Archive

Posts Tagged ‘Giuseppe Mastromatteo’

“Indepensense”, mostra di Giuseppe Mastromatteo alla galleria Fabbrica Eos a Milano

January 30, 2012 Leave a comment

FABBRICA EOS, MILANO, DAL 9 FEBBRAIO AL 18 MARZO

Dopo il successo registrato due anni fa con la mostra alla galleria Fabbrica Eos, Giuseppe Mastromatteo ha voluto rimettere insieme la squadra vincente con il gallerista Giancarlo Pedrazzini e il curatore Denis Curti, al lavoro per definire i dettagli di una mostra sorprendente e di un catalogo destinato a restare nella memoria di tutti gli appassionati d’immagine, manipolazione, ma anche di poesia ed estetica. Inizia così il nuovo corso di Indepensense, originale serie di fotografie che nasce mentre Mastromatteo è in trasferta a New York, per il suo lavoro di creativo per l’advertising. “…a differenza della prima volta, quest’anno ho cominciato il progetto realizzando schizzi su carta abbozzati qua e là, appunti digitali, fotografie con il telefonino. Ho anche noleggiato uno studio fotografico a Brooklyn, il set è stato più volte costruito e spesso abbandonato. Avevo in mente una diversa estetica rispetto a Indepensense, quasi dovessi negare ciò che avevo fatto in precedenza. Ma non era l’estetica che doveva cambiare o evolvere, era, piuttosto, un sentimento che ronzava in testa e che dovevo mettere a punto: l’idea di un lavoro fotografico che sapesse coniugare la sincerità con una più consapevole forma di autenticità, senza smettere di stupire, prima di tutto, me stesso”. Indepensense questa volta è qualcosa di più della semplice, anche se sempre affascinante, sovrapposizione dei sensi come è successo con le prime opere del 2009, ora a prevalere è un’idea tutta nuova del corpo. Un corpo che diventa occasione per raccontare lo sconfinamento tra culture, popolazioni, religioni, genere. La macchina da presa diventa un chiaro punto di vista: l’inquadratura si allarga al corpo intero e i sensi si mischiano. La pelle diventa occasione di senso, volontà di comprensione, soprattutto paesaggio. Paesaggio umano esteso e diffuso intorno e dentro all’uomo. L’obiettivo finale è suggerire la possibilità di creare nuove identità, ragionare quindi sul tema dell’autenticità, sapendo che le cose del mondo non stanno mai ferme, ma risultano per lo più imprendibili. Indepensense diventa così connessione, sconfinamento, appartenenza umana.

Nato nel 1970, Giuseppe Mastromatteo inizia la sua carriera come fonico in case discografiche per poi diplomarsi in art direction all’Accademia di Comunicazione di Milano.
Entra subito nelle più grandi agenzie pubblicitarie e dal 2001 è direttore creativo.
Nel frattempo scrive su riviste d’arte italiane e internazionali, insegna comunicazione, collabora con La Triennale di Milano.
Dal 2005 ha esposto le sue opere presso Fabbrica Eos Milano, Emmanuel Fremin Gallery New York, e nelle più importanti fiere d’arte contemporanea nazionali e internazionali.
Oggi vive e lavora fra Milano e New York dove ha il suo studio.