Archive

Archive for the ‘Leisure Book’ Category

“The Devil”, atlante illustrato del lato oscuro di Demetrio Paparoni, 24 ORE Cultura

April 3, 2017 Leave a comment

The Devil. Atlante illustrato del lato oscuro a cura di Demetrio Paparoni

The Devil. Atlante illustrato del lato oscuro a cura di Demetrio Paparoni

Il male è una componente dinamica della vita. La sua presenza nell’arte, come personificazione o come emanazione, rivela anche la struttura essenzialmente polare del pensiero umano.
Con una ricchissima storia per immagini dedicata alla storia, alla simbologia e alle manifestazioni del diavolo nell’immaginario collettivo di ieri e di oggi, Demetrio Paparoni analizza la rappresentazione del demonio e delle manifestazioni del maligno nelle arti d’Occidente e d’Oriente, di ieri e di oggi: da Giotto a Picasso, da Pollock a Serrano, dai tarocchi ai videogiochi.

Nell’Atlante, con un linguaggio chiaro e accattivante Paparoni introduce la figura del diavolo attraverso capolavori della storia dell’arte, incisioni, manifesti, tarocchi, cover di dischi, film, fumetti, oggetti di moda e design, e altre curiosità sul mondo dei demoni, dell’occulto e della stregoneria.

Scrive Paparoni: «La capacità di creare conflitti è insita nell’etimologia della parola “diavolo”, dal greco “dia-ballein”, che significa “separare”. Il diavolo è colui che separa l’uomo dalla compiutezza cui aspira… Che si creda o no alla sua esistenza, rimane il fatto che, continuando a rappresentare nella maggior parte dei casi la perfidia e l’inganno, la flebile fiamma del diavolo, nella sua narrazione originaria, ci ricorda che per giungere alla pienezza del sé l’individuo deve fare i conti con le negatività che si nascondono nel proprio inconscio».

Una selezione di fotografie tratte dal libro sulla figura del diavolo di Wang Guangyi, Guido Harari, Tony Oursler, Andres Serrano, Paul Solberg e Morten Viksum a cura di Demetrio

Demetrio Paparoni (Siracusa, 1954), critico, saggista e curatore, fra i più attenti osservatori dell’arte contemporanea, ha fondato la rivista d’arte contemporanea Tema Celeste nel 1983. Ha insegnato Storia dell’Arte Moderna e Contemporanea alla Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Catania dal 1996 al 2008. Ha curato numerose mostre tra cui Anish Kapoor e Tony Oursler con Gianni Mercurio (2011) e le monografie di Jonathan Lasker (2002); Chuck Close (2002); Wang Guangyi (2013). Tra i saggi recenti: Eretica, Skira, 2006; Il corpo vedente dell’arte, Castelvecchi, 1997; Il corpo parlante dell’arte, 1997; L’arte contemporanea e il suo metodo, Neri Pozza, 2005; Il bello, il buono e il cattivo /Come la politica ha condizionato l’arte negli ultimi cento anni, Ponte alle Grazie, 2014; Cristo e l’impronta dell’arte, Skira, 2015; The Devil, 24 Ore Cultura, 2017.

The Devil. Atlante illustrato del lato oscuro.

Da Giotto a Picasso, da Pollock a Serrano, dai tarocchi ai videogiochi a cura di Demetrio Paparoni
Cartonato 16,5×24 cm, 384 pagine, 400 illustrazioni
Pubblicato da 24 ORE Cultura 35,00 €

“ROBOT”, libro di Luca Beatrice, 24 Ore Cultura

April 3, 2017 Leave a comment
robot Luca Beatrice
ROBOT Il grande atlante visivo sul robot, dall’antica Grecia alle intelligenze artificiali

A cura di Luca Beatrice

Il grande atlante visivo sull’estetica robot, inesauribile fonte di ispirazione per la moda, la musica e il design.
Fin dall’epoca rinascimentale, l’uomo tenta di costruire una copia di se stesso, un automa che ne copi le funzioni, e anzi possibilmente le migliori.
E infatti non c’è disciplina culturale che non abbia guardato alla robotica come a un campo di indagine ricco e stimolante, con accezioni e significati ogni volta diversi. Il robot tamburino di Leonardo da Vinci e l’uomo-macchina futurista; la letteratura (da Frankenstein a Isaac Asimov); il teatro (Edward Gordon Craig e l’attore come supermarionetta); la musica (dalla disco music contemporanea dei Daft Punk passando per i Kraftwerk, la band di krautrock che a fine concerto si faceva sostituire da altrettanti manichini); il cinema (da Metropolis di Fritz Lang a Blade Runner, dal genio di Stanley Kubrick alla saga di Guerre Stellari). I fumetti e le serie tv animate (a cominciare da Astro Boy fino alla saga dei supereroi americani della Marvel, per arrivare ai giapponesi Mazinga e Jeeg Robot d’Acciaio); e ancora il design, l’architettura e la moda: un ricchissimo immaginario artificiale in continua evoluzione. E oggi, che esiste il computer, vero robot dell’era contemporanea, quello vecchio di latta e acciaio ha assunto un irresistibile sapore vintage che lo rende ancor più affascinante e caro.

272 pagine •

200 immagini e illustrazioni

35,00 €

978-88-6648-319-9

Cartonato 21 x 28,5 cm

24 Ore Cultura

“Piccola enciclopedia dei mostri e delle creature fantastiche”, libro di Orazio Labbate, 24 Ore Cultura

April 3, 2017 Leave a comment

Piccola enciclopedia dei mostri e delle creature fantastiche. Storia illustrata dei 50 mostri che rendono questo mondo un posto spaventoso

Piccola enciclopedia dei mostri e delle creature fantastiche. Storia illustrata dei 50 mostri che rendono questo mondo un posto spaventoso

Nel suo nuovo libro, Piccola enciclopedia dei mostri e delle creature fantastiche, Orazio Labbate traccia una storia dei cinquanta mostri che rendono questo mondo un posto spaventoso. Draghi, orchi, folletti, sirene e tutto il meglio (e il peggio) di ciò che la nostra fantasia ha saputo creare. Al testo sono affiancate le illustrazioni di Marco Ugoni.

Orazio Labbate è nato a Mazzarino nel 1985 ma ha vissuto sin dall’infanzia a Butera; si è poi laureato in Giurisprudenza all’Università Bocconi.
Ha collaborato per Viaggi 24, rubrica de Il Sole 24 Ore. Collabora con le pagine culturali Domenica24 de Il Sole 24 Ore on line. Ha curato la rubrica ScifiLiterature per Nova24, Il Sole 24 Ore.
Collabora con Il Mucchio Selvaggio. Consulente dell’editore LiberAria.
Scrive per le riviste online: “Il primo amore” ,“Repubblica nomade” e suoi lavori sono apparsi su “Nuovi Argomenti” e “Achab” e “Nazione Indiana”. Cura la rubrica Mostri notturni su Fuori Asse.
Un racconto tradotto da Anne Milano Appel è stato pubblicato per le riviste americane: PEN/America e Guernica.
Per Tenué ha pubblicato il romanzo “Lo Scuru” (2014).
Illustratore: M. Ugoni
Editore: 24 Ore Cultura
Anno edizione: 2016
Pagine: 123 p. , ill. , Rilegato
  • EAN: 9788866483427

Una rivoluzione di cera”, libro di Andrea Daninos, Officina Libraria

April 2, 2017 Leave a comment

Una rivoluzione di cera

Il libro racconta la storia delle esposizioni di figure in cera a grandezza naturale nella Francia rivoluzionaria, all’origine dei moderni musei delle cere. Attraverso le biografie dei principali protagonisti viene esplorato un fenomeno che godette di grande popolarità per più di due secoli. L’autore si sofferma brevemente su Antoine Benoist, celebre ai tempi di Luigi XIV, per dedicarsi poi alla vita e alle opere di Philippe Curtius – padre della futura Madame Tussaud – che operò a Parigi negli anni della Rivoluzione vivendone alcuni momenti chiave in prima persona: erano suoi, ad esempio, i busti in cera del ministro Necker e del duca d’Orléans portati in trionfo dalla folla il 12 luglio 1789 negli scontri alle Tuileries che diedero il via ai moti rivoluzionari. Viene poi riportata alla luce la figura dello scultore piemontese Francesco Orso, attivo nella seconda metà del Settecento e unico tra i piemontesi a realizzare ritratti in cera policroma, di impressionante realismo. Trasferitosi a Parigi dal 1785 e mutato il nome in Orsy, aprirà un’esposizione di figure in cera che sarà anch’essa toccata degli eventi rivoluzionari. Il volume presenta infine il catalogo completo delle opere di Francesco Orso e una ricca appendice documentaria con numerosi inediti provenienti dagli archivi francesi e italiani.

Listino:€ 19,90

Editore:Officina Libraria

Data uscita:03/03/2016

Pagine:199

Formato:rilegato

Lingua:Italiano

EAN:9788897737759

“Metodo Cappellini. Il sogno declinato” di Francesca Serrazanetti, Mondadori Electa

October 4, 2016 Leave a comment

metodo-cappellini-il-sogno-declinato-libro-1280x677

Cappellini non è solo il progetto di un’azienda di mobili contemporanei: è un’officina delle idee, un progetto globale che ha saputo raccogliere e delineare nuove tendenze culturali, scoprire nuovi talenti come Jasper Morrison o i fratelli Bouroullec, creare oggetti dall’identità forte e raffinata, cercando di dare risposta ai desideri più privati delle persone e di lavorare allo stesso tempo sull’innovazione. Il libro è uno “zibaldone” fatto di ricordi personali, incontri straordinari, oggetti di design e creazione di idee, tra fantasia e realtà. Senza bisogno di seguire una narrazione di tipo convenzionale, il lettore è libero di esplorare il dietro le quinte del mondo del design cercando la propria chiave per scoprire i segreti del “metodo” Cappellini. Al racconto fatto di parole si affianca quello delle immagini: oggetti e ritratti che hanno segnato e guidato la realizzazione di tanti piccoli sogni, che sono entrati nella storia del design, nelle collezioni dei musei ma soprattutto nelle case delle persone.

Metodo Cappellini. Il sogno declinato ha come protagonista Giulio Cappellini in un caleidoscopio di ricordi, incontri, oggetti, luoghi e, naturalmente, colori.

È la storia dell’architetto e imprenditore italiano che dagli anni Ottanta si è posto come punto di riferimento per il design contemporaneo, sapendo far dialogare il processo industriale e il recupero della tradizione artigianale, la ricerca tecnologicasui materiali e le materie prime della natura.

Nasce così Metodo Cappellini. Il sogno declinato, un volume che, attraverso immagini, racconti e appunti raccolti in trent’anni di attività, rivela un inedito criterio di analisi della storia del disegno industriale e dell’approccio al progetto.

A metà strada tra un diario personale e un’enciclopedia tradizionale, il libro si presenta come un lemmario in cui parole, nomi e concetti sono ordinati secondo uno schema logico ma, nello stesso tempo, libero.

Giulio Cappellini ha definito così una matrice di lettura che permettesse di raccontare la complessità della cultura del design, offrendo un sistema che consenta al lettore di creare una propria sequenza di consultazione, ogni volta diversa.

Il volume di 192 pagine di Francesca Serrazanetti, edito da Mondadori Electa, presenta inoltre un piano di lettura trasversale che propone una nuova categorizzazione degli argomenti trattati secondo quattro grandi temi: Identità, Incontri, Luoghi e Prodotti, su cui si basa la visione progettuale di Giulio Cappellini e dell’azienda Cappellini.

“Iconographic Handbook for the Contemporary Designer / Prontuario iconografico per il designer contemporaneo” di Guido Scarabottolo

August 9, 2016 Leave a comment

Prontuario iconografico per il designer contemporaneo%22 di Guido Scarabottolo

Iconographic Handbook for the Contemporary Designer / Prontuario iconografico per il designer contemporaneo di Guido Scarabottolo, è un’ironica e provocatoria riflessione teorica, minimalisticamente ai limiti dell’iconoclastia, sullo stato della grafica contemporanea: un agile repertorio per professionisti ed insieme un estremo manuale di esercizio per studenti e cultori della materia.

La traduzione, dall’italiano e dall’inglese, in francese, tedesco, spagnolo, greco, russo, cinese, giapponese, arabo, ebraico, bengalese, hindi, turco, svedese e swahili è stata affidata ad un rettangolo nero dagli angoli smussati.

Stampato in offset, il 29 febbraio 2016, dalla Fantigrafica di Cremona con caratteri Helvetica Neue, Heiti TC, Baghdad, Arial Hebrew, Bangla MN, Devanagari MT su carta Fedrigoni Freelife Cento 100 g. in una tiratura commerciale non dichiarata di soli 600 esemplari. La confezione in brossura filo refe stondata al taglio, con copertina in cartoncino Fedrigoni Sirio Pietra 290 g. è della Legatoria Venturini di Cremona.

Guido Scarabottolo è nato nel 1947 a Sesto San Giovanni. Laureatosi in architettura al Politecnico di Milano, entra nel 1973 a far parte dello studio Arcoquattro occupandosi di allestimenti e comunicazione, illustrazione e grafica. Attualmente i suoi disegni sono pubblicati sul domenicale del Sole24Ore e su Internazionale e, irregolarmente, su New York Times e New Yorker. Sue sono molte delle copertine delle edizioni Guanda, per cui ha curato anche la veste editoriale. Dopo aver realizzato a Givigliana, in Carnia, il progetto di una Pinacoteca Portatile (PiPo), nel 2010 ha fondato la Pinacoteca Universale di Topolò (PUT). Vive e lavora a Milano.

Oltre ad aver impaginato Leftovers – Rimasugli e Una vita d’artista – The Life of an Artist di Sergio Ruzzier, e impaginato e illustrato Giallo enigmistico di Danilo Premoli,  per i tipi de La Grande Illusion ha pubblicato:
Macchie solari (Sunspots)

85 x 155 mm

96 pagine

brossura stondata al taglio

29 febbraio 2016

978-88-941348-0-3

8,00 €

“L’ombra della clessidra” di Roberto Volterri, Eremon Edizioni

June 18, 2013 Leave a comment

l-ombra-della-clessidra-medL’OMBRA DELLA CLESSIDRA
Tra le ombre della storia, tra infiniti misteri, tra gli angoli più oscuri delle vicende umane
AUTORE: Roberto Volterri
PAGINE: 200
ILLUSTRAZIONI: 195 b/n
FORMATO: 15 X 21
ISBN: 978-88-89713-36-5
EURO: 16,90 (15% di sconto € 14,40)
“Historia magistra vitae est”? Qualche volta sì, qualche volta… essa dimentica di esserlo o ce ne dimentichiamo noi! Quel che appare indubitabile è la presenza – tra le sue “ombre” create dalla “Clessidra”, dall’inarrestabile fluire del Tempo – di eventi la cui spiegazione non appare subito evidente perché la documentazione disponibile non è certamente esaustiva, perché “la Storia la scrivono i vincitori”, perché gli eventi stessi sono collocati così lontani nel tempo che una buona parte di essi appare evanescente, indecifrabile, nascosta dalle nebbie degli Eoni trascorsi… Però essa è affascinante! Il dottor Roberto Volterri ha volutamente articolato questo libro sugli avvenimenti che non trovano sempre esaustive spiegazioni, alternandoli apparentemente… “a caso”. Così, insieme a qualche riflessione di matrice “religiosa” sull’Anticristo, motivata dal rinvenimento di uno strano tavolaccio ligneo ora conservato a Canossa e a alla strana, “sulfurea”, chiesa parigina di St. Merry, troverete un Capitolo sulle esoteriche ricerche di personaggi quali Isaac Newton e Robert Fludd. Seguito a ruota da Capitoli sui Lapidari astrologici, sul Graal e sugli eterni “misteri” di Rennes-le- Chateau e molto altro ancora…
Roberto Volterri ‘vede la luce’ (forse non per la prima volta) a Roma… nell’altro secolo. Laureato in Archeologia con una tesi sperimentale in Archeometria – ma con ‘non omeopaticheconoscenze’ nel campo dell’Elettronica, della Fisica, della Biologia e di qualche altra Scienza ancora da inventare – si occupa da tempo di Archeometallurgia in ambito universitario. Si interessa dai primi anni ’60 di fenomenologia ESP e degli aspetti meno consueti della realtà, successivamente studiati con semplici apparecchi elettronici da lui stesso progettati, realizzati, messi a punto e poi descritti in alcuni libri dedicati alla ricerca sull’ESP (Extra Sensory Perception), quali Psicotronica (SugarCo, 1976); Enigma Uomo (SugarCo, 1977); Alla ricerca del Pensiero (SugarCo, 1979); Psicotronica, in lingua spagnola, (Martinez Roça, 1981); Dimensione tempo (Aquarius, 1991 e, aggiornato, SugarCo 2004). Si è poi dedicato a ricerche articolate più in ambito storico-archeologico, ma inquadrate da un punto di vista ‘di frontiera’: ha pubblicato Narrano antiche cronache… (HeraBooks, 2002); L’Universo magico di Rennes-le-Château (SugarCo, 2004); Rennes-le-Château e il mistero dell’Abbazia di Carol (SugarCo, 2005); I mille volti del Graal (SugarCo, 2005); Archeologia dell’Impossibile (Edizioni Hera, 2005); Baphomet. Sulle tracce del misterioso idolo dei Templari (SugarCo, 2006); Archeologia dell’Introvabile (SugarCo, 2006); Archeologia dell’Invisibile (SugarCo, 2007); Manuale di Psicotronica sperimentale (Eremon Edizioni 2008); Miracoli? (Acacia Edizioni, 2008); Gli ‘stregoni’ della Scienza (Eremon Edizioni, 2009); Il Laboratorio del Dr. Frankenstein (Eremon Edizioni, 2011). Oltre a circa duecento articoli dedicati alle tematiche ‘misteriose’ pubblicate fin dagli anni Settanta su gli Arcani, su Abstracta e, dal 2000, sulla scomparsa rivista Hera, ha partecipato (alquanto ‘malvolentieri’!) ad alcune trasmissioni radiofoniche (Totem, su RTL 102,5) e televisive sia su reti RAI (Voyager) sia su emittenti private (Stargate e Il Sogno dell’Angelo). Per i prossimi decenni minaccia di pubblicare altri ‘incomprensibili’ libri sulle ‘nostre’ tematiche misteriose…
INTRODUZIONE
CAPITOLO PRIMO
L’Anticristo di Canossa…
…a corpore Ecclesiae avulsus sit!
Un ‘Anticristo in ‘odor di eresia, naturalmente!
Tre giorni, in ginocchio, tra la neve…
Enrico IV, uno strano tavolaccio ligneo, l’Anticristo…
“Nach Canossa, gehen Wir nicht!”
CAPITOLO SECONDO
Saint Merry, parigina “Chiesa del Male”?
Riti satanici?
Il magico Pentalfa
CAPITOLO TERZO
“Penitenziàgite!”
La Dottrina delle Tre Eta’
Il folle di Dio e i Fratelli Apostolici
I misfatti di Fra’ Dolcino
CAPITOLO QUARTO
“Nequaquam vacuum!”
“Post cxx annos patebo”
Doctor Mirabilis
Robert Fludd, John Dee, squadre, compassi…
CAPITOLO QUINTO
L’Universo magico dei Lapidari astrologici
I ‘miracolosi’ Lapidari, da Oriente ad Occidente
Il ‘Lapidario’ di Alfonso X: specchio dell’Universo?
L’odierna Cristalloterapia
CAPITOLO SESTO
Non è sempre oro quel che luccica!
L’Oro degli stolti!
Bigiotteria d’alto bordo
La “Pila di Baghdad”
“Alchimisti” del XXI secolo… a luce LASER!
CAPITOLO SETTIMO
“Di fuor dal Regno, quasi lungo il Verde…”
“Falvaterra ha molte cose notevoli…”
“Or le bagna la pioggia e move il vento…”
E se, invece, fosse a Montevergine?
CAPITOLO OTTAVO
Lassù, dove il Graal… non c’è!
I mille volti del Graal
Torino, città magica
La chiesa della Gran Madre di Dio
Come creare… una leggenda
CAPITOLO NONO
Gli infiniti “misteri” di Rennes le Chateau…
Il bassorilievo sotto l’altare
I lavori di Saunière, le grotte e…Louis de Coma
Nuovi indizi di altre stranezze…
CAPITOLO DECIMO
Il nome e il volto di Yhwh
Il Signore della Terra
Ehjeh ’asher ’ehjeh!
La “scomparsa” di YHWH
Il volto di YHWH
CAPITOLO UNDICESIMO
Allineamenti stellari anche per le piramidi di Teotihuacan?
Un’eretica ipotesi?
Prime analogie…
Per gli Atzechi era già antica…
Orione anche a Teotihuacan?
CAPITOLO DODICESIMO
Il “sorriso” che sfida la morte
Il ‘caldo abbraccio dell’Automa
CAPITOLO TREDICESIMO
Ulisse e alcune eretiche, geniali, ipotesi…
Omero nel Baltico?
Dulìchio, Same e la selvosa Zacinto…
…che sono parenti agli dei…
…eran punte sporgenti e scogli e roccioni…
Itaca cinta da mare
L’Isola di Pelope
CAPITOLO QUATTORDICESIMO
Ulisse, un Indiana Jones dell’antichità?
Un “Codice di Ulisse?”
verso le stelle de l’Orsa…
La Grotta di Fingal
Cariddi gloriosa l’acqua livida assorbe…
…chi d’essi gustava quel frutto più dolce del miele…
Il misterioso Disco di Festos
CAPITOLO QUINDICESIMO
Uno strano Tchi nan Kin, antiche tecnologie e gli onnipresenti… Cinesi!
Il ‘tassametro’ dell’antichità, in terra e…
…in mare!
Moltiplicare l’energia
Dalla Cina… con piacere!
Ma almeno il cono gelato non l’hanno inventato loro!
CAPITOLO SEDICESIMO
Un LASER molto, ma molto antico…
Ma il ‘bello’ doveva (forse) ancora venire…
CAPITOLO DICIASSETTESIMO
L’incredibile universo dei “labirinti onirici”
Lovecraft, la Mecca, un sogno di una notte di mezza estate…
Seminator di scandalo e di scisma…
Oltre il muro del sonno
CAPITOLO DICIOTTESIMO
Il nome arcano di Roma
Dalla ‘Groma’ a… Roma
I nomi ‘sacri’ di Roma
Il terzo nome ‘arcano’ di Roma
CAPITOLO DICIANNOVESIMO
I Vegli della Montagna
La nascita della Setta
Gli ‘Assassini’ e… la leggenda
‘Il Giardino del Paradiso’
Il ‘Salto nel Vuoto’…
…e l’Hashish
CAPITOLO VENTESIMO
Le rocce della fertilità
La vicinanza con le chiese…
La ‘Pietra lubricam’
La ’Preja bruja’ e il ‘Ròc d’la vita’
CAPITOLO VENTUNESIMO
Una “Nazca” in Anglia?
Il Gigante ‘itifallico’ e l’Uomo Lungo
‘Bianchi Cavalli o… ‘Draghi’?
Gli ‘evanescenti’ Gog e Magog
CAPITOLO VENTIDUESIMO
Il “mistero” delle Coppelle
L’enigmatico ‘modulo otto’, le Pleiadi…
Le coppelle… non preistoriche
Le tecniche di realizzazione
CAPITOLO VENTITREESIMO
Il misterioso Baphomet templare… era a Firenze?
Sulle tracce del Baphomet
Palazzo Vecchio, Firenze
Firenze: una tappa italiana della Sindone?
Comincia a farsi strada un dubbio…