Home > Obituario > Roger Moore, muore il grande attore britannico ex James Bond

Roger Moore, muore il grande attore britannico ex James Bond

roger-moore-w900-h900

L’attore britannico avrebbe compiuto 89 anni nel prossimo ottobre.
È stato 007 in 7 film. Il debutto con «Vivi e lascia morire» di Guy Hamilton del 1973

Nato a Stockwell, presso Londra, il 14 ottobre 1928, Roger Moore è stato uno dei signori del cinema inglese, erede di quella generazione, metti Stewart Granger, che sapeva tirar di spada o sparare ma con signorilità. L’ha vinto, dopo una dura lotta, il cancro, all’età di 88 anni inoltrati. Il grande pubblico lo identifica con il più longevo tra i 7 James Bond della storia di 007, la famosa spia al servizio di sua maestà: è stato, dopo la breve parentesi di Lazenby, l’erede di Sean Connery ed ha girato di fila 7 episodi, anche andando nello spazio (Moonraker), da Vivi e lascia morire di Guy Hamilton del ’73 a Bersaglio mobile di John Glen dell’85.

Ma gli inizi non sono da super eroe: fa il fattorino in uno studio di animazione, poi la comparsa, infine si iscrive ai corsi drammatici e come attore fa anche il soldato, recitando per le truppe e incontrando la seconda moglie. Si cala nella tradizione cavalleresca con Ivanhoe (alla tv), ruota intorno a Liz Taylor in L’ultima volta che vidi Parigi ed è il popolare beniamino di due serie action dai modi eleganti di allora, The saint e Attenti a quei due con Tony Curtis. Sono il lasciapassare per calarsi, con un plus valore di ironia, nei panni dell’agente segreto di Fleming, il ruolo che gli darà fama, onore e un pezzo di mitologia del cinema seriale, andata poi in pasto agli effetti speciali.

La gran parte della sua carriera sta in questo personaggio che salva e risalva il mondo da perfidi nemici che se ne vogliono impossessare, fra cui Telly Savalas e Donald Pleasance: fra i 7 suoi Bond ce ne sono alcuni di pregio, La spia che mi amava contro lo squalo killer dai denti di acciaio, Octopussy con Kabir Bedi e L’uomo dalla pistola d’oro in cui il villain aveva tre capezzoli oltre a quello fantascientifico girato anche a Venezia in cui va sulla Luna. Tra gli altri suoi film da ricordare I 4 dell’Oca selvaggia, Ci rivedremo all’inferno, Amici e nemici, ma forse era più a suo agio nello stile brillante dei telefilm, il gangster movie per famiglie che sapeva trovare i mezzi toni e ke sfumature oltre che puntate il revolver di 007.

Fonte: Corriere Della Sera

 

Advertisements
Categories: Obituario Tags: ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: