Archive

Posts Tagged ‘Dorothy Circus Gallery’

“Lost in a Fragile Myth”, personale di Ray Caesar al Dorothy Circus Gallery di Roma

October 22, 2018 Leave a comment

Lost in a Fragile Myth

By Ray Caesar 

Solo Show

Rome, October 20th – November 20th 2018

Private Preview, October 20th from 16.30 to 18.30

Public Opening, October 20th from 18.30 to 21.00

“My works are like the map of a Villa over the sea made of rooms that, in turn, give birth to even more rooms, and so on forever.” (Ray Caesar)

The new exhibition season at Dorothy Circus Gallery starts on 20th October 2018, with the show Lost in a Fragile Myth, an aesthetic and emotional encounter with the work of the artist Ray Caesar, renowned as the king of digital art avantgardes.

Four years after the success of The Trouble with Angels, Ray Caesar returns to Rome with Lost in a Fragile Myth, a brand new and exclusive solo show composed of new masterpieces in unique edition and small-run limited editions, accompanied by rare editions now sold out for some time.

The master Caesar, as a landlord in his own imaginary of the inconnu – always enriched of surprises and broaden on an intimate language – accompanies us once again through the chambers of his imagination, travelling with us across rooms decorated with caustic torments and sublime memories that crystallise in a time and place of our Soul.

In this new journey, the essence of the purest digital creativity is entwined with mythologies and contemporary symbolism, in a Provocative Surrealism where once again femininity and childhood take over – ancestral themes the artist has always identified himself with.

Caesar’s gaze opens widely on the psyche, focusing on images capable of representing the most controversial human dynamics through an unforgettable aesthetic, which involves the viewer in a waltz of soft and voluptuous aerial images defined by a dense and stratified decoration born from his greatest knowledge of 3D elaboration tools.

Motionless landscapes, rarefied atmospheres and evanescent joyful moments carry on the mysterious tale that binds Caesar’s creatures to each other, celebrating the cult of beauty through the whimsical lightness of Rococo, the sophisticated harmony of Art Deco, and the dreamlike hyper-modernity of Vanity.

With the new series of artworks in Lost in A Fragile Myth, the Artist confirms his interpretation of fragility as a healing force, in which sensuality and candour disguise with white Chemises and refined fabrics and intriguingly whispering their soft-spoken secretive language.

Lost in a Fragile Myth brings us in a Magical Time beyond this world, where the Artist, as the Landlord of Fantasy, invites us to participate in parties, games, luncheons on the grass and masked balls, with the company of his favourite artists Lancret, Fragonard, Boucher, leaving us submerged in a whirlwind of grandeur and echoes of the history of Art.

“I miei quadri sono come la mappa di una Villa sul mare composta da stanze che, a loro volta, danno origine ad ancor più stanze, e così all’infinito.” (Ray Caesar)

La nuova stagione espositiva della Dorothy Circus Gallery si aprirà il prossimo 20 Ottobre con la mostra Lost in a Fragile Myth, un incontro estetico ed emozionale con il lavoro dell’artista Ray Caesar, considerato il re delle avanguardie d’arte digitale.

Quattro anni dopo il successo di The Trouble with Angels, Ray Caesar torna a Roma con Lost in a Fragile Myth, un’inedita ed esclusiva personale che si compone di nuovi capolavori in edizione unica e in tiratura, accompagnati da rare edizioni ormai sold out da tempo.

L’abile Caesar, padrone di un prezioso immaginario dell’inconnu, sempre ricco di sorprese e dilatato su un linguaggio intimo, ci accompagna ancora una volta attraverso le camere della sua fantasia, percorrendo con noi stanze decorate da pungenti tormenti e sublimi ricordi che si cristallizzano in un tempo e luogo dell’Anima.

In questo nuovo viaggio l’essenza della più pura fantasia digitale si fonde tra mitologie e simbolismi contemporanei, in un Surrealismo Provocatorio di cui sono ancora una volta padroni femminilità e infanzia, temi ancestrali con cui l’artista si è da sempre identificato.

Lo sguardo di Caesar si apre sulla psiche, focalizzando immagini capaci di rappresentare le più controverse dinamiche umane attraverso un’estetica indimenticabile che coinvolge il visitatore in un valzer di immagini aeree, soffici e voluttuose, definite da una decorazione fitta e stratificata resa dalla più alta conoscenza degli strumenti di elaborazione 3D.

Paesaggi immobili, atmosfere rarefatte e gioie evanescenti proseguono il racconto misterioso che lega l’un l’altra le creature di Caesar, celebrando il culto della bellezza attraverso la capricciosa leggerezza del Rococò così come la sofisticata armonia dell’Art Deco, fino all’onirica iper-moderna Vanità.

Con la nuova serie di opere Lost in A Fragile Myth, l’Artista conferma la sua interpretazione della fragilità come forza generatrice in cui sensualità e candore si mascherano con bianche Chemise e raffinati tessuti, sussurrando complici il loro dolce linguaggio segreto.

Lost in a Fragile Myth ci porta in un Tempo Magico che si trova al di fuori di questo mondo, dove l’Artista, quale Landlord della Fantasia, ci invita a partecipare a feste, giochi, colazioni sull’erba e balli in maschera, in compagnia dei suoi artisti preferiti Lancret, Fragonard, Boucher, lasciandoci immersi in un turbine di suggestioni e rimandi alla storia dell’Arte.

“StraVolti”, personale di Marion Peck presso Dorothy Circus Gallery di Roma

April 22, 2018 Leave a comment

Stravolti di Marion Peck

StraVolti

Marion Peck Solo Exhibition

21st April 2018 – 28th May 2018

Via dei Pettinari 76 – 00186 Rome, Italy

Private Preview: Friday 20th April 2018 || 5pm – 8pm

Public Opening: Saturday 21st April 2018 || 5pm – 8pm

ENG / ITA

“You can really understand the creative process only through the whole series of its variations.”

(Pablo Picasso)

Dorothy Circus Gallery is proud to present “StraVolti”, a new and exclusive solo exhibition by Marion Peck, one of the most recognized and sought for artists among pop surrealism worldwide. After more than ten years, Marion Peck returns to Rome to exhibit a series of 11 highly original oil paintings on canvas, deeply inspired by the European art and cultural tradition. In this occasion, DCG will also feature the work The Actors, a masterpiece that celebrates the classical Greco-Roman culture, investigating both the symbolic and the psychological aspects of the historical and metaphorical figure of the actor. Following the success of Pages From Mind Travellers Diaries at DCG in London, which included three masterpieces of the Marion Peck’s oeuvre, the artist, who continuously researches new inspiration, opens new doors of her mind with this unique exhibition, marking an unprecedented stage of her artistic career.

Influenced by the art of Picasso, the Cubist experimentation and the interpretation of perspective plans through modern art, Marion Peck produces a selection of surreal portraits where an excellent classical pictorial technique is combined with modernity.

Characters of different ages, belonging to multiple periods, are represented on a neutral background, without any indication of their social identities and their past. In fact, the painted subjects seem to emerge from the paintings from a timeless, mysterious and fascinating space.

The figures reside at the border between past, present and future in a philosophical denial of time, which dissolves a typically Hegelian conception of history as progress to replace it with a conception of non-linear time and culture.

Each portrait is executed to perfection in a Renaissance manner and the clothing of the protagonists themselves makes direct reference to past eras that, in some way, revive in Peck’s works. But these paintings are not relegated to the past; on the contrary, they are deeply related to relevant contemporary themes and fundamental psychological theories. As it can be seen from the references to the art of Picasso, as well as to the distorted portraits of Francis Bacon, Marion Peck soberly analyses the psychology of her characters, thus inducing viewers to do the same. The pictorial approach of Marion Peck is in fact strongly psychological. The strange faces of Peck open onto a perception-less dimension bringing to light the fragility and insecurity that arises from an induced perceptual alteration. Gently holding our subconscious, the artist breaks down and recomposes her characters, distorting their beauty to give life to a new reading of the same faces.

Through the use of a sublime pictorial technique that adorns the strangest and most contorted forms, Peck manages to highlight the elegance and perfection of her exaggerated faces, which we learn to observe from many points of view. Another “Ego” emerges from this strange beauty, freed from the fears of self-acceptance, capable of self-irony in strong contrast with the etiquette of a social system that tends to the homologation of the personality.

The artist’s important statement on re-defying beauty rises upon this analysis, which takes into account a historical contemporary time in which physical appearance reigns.

While we live the disturbing phenomenon of showcasing our portrait every day, following the standards of the mask that forces us to imposed aesthetic canons, in an exaggerated tendency to embellishment (either surgically or virtually), the portraits of Marion Peck demonstrate how strangeness and the particularity may manifest themselves among the purest forms of beauty. In this way, Peck points her finger to criticize a remarkably contemporary collective malaise and fear of weirdos as a dangerous denial of uniqueness.

“Are you lost in the world like me? If the systems have failed? are you free? “(Moby)

“Si può capire davvero l’atto creativo solo attraverso una serie di tutte le sue variazioni” 

(Pablo Picasso)

La Dorothy Circus Gallery è orgogliosa di presentare “StraVolti”, una nuova ed esclusiva mostra personale di Marion Peck, tra le artiste più riconosciute e seguite del pop surrealismo a livello mondiale. Dopo più di dieci anni, Marion Peck torna a Roma per esporre una serie di 11 originalissimi ritratti ad olio su tavola, profondamente ispirati alla tradizione artistica e culturale europea. Per l’occasione verrà anche esposta eccezionalmente l’opera The Actors, capolavoro dell’artista che celebra la cultura classica greco-romana, investigando sia gli aspetti simbolici che quelli psicologici della figura storica e metaforica dell’attore.

Facendo seguito al successo di “Pages From Mind Travellers Diaries” presso la DCG di Londra, che includeva tre capolavori dell’oeuvre di Marion Peck, l’artista, che ama rinnovare la propria ricerca, apre con questa inedita mostra nuove stanze della sua mente, segnando un’inedita tappa della sua carriera artistica.

Influenzata dall’arte di Picasso, dalla sperimentazione cubista e dall’interpretazione dei piani prospettici attraverso l’arte moderna, Marion Peck elabora una sequenza di surreal portraits in cui è protagonista una squisita tecnica pittorica classica affiancata dalla modernità e dal contemporaneo. Personaggi di diverse età, provenienti da epoche diverse, vengono rappresentati su uno sfondo neutrale, senza alcuna indicazione delle loro identità sociali e del loro passato. I soggetti dipinti sembrano infatti emergere dai quadri in uno spazio a-temporale, misterioso e affascinante.

Le figure risiedono al confine tra passato, presente e futuro in una filosofica negazione del Tempo che dissolve una concezione tipicamente hegeliana di storia come progresso, per rimpiazzarla con una concezione del Tempo e della cultura non lineare. Ogni ritratto è eseguito alla perfezione in maniera rinascimentale e l’abbigliamento dei protagonisti stessi fa diretto riferimento ad epoche passate che, in qualche modo, rivivono nei lavori di Peck. Ma questi dipinti non sono relegati nel passato. Al contrario, sono profondamente pervasi da importanti temi contemporanei e teorie psicologiche fondamentali. Come si può già notare dai riferimenti all’arte di Picasso, così come ai ritratti distorti di Francis Bacon, Marion Peck analizza sobriamente la psicologia dei suoi personaggi, inducendo quindi gli spettatori a fare lo stesso. L’approccio pittorico di Marion Peck è infatti fortemente psicologico.

Gli Strani Volti di Peck si aprono così su un piano dispercettivo per portare alla luce la fragilità e l’insicurezza che nasce da un indotta alterazione percettiva.

Tenendo teneramente per mano il nostro subconscio, l’Artista scompone e ricompone i suoi personaggi, stravolgendone la bellezza per dare vita ad una nuova lettura della stessa.

Attraverso l’uso di una sublime tecnica pittorica che adorna le forme più strane e distorte, Peck riesce a mettere in luce l’eleganza e la perfezione dei suoi volti stravolti, che impariamo ad osservare da molteplici punti di vista.

Da questa Strana bellezza emerge un altro “io”, liberato dalle paure di accettazione di se, capace di un autoironia in forte contrasto con l’etiquette di un sistema sociale che tende all’omologazione della personalità.

Da questa analisi emerge l’importante commento che l’artista suggerisce, sulla re definizione di bellezza, che tiene conto di un presente storico in cui regna l’apparenza fisica.

Mentre viviamo l’inquietante fenomeno del mettere in mostra il proprio ritratto ogni giorno, seguendo gli standard della maschera che ci costringe a canoni estetici forzati, in una esasperata tendenza al embellishment, chirurgico e virtuale, i ritratti di Marion Peck dimostrano quanto la stranezza e la particolarità possano in realtà manifestarsi tra le forme più pure di bellezza.

Puntando il dito su un malessere collettivo estremamente contemporaneo e sulla paura del weirdo come pericolosa negazione dell’unicità.

“Because I’m a Doll”, bambole di Kazuki Takamatsu alla Dorothy Circus Gallery di Roma

May 27, 2013 Leave a comment

because I'm a doll

Roma – Dopo cinque anni di lavoro dedicato alla promozione e alla diffusione delle nuove tendenze dell’arte figurativa internazionale, sempre rivolta al Pop Surrealismo puro di altissimo livello e alle grandi star del movimento d’oltreoceano, la Dorothy Circus Gallery è orgogliosa di annunciare la prima mostra personale europea dell’artista giapponese Kazuki Takamatsu e della coreana Kwon Kyungyup.
L’attesissima nuova serie “Because I’m a Doll” di Kazuki Takamatsu per cui sono numerosissimi i collezionisti in lista d’attesa, visualizza i contenuti e le iconografie di un erotismo squisitamente orientale, legato alla natura, al manga, all’ipertecnologico e pervaso di melancholia forse nel ricordo di Hiroshima e Fukushima.
Le bambole di Kazuki Takamatsu dipinte in bianco e nero attraverso una meticolosa tecnica che nasce da uno studio digitale e prosegue nella pittura a gouache per le infinite declinazioni di bianco e di grigio danno vita ad una profondità dall’effetto “digital make up” ispirato ai raggi X.
Echi di ospedalizzazione in entrambi gli artisti, nella nuova serie della coreana
Kwon Kyungyup dal titolo “White Elegy” sono le bende, che coprono e scoprono volti immacolati, quasi alieni, contenitori di ricordi profondi e specchio di un universo rarefatto e inaccessibile di sensibilità e fragilità.
Saranno 8 le opere proposte da ciascun artista per questa attesissima mostra Italiana, 16 capolavori per i quali si stanno scatenando collezionisti di tutto il mondo, in mostra dal 13 giugno al 15 Luglio 2013 alla Dorothy Circus Gallery di Roma.

“God is Her Deejay”, mostra collettiva al Dorothy Circus Gallery di Roma

April 30, 2013 Leave a comment

locandina_new_1

Con la mostra “God is Her Deejay” la Dorothy Circus Gallery richiama ancora una volta l’attenzione del suo pubblico verso il linguaggio femminile, capace di interpretare in tutti i campi dell’arte i sentimenti più profondi, talvolta seducendo e talvolta scioccando. Gli artisti selezionati per questa mostra: Sas e Colin Christian, Afarin Sajedi e Francesca Romana Di Nunzio, hanno provenienze ed origini culturali molto diverse, eppure le loro opere hanno un elemento in comune: la donna, costantemente musa ed icona della loro arte. I personaggi femminili rappresentati sono extra-terrestri: le donne dipinte da Afarin Sajedi sono simili ad angeli, dotati di forte pazienza, profondo sacrificio e perdono. Le sculture di Francesca Romana Di Nunzio, come divinità egizie, sottolineano il legame con la madre terra e con le sue creature, ci invitano a guardare gli animali come a nostri simili. I personaggi di Colin e Sas Christian esprimono attraverso un linguaggio estremamente moderno, quasi elettronico, la forza irresistibile della bellezza, più di tutte capace di sedurre e le loro fanciulle iridescenti sembrano essere scese sulla terra da mondi alieni per conquistare, stupire e ammaliare.
Un moderno Dio aleggia nell’aria, gioca con le nostre vite, scegliendo i suoi messaggeri, e così l’Arte continua ad emozionare, e a insegnarci come trovare la grandezza dentro di noi, attraverso gli iperrealistici occhi in lacrime dipinti sulle tele di Sas Christian, mentre le gigantesche bambole tridimensionali in vetroresina di Colin Christian escono fuori dalle pareti osservandoci come Sfingi truccate da Barbie.
Perfino nel profondo e triste eco di solitudine e di morte, possiamo sentire la sinfonia di speranza e rinascita della terra, sussurrata dai pulsanti pesci umanoidi di Francesca Romana Di Nunzio e urlate dalle bocche chiuse di Afarin Sajedi.  Dal 13 Aprile al 2 Giugno 2013.

“Green Blood – Artists contribute to stop the loss of nature’s blood”, mostra collettiva alla Dorothy Circus Gallery di Roma

June 13, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Artists contribute to stop the loss of nature’s blood
Charity Group Show for Greenpeace
A cura di Alexandra Mazzanti e Tara McPherson
14 Giugno – 20 Luglio 2012 / inaugurazione 14 Giugno alle 19:00
Il sangue verde della natura differisce dal nostro solo per un atomo, il magnesio al posto del ferro. Gemelli degli alberi e dipendenti gli uni dagli altri.
Un legame atavico da cui nasce il fulcro dell’elaborazione delle dottrine mistiche riguardanti l’aspetto segreto del creato.
L’albero ricorre da sempre quale sim¬bolo della vita.
Nella cabalà è il programma secondo il quale si è svolta la creazione dei mon¬di; è il cammino di discesa lungo la quale le anime e le creature hanno raggiunto la loro forma attuale.
Esso è anche il sentiero di risalita, attraverso cui l’intero creato può ritornare al traguardo cui tutto anela: l’unità del “grembo del Creatore”.
L’“Albero della Vita” è la “scala di Giacobbe” (vedi Genesi 28), la cui base è appoggiata sulla terra, e la cui cima tocca il cielo. Agli alberi, memori dell’antico patto di sangue, alle crea¬ture dal sangue verde si ispirano gli artisti della mostra Green Blood, coinvolgendo la natura nella sua totalità e rappresentan¬done le sue entità attraverso una pittura surrealistica.
Alla mostra Green Blood curata dalla gallerista Alexandra Mazzanti assieme all’artista newyorkese Tara McPherson, hanno aderito ventisei artisti esponenti della corrente Neo Surrealista internazionale.
Tara McPherson, Jeff Soto, Martin Wittfooth, Travis Louie, Lola, Brandi Milne, Leila Ataya, Nicoletta Ceccoli, Roland Tamayo, Ana Bagayan, Scott Musgrove, Yosuke Ueno, Sergio Mora, Dave Coo¬per, Paolo Guido, Afan, Alessia Iannet¬ti, Anastasia Kurakina, Kathie Olivas, Brandt Peters, Chris Ryniak, Ixie Dar¬konn, Amanda Spayd, Mr Klevra and Corine Perier.
Gli artisti parteciperanno all’espo¬sizione che si terrà il 14 Giugno alla Dorothy Circus Gallery di Roma ciascuno con un’opera inedita composta appositamente sul tema.
Il 50% del ricavato delle vendite verrà devoluto all’Associazione Greenpeace
‘To be able to collaborate on ideas and join forces within the concept of the ‘Green Blood’ of nature is a very special opportunity for us as artists.
To show, along with the visual allure, how powerful our con¬tent and message can be within our art works.
To support our planet and those who are working to make it a better safer place, and to charities with wonderful causes.
These are the reasons I am so excited to be a part of this exhi¬bition. I feel it’s a very important aspect, even a responsibility, of being an artist; to have a voice that speaks positively to the public and to give back to the planet for important causes. I am so happy to be working along side you for this great show.’
Tara McPherson
Testo a cura di Alexandra Mazzanti

Artists contribute to stop the loss of nature’s blood
Charity Group Show for Greenpeace
Show curated by Alexandra Mazzanti and Tara McPherson
June 14th – July 20th 2012 / opening reception June 14th at 7:00 pm
The green blood of nature differs from ours only for an atom, magnesium inste¬ad of iron.
Twins of the trees and dependent upon each other. One ancestral link led to the development of the core mystical doctrines concerning the se¬cret aspect of creation.
The tree has always been used as a symbol of life.
In the Kabbalah is the program accor¬ding to which there was the creation of the world, and the path of descent along which the souls and creatures have rea¬ched their present form. It is also the path slope, through which the entire creation can return to the goal which we all long: the unity of the “womb of the Creator.” “Tree of Life” is the “Ja¬cob’s Ladder” (Genesis 28), whose base is resting on the ground and its top touches the sky.
By trees, reminiscent of the ancient blood pact, by the green blood creatures, the artists of the Green Blood are inspired, involving the nature in its entirety and representing its entities through a surrealistic painting.
Green Blood show, curated by Alexandra Mazzanti with New York artist Tara McPherson, features twenty-six international artists from the Neo Surrealist scene.
Tara McPherson, Jeff Soto, Martin Wittfooth, Travis Louie, Lola, Brandi Milne, Leila Ataya, Nicoletta Ceccoli, Roland Tamayo, Ana Bagayan, Scott Musgro¬ve, Yosuke Ueno, Sergio Mora, Dave Cooper, Paolo Guido, Afan, Alessia Iannetti, Anastasia Kurakina, Kathie Olivas, Brandt Peters, Chris Ryniak, Ixie Darkonn, Amanda Spayd, Mr Klevra and Corine Perier.
The artists will participate to the exhibition that will take place on June 14th 2012 at Dorothy Circus Gallery in Rome, each with a brand new artwork composed on the Green Blood theme. 50% of the proceeds from sales will be donated to Greenpeace.
‘To be able to collaborate on ideas and join forces within the concept of the ‘Green Blood’ of nature is a very special opportunity for us as artists.
To show, along with the visual allure, how powerful our con¬tent and message can be within our art works.
To support our planet and those who are working to make it a better safer place, and to charities with wonderful causes.
These are the reasons I am so excited to be a part of this exhi¬bition. I feel it’s a very important aspect, even a responsibility, of being an artist; to have a voice that speaks positively to the public and to give back to the planet for important causes. I am so happy to be working along side you for this great show.’
Tara McPherson
Foreword by Alexandra Mazzanti

“In a garden where – Joe Sorren”, mostra alla Dorothy Circus Gallery di Roma

October 5, 2011 Leave a comment

Roma – In occasione del quinto compleanno della Dorothy Circus Gallery, il 7 ottobre si apre inaugura una mostra che vede protagonista Joe Sorren, uno dei maggiori rappresentanti del Pop Surrealismo popolato di bizzarre creature misteriose dipinte ad olio. Un eclettico artista che vela di malinconia i suoi personaggi surreali che dipinge su tela oppure disegna su muri e che è stato pubblicato in varie pubblicazioni come The New Yorker, Time, Rolling Stone.
Un suo murale di 12×9 metri si trova a Falgstaff in Arizona, frutto del lavoro di 9 mesi.
Alla Dorothy Circus Gallery espone anche alcune opere inedite create appositamente per questa esposizione in Italia.

In a garden where – Joe Sorren
dal 7 ottobre al 23 dicembre 2011
per informazioni: Alexandra Mazzanti