Home > Ritratti > Joe Lovano e Dave Douglas

Joe Lovano e Dave Douglas

This slideshow requires JavaScript.

Il sassofonista e compositore Joe Lovano e il trombettista Dave Douglas sono due maestri indiscussi del jazz moderno nei loro rispettivi strumenti.

Nelle loro collaborazioni su dischi accolti con favore da critica e pubblico come Trio Fascination: Edition Two e, più recentemente, Stolas di John Zorn, Lovano e Douglas hanno dimostrato che le loro voci distinte e robuste possono fondersi per spingere il linguaggio in avanti sia nella composizione e che nell’improvvisazione e, nel contempo, riportare nella loro musica tutta la storia delle front-line delle precedenti generazioni.

Nel 2008, quando Lovano e Douglas erano membri del progetto SFJazzCollective, il gruppo ha reso omaggio ad un’icona vivente del jazz come Wayne Shorter producendo arrangiamenti di brani originali del sassofonista e temi composti dai membri del collettivo influenzati dalla voce compositiva di Shorter.

Quell’esperienza è stata un catalizzatore che ha portato i due strumentisti a concepire Sound Prints, un quintetto guidato da Lovano e Douglas, una vera e propria all-star ensemble in cui militano il pianista Lawrence Fields, il bassista Jame Genus e il batterista Joey Baron. Il suo repertorio unisce brani originali e nuove composizioni di Shorter, realizzate con la collaborazione diretta del sassofonista: Sound Prints rappresenta così la singolare convergenza delle traiettorie artistiche di tre grandi del jazz di oggi.

Categories: Ritratti Tags: ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: