu, la mia, una di quelle con tutto il bene che finisce male e la sofferenza del cane e la speranza del cacio e la faccia bianca di sticchio e il cuore tutto sanguinato e niente, proprio nisba, che ti sembrerà fuori posto.
Una donna racconta il proprio passato con voce sgrammaticata e molesta. Un uomo rinchiuso in un ospedale psichiatrico impasta episodi colmi di dislivelli di senso, di fantasmi televisivi, di esilaranti peripezie lessicali che dettano i tempi di una follia inquietante. Chi sono costoro? Qual è la loro storia? E perché Cattiverìa ha l’accento sulla i? Se leggerete questo libro viaggerete in un labirinto di specchi, riderete, avrete paura, vi confonderete e quando infine incontrerete la verità sarà del tutto inattesa. Perché è la «nuova tragedia greca», quella che Palazzolo ci presenta, in un romanzo intriso di umorismo ma nel contempo violento e spietato, che esprime «l’impossibilità di essere» mettendo in discussione anche le vostre certezze di lettori.
Una donna, maniaca dei rituali sociali e dell’ordine domestico, costringe i figli a ripetere preghiere e filastrocche rassicuranti, minaccia punizioni fantasiose, strepita di vite immaginarie di santi, mischiandole a quelle dei personaggi della sua soap preferita. In parallelo, un uomo rinchiuso in un ospedale psichiatrico impasta episodi colmi di dislivelli di senso, di autoinganni, di esilaranti peripezie lessicali che dettano i tempi di una follia inquietante. Chi sono costoro? Qual è la loro storia? E perché Cattiverìa ha l’accento sulla i?
Un labirinto narrativo, in cui l’irriverenza si mescola all’inquietudine in modo indissolubile, porta i lettori verso un finale inatteso e potente come pochi.
Ciò che i personaggi raccontano è il loro passato: la storia di una famiglia che nasconde unsegreto, forse un crimine, forse qualcos’altro. Intorno a questa oscura vicenda domestica, prenderà forma ciò che infine si rivelerà come «la nuova tragedia greca», con personaggigrotteschi che sembrano aver perso il senso stesso delle parole, prediligendo il mascheramento, l’immobilismo del pasto garantito, l’iperbole del buon senso.
A trascinare i lettori verso la scoperta della verità c’è infatti anche il mistero delle loro voci, perché chi parla fa dubitare della sua stessa narrazione, usando un linguaggio incoerente e sgrammaticato, a tratti spinto verso una comicità irresistibile, ma anche sintomo di un’ epoca al collasso culturale: la nostra, l’epoca della comunicazione televisiva inumana, autoreferenziale e malata.
Cattiverìa è senza dubbio l’opera più matura e multiforme di Palazzolo: un romanzo intriso diumorismo ma nel contempo violento e spietato, che esprime «l’impossibilità di essere» mettendo in discussione anche le nostre certezze di lettori.
Rosario Palazzolo è nato a Palermo nel 1972. Drammaturgo, scrittore, regista e attore, per il teatro ha scritto e diretto: Ciò che accadde all’improvviso, I tempi stanno per cambiare (con Luigi Bernardi), i tre spettacoli che compongono la Trilugia dell’impossibilità: Ouminicch’, ’A Cirimonia, Manichìni e il Dittico Del Disincanto (Visita guidata e Tauromachia). Vincitore del Fringe al 18° Festival Internazionale del Teatro di Lugano, i suoi spettacoli sono stati rappresentati nei maggiori teatri di ricerca nazionali e di recente al suo lavoro sono stati dedicati studi monografici e tesi di laurea. Per la narrativa ha scritto: L’ammazzatore (Perdisa Pop, 2007) e Concetto al buio (Perdisa Pop, 2010).
Categories: Lectio Tags: ,

“Viaggio all’alba del millennio” di Massimo Maugeri, Perdisa Pop

Viaggio all’alba del millennio si presenta come un’originalissima miscellanea di generi, di toni e registri stilistici: una raccolta peculiare, in cui ogni racconto si collega all’altro per dare forma a un unico grande affresco.
Un bizzarro viaggio in aereo racconta l’ansia da attentato terroristico; una tragedia consumata all’interno delle pareti domestiche tratta il tema dell’incomunicabilità tra familiari; i preparativi di un matrimonio rivelano alcune nevrosi contemporanee.
Si va poi dagli incontri virtuali nelle chat erotiche a una lettera folle che un’assassina scrive al commissario che l’ha arrestata.
E ancora: una comica conversazione telefonica tra una nonna e un nipote, un giovane in coma, un ridicolo dialogo sull’immigrazione clandestina e uno scambio di battute che ha come oggetto la schizofrenia, per finire con un racconto dai tratti grotteschi, che ha per protagonisti un gruppo di giovani e una Catania trasfigurata, e ricollega tutti i racconti precedenti per agganciarsi infine al primo, in una struttura circolare.
Leggere questo libro è come guardare in uno specchio deformante. Maugeri unisce il grottesco al drammatico, lo scherzo alla suggestione, per mostrarci gli anni in cui viviamo attraverso le nostre nevrosi, le ansie e gli inganni della mente.
La sua scrittura scompiglia le identità, rimescola le carte e altera la visione, dando forma a un libro magnetico, diverso, in grado di raccontare il caos del nostro tempo come non lo abbiamo mai letto.
Massimo Maugeri, catanese, collabora con molti magazine e quotidiani. Ha scritto:Identità distorte (Prova d’Autore, 2005; premio Martoglio), Letteratitudine, il libro (Azimut, 2008) e, insieme a Simona Lo Iacono, La coda di pesce che inseguiva l’amore(Sampognaro & Pupi, 2010). Ha curato Roma per le strade (Azimut, 2009).
Ha ideato e gestisce il sito www.letteratitudine.blog.kataweb.it

In libreria dall’11 maggio 2011.

Collana Corsari // Diretta da Antonio Paolacci //Perdisa Pop //

euro 15,00 // pagine 224 // Isbn 978 88 8372 526 5 //

Fonte: Gruppo Perdisa Editore

Categories: Lectio Tags: ,