Archive

Posts Tagged ‘Giorgio Mattioli’

Il maestro Giorgio Mattioli a colloquio con Marius Creati

Il maestro Giorgio Mattioli a colloquio con Marius Creati

Il celebre maestro Giorgio Mattioli, simbolo contemporaneo dell’arte italiana e mecenate eccelso della cultura che, dagli anni della sua giovinezza, espande attraverso le sue opere un pensiero artistico profondo e sapiente, militante da molti anni nell’arte figurativa mediante la quale traduce colori e forme in un linguaggio pittorico in sintonia con l’ambiente mentre, silente, si accosta alla corrente metafisica con tratti visibili intrisi di sublimazioni surreali.

Il maestro Mattioli opera nel palcoscenico mnemonico dell’evoluzione biologica nel quale corpi prestanti, forme sinuose, luoghi della memoria e strutture figurative rivelano il panorama illustrativo della fantasia tramite colori, segni, materia e accostamenti cognitivi della coscienza. Artista di frontiera, Giorgio Mattioli rivela una tranche del suo ammirevole sembiante dottrinale rivelando aspetti estetici e coscienziosi del suo ammirevole credo esistenziale dell’Arte.

Intervista a cura di Marius Creati

M.C.: Cosa rappresenta l’arte secondo la sua opinione?

G.M.: A mio avviso l’arte è un mezzo narcisistico ed una sorta di auto proiezione antropologica e psicologica che fa parte dei più nobili e profondi  istinti dell’uomo, sin dalla sua prima infanzia e sin dall’infanzia dell’umanità.

M.C.: Quale significato assume nello studio e nell’esperienza dell’espressione estetica delle sue opere?

G.M.: Il significato che mi appare chiaro è quello di un detective sempre impegnato in investigazioni che contengono proposizioni su/riguardo l’arte. Ogni elemento di una proposizione artistica è soltanto un elemento funzionante in un contesto più ampio: l’investigazione appunto. Comunque credo che il concetto di Arte sia totalmente astratto e che esista a mo’ di informazione.

M.C.: Secondo il suo parere, l’arte è strettamente connessa alla capacità di trasmettere emozioni?

G.M.: Ho sempre creduto in Benedetto Croce e dell’arte come espressione del sentimento.

M.C.: In che rapporto si pone con la visione del colore? Come vive la sintesi rappresentata in ciascuna opera pittorica?

G.M.: La vivo in diverse fasi…prima  cancello, massacro la natura ed ogni tipo di modello precostituito o sedimentato nei miei ricordi, poi una volta sbarazzatomi da ogni costrizione segua la tempesta del mio Es fatta di violente spatolate di colore, segni, agitazioni profonde quasi inconsulte. Le mie opere sono ancora al limite della pittura, un limite ormai difficile da segnare come dire: NULLA DIES SINE LINEA!

M.C.: In che modo deve porsi dinnanzi all’espressione del suo operato? E come arriva a completarne la sua essenza?

G.M.: Con grande umiltà, animo puro e mente sgombra. Ciò è possibile solamente con una vita spartana contro le fantastiche dicerie che cantano di artisti dediti ad ogni forma di droghe e dissolutezze. Per completare l’essenza del mio operato  spesso ci vuole fortuna  che a sua volta può nascere unicamente dal fertile terreno del MINISTERIUM.

M.C.: Esistono qualità intrinseche generali per far si che un lavoro artistico assuma il connotato di opera d’arte? Esistono qualità profonde nella sua visione personale?

G.M.: E’ sempre rischioso definire un’opera d’arte. Si ha troppa fede nelle affermazioni teoriche, alle interpretazioni pseudo scientifiche di teorie fisiche, fisiologiche o psicologiche da parte degli addetti ai lavori, pubblico compreso! La storia dell’Arte ha dimostrato largamente che teorizzare troppo sull’opera d’arte puo’ portare a grossi strafalcioni. Io stesso a volte dubito sul valore delle mie quindici correnti create dal 1980 al 2010. Le qualità intrinseche oggi consistono maggiormente nell’interessare al proprio operato i critici ed i mercanti: sono loro gli DEI EX MACHINA che indirizzano l’incredibile FENICE del bello. Certo che esistono qualità intrinseche generali come esiste l’opera che si eleva sulle altre ma pochi sanno guardare perché di giorno in giorno aumenta la cecità!

M.C.: Quale significato assume la penetrazione dell’opera nel suo lato più intimo?

G.M.: Il  significato  spesso è di profondo piacere, liberazione, intima soddisfazione e, senza peccare di presunzione, anche di una gioia infinita per una creatura che non esisteva alla quale l’artista vero e puro, che della propria attività ne ha fatto un sacerdozio, ha donato la vita. Così si è forse vicini ad un complesso coacervo di sentimenti materni. 

M.C.: Esiste un binomio che unisce arte e scienza? In un eventuale processo evolutivo parallelo in che modo si correda con la realtà?

G.M.: Il binomio fra arte e scienza è una storica indissolubile unione e l’una non può e non deve esistere senza l’altra. Questo binomio ha portato all’evoluzione dell’uomo. Sebbene gli artisti sono stati considerati i reietti della società umana, essi e solo essi hanno elevato la razza umana dal livello primitivo a quello odierno. Quale processo evolutivo può esistere se la realtà rifiuta il governo degli artisti che non hanno alcuna possibilità di sostenersi? Come si può servire contemporaneamente il Massimo Fattor e Mammona?

M.C.: Intuizione, esistenza, esperienza… La creatività può giocare con la conoscenza pratica della vita?

G.M.: La creatività, figlia della fantasia e dell’immaginifico, vive in zone della mente che solo i grandi artisti hanno sviluppato. Questa nostra umanità tecnologica, robotizzata oltre misura, come può comprendere le immense forze degli uragani creativi con i quali risolverebbe tutti i problemi? Attorno a Noi Artisti esistono per la maggior parte piccoli omuncoli con grandi portafogli, ville, automobili, aerei perfettamente inseriti nella corruzione. Questa è la mia conoscenza pratica della vita e la mia creatività, purtroppo, non potrà mai giocarci.

M.C.: L’arte è sempre originale? In che modo si amalgama con la limitazione dell’opera?

G.M.: L’arte non è sempre originale. L’Arte è ben altro… in una sola parola l’Arte è l’evoluzione continua, costante e intelligente dei suoi sacerdoti che a volte giungono ad immolarsi per Essa; v.v. Van Gogh, Modigliani, Soutine, Merisi, Rossi e mille altri ancora.

M.C.: Secondo il suo parere, il processo creativo assume sempre la stessa fisionomia d’insieme per ciascun artista?

G.M.: Per quanto mi riguarda il processo creativo è legato ad un ormai perduto orientamento biofilo della moderna società umana. Aver perso l’orientamento biofilo significa aver perso l’amore per la vita, con le sue emozioni, i pensieri, i gesti! Questo porta alla fusione fra cellule ed organismi, alla creazione di un nuovo essere e nel nostro caso di una nuova opera d’Arte. Ed anche se biologi e filosofi sostengono che questa è una proprietà “innata” mi è naturale controbattere: ”innata si, ma non in questo nostro mondo che ha trasformato la necrofilia o desiderio per la morte e quindi del male in vanità, ricchezza e possesso egoistico. In questo contesto il processo creativo dipende dalla forza che ciascun artista possiede per isolarsi da tanto putridume. Platone nello ”Ione” risolve questo problema affidando la creatività dell’artista all’intervento di un Dio!  Ma i tempi passano e mutano ed ora il Dio si chiama fantasia, immaginazione, volontà, tecnica, professionalità, umiltà, coscienza, intelligenza, attitudine e soprattutto esperienza, tutte qualità queste diverse.

M.C.: Come vede il rapporto aulico tra l’uomo e l’arte? Esiste un concertato alchemico biunivoco imprescindibile sinonimo di culto estetico?

G.M.: Bisogna preparare l’uomo. Occorrerebbero scuole specifiche per preparare l’umanità a vedere ”OLTRE LO SGUARDO CHE NON SI ARRESTA”. E quando l’uomo riuscirà a creare anche un solo seme di grano allora io stesso presenterò al mondo l’ELISIR del culto estetico!

N.B. Per una maggior conoscenza di ciò che penso a proposito dell’Arte, consiglio di consultare la mia ultima pubblicazione titolata: “ 666 il Tempo della Bestia” – Di Felice Edizioni – Il libro, dedicato a tutti gli artisti, consta di una raccolta di 666 aforismi sull’Arte.

Roseto degli Abruzzi, 07-07-13

Giorgio Mattioli

“Le Ninfe di Theate”, vernissage di Giorgio Mattioli al Museo Costantino Barbella di Chieti – esegesi dell’arte olfattiva

Vernissage Le Ninfe di Theate al Museo Costantino Barbella di Chieti - esegesi dell’arte olfattivaPomeriggio culturale all’insegna dell’arte e del lusso che, come un simposio dedito alla ricerca dell’emozione pura, ha offerto un tripudio di emozioni e colori passando in rassegna i sensi più armoniosi della nostra facoltà intellettiva. L’avanguardia internazionale del Maestro Giorgio Mattioli sposa il contesto mitologico per assurgere verso un nuovo capitolo dell’arte, che intona opere e fragranze in un amalgamante connubio olfattivo così permettendo al lusso atemporale di fondersi con il gusto della passione, flirtando incontrovertibilmente con l’apoteosi inebriante della maestria.
Il Museo Costantino Barbella di Chieti ha vissuto un momento di veemente ispirazione d’antan, quale teatro d’incontro della vanità lussuosa insignita della fulgida opera passionale mattioliana, durante il quale i suoi ospiti hanno assaporato l’essenza di un viaggio interiore permeato di sfumature, policromie, toni vibranti e fragranze paradisiache mediante il sublime accostamento olfattivo di oli essenziali afrodisiaci, nota di profonda eccitazione appagante, profusi dal celebre profumo iconico e  altamente seducente “X” di Clive Christian, saputamente accompagnati dalle note vocali di giovani attori locali su afflati narrati dell’opera d’annunziana e dai bagliori canori mediterranei caldi e velati in sintonia perfetta con la sensualità e l’eccitazione delle opere presenti.
Essenza oltre limite indice di elevazione della cultura internazionale, forma archetipica esemplare mossa da ispirazione ideale di Angelica Bianco, fautrice dell’olio alchemico Xoro Xolio, “L’olio più prezioso del mondo”, avvalsa della collaborazione della Presidentessa di Aethos per il sociale e della profumeria pescarese Marina Parfums.

Marius Creati

Categories: Cultura News Tags:

“Le Ninfe di Theate”, evento personale di Giorgio Mattioli al Museo Costantino Barbella di Chieti

Le Ninfe di Theate,

Secondo Clive Christian il profumo è la forma d’arte più pura. L’olfatto, essendo il più “intellettivo” dei nostri sensi, è il più viscerale e potente e quando si coniuga alla magia della vista; tutto è EMOZIONE.
La mostra pittorica  del Maestro Giorgio Mattioli artista conosciuto negli ambienti dell’avanguardia Internazionale per la sua intensa e varia attività creativa,  dedica alla Dea Teti  ed alle sue ninfe  il Vernissage intitolato “Le Ninfe di Theate” previsto venerdì 3 Maggio 2013 alle ore 18;00 presso il Museo Costantino Barbella.
A Chieti il   Mattioli inizia un nuovo capitolo nella storia dell’arte “olfattiva”. La mostra traccerà l’evoluzione, ma soprattutto sarà una  lode di colori e sfumature  dedicate alle donne del nostro Abruzzo, fonte di ispirazione per il Maestro Mattioli, sublimate in una poetica stilnovistica senza tempo. Una mostra pittorica  nutrita di circa 50 opere dell’artista che farà rivivere la passione, il gusto del bello e dell’amore attraverso il viaggio interiore che si compirà con la vista e con l’olfatto. Ed è così che solo durante il Vernissage del 3 Maggio 2013 alle ore 18;00 verrà esposto il   famoso quadro  dal titolo”Leda con cigno”  ad oggi celato da seta nera, ispirato ed intriso del profumo più costoso al mondo; dove l’essenza X di Clive Cristian  proposta   per l’occasione sarà messa a disposizione  dalla Titolare dell’esclusiva profumeria  artistica pescarese Marina Parfume.
Sarà possibile per  tutti i partecipanti  provare il profumo prezioso e ricercare  i sentori di oli essenziali di sostanze ritenute, da molte civiltà millenarie quali quelle egizia, greca e romana, avere proprietà afrodisiache che hanno  saputo “stregare”  ad oggi le dive di Hollywood.
“X”  di Clive Christian  suggerisce  successo, eccitazione, colore, sensualità e, in generale, ciò che è eXtra, aldilà, senza timore di superare i limiti ; un profumo richiesto ed ispirato alla Regina Elisabetta d’Inghilterra.Chieti come New York perché Chieti è città d’Arte e “Affermerà la sua rinascita sotto il segno più alto della cultura internazionale” dice l’artista Mattioli un’idea scaturita da una grande amica dell’ Artista; l’imprenditrice Teatina Angelica Bianco già conosciuta per aver creato Xoro Xolio “l’olio più prezioso del mondo” con la collaborazione  della Dott.ssa Giuliana Micomonaco Presidentessa dell’associazione culturale Aethos per il sociale. Una mostra lussuosa quanto emozionante che rifletterà quanto di bello abbiamo nella nostra città e che farà da fulcro nel mese degli eventi firmati  Maggio Teatino.  Parte del ricavato sarà devoluto a favore del progetto benefico “La casa del Nonno”. Si attendono ospiti importanti per l’occasione.

Giorgio Mattioli. Conosciuto negli ambienti dell’avanguardia internazio-nale, in particolare a Parigi, dove ha esposto più volte, Giorgio Mattioli, estroverso, generoso, sempre attivo, sembra presentare alla critica la sola difficoltà di riuscire a seguire la sua intensa e varia attività creativa. Mattioli ha portato la sua creatività, con risultati spesso notevoli nel settore della pittura, ceramica, scultura, oreficeria, della regia di testi teatrali, commediografia, scenografia, costume, doppiaggio, architettura, novellistica, poesia. Ha inoltre creato le seguenti correnti: “Iperscrittura, Ideogrammismo, Sgraffitismo, Fosfopittura, Sezionismo, Casismo, Causismo, Fossilismo, Sensualismo, Pittoscultura, Retinismo, Cropsismo, Posupismo, Neoprimitivismo, Piscucermusic”. Ha inventato il Videoteatro e ha creato le avveniristiche città di Giormat e Sit-Six. Modesta la produzione di ceramiche. Ma l’elenco risulta arbitrario: autori come lui tendono proprio all’abolizione dei settori operativi.

Le Ninfe di Theate

Sulla sommità dell’alto monte,
imponente si erge
il tempio sacro alla Dea Teti.
Nessuno può accedere
al grande tempio
né al suo Ninfeo,
geloso privilegio della Dea del mare.
Così io, invitto cantore
delle muse passate e future,
ho ingannato i guardiani
assumendo le sembianze della Dea
per carpire l’incanto dell’essenza femminile
di quelle splendide ninfe immortali!

“Le Ninfe di Theate”, poesia di Giorgio Mattioli

April 30, 2013 Leave a comment

Giorgio Mattioli

Le Ninfe di Theate

Sulla sommità dell’alto monte,
imponente si erge
il tempio sacro alla Dea Teti.
Nessuno può accedere
al grande tempio
né al suo Ninfeo,
geloso privilegio della Dea del mare.
Così io, invitto cantore
delle muse passate e future,
ho ingannato i guardiani
assumendo le sembianze della Dea
per carpire l’incanto dell’essenza femminile
di quelle splendide ninfe immortali!

Categories: Musa Tags:

“Equinozio d’Arte”, personale di Giorgio Mattioli presso la sede centrale Carichieti a Chieti Scalo

March 15, 2013 Leave a comment

giorgio mattioli

Sarà inaugurata il ventuno Marzo 2013 alle ore 17,00 a Chieti Scalo nella sede centrale della Banca Carichieti, la mostra di pittura di Giorgio Mattioli dal titolo “Equinozio D’Arte”. A portarlo in Abruzzo e soprattutto a Chieti un’intuizione di due amiche Giuliana Micomonaco e Angelica Bianco.
“Ci sono moti dell’animo che le parole o la musica non riescono ad esprimere appieno: ecco perché ci si affida al colore. Ogni quadro si dipinge al buio. L’esperienza ti porterà a finire”, le parole dell’artista. Ma ricordiamo Chi è l’Artista e l’importanza di visitare una mostra di tale livello proprio a Chieti …un piccolo assaggio che ci accompagnerà durante tutto il Maggio Teatino .
Giorgio Mattioli, pittore, scultore, ceramista, attore, regista, conosciuto negli ambienti dell’avanguardia internazionale, ha esposto in tutte le più grandi città italiane e tra quelle all’estero ricordiamo San Paolo del Brasile, Francoforte, Madrid, Barcellona, Hannover, Parigi, Liegi, Valencia, Miami, Buenos Aires, Portland, New York, Lione, Metz, Helsinki.Innumerevoli i premi.
Estroverso, generoso, sempre attivo, sembra presentare alla critica la sola difficoltà di riuscire a seguire la sua intensa attività artistica.
Ha inventato il videoteatro e ha creato le avveniristiche città di giormat e sit-six e la corrente Inismo.
“L’arte di Giorgio Mattioli produce rivelazioni di opere magistrali che generano mappe cognitive.” queste le parole di un grande critico d’arte Giuseppe Siano per descrivere l’Artista.
Oggi Vive e lavora a Roma e Roseto degli Abruzzi (TE).
L’ingresso è libero e gratuito. L’arte è l’unica vera “arma” contro la crisi.