Home > Interviste Culturali > Sergio Maria Teutonico, intervista allo chef italiano volto noto di Alice

Sergio Maria Teutonico, intervista allo chef italiano volto noto di Alice

Sergio-Maria-Teutonico

Riscoprire le gioie della coltivazione diretta della terra, può essere un modo rilassante per trascorrere il tempo. Mangiare la frutta e la verdura coltivate con le proprie mani, può rappresentare una grande fonte di soddisfazione, senza contare che la qualità è indubbiamente migliore poiché si ha il controllo di ciò che viene utilizzato per la coltivazione. Sergio Maria Teutonico, Chef e volto noto di Alice, ha pubblicato da poco un libro dedicato all’argomento: “Colto e Mangiato” edito da LT Editore.

Viviana Musumeci lo ha intervistato.

V.M.: Come è nata la tua passione per il cibo e come sei diventato Chef?

S.M.T.: Più che una passione parlerei di abitudine: sin da piccolo ho potuto, grazie alla cucina portentosa di mia madre, nutrirmi con grande qualità e varietà di ricette. L’amore per il cibo è divenuto vocazione quando decisi di iniziare questo lavoro che mi ha portato a diventare Chef dopo tanti anni di dura fatica, seguendo i percorsi che più o meno tutti quelli che fanno il mio mestiere percorrono.

V.M.: Qual è il trend relativo alla coltivazione del cibo? E’ vero che persone di ogni genere si avvicinano sempre di più alle attività legate alla coltivazione dell’orto?

S.M.T.: Le epoche moderne hanno portato un benessere alimentare dovuto al fatto che non avevamo più bisogno di produrre il cibo,  bensì potevamo acquistarlo. La produzione di massa è via via divenuta in molti casi sinonimo di dozzinalità e approssimazione. Dopo gli ultimi anni in cui molti ricercavano esclusivamente forme di edonismo alimentare, si è ritornati a una necessità di maggiore controllo su quello che mangiamo e, conseguentemente, sia sui costi che sulla qualità. La crisi sociale ed economica che affrontiamo è stata per molti lo sprone ad iniziare una vera e consapevole auto produzione alimentare, investendo sia in materie prime che nell’acquisizione di conoscenze teorico-pratiche per l’attuazione dei propri progetti.

V.M.: E’ possibile coltivare ortaggi e frutta anche su un terrazzo piccolo? Se sì, ci daresti qualche dritta?

S.M.T.: Certo che si! Basta realizzare un piccolo terrario che può essere a muro oppure orizzontale oppure verticale. Con un metro quadrato di “terreno” si potranno tranquillamente coltivare verdure, ortaggi ed erbe aromatiche con facilità, mentre vasi capienti accoglieranno, nelle zone d’Italia dal clima meno rigido, quasi tutte le varietà di agrumi che daranno frutti ottimi. Rivolgetevi a un vivaio ben fornito e scoprirete quanto è facile e divertente coltivare pomodori, melanzane, fragole o limoni …

V.M.: Che risultato hai ottenuto la prima volta che hai coltivato qualcosa?

S.M.T.: La mia esperienza da coltivatore fu con le lenticchie, ero un bambino di 3 anni! Arrivai a raccoglierle con l’aiuto dei miei genitori per poi scoprire che il loro sapore non mi piaceva affatto! Al di là di questo mi sono dedicato per lungo tempo prima alle piante ornamentali per poi passare alla cura vera e propria del mio orto. I risultati nel tempo sono stati sempre ottimi, anche se periodicamente ho dovuto ricominciare il mio lavoro poiché la vita del cuoco è spesso nomade.

V.M.: Qual’è la tua ricetta preferita?

S.M.T.: Lo spaghetto alla carbonara!

V.M.: Ci sveli qualche segreto particolare della tua cucina?

S.M.T.: Non ho segreti nella mia cucina, il mio è un mestiere che richiede studio, applicazione, sensibilità e continuo esercizio. Non servono doti divine per fare il cuoco, bensì una ferrea ed incrollabile determinazione unita ad una sottilissima nota di follia.

V.M.: A quale ingrediente non potresti mai rinunciare?

S.M.T.: Il bravo cuoco si adegua alle circostanze e trae il meglio da quello che ha a disposizione. Se di ingrediente posso parlare riferendomi a una delle mie peculiarità non potrei di certo rinunciare alla mia libertà di pensiero, di azione e di parola nella vita e in cucina.

V.M.: Qual è il primo cibo a cui hai legato un ricordo della tua infanzia?

S.M.T.: Le lenticchie di cui ho parlato prima e più ampiamente del cibo cattivissimo che servivano nella mensa dell’asilo che frequentavo. Già da piccolo sapevo quello che volevo e questo modo di fare non mi ha mai abbandonato.

Fonte: VM-Mag

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: