Home > Lectio > “Mi ricordo…” di Giorgio Guazzaloca, Gruppo Perdisa Editore

“Mi ricordo…” di Giorgio Guazzaloca, Gruppo Perdisa Editore

-623- Copertina Guazzaloca.indd

“Ricordo Laura Betti, terribile e simpaticissima, che volle donare alla sua città e alla mia amministrazione l’archivio di Pier Paolo Pasolini, di cui era esecutrice testamentaria. “Però mi devi far avere a casa due belle fiorentine! Ma fai suonare direttamente al mio appartamento, altrimenti se le mangia il portiere”.
Nr. 7 – “Ricordo quando volli riportare la statua di S.Petronio al suo posto originario, sotto le Due Torri. Apriti cielo. L’opposizione di allora, con il supporto di qualche amico “esperto d’arte”, insorse. Lo smog, la pioggia, il sole ela neve avrebbero danneggiato il monumento: questo sentenziarono gli “esperti a sostegno”. Un giorno incontrai in via Rizzoli un signore che aveva letto sui giornali del “veto”, che mi apostrofò così: “Tenga duro. Anche Galvani, Garibaldi e Minghetti sono all’aperto e godono di ottima salute”. Tenni duro.
Nr. 103 – “Ricordo quando sedevo al tavolo del bar della piazza Bulgarelli e Dalla. Si formavano file di fan e loro, pazienti, firmavano autografi e si mettevano in posa per le fotografie. Erano molto spiritosi: “Vorrei cantare come te”, diceva l’uno. “Avrei voluto giocare come te…”, rispondeva l’altro”.
Nr. 98 – “Ricordo il cardinale Biffi, la volta che mi disse: “La firma in calce a un contratto è un atto inutile: di una persona onesta non serve la firma, di una disonesta la firma non vale”.
Gianni Agnelli, Giulio Andreotti, Giacomo Biffi, Lucio Dalla, Federico Fellini, Indro Montanelli, Alberto Moravia, Giorgio Napolitano, Romano Prodi, Givi Riva…
Sono solo alcuni dei personaggi che Giorgio Guazzaloca ricorda in questo libro che narra i sentimenti e gli avvenimenti di una vita intensa che lo ha visto ricoprire importanti incarichi pubblici e associativi non solo nella sua città, Bologna, ma anche a livello nazionale.
Ricordi di momenti felici e di momenti tristi che lo hanno visto protagonista, assieme a gente comune, ai suoi famigliari e spesso a noti personaggi della politica, della cultura, della scienza e dello sport.
Brevi frammenti per raccontare vicende personali e pubbliche che tracciano la storia di una città e di una nazione in un arco di tempo lungo sessant’anni, scritti con tocco lieve da un’angolazione mai retorica, franca e intellettualmente onesta.
Giorgio Guazzaloca, bolognese, 67 anni, ha ricoperto importanti incarichi pubblici e associativi fra i quali: presidente Ascom- Confcommercio Bologna, presidente Confcommercio Emilia Romagna, presidente Camera di Commercio di Bologna, consigliere Rolo Banca 1473, sindaco di Bologna e componente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust)
Dal 1986 è giornalista pubblicista. Per Alberto Perdisa editore , nel 2011, ha pubblicato “Gente di Bologna”.
Mi ricordo…
Giorgio Guazzaloca
Prezzo euro 12,00Pagine 128
Isbn 978-88-8372-623-1

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: