Archive

Archive for March, 2013

Franco Califano, muore il celebre cantante maledetto della canzone italiana

March 30, 2013 Leave a comment

Franco Califano, muore il celebre cantante maledetto della canzone italiana

Muore nella sua casa ad Acilia, vicino Roma, il famoso cantante Franco Califano, deceduto all’età di 74 anni in seguito ad una lunga grave malattia, conosciuto con il nome di ‘er Califfo’, poeta, attore e personaggio rocambolesco per el sue amicizie pericolose e il suo stile di vita fuori dagli schemi, ma un grande interprete della musica italiana. Uomo di gran fascino noir nella sua giovinezza, al pari di celebrità internazionali come Jean Paul Belmondo e Alain Delon, il bello maledetto italiano per antonomasia, ma un personaggio di grande carisma lanciato ad una vita vissuta pienamente tra agi e vicende legali, ma innamorato della sua musica coinvolgente.

Categories: Obituario Tags:

“The Fashion World of Jean Paul Gaultier: From the Sidewalk to the Catwalk”, exhibition at the Arkitekturmuseet of Stockholm

March 30, 2013 Leave a comment

header

THE FASHION WORLD OF JEAN PAUL GAULTIER
From the Sidewalk to the Catwalk
15 June – 22 September 2013
Arkitekturmuseet
“Prepare for wonder and laughter.”
EVA FRIEDE — The Montreal Gazette
“[…] the exhibition devoted to the iconoclastic French couturier is a triumph.”
SUZY MENKES — The New York Times
From June 15 to September 22, 2013, Arkitekturmuseet will present THE FASHION WORLD OF JEAN PAUL GAULTIER: From the Sidewalk to the Catwalk, the first international exhibition devoted to the celebrated French couturier.
Lena Rahoult, Director of The Swedish Museum of Architecture, comments:
“A classic always has its appointed place. Jean Paul Gaultier’s popular touch, unconstrained and exuberant creativity convey a very forceful message to society. An inspiring world in which everyone can assert their own identity, unimpeded by discrimination and prejudice. We are proud to be able to invite visitors to a fashion exhibition that is a natural part of the museum’s design mission”.
Gaultier launched his first prêt-à-porter collection in 1976 and founded his own couture house in 1997. Dubbed fashion’s enfant terrible by the press from the time of his first runway shows in the 1970s, Jean Paul Gaultier is indisputably one of the most important fashion designers of recent decades. Very early, his avant-garde fashions reflected an understanding of a multicultural society’s issues and preoccupations, shaking up – with invariable good humour – established societal and aesthetic codes.
More of a contemporary installation than a fashion retrospective, this major exhibition, which features 120 ensembles and numerous documents, is particularly innovative in the theatrical mise en scène and multimedia approach provided by UBU/Compagnie de création’s animated mannequins. Most of these pieces are being exhibited for the first time in Sweden, with exceptional loans from Madonna and Pedro Almodovar to name a few. Fashion show recordings, television programmes, films, videos, sketches and photographs by leading photographers as Andy Warhol, David LaChapelle and Cindy Sherman complete the world of Gaultier.
“I think the way people dress today is a form of artistic expression. Saint Laurent, for instance, has made great art. Art lies in the way the whole outfit is put together. Take Jean Paul Gaultier. What he does is really art,” said Andy Warhol (Mondo Uomo, 1984).

The Fashion World of Jean Paul Gaultier: From the Sidewalk to the Catwalk is organized by the Montreal Museum of Fine Arts in collaboration with the Maison Jean Paul Gaultier. JoliCoeur International is the official supplier of mannequins for the exhibition.
Nathalie Bondil, Director and Chief Curator of the Montreal Museum of Fine Arts started the project with the ambition of creating an exhibition about Jean Paul Gaultier because of his great humanity, his open minded vision of society where everyone can be proud and distinctive because of his/her own identity, as much as for his technical virtuosity.
The exhibition’s curator, Thierry-Maxime Loriot, has succeeded in designing a Gaultier-esque creation in the form of an exuberant theatrical exhibition.

The Fashion World of Jean Paul Gaultier, exhibition at the Kunsthal Rotterdam Museumpark

March 30, 2013 Leave a comment

The Fashion World of Jean Paul Gaultier, exhibition at the Kunsthal Rotterdam Museumpark

The Fashion World of Jean Paul Gaultier
From the Sidewalk to the Catwalk
10 February to 12 May 2013
Jean Paul Gaultier is coming to Rotterdam!
The Kunsthal Rotterdam proudly presents the exhibition ‘The Fashion World of Jean Paul Gaultier: From the Sidewalk to the Catwalk’. Gaultier has shaped the look of fashion over the last 35 years with his avant-garde fashion creations and cutting-edge designs. The first international exhibition of this celebrated and famed French couturier’s work provides a spectacular overview of his extensive oeuvre. Initiated and produced by the Montreal Museum of Fine Arts in collaboration with the Maison Jean Paul Gaultier in Paris and the Kunsthal Rotterdam, the exhibition brings to life the world of Gaultier and gives a unique opportunity to visitors to have access to haute couture, stage and movie costumes.
Nathalie Bondil, Director and Chief Curator of the Montreal Museum of Fine Arts started the project with the ambition of creating an exhibition about Jean Paul Gaultier because of his great humanity, his open minded vision of society where everyone can be proud and distinctive because of his/her own identity, as much as for his technical virtuosity.
Street Culture, Craftsmanship and Haute Couture
Since his first ready-to-wear collection was presented in 1976, Jean Paul Gaultier has become an integral part of the fashion and pop culture scene and an international icon. Provocative and bold, he has been designing the quirky and the offbeat almost forty years and through this work questions established conventions. Gaultier takes inspiration for his collections from world cultures, from Africa and India to Russia and Greece. He effortlessly combines Hussar and Mongol influences with those of the Hasidic Jews, the Chinese and even the Mexican surrealist painter Frida Kahlo. By twisting, transforming, transgressing and reinterpreting existing codes, Gaultier erases not only the boundaries between cultures but also between the sexes, creating androgynous shapes and playing with hyper-sexualized conventions in the fashion industry.With his flawless awareness of the zeitgeist, he taps into existing cultures and subcultures such as the world of sailors, punks, glam rock and graffiti.
From the Sidewalk to the Catwalk
‘TheFashion World of Jean Paul Gaultier’ is more of a contemporary installation than a retrospective. Over a hundred and forty original creations from the early 1970s to the present day, and from both his haute couture collections and his ready-to-wear lines, can be seen at the Kunsthal. Most of these pieces are being exhibited for the first time in the Netherlands, with exceptional loansfrom Madonna and Pedro Almodovar to name a few. Fashion show recordings,television programmes, films, videos, sketches and photographs by leading photographers complete the world of Gaultier. In this multimedia exhibition, thirty unique mannequins wearing remarkable wigs and headdresses by Odile Gilbert, founder of the Atelier 68 in Paris, come ‘alive’ with interactive faces created by technologically ingenious audiovisual projections, surprising visitors with their life­like presence. Poetic and playful, the production, designand staging of this dynamic audiovisual element has been produced by Denis Marleau and Stéphanie Jasmin of UBU/Compagnie de création from Montreal, Canada. A dozen celebrities, including Gaultier himself, have lent their faces-projected on to the mannequins – and often their voices to this project. Jolicoeur International from Canada have designed all the mannequins and the scenography was created by Projectiles from Paris.
The exhibition’s curator, Thierry-Maxime Loriot, has succeeded in designing a Gaultier-esque creation in the form of an exuberant theatrical exhibition.”With this unique access to the world of Jean Paul Gaultier and hautecouture, visitors will discover a real artist. He initiates trends rather than following them, which explains why he is still relevant after 35years. This exhibit is not simply a reminiscent of the past but rather a link to the present as seen through the eyes of Jean Paul Gaultier”, mentioned Thierry-Maxime Loriot.
Artistic Collaboration
Jean Paul Gaultier’s unique creativity leads him to collaborate with other artistic disciplines. He has worked with film directors such as Pedro Almodovar, Peter Greenaway and Luc Besson, and in modern dance and music with Kylie Minogue,Tina Turner, Lady Gaga and Madonna. The exhibition includes designs for costumes worn in films such as ‘The Fifth Element’ and ‘Kika’ (Pedro Almodovar), and fashion worn by celebrities such as Catherine Deneuve, Bjork, Grace Jones and Carla Bruni.  Ample space has been dedicated to fashion photography including work by contemporary photographers and well-known artists like Cindy Sherman, Andy Warhol, David LaChapelle, Richard Avedon, Robert Doisneau, Mario Testino, Peter Lindbergh andPierre et Gilles. Work by well-known Dutch photographers such as Inez van Lamsweerde & Vinoodh Matadin, Anton Corbijn and Marc de Groot has also been requested for loan especially for the exhibition in Rotterdam.
The Exhibition ‘The Fashion World of Jean Paul Gaultier: from the Sidewalk to the Catwalk’ is organized by the Montreal Museum of Fine Arts in collaboration with Maison Jean Paul Gaultier.

Enzo Jannacci, muore il famoso poeta in scarpe da tennis della canzone italiana

March 30, 2013 Leave a comment

Enzo Jannacci, muore il famoso poeta in scarpe da tennis della canzone italiana

Muore all’età di 77 anni il famoso cantautore, cabarettista, attore Enzo Jannacci, professionalmente cardiologo, ma denominato il poeta in scarpe da tennis, nonché uno tra i maggiori protagonisti della scena musicale italiana del dopoguerra. La morte arriva nella giornata di ieri allo ore 20,30 presso la clinica Columbus, circondato dai suoi familiari, dopo una lunga malattia. La sua arte musicale rappresenta una naturale forza dirompente grazie al contributo di stile riversano nella storia della musica italiana palesando un linguaggio vivo, diverso innovativo per la canzone nazional-popolare, identificato nella sua milanesità, nonostante fosse di origine pugliese, ma milanese di nascita.

Categories: Obituario Tags:

Mercedes-Benz, protagonista di MEET DESIGN 2013 e main partner della mostra AROUND THE WORLD

March 28, 2013 Leave a comment

12C1198_012-w1100-h1100

Mercedes-Benz main partner di AROUND THE WORLD
La nuova CLA, stella di MEET DESIGN 2013
Mercedes-Benz si conferma ambasciatrice del design internazionale e, in occasione del prossimo Salone del mobile, sarà protagonista dell’edizione 2013 di MEET DESIGN e main partner della mostra AROUND THE WORLD. Una nuova occasione per valorizzare il linguaggio stilistico della Stella: innovazione e perfezione, eleganza e stile che trovano nella CLA una nuova ideale ambasciatrice. La mostra AROUND THE WORLD, che sarà inaugurata il 9 aprile alla Triennale di Milano, è un viaggio nel mondo del design, un percorso che vuole sottolineare la vocazione internazionale del Made in Italy e la sua capacità di ispirare gli stili delle grandi capitali del mondo. 
Il design internazionale si dà appuntamento il 9 aprile, alla Triennale di Milano, con la mostra AROUND THE WORLD, edizione 2013 di MEET DESIGN, un evento prodotto da RCS. Una nuova iniziativa dedicata al design italiano, esempio di creatività e innovazione in tutto il mondo. Un appuntamento che, ancora una volta, vede protagonista Mercedes-Benz che, attraverso la nuova CLA, si conferma trendsetter nel design automobilistico, inventando un nuovo segmento di mercato.
La Mercedes-Benz CLA è la berlina più sportiva di sempre e, sotto una linea da coupé che le regala il miglior coefficiente aerodinamico al mondo (0,22 cx), cela un’abitabilità per cinque persone.
Una nuova icona di design, frutto anche di uno stile e una creatività tutta italiana: gli interni della nuova CLA sono stati, infatti, realizzati interamente dall’Advanced Design Studio di Como, uno dei cinque centri di design della Stella.
Con la CLA il design d’avanguardia del Concept Style Coupé confluisce direttamente nella produzione di serie. Le proporzioni sportive mozzafiato e il linguaggio formale, potente e dinamico, sposano l’alternanza di superfici concave e convesse, conferendo alla berlina sportiva a quattro porte un aspetto inconfondibile.
Esteticamente si distingue per il cofano motore con powerdome incastonato nel frontale e la mascherina del radiatore Matrix. Il particolare design delle luci conferisce alla CLA uno sguardo determinato, rendendo ancora più giovane e sportiva l’immagine del Marchio.
Il design riveste un ruolo fondamentale per il marchio Mercedes-Benz: un valore che deve suscitare fascino ed emozioni che colpiscano al primo sguardo e, al tempo stesso, si mantengano vive nel tempo. Altrettanto importante è la ricerca di canoni e valori estetici che vadano oltre velocità e potenza. Per questo, nel corso degli anni, Mercedes-Benz ha consolidato il proprio rapporto con il mondo del design, riservandosi un ruolo da protagonista nei principali appuntamenti internazionali. MEET DESIGN 2013 è una nuova occasione per sottolineare il proprio ruolo di ambasciatrice di stile e design senza tempo.
Per Mercedes-Benz, il design automobilistico deve rispondere a tendenze di breve periodo e, al tempo stesso, risultare attuale ed attraente nel tempo, icone di stile come la 300 SL “Ali di gabbiano” sono lì a dimostrarlo. Anche per questo, quindici anni fa, ha inaugurato a Como, a due passi dalla capitale italiana della moda e del design, un Design Center specializzato nella progettazione degli interni delle vetture con la Stella.
Ulteriori informazioni su media.mercedes-benz.it media.daimler.com

Categories: Cultura News Tags:

Chivas Regal, corto d’autore a sostegno dell’amicizia con la casa di produzione Canana

March 28, 2013 Leave a comment

Chivas Canana 
CHIVAS E CANANA: UNA VERA STORIA DI AMICIZIA
Chivas Regal condivide insieme alla casa di produzione Canana il tema dell’amicizia al giorno d’oggi. Drifting, corto d’autore, ne è la celebrazione. 
L’amicizia il valore fondamentale che Chivas vuole sottolineare, fonte vitale di ispirazione e supporto per gli uomini al giorno d’oggi. “ i veri amici, trovano sempre il tempo”, non importa quanto possiamo essere occupati giorno dopo giorno nella nostra vita, né quanto tempo è passato da quando ci si è visti l’ultima volta, con gli amici veri, i forti legami e i bei ricordi non tramonteranno mai. 
Allo stesso modo la pensa Canana – la casa di produzione messicana fondata dagli amici di infanzia Gael Garcia Bernal, Diego Luna e Pablo Cruz, e diretta da Julián Levin. Da questa comunione di pensiero e di intenti nasce la stretta collaborazione tra Canana e Chivas, votata alla celebrazione della vera amicizia, con la sponsorizzazione dei due grandi amici Diego e Gael nel loro viaggio a Cannes per il celebre Film Festival, di cui Chivas è sponsor ufficiale, per la proiezione speciale di Drifting, corto girato in due parti dai due registi messicani. Drifting dà risalto ad alcuni temi riguardanti l’amicizia tra uomini al giorno d’oggi – un argomento che il team di Canana conosce molto bene. Gli amici nonché business partners di Canana hanno lavorato collettivamente per sviluppare trama, regia e produzione del film nella loro terra natia, il Messico.
In riferimento al progetto  e come ci si sente a lavorare con un caro amico come Diego Luna, Gael Garcia Bernal ha dichiarato: “Sarà davvero interessante vedere come due film interagiscono tra loro dato che Diego ed io abbiamo un diverso modo di approcciarci a tutte le cose! Fortunatamente lavoriamo davvero bene insieme e portiamo alla luce le potenzialità dell’uno e dell’altro. Non solo rispetto il suo punto di vista, mi piace! Ha sempre qualcosa di diverso di cui parlare e mi interessa sapere cosa ne pensa. Credo sia questo a rendere il progetto esaltante e originale.”
Gael Garcia Bernal ha diretto la seconda parte di Drifting, continuando il lavoro del suo amico e co-fondatore, Diego Luna, iniziato qualche mese prima con la ripresa della prima parte del cortometraggio. Nel primo tempo girato da Luna vediamo tre amici che si riuniscono dopo un periodo di allontanamento. Uno scherzo vede ritrovarsi i  tre protagonisti in una situazione precaria di cui vedremo lo sviluppo nella seconda parte di Bernal. 
Girato a Capo San Lucas, la seconda parte di Drifting vede i tre amici di lunga data, Nico (Pablo Cruz Guerrero), Andres (Ari Brickmann) e Al (Alexander DiPersia) galleggiare nel mezzo dell’oceano con solo un salvagente  dopo un inaspettato scherzo che li ha portati a  cadere dalla barca. Mentre i personaggi cercano di capire cosa sia successo e cosa fare successivamente, il corto esplora i temi dell’amicizia, del perdono e dell’accettazione e del come riconnetterli tra loro. La trama si aggomitola attorno ad un sorprendente indizio culminante nel finale a sorpresa che fa realizzare ai tre amici quanto sia importante nell’amicizia trascorrere del tempo assieme.   
Il Film, come il dietro le quinte e le interviste a Gael e Diego, può essere visto sul sito www.chivascanana.com
 
 

Categories: Cultura News Tags: ,

Donne in Canto, quinta edizione del Festival di musica e parole al femminile

March 28, 2013 Leave a comment

Donne-in-canto_2013-e1360601473157

Lina Wertmüller apre la quinta edizione di Donne in Canto.
La regista si racconta e ricorda la Melato in “Una serata tra amici”
Domenica 24 marzo a Parabiago parte il Festival di musica e parole al femminile dedicato a Mariangela Melato e sostenuto dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate
Un festival aperto da Lina Wertmüller e dedicato a Mariangela Melato: si presenterà così al pubblico di Parabiago domenica 24 marzo la quinta edizione di Donne in canto, rassegna di musica e parole al femminile organizzata da sette comuni dell’Altomilanese, coordinati da Parabiago e con il sostegno della Banca di Credito cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate.  Sono nove gli appuntamenti in calendario dal 24 marzo al 4 giugno nei territori di Parabiago, Busto Garolfo, Canegrate, Cerro Maggiore, Pogliano Milanese, Rescaldina e San Vittore Olona, il primo dei quali, domenica 24 marzo alle 21.00 nella sala del Centro Giovanile Don Bosco, della frazione Ravello a Parabiago, sarà “Una serata fra amici”, che vedrà sul palco Lina Wertmüller raccontarsi al direttore artistico della rassegna Giorgio Almasio e ricordare Mariangela Melato, l’attrice scomparsa l’11 gennaio scorso e con la quale ha girato quattro film, ormai considerati classici della grande commedia all’italiana. «Cinque anni per un’iniziativa culturale come Donne in canto sono un traguardo importante, ma anche grazie al bagaglio di storie e successi, una base da cui partire per futuri sviluppi –spiega Almasio–. E questo è ancor più significativo in un periodo come quello che stiamo vivendo, dove una congiuntura fatta di carenza di risorse e urgenze sociali porta le pubbliche amministrazioni a ridurre gli investimenti in ambito culturale. Siamo grati quindi a chi, come la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, ha creduto nel nostro progetto. Un progetto che quest’anno vedrà una madrina d’eccezione come Lina Wertmuller e una donna eccezionale cui la rassegna è dedicata, Mariangela Melato, semplicemente la più grande». Qualche spunto per la chiacchierata sarà offerto dal libro “Tutto a posto e niente in ordine”, l’autobiografia della regista uscita nel 2012 e che riprende il titolo di un film del 1974 scritto e diretto dalla stessa Wertmüller.
«Stare a fianco dei comuni nel promuovere iniziative culturali di qualità è stato negli ultimi anni un segno tangibile della nostra attenzione al territorio –commenta il presidente della Bcc Roberto Scazzosi–; diventa ancor più importante oggi, in un momento in cui sembrano ridursi le possibilità di realizzare progetti senza i quali saremmo tutti più poveri».
Per tutti gli appuntamenti di Donne in canto l’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria al 329 2107218 | lunedì, martedì e mercoledì| dalle ore 14.00 alle 16.00.  Le prenotazioni sono valide sino alle ore 21.00, dopo di che saranno invitati a entrare in sala gli spettatori in lista d’attesa giunti senza prenotazione. Info: http://www.donneincanto.org
Di seguito gli altri appuntamenti di Donne in Canto:
Anna Tringali
“Arbeit” – teatro
Testo e Regia di Giorgio Sangati
venerdì 5 aprile | ore 21,00
Sala Consiliare – Pogliano Milanese
prenotabile dal 25 marzo
El Trío Chikiboom
Swing Picante Internacional en concierto
Ospiti internazionali da Barcellona (Spagna)
giovedì 11 aprile | ore 21,00
Teatro Sacro Cuore – Busto Garolfo
prenotabile dal 2 aprile
Laura Mattavelli col Contrappunto Acoustic Trio
Concerto per il 1° Maggio
mercoledì 1 maggio | ore 21,00
Teatro San Luigi – Canegrate
prenotabile dal 15 aprile
Antonella Questa
“Stasera ovulo” – teatro
Di Carlotta Clerici, regia Virginia Martini
sabato 4 maggio | ore 21,00
Sala del Centro Giovanile Don Bosco, Frazione Ravello, Parabiago
prenotabile dal 22 aprile
Annalisa Restelli
“Rustico da Ristrutturare”
ovvero trovare l’uomo giusto è come trovare la casa ideale…
a cura di Giorgio Almasio
venerdì 10 maggio | ore 21,00
Sala Civica – Rescaldina
prenotabile dal 29 aprile
Andrea Celeste con Andrea Celeste Quartet
Something Amazing … Live
venerdì 17 maggio | ore 21,00
Sala del Centro Giovanile Don Bosco, Frazione Ravello, Parabiago
prenotabile dal 6 maggio
Le Mondine di Porporana
“Cante dal cuore” – concerto a cappella
venerdì 31 maggio | ore 21,00
Sala Polivalente – San Vittore Olona
prenotabile dal 13 maggio
Serata di chiusura
Ciao Mariangela!
Immagini, suoni e parole per ricordare “la più grande”
martedì 4 giugno | ore 21,00
Sala Teatro Biblioteca Civica – Parabiago
prenotabile dal 20 maggio

Categories: Musica Eventi Tags:

Marrakech, i sette santi della Dekka Marrakchia

March 26, 2013 Leave a comment

sidibelabbes

La “Dekka Marrakchia“ è apprezzata da tutti i marocchini, che non dimenticano mai di invocare i santi di Marrakech. Sapete che pronunciare “vado al sebaätou rijal” significa che quella persona si recherà a Marrakech? Questo perchè la leggenda dei sette santi è talmente radicata in Marocco che è sinonimo della Ville Rouge. Infatti, da secoli, lo status di Marrakech come capitale, attirò  migliaia di persone che provenivano da diversi orizzonti ed era necessario un simbolo di unità che, i sette santi, hanno contribuito ad assicurare. Ma perchè solamente sette fanno parte di questo cerchio stretto di santi patroni della città? La tradizione dei sette santi di Marrakech nacque in seguito ad una decisione politica presa dal sultano Moulay Ismâil (1672-1727) per controbilanciare l’influenza, sempre più importante, dei sette santi di Regraga, nei dintorni di Essaouira. L’istituzione venne creata da Hassan El Youssi, grande sapiente e fine conoscitore del Marocco di quell’epoca. Costui scelse i sette santi, dove il solo punto in comune era quello di essere sepolti nei diversi quartieri della città. Due di loro erano nativi di Marrakech: Sidi Youssef Ben Ali e Sidi Abdelaziz Tebbaä. Cady Ayyad e Sidi Bel Abbès erano originari di Sebta, Sidi Ben Slimane di Souss, Sidi Abdellah El Ghazouani di Jbala, nel nord, e l’imam Souheili era andaluso. Un pellegrinaggio sulle tombe dei sette protettori della città venne istituito per indorare il blasone di Marrakech che soffriva, sul piano religioso, della concorrenza del pellegrinaggio ai sette santi di Regraga. Questa manifestazione annuale ebbe molto successo. A partire dal XVIII° secolo venne vivamente contestata dai musulmani ortodossi. Questi ultimi misero in causa il fatto che i credenti NON potevano indirizzare le loro preghiere che ad Allah solo (come scrive il Corano). Tutti questi santi furono dei grandi sapienti in teologia islamica o dei grandi mistici sufi. Da ricordare che il termine santo non è riferito esclusivamente ad una persona di fede che ha compiuto dei miracoli, ma anche a persone molto pie che durante la loro vita hanno fatto del bene agli altri, insegnando la morale e la religione. Il più importante di queste santi è sicuramente Sidi Bel Abbès, considerato dagli abitanti di Marrakech come il vero e unico patrono della città. Sidi Souheil, l’imam, nacque a Malaga ed era conosciuto per la sua poesia sufista e la sua grande apertura di spirito in un momento storico di forte censura religiosa. Questo vecchio erudito venne invitato da Yacoub El Mansour. Scrisse due capolavori: uno sui nomi propri del Profeta citati nel Corano, l’altro sulla biografia di Sidna Mohammed. Questo sant’uomo ebbe una vita semplice e mesta morendo a Marrakech nel 1186. È sepolto nelle vicinanze di Bab Robb e gli studenti con problemi di memoria si affidano a lui pregando sulla sua tomba. Sidi Ben Abdalah El Ghazouani, detto Moul El Ksour, era originario della tribù berbera dei Ghomara. Consolidò il rinnovamento sufista iniziato da Sidi Ben Slimane. Dopo aver studiato a Fès ed in seguito a Granada, si installò a Marrakech per completare la sua formazione con Sidi Abdelaziz Teabaâ. La sua reputazione riuscì a gettare un ombra sul sultano Sidi Mohammed Cheikh (dinastia merinide), che lo fece incarcerare nelle prigioni di Marrakech. Il successivo sultano (dinastia watasside) lo fece liberare (grazie al malcontento della popolazione), e creò a suo nome una Zaouia a Fés, alfine di isolarlo da Marrakech. Molto velocemente però, il santo torno’ a Marrakech e fondò una Zaouia nel quartiere di El Ksour. Morì nel 1528 e venne sepolto non lontano dalla moschea di Mouassine. Si pensa che i suoi dissapori con il sultano merinide erano dovuti al fatto che avesse predetto la fine della dinastia, che avvenne puntualmente. Sidi Abdelaziz Tebbaâ, mercante di seta a Fés, si interessò tardivamente alla vita spirituale. Principale discepolo di Sidi Ben Slimane ed erede spirituale di Sidi Ben Soulayman Al Jazouli, propagò l’etica sufista nelle migliaia di corporazioni di artigiani presenti in quell’epoca. A Marrakech visse presso la moschea di Sidi Ben Youssef, dove morì nel 1508. Sidi Mohammed Ben Souayman Al Jazouli si iscrisse alla Medersa  di Fés dove eccelse negli hadith e nell’esegesi. Nel XV° secolo fondò il sufismo in Marocco, in vista di una mobilitazione contro l’invasione iberica. Fervido promotore della guerra santa contro i portoghesi e uomo politico influente, attirò a se migliaia di fedeli. Morì nel 1466 (870 dell’hegira) a Jazoula (Essaouira). Il suo corpo venne trasferito poi a Marrakech. Scrisse la celebre raccolta di preghiere Dala’il al-Khayrat (il cammino dei benefattori). Questo libro storico è la referenza incontestabile di tutti gli invocatori di grazie al Profeta, delle confraternite sufiste nel mondo. Il mausoleo è datato nell’epoca saadita e venne restaurato verso la fine del XVIII° secolo. La zaouia Jazaouila si trova a nord della medina, in prossimità della strada Dar el Glaoui. Sidi BelAbbès è incontestabilmente il più venerato della città. Nacque a Sebta nel 1145 ed arrivò  a Marrakech all’età di 20 anni. Si installò sulla collina di Gueliz (ora centro europeo della città), in una grotta, nelle vicinanze di una sorgente d’acqua. Visse da eremita per 40 anni senza mai entrare nella medina. La celebrità di questo predicatore libero era talmente forte che Yacoub El Mansour lo invito’ ad insegnare, un dovere che accettò rinunciando al suo eremitismo. Discepolo di Cadi Ayyad, spese la sua vita ad aiutare gli ultimi e i non vedenti. Il califfo Abdelmoumen andò in visita al santo e si udì dire: “Tutto quello che vuoi che io faccia per te sarà fatto“. Morì nel 1205 ma è soltanto nel 1606 che il sultano saadita Abou Faris fece costruire il suo mausoleo, nella speranza di guarire da una epilessia. Dopo  questo, non cessò mai di essere venerato da tutti i sovrani, sino ad Hassan II che fece ristrutturare il santuario nel 1998. Sidi Bel Abbès fu uno degli interlocutori di Ibn Arabi ed ebbe una grande amicizia con Averroès. Patrono della città lo è anche dei commercianti, degli oculisti, dei passamantieri, degli artigiani del sapone e degli operai delle presse.
È  sepolto nel cimitero di Sidi Marouk, nel santuario di Bab Tarzoud, unico aperto ai non musulmani (è possibile entrare nella grande corte centrale e, con un po’ di fortuna avvicinarsi alle grate del mausoleo da cui si intravede il catafalco) . Il santuario fa parte del pellegrinaggio dei Regraga di Essaouira, istituito da Moulay Ismaîl. Questo santo dei santi è il più invocato negli atti essenziali della vita e la sua invocazione precede il rito dell’halqa. Tutti i cantori della Place Jemaa el Fna lo ricordano con queste parole: “Nel nome del Santo patrono di Marrakech, colui che veglia sulla città immutabile, un piede sull’altro, che trova la sua quietudine solo se il mondo è in pace, bambini di paese o visitatori stranieri“. Cadi Ayya Ben Moussa, grande imam di Sebta, anche chiamato Cadi di Granada è  il più celebre dei dottori della corrente religiosa malekite nel Occidente musulmano. Nell’ascesa al regno degli almoravidi, conobbe l’esilio a Tadla e poi a Marrakech dove vivrà sino alla sua morte nel 1149. Il suo amore verso il profeta lo portò a scrivere la sua opera più importante, Al – Chiifaa, ed il suo rigore ortodosso gli valse il titolo di santo. E’ sepolto nell’antico Marabout di Bab Aîlen. Sidi Youssef ben Ali, di origini yemenite, fu un brillante allievo dello sceicco Ben Asfour, a Marrakech. Lebbroso, passò  tutta la sua vita nel lebbrosario situato a Bab Aghmat. Pur essendo molto malato portò  avanti la sua fede incrollabile sino alla morte nel 1196. Si volle edificare un edificio solo per lui: la moschea Ben Youssef. Di origine almoravide questa moschea restò per quattro secoli il santuario centrale della medina, sino alla costruzione della moschea Mouassine. Venne restaurata e modificata nel XVI° secolo, poi ancora agli inizi del XIX° secolo e, ad oggi, poco rimane dell’edificio iniziale. Sidi Youssef ben Ali morì nel 1196 (593 dell’hagira). Il mausoleo venne eretto dal sultano saadita Moulay Abdallah e la zaouia è situata a Bab Aghmat; è  comunemente chiamato dagli abitanti di Marrakech “Sidi Youssef il lebbroso“, in ragione delle enormi sofferenze subite durante la malattia. I sette santi di Marrakech occupano uno spazio essenziale nella storia, nella vita, nella cultura e nell’immaginario collettivo della città. Le sette torri furono costruite nel 2005, a Bab Doukkala, e sono un monumento che illustra l’amore e la fedeltà della Ville Rouge per i suoi santi. Il pellegrinaggio annuale raccoglie migliaia di fedeli e riproduce il percorso circolare attorno alla Kaaba, durante il pellegrinaggio alla Mecca. Il circuito devozionale ha un percorso immutabile attraverso la Medina, da sud-est a sud-ovest, passando per il nord. Inizia sempre di martedì per teminare il lunedì  successivo, ed ogni giorno si fa visita ad un santo. La “ziara” si effettua in questo ordine: Sidi Youssef Ben Ali il martedì, Cadi Ayyad Benmoussa, entrando per la porta di Bab Aghmat il mercoledì, Sidi Bel Abbès il giovedì, entrando per Bab Khemis, il venerdì passando da Bab Tarzoud si accede al mausoleo di Sidi Ben Slimane, il sabato Sidi Abdelziz Tebbaâ, la domenica tocca a Sidi Abdellah El Ghazouani e il lunedì, passando da Bab Robb, il pellegrinaggio termina sulla tomba di Sidi Souheili.

Paolo Pautasso

Fonte: My Amazighen

“Fashion. Un secolo di straordinarie fotografie di moda dagli archivi Condé Nast”, mostra in commemorazione di Condé Nast presso Fondazione Forma di Milano

March 25, 2013 Leave a comment

Vogue-Forma

Fashion – Un secolo di straordinarie fotografie di moda dagli archivi Condé Nast – dal 17 gennaio al 7 Aprile
Mercoledì 16 gennaio 2013 alle 18.30 inaugura, presso la Fondazione Forma per la Fotografia, la mostra Fashion. Un secolo di straordinarie fotografie di moda dagli archivi Condé Nast.
“Dobbiamo fare di Vogue un Louvre”
Edward Steichen a Edna Woodman Chase, anni ‘20
Le parole di Edward Steichen alla prima capo redattrice di Vogue America sono il miglior riassunto per spiegare la rivoluzione impressa da Condé Nast e dal suo gruppo di lavoro non solo alla moda ma nella fotografia in generale, quando nel 1909 acquista la prestigiosa testata di Vogue.
Da ora in poi, raccontare la moda in immagini non vorrà solo dire delicate illustrazioni ottocentesche ma impiegare e dare spazio ai grandi autori della fotografia internazionali e alle loro libere interpretazioni. Edward Steichen è stato uno dei primi grandi autori a scattare per Vogue, ad accettare la sfida e a non curarsi di chi lo accusava di essersi svenduto per la moda.
Da quei primi intrepidi passi, tante cose sono cambiate e ora la fotografia di moda non deve più dimostrare il suo valore ma grazie al talento e alla tecnica dei suoi rappresentanti, oggi è un linguaggio artistico di formidabile forza ed influenza visiva.
La mostra organizzata dalla Fondazione Forma, a cura di Nathalie Herschdorfer, raccoglie una straordinaria selezione di immagini provenienti dagli archivi Condé Nast di New York, Parigi, Londra e Milano e rappresenta una occasione unica per raccontare, attraverso opere preziose e rare, la storia della fotografia di moda, dalle sue origini fino ai giorni d’oggi.
La fotografia di moda è come una pièce teatrale dove per costruire l’immagine, insieme al fotografo giocano ruoli importanti i redattori, le modelle, i truccatori, gli stylist.
Perché la fotografia di moda, terreno per antonomasia di sperimentazione, trova comunque la sua piena realizzazione sulla carta stampata ed è questo legame indissolubile tra fotografi e redazione che ha dato vita alle collaborazioni più creative, provocatorie, capaci di interpretare e soprattutto anticipare lo stile.
Da Cecil Beaton fino a Guy Bourdin, Peter Lindbergh e molti altri: la grande creatività della fotografia ha trovato nelle pagine delle riviste Condé Nast il terreno fertile per dare corpo ai sogni e visioni alla moda.
FOTOGRAFIE DI:
James Abbé, Miles Aldridge, Diane Arbus, Antony Armstrong-Jones (Lord Snowdon), Art Kane, David Bailey, Serge Balkin, André Barré, Michael Baumgarten, Cecil Beaton, Erwin Blumenfeld, Guy Bourdin, Henry Clarke, Clifford Coffin, Corinne Day, Baron Adolf De Meyer, Patrick Demarchelier, André Durst, Arthur Elgort, Hans Feurer, Toni Frissell, Arnold Genthe, Milton Greene, René Habermacher, Ben Hassett, Horst P. Horst, George Hoyningen-Huené, Mikael Jansson, Constantin Joffé, Bill King, William Klein, Barry Lategan, Peter Lindbergh, George Platt Lynes, Man Ray, Herbert Matter, Craig McDean, Frances McLaughlin-Gill, Raymond Meier, Gjon Mili, Lee Miller, Sarah Moon, Ugo Mulas, Nickolas Muray, Helmut Newton, Norman Parkinson, Irving Penn, Denis Piel, John Rawlings, Terry Richardson, Herb Ritts, Paolo Roversi, Franco Rubartelli, Richard Rutledge, Satoshi Saïkusa, Daniel Sannwald, Jerry Schatzberg, David Seidner, Charles Sheeler, Edward Steichen, Bert Stern, Sølve Sundsbø, Mario Testino, Michael Thompson, Eric Traoré, Deborah Turbeville, Inez Van Lamsweerde/Vinoodh Matadin, Willy Vanderperre, Tony Viramontes, Chris von Wangenheim, Tim Walker, Albert Watson, Ben Watts, Bruce Weber.
La mostra è accompagnata da un libro-catalogo edito da Contrasto con la prefazione di Todd Brandow, saggi di Nathalie Herschdorfer, Sylvie Lécailler, Olivier Saillard e un’intervista esclusiva con Franca Sozzani direttore di Vogue Italia.
La mostra è un progetto realizzato dalla (FEP), Foundation for the Exhibition of Photography, Minneapolis/Paris/Lausanne, in collaborazione con Forma.

Katy Perry, prima autobiografia della cantante

Katy Perry, prima autobiografia della cantante

La famosa cantante Katy Perry dopo essere stata corteggiata a lungo da case editrici ha deciso di scrivere la sua prima autobiografia “Part of Me” per 2 milioni di dollari, raccontando parte della storia della sua vita, non che fatti sulla relazione e il divorzio da Russell Brand: “Era da tempo che diversi editori le facevano la corte, ma lei ha accettato soltanto dopo essere venuta a conoscenza dell’intenzione di Russell di aggiornare la sua autobiografia”, secondo quanto riporta il ‘The Sun”.

Categories: Musica News Tags: