Home > Vernissages e Mostre > “Le evocanti cromie di Vittorio Carradore”, personale alla Galleria Ponte Rosso di Milano

“Le evocanti cromie di Vittorio Carradore”, personale alla Galleria Ponte Rosso di Milano

le-evocanti-cromie-di-vittorio-carradore1

Dal 22 settembre al 16 ottobre 2016 | Galleria Ponte Rosso via Brera 2, Milano

Da Giovedì 22 settembre 2016 ore 18, alla Galleria Ponte Rosso (via Brera 2, Milano) è in corso la mostra personale “Le evocanti cromie di VITTORIO CARRADORE”. Sono esposti oltre trenta dipinti dell’artista veronese; i lavori più recenti e una selezione di dipinti dagli anni ’90 ad oggi.
Il suo soggetto prevalente è il paesaggio naturale, tuttavia l’artista affronta anche i temi della natura morta, della composizione nell’interno e scene di vita quotidiana che interpreta in modo molto personale. 

Vittorio Carradore è nato a San Bonifacio, in provincia di Verona nel 1963. Si è avvicinato precocemente alla pittura, prima come autodidatta, poi frequentando i Corsi liberi presso l’Accademia Cignaroli della sua città dove, sotto la guida del Maestro Franco Patuzzi, ha continuato il suo percorso di ricerca dedicandosi sia allo studio del paesaggio che alla figura.
Risalgono ai primi anni ’80 le esposizioni in ambito locale, seguite poi da concorsi nazionali e mostre personali e collettive in diverse città italiane, capitali europee oltre a New York e Sidney fino a tornare nella sua città, nello scorso anno, con l’importante mostra personale al Palazzo della Gran Guardia.
L’artista espone alla Galleria Ponte Rosso dal 1995, anno della sua prima partecipazione al Premio di pittura Carlo Dalla Zorza, indetto dalla galleria. Nel 2012 Carradore ha vinto l’ottava edizione del Premio con il dipinto “Bottega a Collodi”.

Scive di lui Carlo Adelio Galimberti (giugno 2016):
“È nella scia antica della pittura veneta che si sviluppa l’opera di Vittorio Carradore, quel medesimo solco da cui è germinato il più iridescente vestito della pittura italiana. Se in altre regioni il primato l’aveva il disegno perché sapeva scandire le forme dell’esistente, è in questa terra che si è trovato e visto il più affascinante vestito pittorico d’ogni forma. Ed è su questa strada che si innesta il decisivo contributo poetico dell’opera di Carradore, facendo dello strumento cromatico il persuasivo veicolo dei sentimenti che i suoi dipinti suscitano. Un colore che nelle sue tele è protagonista perché, da sempre, è il più avvincente strumento di seduzione artistica.” (.)

La mostra resterà aperta fino a domenica 16 ottobre 2016 con il seguente orario:
da martedì a sabato 10-12.30 e 15.30-19.
Domenica 16 ottobre aperto dalle 15,30 alle 19

 

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: