Home > Lectio > “Parole sante” di Eva Clesis, Perdisapop

“Parole sante” di Eva Clesis, Perdisapop

PerdisaImager
Quando i due figli maschi, le loro consorti e la figliolanza al seguito venivano a trovare la povera malata, Viorica li vedeva sfilare con gli abiti buoni, le facce tristi e la lacrima di comodo. E mai che se ne andassero a mani vuote. Nascosto da qualche parte trovavano sempre un pupazzo, un piatto di ceramica, un orologio, una panca o un settimino tarlato che a casa loro ci sarebbe stato benissimo, ché poi, si sa, sono sempre ricordi.
In libreria dal 6 marzo.
Dal 6 marzo in libreria, prenotabile fin da ora.
Dalla scrittrice più eclettica del panorama letterario italiano, una storia avvincente come un giallo, divertente come una commedia, tagliente come un noir.
Un viaggio nella Puglia del perbenismo, tra chiesa e famiglia, per conoscere il crimine e la malafede che possono nascondersi dietro l’apparente tranquillità della provincia italiana.

A Comasia, paesino immaginario della Puglia, vivono Lina Magnano, anziana vedova che mescola religione e superstizione, e suo figlio Santo, affetto dallo stesso morbo che colpì il musicista Beethoven. Madre e figlio sono gli eredi di una famiglia un tempo importante in paese.
A loro restano oggi una grande casa, Villa Magnano, e le terre che la circondano: beni considerevoli che ora Lina vorrebbe barattare con la salvezza dell’anima, donandoli alla Chiesa nonostante l’ostilità di suo figlio.
Nessuno sa però che il parroco fidato di Lina, don Felice, che si accompagna a un sacrestano dal passato inquietante, ha un piano segreto che coinvolge i Magnano. E la faccenda si complica quando alla villa arriva come domestica la straniera Viorica, creando una concatenazione di eventi che trasformerà il tranquillo paesino del sud in un sanguinoso teatro di complotti e misfatti.
La nuova prova narrativa di Eva Clesis è un romanzo avvincente e divertente, una storia dai marcati colori pugliesi, che si muove con leggerezza solo apparente nella descrizione di pensieri e persone di una riconoscibilissima provincia italiana, senza rinunciare né all’affresco sociale né alla suspense.
Insieme satira di costume e racconto che sconfina nel migliore noir italiano, il romanzo segue i personaggi e i loro piani passo dopo passo, trascinando i lettori in una costruzione narrativa tipica del racconto più incalzante.
Tra macchinazioni, desideri nascosti e azioni criminose della gente beneducata e gentile, possiamo leggere con chiarezza la perfidia umana e l’ipocrisia, il razzismo, l’ignoranza e la prevaricazione di una cultura provinciale mascherata da perbenismo che, oltre la Puglia, di certo non manca nella gran parte del territorio italiano.
Eva Clesis è nata nel 1980 a Bari. Con questo pseudonimo ha pubblicato il saggio 101 motivi per cui le donne ragionano con il cervello e gli uomini con il pisello (Newton Compton, 2010) e i romanzi A cena con Lolita(Pendragon, 2005), Guardrail (Las Vegas, 2008), E intanto Vasco Rossi non sbaglia un disco (Newton Compton, 2011), oltre a numerosi racconti su riviste e antologie.
Parole sante
Eva Clesis
Prezzo euro 16,00Pagine 312
Isbn 978-88-8372-602-6

Categories: Lectio Tags: ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: