Archive

Posts Tagged ‘Arabia Saudita’

Arabia Saudita, donne picchiano i propri mariti

Accertati fino ad oggi circa 145 casi di aggressioni fisiche commesse dalle mogli nei confronti dei loro mariti, soltanto nella città saudita di Gedda nell’arco di tempo di un solo mese. Il dato è stato reso noto dal quotidiano Al Yawm che lo ha estrapolato da una relazione della Polizia provinciale. I casi di aggressione domestica da parte delle donne pare siano aumentati del 20% su base annua. Le ragioni di queste aggressioni spesso risiedono in motivazioni derivanti dal tradimento e dal denaro.

Carla Liberatore

Categories: Amazighen, Sententia Tags: ,

Manal al-Sherif, patente interdetta per le donne in Arabia Saudita

Il regime repressivo islamico a volte ha anche del grottesco, infatti in Arabia Saudita oltre a tutta un’altra serie di benefici che spesso sono anche necessari, alle donne è vietatissimo guidare l’automobile. Manal al-Sherif, una donna saudita di 32 anni è stata arrestata con l’accusa di turbamento dell’ordine pubblico e di grave contravvenzione alle norme coraniche. La sua colpa è quella di aver avuto l’ardire di guidare un’auto nell’unico Paese al mondo in cui è vietato alle donne prendere la patente. Manal non si è però limitata al solo gesto di guidare la macchina, ha proprio intrapreso tramite Facebook, una campagna di sensibilizzazione con lo slogan ‘Insegnami a guidare così posso proteggermi’. Manal nella sua pagina spiega che nel suo Paese, l’impossibilità per le donne di guidare costringe ad assumere un autista che costa mediamente dai 300 ai 400 dollari per portare le donne a scuola, al lavoro, a fare la spesa e dal medico. Chi non può permetterselo, ossia le famiglie meno abbienti, deve contare per forza sui familiari di sesso maschile i quali non sempre sono disponibili. Manal spiega anche che l’attuale divieto vigente è nato dal presupposto discutibile che la guida dell’auto potrebbe esporre le donne a tentazioni peccaminose permettendo loro di mescolarsi con poliziotti e meccanici. La ragazza saudita ha invece fatto presente che semmai è il contrario perché la possibilità di guidare per le donne risolverebbe molti problemi pratici, le tutelerebbe dalle molestie sessuali degli autisti dai quali devono dipendere e ridarebbe all’universo femminile saudita quella dignità che è sotto questo aspetto ancora negata.

Carla Liberatore