Home > Vernissages e Mostre > “I CINETICI. Dino Gavina e il Centro Duchamp”, mostra celebrante i 50 anni del Centro a Bologna

“I CINETICI. Dino Gavina e il Centro Duchamp”, mostra celebrante i 50 anni del Centro a Bologna

Cinetici-Invito_WEB-20180125-e1516988653503-770x470

I CINETICI. Dino Gavina e il Centro Duchamp 

A 50 anni dalla fondazione del Centro Bologna omaggia il grande imprenditore del design in occasione di ArteFiera 2018 – Art City Bologna 

In Galleria Cavour e a Palazzo Zambeccari in mostra cinquanta opere di Julio Le Parc, Marina Apollonio, Edoardo Landi, Ennio Chiggio, Manfredo Massironi, Hugo Demarco, Angel Duarte, Xavier David, Getulio Alviani. 

“Le cose nascono giorno per giorno. È soltanto guardando a posteriori che t’accorgi, forse, che hai fatto una piccola cosa. Ma che ne sai prima?“. Con queste parole Dino Gavina, imprenditore istrionico e illuminato, uno dei padri del design moderno, raccontava in un’intervista di qualche anno fa la propria straordinaria avventura. Un’avventura che attraversa quel 1968 che tutto rivoluzionò, nella società, nel costume, nella storia, così come nell’arte e nel design.

A cinquant’anni dalla fondazione a Bologna del Centro Duchamp voluto da Dino Gavina, la mostra I CINETICI. Dino Gavina e il Centro Duchamp curata da Alessia Marchi in programma a Bologna dal 31 gennaio al 28 febbraio prossimi nell’ambito di Arte Fiera 2018, segnalata da ART CITY Bologna, presenta al pubblico per la prima volta insieme una selezione delle prime opere prodotte per il Centro da alcuni artisti della corrente di Arte Cinetica e Programmata. Un percorso che si snoda tra luoghi differenti – da Galleria Cavour, cuore del commercio di lusso della città ai rinascimentali Palazzo Vassè Pietramellara e Palazzo Zambeccari – che simbolicamente uniscono progettazione, produzione industriale e intuizione creativa ed artistica: ciò che accadde nel 1962 con la mostra Arte Programmata prodotta da Adriano Olivetti sulle neoavanguardie cinetiche, esposta nel suo negozio in via Vittorio Emanuele e realizzata grazie a Bruno Munari, allora consulente per l’azienda, con il catalogo curato da Umberto Eco. Un evento, quello di Olivetti, che rappresentò per la corrente cinetica e per Gavina uno spartiacque: ad esso seguì pochi anni dopo la mostra La Luce (giugno-ottobre 1967) che l’imprenditore bolognese portò nei suoi negozi di Torino, Foligno, Firenze, Bologna e Milano in collaborazione con la Galleria Obelisco di Roma. Fu proprio in contemporanea a questo evento che nacque il Centro Duchamp le cui origini risalgono alla primavera del 1967, quando a Bologna si tenne la prima riunione e «quando ancora si pensava al Centro Sperimentale Design»: all’inaugurazione prese parte anche Man Ray, considerato uno dei grandi padri delle avanguardie storiche.

La mostra ripercorre il pensiero gaviniano, “lo Steve Jobs del design” secondo le parole della curatrice della mostra Alessia Marchi “per la sua capacità di creare una piattaforma a disposizione di differenti maestranze e competenze, insieme al servizio della creazione”: e lo fa attraverso le opere degli artisti – Marina Apollonio, Julio Le Parc, Angel Duarte, Edoardo Landi, Ennio Chiggio, Hugo Demarco, Getulio Alviani, Manfredo Massironi e Xavier David– che per primi parteciparono al progetto e aderirono alla poetica dell’imprenditore che prese le mosse dall’evento Olivetti – una meravigliosa operazione di brand – e lo tradusse in produzione creando un luogo fisico per «stabilire una rete di rapporti con le categorie più diverse di operatori, in una feconda prospettiva interdisciplinare» e dando corpo alla vocazione dell’arte Cinetica, più di altre legata alla tecnologia e alla produzione industriale.

«La bruttezza e lo squallore delle piccole cose con cui viviamo a continuo contatto (dal bicchiere al lampadario, dal soprammobile alla sedia del bar) ci pongono in uno stato di costante disagio e tensione”: queste le premesse che portarono Gavina a concepire il Centro Duchamp, uno spazio che avrebbe dovuto essere, sempre secondo le sue parole, «un luogo di incontro, un laboratorio, un punto dove sia possibile fare qualcosa […] per migliorare la vita di tutti”. La factory gaviniana univa artisti, maestranze e tecnici nella produzione seriale di mobili e oggetti di arredamento. “Gli artisti, per la produzione in serie di opere d’arte e la creazione di prototipi, arrivavano con uno schizzo o un prototipo abbozzato; i collaboratori e tecnici del centro mettevano a punto il progetto” ricorda Alessandra Gavina, figlia di Dino, nell’introduzione al catalogo della mostra. “Diverse opere di Cinetici sono state realizzate qui: era fondamentale e utile per la progettazione dei mobili, era un modo, molto sentito da Gavina, per mettere l’arte in stretto legame con la produzione e la produzione al servizio dell’arte e renderla “in serie”, uno scambio fluido tra prodotto-mobile e prodotto-arte: è in quegli stessi anni che si sviluppa quello che oggi chiamiamo design”.

“Confcommercio Ascom Bologna è lieta di promuovere e di ospitare la conferenza stampa di presentazione della mostra I Cinetici. Dino Gavina e il Centro Duchamp che si svilupperà all’interno del programma Art City Bologna in occasione di Arte Fiera 2018. Importanti palazzi storici e contesti prestigiosi, rappresentativi del tessuto commerciale della nostra città quali Galleria Cavour, Palazzo e Portico Zambeccari, Palazzo Vassè Pietramellara e Sala della Meridiana dedicheranno i loro spazi agli allestimenti di questo progetto in un percorso che rende omaggio all’indimenticabile imprenditore bolognese Dino Gavina” illustra Enrico Postacchini Presidente Confcommercio Ascom Bologna.

“In questi anni, Arte Fiera ha contribuito a sviluppare, nel nostro territorio, una forte sinergia tra l’arte contemporanea, il tessuto commerciale e la valorizzazione turistica di Bologna. Le realtà imprenditoriali associate a Confcommercio Ascom Bologna – negozi, boutique e ristoranti, gallerie d’arte e antiquarie – hanno aderito ad Art City Bologna 2018 e Art City White Night attraverso un ricco percorso d’iniziative, allestimenti, mostre, promozioni speciali per accogliere in città il vasto pubblico di visitatori e di turisti atteso in occasione di questa importante manifestazione internazionale” spiega Giancarlo Tonelli Direttore Generale Confcommercio Ascom Bologna.

“Dopo aver ospitato negli ultimi due anni le mostre dedicate ad Andy Warhol e Takashi Murakami Galleria Cavour è felice di essere di nuovo al fianco di Art City con questa mostra evento di eccezionale rarità” dichiara Maurizio de Vito Piscicelli, Responsabile Marketing di Galleria Cavour. “Galleria Cavour, oltre a confermarsi luogo di shopping d’eccellenza, vuole essere un luogo aperto, un crocevia di tendenze, dove la grande Moda incontra l’Arte, la Cultura, la Bellezza e ogni forma d’Eccellenza. Per questo Galleria Cavour ha aperto le proprie porte a eventi e incontri interdisciplinari, dialogando in modo esclusivo con multiformi realtà, creative, culturali ed economiche, che rappresentano interlocutori privilegiati del Fashion, della Bellezza e dell’Eccellenza. Oltre a ciò Galleria Cavour si conferma polo delle eccellenze tra i più esclusivi d’Italia capace di attrarre quasi tre milioni di visitatori all’anno tra i quali è in forte e costante crescita la quota di turisti internazionali” 

“Palazzo Zambeccari anche quest’anno apre le proprie porte in occasione di Arte Fiera e assieme ai brand schierati sotto al Portico aderisce con Ascom all’ iniziativa di Art City e Art White night” dice Francesca Goldoni, 

Responsabile di Portico e Palazzo Zambeccari. “Le opere che verranno esposte saranno di importanti autori della corrente artistica dei Cinetici, nelle quali si esaltano l’illusione del movimento e la tridimensionalità. Quale ambientazione migliore possono avere queste opere se non le antiche logge dove soffitti e fondali sono arricchiti da prospettive di finte architetture che mostrano fughe di giardini verdeggianti e ingannevoli trompe-l’oeil. Lo spettatore di oggi, al pari dei nobili visitatori di un tempo, verrà rapito da questi magici capolavori capaci di sorprendere e rendere concreto e visibile cioè che è immaginazione e fantasia”. 

I CINETICI. Dino Gavina e il Centro Duchamp 

a cura di Alessia Marchi 

Galleria Cavour, Palazzo Vassè Pietramella, Sala della Meridiana, via Farini 14

Palazzo e Portico Zambeccari, Piazza de‘ Calderini 2/2 e via Farini 11-13

31 gennaio – 6 febbraio 2018

Spazio CAR Alfa Romeo, Galleria Cavour 1 I/L/M

31 gennaio – 28 febbraio 2018

Nell’ambito di Arte Fiera 2018 –segnalata da ART CITY Bologna -Ingresso gratuito

Vernissage 30 gennaio ore 19.30 – 21.30 – Galleria Cavour e Palazzo Zambeccari 

Grazie a: Galleria Cavour, Palazzo Zambeccari Shopping & Business, Consorzio Galleria Cavour, C.A.R. Alfa Romeo Laurent-Perrier Italia

Promosso da: CLIC, Vivere la Città, Archivio Gavina e CENTRO DUCHAMP, LuxLuxury

In collaborazione con: Confcommercio Ascom Bologna, Galleria Santo Ficara Firenze

Con il patrocinio di: Comune di Bologna, Quartiere Santo Stefano, Cineteca di Bologna, Ambasciata Argentina, Consolato Argentino

Restauri e allestimenti: Simone Cremonini per Archivio Gavina

Sostenuto da: Proflex, Trotec, Burnett Edizioni

Sponsor tecnici: Enoitalia, Ciacco Assicurazioni, Stazione Arte Roma, Instagram, TRC Bologna

Partners ufficiali: TRC, Enoitalia, Igers Bologna, Igers Modena –Hashtag ufficiale: #cinetici 

Progettazione grafica: Jean Claude Capello

Social web: Studio Samo

Marketing: Giorgia Barbieri m. 347 0895554 info@giorgiabarbieri.it

Responsabile Eventi e PR 

Rossella Barbaro m. 335 6408240 rossella.barbaro@ascom.bo.it

Ufficio stampa 

MEC&Partners 

Patrizia Semeraro m. 347 6867620 patrizia.semeraro@mec-partners.it

Luciana Apicella m. 335 7534485 luciana.apicella@mec-partners.it

Le Opere, i Luoghi 

I CINETICI I / II – Galleria Cavour, Spazio CAR Alfa Romeo, Palazzo Vassè Pietramellara e Sala della Meridiana 

Negli spazi di Galleria Cavour saranno posizionate due opere monumentali sospese di Ennio Chiggio, omaggio dell’artista a Dino Gavina, di cui fu per molti anni il grafico: Il Piombino di quasi tre metri, opera site specific appositamente creata per l’occasione, e il Grande Voliere (2010) entrambe della serie bianco-rossa.

Presente una selezione delle Dinamiche Circolari di Marina Apollonio tra cui la storica creata per il Centro Duchamp nel 1968, un cerchio in bianco e nero di oltre un metro con rotazione manuale: le opere attivate attireranno lo spettatore ipnotizzandolo e trascinandolo in vortici cinetici.

I visitatori potranno ammirare la storica opera del Centro Duchamp Fustellato di Edoardo Landi e la Cineriflessione Sferica Variabile, nelle versioni verticale e totale. Sempre di Landi in mostra i Quadrati Virtuali, la Struttura Visuale 73, due Strutturazioni Ortogonali e l‘opera 87.60 Timbri. In mostra nella Sala della Luce la mitica V36 di Angel Duarte, Xavier David con l’opera Aleph del 1969, e la Fotoriflessione Variabile di Manfredo Massironi. Infine, nello Spazio CAR, due sculture di Ennio Chiggio bianco-rosse, Disposizione Stellare (1990) e Grande Traslazione (2007).

Lo storico e monumentale Palazzo Vassè Pietramellara accoglie gli spettatori con la Dinamica Circolare 6S+S di Marina Apollonio e l’opera Mazzocchio (1973) di Ennio Chiggio, omaggio a Paolo Uccello, sospesa sullo scalone d’ingresso, che idealmente dà il benvenuto e indica il percorso verso la Sala della Meridiana dedicata ai “Cinetici della Luce”: il grande Julio Le Parc (scelto dalla maison francese Hermès come quarta storica collaborazione con l’arte contemporanea nel 2015), di cui saranno esposte le opere giovanili Galassia (1968) e Continuel Lumière mobil (1960-67) appositamente create dall’artista argentino per il Centro Duchamp e restaurate da Simone Cremonini per l’occasione, opere che Le Parc continuerà ad investigare per tutta la sua carriera. Infine una variabile del Teatro Cinetico di Hugo Demarco già presente nella Sala della Luce.

I CINETICI II / II – Palazzo e Portico Zambeccari 

Lo spettatore sarà catturato dal Fustellato di Edoardo Landi, installazione site-specific appositamente creata per il Portico Zambeccari: l’opera riflette sulla ricerca della forma nel quadrato, ma rispetto allo storico Fustellato in mostra in Galleria Cavour viene liberata e appesa in una prospettiva di colore.

Nel percorso dei cortili di Palazzo Zambeccari le ultime ricerche dei Cinetici: sono esposte le tre monumentali Strutture Visive ad anelli in bianco e nero, oltre a tre sculture sulla Diffrazione Prospettica, tutte di Ennio Chiggio. Marina Apollonio interpreta il suolo attirandoci in vortici dinamici con le sue Dinamiche Circolari mentre Getulio Alviani, Manfredo Massironi e Chiggio ci avvolgono in geometrie mobili proiettate sull’architettura del palazzo.

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: