Archive

Posts Tagged ‘Giangiacomo Feltrinelli Editore’

“Il buio oltre la siepe” di Harper Lee, Feltrinelli Editore

June 10, 2016 Leave a comment

Il buio oltre la siepe

In una cittadina del “profondo” Sud degli Stati Uniti l’onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d’ufficio di un negro accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrare l’innocenza, ma il negro sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l’episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell’infanzia che è un po’ di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte, in pagine di grande rigore stilistico e condotte con  bravura eccezionale.

Genere: letteratura internazionale 

Listino:€ 9,50

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Data uscita: 25/02/2013

Pagine: 304

Formato: Tascabile

EAN:9788807881558

“La meccanica del cuore” di Mathias Malzieu, Giangiacomo Feltrinelli Editore

April 10, 2012 Leave a comment

La meccanica del cuore
Mathias Malzieu 
Traduzione: Cinzia  Poli 
Collana: I Narratori
Pagine: 160
Prezzo: Euro 15,00
In breve
Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù… Un’indimenticabile metafora sul sentimento amoroso.
Visita il sito ufficiale meccanicadelcuore.feltrinelli.it
Il libro
Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù. La protesi è tanto ingegnosa quanto fragile e i sentimenti estremi potrebbero risultare fatali. L’amore, innanzitutto. Ma non si può vivere al riparo dalle emozioni e, il giorno del decimo compleanno di Jack, la voce ammaliante di una piccola cantante andalusa fa vibrare il suo cuore come non mai. L’impavido eroe, ormai innamorato, è disposto a tutto per lei. Non lo spaventa la fuga né la violenza, nemmeno un viaggio attraverso mezza Europa fino a Granada alla ricerca dell’incantevole creatura, in compagnia dell’estroso illusionista Georges Méliès. E finalmente, due figure delicate, fuori degli schemi, si incontrano di nuovo e si amano. L’amore è dolce scoperta, ma anche tormento e dolore, e Jack lo sperimenterà ben presto. Intriso di atmosfere che ricordano il miglior cinema di Tim Burton, ritmato da avventure di sapore cavalleresco, La meccanica del cuore è al tempo stesso una coinvolgente favola e un romanzo di formazione, in cui l’autore, con scrittura lieve ed evocativa, punteggiata di ironia, traccia un’indimenticabile metafora sul sentimento amoroso, ineluttabile nella sua misteriosa complessità.

Fonte: Giangiacomo Feltrinelli Editore

“Le parole perdute di Amelia Lynd” di Nicola Gardini, Giangiacomo Feltrinelli Editore

January 23, 2012 Leave a comment
Le parole perdute di Amelia Lynd
Nicola Gardini
Collana: I Narratori
Pagine: 240
Prezzo: Euro 16,00
L’educazione sentimentale di un ragazzo con due grandi figure materne a confronto: la madre porti-naia alla scomposta ricerca di un riscatto sociale e la “maestra” Lynd, portatrice di sapere, rigore e disperazione.
Il libro
“Due giorni dopo, finalmente, arrivava in via Icaro 15 Amelia Lynd. Per una volta l’amministratrice non aveva esagerato. Questa non era una gallina, come la mamma aveva temuto. Proprio no. Questa era un uccello nobile e variopinto, che le ali le aveva per volare.
L’Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l’eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell’immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un’anziana signora dall’incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo.
Da dove viene? Cos’ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre – diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini – e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.
Nicola Gardini racconta, con vigore e dolcezza, di un piccolo palazzo brulicante di caratteri variegatissimi che si apre però a una smagliante grandezza attraverso due indimenticabili figure femminili, porte di ingresso, l’una e l’altra in maniera diversa, al mistero di esistere.

“I Funeracconti” di Benedetta Palmieri, Giangiacomo Feltrinelli Editore

October 25, 2011 Leave a comment

I Funeracconti
Benedetta Palmieri
Collana: I Narratori
Pagine: 144
Prezzo: Euro 14,00

“Ironia. Gli sembrava quasi una parola onomatopeica. Come se il suo suono fosse già di per sé beffardo. Si chiese distrattamente se quella piega ironica avesse a che fare con qualcosa che riguardava l’aldilà. Piuttosto che preoccuparlo, la cosa fu a un passo dal divertirlo”. Dieci racconti che iniziano quando tutto finisce. Benedetta Palmieri affronta uno degli ultimi tabù con ironia partenopea e scaramantico disincanto, perché dietro la paura della morte c’è un mondo da raccontare.
Il libro
Un presenzialista dei funerali. La capintesta di una blasonata agenzia di pompe funebri. Un parco a tema che promette di far morire dal divertimento. La redazione di “Glamourt”. Un collezionista di rarissimi carri funebri. Una dama di condoglianza. Un tumulatore di animali domestici. Un necroforo di fiori d’appartamento. Le ultime volontà di un uomo generoso. Un neo-defunto alle prese con la burocrazia.

Dieci racconti che iniziano quando tutto finisce.
Dieci racconti che giocano con la morte e con le sue innumerevoli declinazioni – qualche volta drammatiche, spesso assurde, sempre umanissime.
Dieci racconti e un filo che li tiene insieme.
Benedetta Palmieri affronta uno degli ultimi tabù con ironia partenopea e scaramantico disincanto, perché dietro la paura della morte c’è un mondo da raccontare.

Fonte: Giangiacomo Feltrinelli Editore

“Senza Mai Fermarsi” di Paul Bowles, Giangiacomo Feltrinelli Editore

Listino € 30,00

Editore Feltrinelli

Collana Le Comete

Data uscita 22/03/2007

Pagine 371

Lingua Italiano

EAN 9788807530197

Paul Bowtes nasce figlio unico di una coppia appassionata di musica e buone letture. Fin da bambino il protagonista mani. festa le proprie passioni: scrive giornalini, diari di personaggi immaginari, progetta e descrive grandi, fantastici viaggi inventari. Studente irregolare, geniale e fantasioso si dedica all’apprendistato della musica, alla pittura, alla poesia, finché approda all’Università di Charlottesville, dove aveva studiato Poe. Gli incontri di questi anni, da Eliot a Cole Porter (ma anche l’acquisto del primo grammofono), risulteranno determinanti per la sua formazione intellettuale. Nel 1931 parte, senza un dollaro in tasca, per l’Europa. Rimane per un periodo a Parigi, ma si muove anche verso la Svizzera, il Belgio, la Germania… e sente parlare per la prima volta del Marocco, che diverrà il suo luogo mitico sognato. Tornato a New York, lavora in una libreria e inizia a stendere la sua biografia, continua a comporre musica, a scrivere. Conosce Aaron Copland, straordinario personaggio, che accetta di dargli lezioni quotidiane di composizione. E proprio con Copland va per la prima volta a Tangeri. Nel 1937 sposa Jane Auer, ventenne, aspirante scrittrice. Sarà un matrimonio del tutto anticonvenzionale, dato che entrambi continueranno ad avere le loro relazioni omosessuali. Negli anni trenta e quaranta viaggia nei deserti africani, nell’America Latina, in Thailandia. Nel 1949 si stabilisce a Tangeri (ma viaggerà sempre moltissimo). La sua casa sarà, negli anni sessanta, meta degli intellettuali della Beat Generarion. Paul Bowtes diviene progressivamente una figura di culto per gli anticonformisti di generazioni diverse, fino ai Rolling Stones o ad Almodovar.

Fonte: Giangiacomo Feltrinelli Editore

“Giudizio universale” di Paolo Villaggio, Giangiacomo Feltrinelli Editore

Giudizio universale – Paolo Villaggio

Collana: Varia
Pagine: 160
Prezzo: Euro 15,00

“Dottor Padre Eterno! Quell’evento incredibile! Ci siamo! È tutto finito!”

Il Padre Eterno si sforza di trovare una voce autorevole, ma tradisce una nota umana: “Io che ho la facoltà di prevedere tutto non… sono disorientato…”.

“Padre Eterno, scusa se ti do del tu…ma è successo quello che avevi previsto ancora prima della Creazione.”

“E cioè?”

“Meteoritegigantescospaccatoterra!”

L’antefatto di questa storia l’hanno scritto e raccontato in tanti – un meteorite si schianta sulla Terra, il genere umano si estingue – ma in pochi hanno descritto ciò che avviene dopo. Il dopo, secondo Paolo Villaggio, assomiglia molto a un tribunale. Ci sono i giudici – Dio, Gesù, Buddha, Maometto, le divinità indiane e diversi intrusi –, c’è un segretario – la Colomba – e ci sono i “chiamati in giudizio” – l’umanità intera. All’inizio, certo, c’è confusione, parecchia confusione. Ogni divinità vuole prevalere, avere la prima – o l’ultima – parola, stabilire la supremazia in base alla conta dei fedeli. Ben presto, però, il Giudizio comincia, non c’è tempo da perdere. In rigoroso ordine alfabetico, uomini e donne vengono invitati a esporre la bontà o meno del loro operato terreno. Paolo Villaggio compone alla sua maniera un rocambolesco ritratto di famiglia dell’Umanità. Con dissacrante ironia, con spassosa scorrettezza, con vibrante saggezza. E sullo sfondo, tra i Grandi, un piccolo ragioniere spintona per farsi largo, perché anche lui ha qualcosa da dire.

Come un cronista appassionato e curioso, Paolo Villaggio assiste alla “chiamata” e alle “testimonianze”, concentrandosi sui personaggi più noti della Storia. Da Maria Antonietta a Hitler, da Leonardo da Vinci a Cristoforo Colombo, da papa Wojtyla a Zinédine Zidane.

Fonte: Giangiacomo Feltrinelli Editore

“Fiducia e Sfiducia” di Krishnananda e Amana, Giangiacomo Feltrinelli Editore

Titolo: Fiducia e sfiducia – Imparare dalle delusioni della vita

Autori: Amana, Krishnananda

Traduzione: Giuseppe (Sw. Dhyan Prafulla)  Carnaghi

Collana: Universale Economica Oriente

Pagine: 208

Prezzo: Euro 8,00

“La qualità della nostra fiducia è misurata dallo stato della nostra vita: dall’amore che abbiamo per noi stessi, dalla profondità dell’intimità delle nostre relazioni più importanti, dalla gioia con cui affrontiamo la vita. Sviluppare una fiducia matura è il tesoro al termine dell’arcobaleno del lavoro interiore. Possiamo fare terapia all’infinito ed esplorare le ferite della nostra infanzia, ma a che cosa serve se non ci porta a un maggiore livello di vera fiducia? Mancherà sempre qualcosa di fondamentale. Abbiamo bisogno di alcune chiavi per usare le esperienze della vita che ci mettono alla prova così che diventino occasioni per aprire il nostro cuore anziché chiuderlo… Abbiamo bisogno di una struttura, di una comprensione che ci aiuti a riconoscere il valore delle delusioni e degli abbandoni, così che ci possano dare forza, anziché indebolire o distruggere la nostra fiducia nella gente e nella vita. Se vediamo il significato emozionale e spirituale dei nostri momenti difficili, allora possiamo contenere il dolore. Le delusioni e gli abbandoni ci sfidano a scoprire una fiducia reale e questo processo è un lungo cammino. Altrimenti le nostre ferite possono facilmente diventare terribili e insopportabili.” (dall’Introduzione)
Fiducia e sfiducia è stato pubblicato da Urra nel 2004.

La vera fiducia non viene da fuori, non si fonda sugli altri e sulla vita, ma è una risorsa interiore. Un libro che indaga sulle radici della sfiducia e sul modo di recuperare la sicurezza perduta.

Fonte: Giangiacomo Feltrinelli Editore