Archive

Posts Tagged ‘Madonna’

Nick Kamen, muore il cantante modello protégé di Madonna

La notizia diffusa da Boy George. Il cantante aveva 59 anni e aveva avuto grande successo alla fine degli anni Ottanta anche grazie a uno spot dei jeans Levi’s

È morto il modello e cantautore inglese Nick Kamen, pupillo di Madonna. Conosciuto per la sua hit Each time you break my heart del 1986, Kamen aveva 59 anni. La notizia è stata data dal suo amico Boy George con un messaggio via Instagram. Da tre anni Kamen combatteva contro un tumore.

Nick Kamen, che era nato nell’Essex con il nome di Ivor Neville Kamen, raggiunse la notorietà a 23 anni prima di diventare cantante grazie alla pubblicità uscita in tutto il mondo dei jeans Levi’s 501. Nello spot si vede il modello, al quale proprio in quella occasione venne dato il soprannome di Nick, entrare in una lavanderia in jeans e maglietta bianca e togliersi poi i vestiti rimanendo in boxer prima di metterli in lavatrice, sulle note di Heard it through the grapevine di Marvin Gaye. Fu proprio quello spot, notato da Madonna, a mettere in contatto Kamen con la Material Girl che scelse di affidargli una canzone scritta con Stephen Bray, proprio la hit Each time you break my heart, in cui Madonna compare per i cori.

La hit, che raggiunse la vetta della classifica inglese e ottenne grande successo anche in Germania, Spagna, Francia e Italia, diede il titolo all’omonimo album che seguì, primo dei quattro dischi che Nick Kamen pubblicò tra il 1987 e il 1992. Per il suo secondo album Us del 1988, Madonna gli assicurò la collaborazione del suo produttore Patrick Leonard, offrì i cori in Tell me ma non si occupò più della scrittura e della supervisione come aveva fatto in occasione del primo album. Il brano Tell me ottenne uno straordinario successo soprattutto in Italia, dove durante i mesi estivi rimase per nove settimane in prima posizione nella classifica dei singoli.

L’anno successivo Kamen cantò il brano Turn it up per la colonna sonora del film Disney intitolato Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi. Ma è nel 1990 che l’artista inglese piazza il suo successo internazionale più grande, I promised myself, che raggiunse il primo posto in classifica in otto Paesi europei, il quarto singolo più suonato dalle radio e dalle tv quell’anno. Il suo ultimo album nel 1992, quando Kamen fece uscire Whatever, whenever. Da allora un sostanziale silenzio interrotto oggi dalla notizia della sua morte. 

Il motivo non confermato della sua morte sarebbe un cancro al midollo osseo: unica fonte della notizia è la pagina Instagram dell’amico fotografo Johnny Rozsa, che nel 2018 aveva pubblicato una foto insieme a Kamen in una stanza d’ospedale e ora dopo l’annuncio della morte in un post scrive: “Non molto tempo prima della diagnosi di cancro al midollo osseo, Nick Kamen venne a farmi visita quando era di passaggio a Londra. Ho milioni di ricordi della nostra lunga amicizia e sono veramente devastato dalla notizia della sua scomparsa questa mattina”.

di Carlo Moretti

Fonte: Repubblica

Madonna, insieme ad un progetto segreto con Nicki Minaj

May 12, 2018 Leave a comment

Madonna Nicki Minaj

Madonna e Nicki Minaj stanno lavorando insieme ad un progetto top secret!
E’ quanto ha rivelato Nicki Minaj al Met Gala di New York dove si trovava in compagnia della Regina del Pop.
Nicki Minaj ha parlato apertamente davanti ai giornalisti di un misterioso progetto che sta portando avanti con Madonna, ma del quale non ha rivelato altro: “Io e Madonna abbiamo in serbo un segreto che presto sveleremo“.
Che si tratti di una esposiva collaborazione musicale? Oppure stanno preparando qualcos’altro?
Non sarebbe comunque la prima collaborazione tra Madonna e Nicki Minaj: le due hanno infatti già lavorato insieme in “Bitch I’m Madonna” e “Give me all your lovin’“.

Fonte: TGcom24

Categories: Musica News Tags: ,

Madonna, ritorno alla regia con film dedicato a Michaela DePrince

March 25, 2018 Leave a comment

madonna_michaela_deprince0

Madonna torna alla regia con un film dedicato alla ballerina Michaela DePrince, che da piccola orfana della guerra civile in Sierra Leone è riuscita a divenire una famosa danzatrice. Lo rende noto la rivista Variety. Il film, targato MGM, s’intitolerà “Taking flight” (Prendere il volo) ed è la terza opera cinematografica di Madonna, dopo Sacro e profano (2008) e W.E. – Edward e Wallis (2011).
Michaela, dopo aver perso entrambi i genitori uccisi nel conflitto della sua terra natale, subisce sevizie dai guerriglieri e finisce in un orfanotrofio, dove è trattata come una piccola strega perché soffre di vitiligine. Qui però si innamora della danza, guardando per caso la copertina di una rivista. Adottata quando ha 4 anni da una coppia statunitense ha la possibilità di studiare e seguire la sua passione. Oggi è solista al Dutch National Ballet. “Il viaggio fatto da Michaela mi ha scosso moltissimo – ha dichiarato Madonna – e mi ha toccato sia come artista che come attivista che comprende la diversità”.

Fonte: Ansa

madonna_michaela_deprince1

Madonna, evocazioni antidiscriminatorie contro Marine Le Pen

June 4, 2014 Leave a comment

Madonna

Madonna insorge contro il boom in Francia del Front national (FN), il partito di estrema destra francese guidato da Marine Le Pen, alle scorse elezioni europee. La popstar americana ha pubblicato oggi sul social network Instagram (seguito da 1,6 milioni di abbonati) una foto della prima pagina del quotidiano francese Liberation all’indomani del voto che titolava sulla vittoria del FN con l’immagine di Marine Le Pen a braccia levate esultante. La foto su Instagram è affiancata da una serie di hashtag e commenti di denuncia contro il fascismo e le discriminazioni: “Russia, Ucraina, Venezuela… ora Francia?!!!!!”, scrive Madonna. E ancora: “#fight Fascism #fightdiscrimination #fightlynchmobmentality #fighthatred #fightdorffreedom #revolutionforlove”. Non è la prima volta che Madonna si scaglia contro Marine Le Pen: nel 2012, la popstar aveva trasmesso, durante la tappa parigina del tour ‘MDNA’, un video in cui appariva brevemente un’immagine della leader del FN con una svastica sulla fronte, per accompagnare la canzone ‘Nobody Knows Me’ (‘Nessuno mi conosce’). La Le Pen in quell’occasione aveva sporto denuncia contro Madonna per ingiuria. Fonte: Ansa

Categories: Musica News Tags: ,

Mark Kamins, muore il primo dj e produttore di Madonna

February 17, 2013 Leave a comment

Mark Kamins, muore il primo dj e produttore di Madonna

Muore  a Guadalajara, capoluogo dello stato di Jalisco in Messico, il famoso dj e produttore Mark Kamins in seguito ad un forte infarto mentre si trovava lì come insegnante. Deceduto all’età di 58 anni l’artista, che da tempo soffriva per problemi cardiaci, è noto per essere stato il primo a credere nel talento naturale della celebre popstar Madonna, tanto da aiutarla a conquistare il suo primo contratto discografico con la Sire, nel 1982. Secondo alcune cronache non ufficiali di quel periodo egli fece passare i primi demo della cantante quando era presidente della Sire Seymour Stein, rimasto impressionato dal suo carisma artistico tanto da proporle subito un primo contratto discografico. Durante gli anni ’80 collabora con altri artisti importanti come Beastie Boys, David Byrne, Sinead O’Connor e UB40. Notevole la collaborazione con  la cantante e artista Sasha Lazard per “trance-opera”, realizzata nel 1999 a Ibiza, in Spagna, davanti a circa 8mila persone.
Madonna rilascia una dichiarazione  in un comunicato ufficiale: “E’ con grande dispiacere che vengo a conoscenza della scomparsa di Mark. Erano anni che non lo vedevo, ma se non fosse stato per lui non avrei mai intrapreso la carriera di cantante. E’ stato il primo Dj a suonare le mie canzoni prima ancora che avessi un contratto discografico: ha creduto in me prima di tutti gli altri. Gli devo molto. Che possa riposare in pace”.

Categories: Obituario Tags: ,

“MDolls a celebration of Madonna Style”, mostra di Magia 2000 e Mattel presso ABC Atelier Mannequins

June 16, 2012 Leave a comment

ABC Atelier Mannequins rende omaggio  alla leggenda americana della musica, del cinema e dell’intrattenimento multimediale con “MDOLLS A CELEBRATION OF MADONNA STYLE”.
La mostra prevede l’esposizione di 22 ooak dolls provenienti da collezioni private, realizzate da Magia 2000, duo artistico creato da Mario Paglino e Gianni Grossi che da oltre 13 anni creano preziose bambole one of a kind (ooak) con collaborazione anche con Mattel e che a gennaio hanno consegnato in tv una loro Mdolls proprio alla Regina del Pop.
Al progetto parteciperà inoltre la stilista emergente Florina Ivascu che esporrà cinque modelli inediti creati per rievocare le fasi principali della parabola creativa di Madonna.
La mostra resterà aperta dall’11 al 27 giugno 2012 in Corso Como 5.

“Madonna World Tour 2012”, nuova location per la presenza in Italia

March 19, 2012 Leave a comment

Madonna, a pochi giorni dall’uscita del nuovo album “MDNA”, per entusiasmare al massimo i suoi fan, ha aggiunto una nuova location italiana del “Madonna World Tour 2012”, da sommare a quelle di Milano e Firenze, per il prossimo 12 giugno presso lo Stadio Olimpico di Roma. I prezzi variano da 45 euro più prevendita, della Curva Nord, a 150 euro, più prevendita, della Tribuna Monte Mario Centrale. Le prevendite inizieranno il 20 marzo per tutti gli iscritti al Fan Club Ufficiale della star americana mentre la vendita ufficiale partirà alle 10 di venerdì 23 marzo.

Categories: Musica News Tags: ,

Madonna, decollo stentato per il nuovo singolo della Regina del Pop

February 20, 2012 Leave a comment

Gimme All Your Luvin’ lontano dai primi posti delle chart.
Non è stata sufficiente una platea di oltre 114 milioni di persone per lanciare il nuovo brano di Madonna nelle prime posizioni delle chart internazionali. La Regina del pop ha presentato la sua Gimme All Your Luvin’ nell’intervallo del Superbowl, l’attesissimo incontro di football americano che assegna il titolo di campione stagionale, ma nonostante ciò le vendite del singolo stentano a decollare.
Dopo quattro anni di silenzio, Madonna era chiamata ad affrontare il mondo della musica digitale. Da questa battaglia, la signora Ciccone sembra uscire con le ossa rotta. La settimana del debutto il brano si è inserito alla 37esima posizione della classifica del Regno Unito e al 13esimo posto della Billboard americana. E’ la seconda volta in carriera che un singolo di Madonna che anticipa un album non si insedia nella top ten durante la settimana d’uscita: l’altro analogo episodio risale a 30 anni fa, in occasione di “Everybody”, il primo singolo estratto dal suo album d’esordio.
Un vero flop, del tutto inaspettato. Le scarse vendite sono solo in parte attribuibili alla trovata promozionale di Madonna che, a tutti quelli che hanno acquistato in pre-order l’album ‘MDNA’, ha regalato il singolo di lancio Gimme All Your Luvin’. Una simile debacle per la cantante 53enne si ricorda solo con il brano Revolver, piazzatosi al 130esimo posto nella chart Uk. In quella circostanza, però, la canzone in questione era già in circolazione con la raccolta Celebration, uscita tre mesi prima.

Fonte: TMNews

Categories: Musica News Tags:

Madonna, critiche sul dito medio di M.I.A. al Super Bowl

February 11, 2012 Leave a comment

La star torna su quanto accaduto al Superbowl: Gesto fuori luogo.
Madonna critica la rapper M.I.A per avere mostrato il dito medio durante l’esibizione nell’intervallo del Superbowl dello scorso 5 febbraio. Intervenuta telefonicamente a una trasmissione della radio americana Kiss Fm, la superstar del pop ha dichiarato: “A dire la verità, non sapevo assolutamente nulla di ciò che aveva fatto Mia. Non l’ho saputo fino a quando non me ne sono andata. L’ho scoperto nell’ascensore che mi doveva portare all’auto con la quale avrei raggiunto l’aeroporto. Ci sono rimasta male”.
Il suo giudizio sull’accaduto è tutt’altro che positivo. “So che è stato una specie di gesto punk-rock – continua Madonna – ma per me quel dito medio ha rovinato l’atmosfera. E’ stato un gesto da teenager, una cosa quasi irrilevante. Tutto stava andando così bene, è stato semplicemente fuori luogo”, conclude.

Fonte: TMNews

Categories: Musica News Tags: , ,

Madonna, concerto faraonico al Super Bowl

February 6, 2012 Leave a comment

Ieri sera a Indianapolis è andato in scena il concerto di Madonna durante l‘half-time del Super Bowl. 12 minuti e mezzo in cui l’icona del pop ha ripercorso in pillole la sua carriera, indossando una splendida haute Couture firmata Riccardo Tisci per Givenchy e regalandoci una scaletta che, partita daVogue, è arrivata fino all’ultimo singolo Give me all Your Luvin (passando da Like a Prayer e Music). Tante le featuring, da Cee Lo Green a Nicki Minaj e M.I.A. (le due cantanti erano entrambe vestite in Fausto Puglisi), altrettante le considerazioni.
1) Come prima, più di prima.
Confermiamo fortissimamente quanto detto qui. Madonna ha colto l’ennesima occasione di dimostrare che “dopo di lei il diluvio”. Le metafore stanno a zero: arrivare sul palco vestita da Cleopatra (con corona firmata Philip Treacy for Givency) circondata di centurioni e performare a freddo una hit del passato ci fa capire che non solo è l’imperatrice ma che per lei il tempo davvero non passa. Ragazze prendete il bigliettino che per diventare la regina del pop c’è da stare ancora un po’ in coda.
2) Il buongusto di M.I.A.
Leggerete online dello scandalosissimo gesto fatto dalla cantante inglese durante la performance di Give me All Your Luvin. A parte che in Italia ormai tale gesto è stato derubricato a dialettica politica, di M.I.A. possiamo solo dire che, dato il contesto, si tratta di mera coreografia insita nel personaggio. Lungi da noi pontificare sul bon ton on stage, ma se davvero vuoi fare la ribelle durante una featuring nell’half-time del Super Bowl, con l’America che ti guarda con gli occhi di un bambino, e tutto quello che ti esce è il movimento improprio di una delle dita della mano -subito tagliato con l’accetta dalla NBC- allora non ci siamo. Delle due l’una: o (come ci sembra) è una delle sue solite sapide boutade, o la rapper deve seguire, a brevissimo, un corso accelerato di disobbedienza civile(basterebbe anche un’infarinatura di scienze della comunicazione).
3) L’improvvida scivolata.
Altra notizia che rimbalza in rete: Madonna è (quasi) caduta. Tenendo conto che semplicemente un tacco della scarpa deve aver fatto uno strano movimento su uno dei gradini dello stadio (a occhio si direbbe così), ci domandiamo tutti quanti se ormai il livello di tolleranza sul “bello della diretta” sia sceso così in basso. Il livello di cinismo è davvero giunto a minimi tali per cui vedere un evento come il concerto di Madonna al Super Bowl, si è trasformato in una grande punta collettiva, con il fucile carico e pronto a sparare tweet all’acido muriatico se solo l’orologione della corazzata Madonna perde un colpo? Mah. Sappiate comunque che l’esibizione, nei rimanenti 748 secondi (su 750) è andata bene.
4) Il playback.
Vale la  regola di cui sopra. Senza farla troppo lunga : super Bowl + Madonna = evento che una volta nella vita. È uno spettacolo, è il circo, è un baraccone fatto di fuochi d’artificio e macchine fantastiche, è illusionismo e fascinazione. Che nei 12 minuti dell’half-time Madonna si sia fatta aiutare in alcuni passaggi dal playback interessa poco. Ne riparliamo quando dovesse succedere durante un concerto. Ma vi sconsiglio di trattenere il fiato nell’attesa.
Tirando le conclusioni: tutti bravi tutti belli? In dodici minuti è difficile fare errori, il rischio “capezzolo di Janet Jackson” è stato scongiurato in partenza (e scaramanticamente evocato in conferenza stampa) e la performance contenuta è stata esplosiva e dirompente come lo stacco di un centometrista. Promuoviamo a pieni voti in attesa però che, calmata che fu la tempesta mediatica, Madge torni a regalarci qualche nuovo brano davvero indimenticabile.

Simone Tempia

Fonte: Vogue.it