Archive

Posts Tagged ‘Cindy Sherman’

Cindy Sherman, mille volti in mostra al MoMA di New York

February 29, 2012 Leave a comment

Il MoMA di New York celebra Cindy Sherman con una grande esposizione che copre il lavoro dell’artista-fotografa dagli anni Settanta a oggi. In mostra, nel tempio della contemporaneità, 180 fotografie, tra le quali spiccano i celebri “autoritratti in maschera”, che hanno usato gli stereotipi dell’iconografia maschilista proprio per ribaltare ogni stereotipo discriminatorio. La curatrice dell’esposizione, Eva Respini.”I personaggi che Cindy ha creato nell’arco della sua carriera – spiega la studiosa – vanno davvero da certi tipi femminili ispirati al cinema, come la casalinga annoiata o la vamp, arrivano a ironizzare sulle donne e gli uomini degli antichi dipinti fino ai personaggi più recenti, ispirati a una società ossessionata dalla giovinezza e dallo status sociale, e alle donne che la rappresentano”.Nata nel 1954, Cindy Sherman è diventata lo scorso anno la fotografa più quotata del mondo, con un suo scatto battuto all’asta per quasi quattro milioni di dollari. E nel suo lavoro c’è un’indagine intellettuale molto acuta, sebbene mediata dall’ironia, sulla società contemporanea. “Se pensate alla fama che si acquisisce con Facebook, YouTube o la tv – aggiunge Respini – vedete che questa ansia per il proprio status e il modo in cui noi assumiamo diverse personalità, talvolta nello stesso giorno, è un meccanismo profondo del comportamento umano. E io credo che la cosa più importante del lavoro di Cindy è che lei ha individuato esattamente come la fotografia oggia sia complice nella costruzione delle identità”.La mostra del MoMA, con il suo carico di suggestione e riflessione, resterà aperta al pubblico fino all’11 giugno.

Fonte: TMNews

”A meno di non ricorrere ad una fotografia”, collettiva di maestri e artisti alla galleria M&D arte di Milano

December 7, 2011 Leave a comment

Milano – La Galleria M&D arte presenta dall’8 dicembre al 19 febbraio una corposa collettiva di maestri e artisti di spicco del panorama internazionale. Tema la meravigliosa fotografia, intesa come strumento d’indagine e riflessione, ma anche come punto di partenza per una commistione dei nuovi linguaggi tecnologici. L’esposizione – che prende il via da una celebre citazione di Ugo Mulas – riflette «senza alcuna pretesa d’essere esauriente, né classificatoria», sullo spettro amplissimo delle pratiche fotografiche, esplorate a partire dall’orizzonte pop fino a quello postavanguardistico attuale. Un’ampia e variegata carrellata di opere compie un esaustivo viaggio attraverso le diverse chiavi interpretative di questo mezzo di espressione artistica per dar voce alle variabilità e contraddittorietà di immagini tutt’altro che oggettive. Sguardi, spesso ambigui e visionari, che sfidano (e amplificano) la ri-costruzione della realtà portando a risultati e angolazioni del tutto differenti. Apparizioni, simulacri e fantasmi che raccontano storie, morali e immaginari collettivi.
Autori: Nobuyoshi Araki, Stefano Arienti, Mattew Barney, Matteo Basilé, Bernd e Hilla Becher, Vanessa Beecroft, Monica Bonvicini, Gregory Crewdson, Sante D’Orazio, Maurizio Galimberti, Robert Gligorov, Nan Goldin, Andreas Gursky, Candida Höfer, Kim Joon, Huang Kehua, Seydou Keïta, David Lachapelle, Loretta Lux, Sally Mann, Robert Mapplethorpe, Tracey Moffatt, Yasumasa Morimura, Vik Muniz, Shirin Neshat, Helmut Newton, Luigi Ontani, Steven Parrino, Andreas Perlick, Paola Pivi, Arnulf Rainer, Gerhard Richter, Thomas Ruff, Sebastião Salgado, Jan Saudek, Andres Serrano, Cindy Sherman, Sandy Skoglund, Jemima Stehli, Thomas Struth, Hiroshi Sugimoto, Wolfgang Tillmans, Grazia Toderi, Giovanna Torresin, Paolo Vegas, Massimo Vitali,Autori: Nobuyoshi Araki, Stefano Arienti, Mattew Barney, Matteo Basilé, Bernd e Hilla Becher, Vanessa Beecroft, Monica Bonvicini, Gregory Crewdson, Sante D’Orazio, Maurizio Galimberti, Robert Gligorov, Nan Goldin, Andreas Gursky, Candida Höfer, Kim Joon, Huang Kehua, Seydou Keïta, David Lachapelle, Loretta Lux, Sally Mann, Robert Mapplethorpe, Tracey Moffatt, Yasumasa Morimura, Vik Muniz, Shirin Neshat, Helmut Newton, Luigi Ontani, Steven Parrino, Andreas Perlick, Paola Pivi, Arnulf Rainer, Gerhard Richter, Thomas Ruff, Sebastião Salgado, Jan Saudek, Andres Serrano, Cindy Sherman, Sandy Skoglund, Jemima Stehli, Thomas Struth, Hiroshi Sugimoto, Wolfgang Tillmans, Grazia Toderi, Giovanna Torresin, Paolo Vegas, Massimo Vitali, Andy Warhol.
M&D arte Via Monsignor Cazzaniga 43, 20064 Gorgonzola (MI); Tel. (0039) 02 95305926; Orari: martedì – sabato 10.30/19.00; domenica 10.30-12.30, chiuso lunedì e festivi.