Home > Vernissages e Mostre > “La mia terra”, personale di Vladimir Sutiaghin presso lo Spazio Orti di Leonardo a Milano

“La mia terra”, personale di Vladimir Sutiaghin presso lo Spazio Orti di Leonardo a Milano

Paesaggio-Vladimir-Sutiaghin-Terra-di-Nevgorod-1998

Giovedì 12 maggio dalle 19 il Ristorante Orti di Leonardo, via De Togni 6/8 inaugura “La mia terra”, personale del fotografo bielorusso Vladimir Sutiaghin a cura di Fermando Gianesini. Si tratta di una importante esposizione inserita nell’ambito della rassegna milanese Photo Festival che rivela al grande pubblico la raffinatezza di un autore capace di indagare sulla realtà del suo Paese facendone emergere gli aspetti più profondamente poetici. La mostra si inserisce nella tradizione che ha fatto degli Orti di Leonardo un luogo dove da anni vengono ospitati autori e lavori di altissima qualità nella convinzione che la ricerca del bello è uno degli aspetti indispensabili della nostra vita.

Vladimir Sutiaghin

LA MIA TERRA

Vladimir Sutiaghin, fotografo bielorusso, dopo gli studi superiori di specializzazione, ha lavorato a lungo come reporter per testate quotidiane e sulla documentazione del patrimonio artistico dei musei del suo paese. Una più autentica realizzazione di sé la si ritrova però nelle ricerche personali compiute in lunghi viaggi in cui visita rovine di chiese e templi antichi, monasteri, villaggi dove il tempo sembra essersi fermato. Affascinato dal rapporto che si stabilisce fra le rovine e il paesaggio, incuriosito dalla spiritualità dei monaci, spinto ad indagare sulla vita quotidiana dei suoi compatrioti, Vladimir Sutiaghin opera con un metodo di lavoro vicino a quello del fotoreportage classico oggi forse dimenticato perché cerca persone e luoghi, li studia, torna a vederli più volte prima di ottenere le fotografie che vuole.

Esclusi il colore perché da lui considerato troppo realistico e il bianconero tradizionale per i suoi eccessivi contrasti, Sutiaghin stampa personalmente le sue raffinate immagini impreziosendole con viaggi sepia che evocano le atmosfere delicate che il suo obiettivo sa cogliere con acume e sensibilità raccontando la bellezza di paesaggi che conservano, nella loro velata melanconia, una loro silenziosa grandiosità. Lo stesso stile si ritrova nell’indagine su una società contadina che sembra antica ed è invece contemporanea pur nei suoi carri carichi di fieno trainati da cavalli, nei suoi pozzi dotati di ingegnose strutture che consentono di estrarre l’acqua camminando all’interno di ruote collegate a ingranaggi, nelle sue tante costruzioni di legno. E poi ci sono le persone: le famiglie numerosissime dei preti ortodossi, i gruppetti di bambini che posano sorridenti, i volti antichi di contadini solcati dal tempo, le pose naturalmente aggraziate delle ragazzine che il fotografo riprende in immagini che hanno l’immediatezza leggera di certe fotografie di moda. Quando il fotografo si concentra sui paesaggi, lo sguardo si allarga fino a cogliere la grandiosità di un orizzonte lontano per poi soffermarsi con acume sulla sinuosità elegante con cui un albero sa allargare i suoi rami fino a creare una naturale armonia.

Osservando queste straordinarie immagini si comprende il grande potere evocativo della fotografia quando, come in questo caso, sa coniugare il rigore dell’indagine e il piacere per la ricerca del bello.

Roberto Mutti

VERNISSAGE
Cocktail di inaugurazione
giovedi 12 maggio 2016 – dalle ore 19 alle 22

 

Mostra Fotografica di Vladimir Sutiaghin 
” La mia Terra”
” Ristorante Orti di Leonardo “
via Aristide de Togni 6/8 – 20123 Milano – tel. 02 – 4983197
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: