Archive

Posts Tagged ‘Nenella Impiglia’

“Stoffa per la musica” di Nenella Impiglia, Edizioni Galassia Arte

April 2, 2013 Leave a comment

cover_-_stoffa_per_la_musica-737x1024
Dalla sua prima esperienza letteraria del 2010 con La scarpetta nel piatto, che le ha regalato numerose soddisfazioni, l’imprenditrice marchigiana Nenella Impiglia raccoglie in questa nuova pubblicazione i suoi ricordi, legati alla suggestiva colonna sonora degli anni ‘60-’70.
Un diario in cui ci racconta confidenzialmente di come si è appassionata alla moda e come la stessa sia stata influenzata dalle nuove tendenze musicali. Un viaggio attraverso musica e moda firmato Nenella Impiglia.
Nenella Impiglia, sposata con Renato Curzi, ha due figlie, Silvia e Valentina. 
Titolare del marchio VIC MATIÉ http://www.vicmatie.it
Nata a Serra San Quirico, un piccolo paese dell’entroterra marchigiano, in provincia di Ancona, vive e lavora tra Serra de’ Conti, Roma e Milano.
Ha alle spalle studi classici e di medicina. Imprenditrice e straordinaria donna di carattere è membro del consiglio di amministrazione della Linea Marche e attualmente ne riveste la carica di consigliere delegato alle relazioni esterne.
Punto di riferimento nelle p. r. legate al mondo della moda, è riuscita nel tempo a creare e mantenere una rete di rapporti e di presenza d’immagine presso ambienti dello spettacolo e con personalità di spicco.
Donna sensibilissima, molto vicina al mondo giovanile, è tutt’ora presidente di una società di pattinaggio artistico di cui è stata fondatrice 20 anni fa.
Da sempre si dedica ad attività di beneficenza e solidarietà: il 15 maggio 2006 ha organizzato nello show room romano di Vic Matié lo “Shoes Charity Party” per raccogliere fondi per i bambini delle favelas brasiliane, ed il 3 dicembre 2008 l’evento “I Love Dogs” a favore della lega nazionale per la difesa del cane.
Attiva anche sul fronte culturale ha coordinato la mostra di pittura, scultura e fotografia “TRE di TRE” ambientata nella stupenda cornice dell’Antica Fabbrica di Laterizi di fine ‘800 di Serra de’ Conti sapientemente ristrutturata proprio da Linea Marche per amore del territorio, dell’arte, della cultura, dell’architettura industriale e della sua storia.
Il suo motto è preso in prestito dalla grande Coco Chanel “la moda passa lo stile resta”.
Stoffa per la musica (Edizioni Galassia Arte)
AUTORE: Nenella Impiglia
PAGINE: 155
FORMATO: 15×21
EURO: 20,00
GENERE: saggio
ISBN: 978-88-97695-80-6

Intervista di Viviana Musumeci a Nenella Impiglia, autrice del libro “Stoffa per la musica”

nenella_impiglia_-683x1024

Ci sono donne che non riescono proprio a fare una cosa alla volta. Sono eclettiche di natura e si cimentano in numerose attività. Nenella Impiglia è una di queste. Moglie di Renato Curzi – patron di Vic Matié -, madre di Silvia e Valentina, Nenella oltre a essere imprenditrice è anche studiosa di costume. Di recente ha pubblicato un libro dedicato alla storia della moda raccontata attraverso la musica “Stoffa per la musica” (Edizioni Galassia Arte).

Viviana Musumeci ha intervistato Nenella Impiglia.

V.M.: Chi è Nenella Impiglia e come si descriverebbe?

N.I.: Curiosa, testarda, sognatrice (naturalmente sogni realizzabili), fantasiosa, estremamente creativa, eclettica, infinitamente positiva, abbastanza pigra, molto permalosa.

 V.M.: Da dove parte l’interesse per la moda e per la musica?

N.I.: La musica parte dal cuore da sempre, la moda dalla mia mente creativa e dal rifiuto della banalità.

V.M.: Qual è il legame tra queste due arti?

N.I.: La moda veste la musica a la musica crea nuove mode. Moda e musica, due universi meravigliosi, artistici: la prima veste il nostro corpo, l’esteriorità, parla di noi, la seconda riscalda l’anima e libera le nostre emozioni.

V.M.: Ci fa alcuni esempi di come queste due discipline si incrociano e si incontrano?

N.I.: E’ con i Beatles che si assiste ad una completa contaminazione che passa dal sound alla moda e porterà a processi di identificazione, mediante l’imitazione degli stili da loro proposti, del modo di cantare e di abbigliarsi: caschetto, giacche con collo alla coreana, stivaletti. Proprio la musica ha aiutato a rendere famoso il loro stile. Sound e aspetto estetico venivano portati alla loro massima espressione.

V.M.: Qual è il suo gruppo musicale preferito?

N.I.: Quello che ha accompagnato la mia giovinezza, i suoi giorni migliori, che continuano con le loro meravigliose canzoni, ancora oggi, a formare un magico ponte tra passato e futuro e che riescono a far rivivere le stesse emozioni: naturalmente i favolosi Beatles!

(V.M)

Fonte: VM-Mag