Archive

Posts Tagged ‘Dalai Editore’

“La casa di pan di zenzero” di Carin Gerhardsen, Dalai Editore

October 14, 2011 Leave a comment

Codice ISBN 88-6620-102
Autore Carin Gerhardsen
Traduttore Renato Zatti e Gabriella Bonalumi
Anno di produzione 2011
Confezione brossura con alette
Pagine 256
Argomento Thriller e noir
Prezzo: €20,00

È un tardo lunedì pomeriggio di novembre a Stoccolma, la neve cade fitta e il buio già sta calando sulla città. Un uomo sale sulla metropolitana, si abbandona sul sedile. Osserva le facce grigie e tristi che lo circondano e si sente felice. Forse no, felice è troppo, ma senz’altro è soddisfatto: ha un buon lavoro, è sposato, è padre di tre figli. Una sola cosa lo inquieta: uno sguardo insistente riflesso nel finestrino. Quando alla sua fermata l’uomo scende, non si accorge che qualcuno lo sta seguendo…

Inizia così l’incubo in cui precipiterà Stoccolma per giorni, una serie di efferati omicidi apparentemente irrelati che terranno in scacco la polizia, incapace di venirne a capo, tra errori e false piste. L’indagine viene affidata a Conny Sjöberg, commissario della stazione di Hammarby, e alla sua squadra. Poco alla volta il poliziotto dovrà ricostruire le motivazioni che spingono l’assassino a uccidere. Sarà una lotta contro il tempo e contro le sue stesse paure. Ma forse la soluzione è contenuta nella risposta a un’unica domanda: quanto a lungo può attendere la vendetta?

Carin Gerhardsen (1962) è laureata in matematica. Ha iniziato a scrivere molto giovane, poi ha preferito proseguire la propria attività scientifica. È tornata alla letteratura pochi anni fa e nel 2008 ha pubblicato La casa di pan di zenzero, il primo volume della «Serie di Hammarby» (che verrà pubblicata integralmente da Dalai editore), con cui ha subito eguagliato i successi di Stieg Larsson e Camilla Läckberg.

Fonte: Dalai Editore

“Cul-de-sac” di Alberto Custerlina, Dalai Editore

October 13, 2011 Leave a comment

Codice ISBN 88-6620-106
Autore Alberto Custerlina
Anno di produzione 2011
Pagine 192
Argomento Thriller e noir
Prezzo: €17,00

A Trieste, leggere la pagina della cronaca nera è noioso quanto fare la fila alle poste. Ci penserà Ljudmila Horvat, killer croata e fervente cattolica, a movimentare la sonnolenta città spazzata da una bora gelida. In compagnia di un ex poliziotto croato-bosniaco, la donna dovrà impedire che un oligarca russo riesca a portare a termine il suo piano criminoso: mettere in piedi un traffico illecito di uranio dal Congo verso l’Iran. A complicare la situazione entra in gioco Zeno Weber, ex mercenario triestino che, suo malgrado, si troverà coinvolto negli eventi.
Con Cul-de-sac Alberto Custerlina sposta il mirino sul confine occidentale dei Balcani, mettendo in scena tre storie intrecciate che, in una escalation di avvenimenti, trascineranno i protagonisti in un abisso senza fondo, tra fascisti irriducibili, mafiosi russi, banchieri corrotti, poliziotti convinti di avere le mani troppo legate, organizzazioni segrete e criminali di bassa lega, tutti accomunati dalla smania di potere e di soldi, tutti personaggi di una tragedia umana fin troppo reale.

Alberto Custerlina, classe 1965, è nato e vive a Trieste. Ha esordito nel 2008 con Balkan bang! (Bologna 2008 – Milano 2010). Nel 2009 è stato finalista al Premio Camaiore di Letteratura Gialla e giurato per la sesta edizione del premio Lama e Trama. Mano Nera, il suo secondo romanzo, è uscito a luglio 2010 per Dalai editore e ha riscosso un notevole successo di pubblico e di critica. Cul-de-sac è il suo terzo romanzo.

Fonte: Dalai Editore

“Il burattinaio” di Francesco Barbi, Dalai Editore

October 12, 2011 Leave a comment

Codice ISBN 88-6620-103
Autore Francesco Barbi
Anno di produzione 2011
Pagine 544
Prezzo: €20,00

L’Oracolo, sopravvissuto sette volte al Tocco della Luce, ha predetto la caduta del Regno di Olm. L’Arconte Ossor, uno dei pochi che ancora credono nel potere del chiaroveggente, torna a consultarlo e si convince che l’imminente catastrofe sia in qualche modo legata alla scomparsa del mostro di Giloc, precipitato quattro anni prima, in circostanze alquanto misteriose, sul fondo di un crepaccio nelle lontane Terre di Confine.
Un manipolo di Guardiani dell’Equilibrio, inquisitori incaricati di reprimere ogni forma di eresia e stregoneria, parte da Olm per far luce sulla vicenda. È il loro capo, l’Indice, a sovrintendere alle operazioni per la riesumazione del mostro e a condurre le indagini circa la comparsa di un presunto stregone nel vicino paese di Tilos. Schiavo della spinavera e spietato, raccoglie voci e dicerie, interroga e tortura i paesani per scoprire l’identità e la dimora di colui che cerca. Fiuta e segue le tracce dell’acchiapparatti di nome Zaccaria fino a Ombroreggia, dove lo cattura e lo rinchiude in un gabbiotto di ferro per condurlo a Olm. Ma Zaccaria «ospita» in sé un terribile segreto. Ci sono giorni in cui il gobbo parla attraverso di lui. Ci sono giorni in cui è un terzo ad abitarlo…

Molti altri saranno trascinati nel viaggio attraverso e oltre le Terre di Confine, verso Olm: Gamara, il cacciatore di taglie accecato dalla sete di vendetta; i due bambini Steben e Nodo, incatenati sul carro del raccogli-orfani; Orgo il gigante, in cammino dietro di loro; la strega strabica con la procace figlia adottiva e l’amica ex prostituta, unite nel disperato tentativo di salvarsi e di salvare Zaccaria. Tutti protagonisti, tutti ignari di essere pedine nelle mani del burattinaio. Non è un caso che il mostro in decomposizione, nascosto su una chiatta, venga condotto via fiume nella stessa direzione. Il burattinaio aspetta da lungo tempo. Ha concepito un piano diabolico.

Francesco Barbi è nato a Pisa nel 1975. Laureato in Scienze Fisiche, è insegnante di matematica e fisica nella scuola superiore. L’acchiapparatti, il suo romanzo d’esordio, pubblicato da Dalai editore nel 2010, ha riscosso un notevole successo di pubblico e di critica.

Fonte: Dalai Editore

Categories: Lectio Tags: ,

“L’amante delle sedie volanti” di Maria Tronca, Dalai Editore

October 11, 2011 Leave a comment
Codice ISBN 88-7738-504
Autore Maria Tronca
Anno di produzione 2011
Pagine 320
Argomento Narrativa italiana
Prezzo: €19,00

Palermo, 1943: sulle macerie del palazzo dei principi Termini di Villafiorita, distrutto dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, Nicolino Arraggia, un umile «robavecchiaro», trova una sedia di incredibile bellezza, a forma di donna. Il prezioso manufatto, realizzato nel Duecento per la principessa Isidora dal più illustre mastro d’ascia della corte imperiale palermitana, nasconde poteri magici.
Stregato dalla sedia, Nicolino deciderà di restituirla ai legittimi proprietari solo alla sua morte e vivrà con lei come fosse la sua compagna, godendo delle gioie che gli concede. La donna di legno è infatti inspiegabilmente viva e comunica con chi la possiede, regalando felicità ai puri d’animo e rovinando la vita a chi è incapace di vero amore. Sottratta a Nicolino da Mario Raccuglia, un funzionario statale avido e corrotto, la sedia passerà tra le mani di altri uomini: Raffaele Li Causi, un notaio gentile e generoso, e Stefano, un professore freddo e rapace. Tutti cadranno vittime del suo fascino, cedendo al suo suadente richiamo.
Fino a quando, nel 2009, la sedia reclamerà di tornare dalla sua padrona, Angelica Termini di Villafiorita, una giovane nobildonna che vive reclusa nel proprio palazzo, negandosi l’amore a causa del suo aspetto, fra la bella e la bestia. Quando Angelica scoprirà che la sedia è sopravvissuta ai bombardamenti e che è l’unico rimedio a un dolore terribile e antico che si tramanda da generazioni, farà di tutto per tornarne in possesso. Ma non sarà facile strapparla a Ruggero, artista dalla voce irresistibile che realizza magnifiche donne di legno in via delle Sedie Volanti…

Maria Tronca (Palermo, 1962) vive tra Milano e Palermo ed è direttrice editoriale di http://www.codavispa.it, un portale interamente dedicato agli animali, domestici e non. È inoltre co-fondatrice di Coda Vispa Social Club. Per La Tartaruga edizioni, nel 2010, ha pubblicato Rosanero, suo romanzo d’esordio, che ha riscosso un buon successo di pubblico e di critica.

Categories: Lectio Tags: ,

““La verità nascosta” di Angelica Garnett, Dalai Editore

October 10, 2011 Leave a comment

Codice ISBN 88-7738-505
Autore Angelica Garnett
Traduttore Giovanni Calarco
Anno di produzione 2011
Pagine 224
Argomento Narrativa straniera
Prezzo: €19,00

In questo libro, a metà fra autobiografia e finzione, Angelica Garnett racconta attraverso quattro storie la sua lunga vita, nascosta dietro le voci femminili delle protagoniste.
In Com’era verde la mia valle… ci immergiamo nell’infanzia di Bettina per seguire le vicende di un ménage famigliare. Diversa in una famiglia di «diversi», Bettina cerca di essere accettata, fino alla tragica scoperta di segreti e inganni che, insieme al sopraggiungere della guerra, la forzerà a un’acerba maturità. Aurore descrive l’educazione sentimentale della timida e giovanissima Agnès nella Parigi degli anni Trenta, ospite presso Juliana e Gilles, una coppia di artisti. Abbandonati i sogni di una carriera teatrale, Agnès si ritroverà moglie e madre nella Londra devastata dai bombardamenti. Quando rincontrerà Juliana e Gilles, sarà la loro figlia, Aurore, attrice di talento, a risvegliare la sua gelosia finché si giungerà a un drammatico epilogo. La festa di compleanno e Amicizia narrano rispettivamente di Emily, per l’ultima volta in visita a un misterioso pittore morente, e di Helen, anziana artista, nella cui solitudine irrompono un giovane fotografo e una promettente scultrice: l’idilliaco rapporto prenderà una piega imprevista, amara e distruttiva.
Enigmatiche vicende famigliari, amicizie, tradimenti, rimorsi inconfessabili e, su tutto, l’incombente ombra di un passato irrisolto che continuamente riaffiora, danno vita a un quartetto di storie, che ritraggono ora il dissidio fra dedizione all’arte e ricerca di contatti umani, ora il bisogno dell’autrice di individuare il proprio posto non solo all’interno del suo circolo famigliare, ma anche in un mondo in perpetuo mutamento.

Angelica Garnett (Charleston, 1918), figlia di Vanessa Bell – sorella di Virginia Woolf – e Duncan Grant, ha trascorso la sua infanzia circondata dall’atmosfera intellettuale della sua famiglia e respirando il clima del Bloomsbury Group, di cui è l’ultima erede. Ha studiato recitazione, per poi dedicarsi al disegno, alla pittura, all’illustrazione e alla decorazione. Nel 1942 ha sposato David Garnett, da cui ha avuto quattro figlie. Vive in Francia. Con Ingannata con dolcezza (La Tartaruga edizioni, 2011) ha vinto numerosi premi tra cui il J.R. Ackerley per la migliore autobiografia.

Fonte: Dalai Editore