Archive

Archive for January 11, 2013

Kate Middleton, primo ritratto ufficiale in mostra al National Portrait Gallery di Londra

January 11, 2013 Leave a comment

Kate Middleton, primo ritratto ufficiale in mostra al National Portrait Gallery di Londra

Svelato in mostra presso il National Portrait Gallery di Londra l primo ritratto ufficiale di Kate Middleton, autore l’artista Paul Emsley, il quale ha impiegato diversi mesi per completarne l’opera e conservare la bellezza espressiva della giovane donna. La duchessa di Cambridge si è prestata per ben due volte posando per l’occasione, lo scorso maggio nello studio del pittore e lo scorso giugno a Kensington Palace. La critica stronca negativamente l’operato, in effetti l’immagine sembra evincere un’età leggermente più avanzata dell’attuale anagrafica, ma lei si ritiene soddisfatta esclamando: “E’ strepitoso”.

Gérard Depardieu, proposta di collaborazione dal Grande Teatro di Tjumen

January 11, 2013 Leave a comment

Gérard Depardieu, proposta di collaborazione dal Grande Teatro di Tiumen

Il celebre attore francese Gérard Depardieu, da poco detentore del passaporto russo, non che ministro mancato per scelta della Cultura della Mordovia, è sul punto di ricevere una lauta proposta di collaborazione dal Grande Teatro di arte drammatica di Tiumen, nella regione siberiana nota per le vaste risorse petrolifere,  patria del celebre Grigorij Efimovič Rasputin, medesimo personaggio recentemente interpretato dallo stesso attore, con un corrispettivo di 400 euro più bonus… Sergey Osintsev, direttore del teatro è convinto che la sua offerta non sarà vana: “Noi di Tjumen abbiamo di che mostrare e stupire Gerard Depardieu. Qui c’è la patria di Rasputin, il personaggio che ha da poco interpretato. A soli 100 chilometri da noi c’è l’unico museo privato su Rasputin”.
Ufficilamente l’invito partirà subito dopo le festività ortodosse che si concluderanno il prossimo 13 gennaio.

Mariangela Melato, muore una delle più celebri attrici italiane

January 11, 2013 Leave a comment

Mariangela Melato, muore una delle più celebri attrici italiane

Muore a Roma la famosa attrice Mariangela Melato, da tempo affetta da una grave malattia, deceduta in una clinica romana all’età di 71 anni, coma ha reso noto il Teatro Stabile di Genova, con il quale collaborava da diversi anni.
Nasce a Milano nel 1941. La sua carriera ha inizio con il teatro alla fine degli anni ’60 con l'”Orlando Furioso” di Luca Ronconi, ma oltre ad assumere ruoli importanti legati alla tragedia, riscuote ampio successo in opere più leggere con la commedia musicale, tra cui basta menzionare “Alleluia brava gente” di Garinei e Giovannini.
Negli anni ’70 emerge un carisma cinematografico e si rivela come meritevole attrice del grande schermo, alternato interpretazioni singolari tra il genere drammatico e quello della commedia. E’ notevole ricordare alcuni tratti “Mimì metallurgico ferito nell’onore” e “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” di Lina Wertmüller, nonché “La classe operaia va in paradiso” di Elio Petri, ma numerosi sono i suoi camei cinematografici.
Negli anni ’90 lavora con la televisione con le trasposizioni di alcune delle sue opere teatrali più importanti finché nel 1993 lega il suo nome quasi esclusivamente al Teatro Stabile di Genova portando in scena grandi successi.
Mariangela Melato lascia il mondo della recitazione con un enorme bagaglio produttivo, celebrati con grande effervescenza artistica, un patrimonio esemplare per il mondo della cultura cine-teatrale del paese. La sua carriera condivisa tra teatro, cinema e televisione. Recitare era la sua più grande passione, non che e ragione di vita come rilascia di recente in un’intervista radiofonica: “Recitare è un bisogno, come quello di amare o di andare in bagno”.
Un grande abbraccio Mariangela, rimani viva nel nostro ricordo…

Marius Creati

Categories: Obituario Tags:

“Brueghel. Meraviglie dell’arte fiamminga”, mostra del grande maestro al Chiostro del Bramante a Roma

January 11, 2013 Leave a comment

BRUEGHEL. MERAVIGLIE DELL’ARTE FIAMMINGA

BRUEGHEL. MERAVIGLIE DELL’ARTE FIAMMINGA
dal 18/12/2012 al 2/06/2013
Il Chiostro del Bramante ospita dal 18 dicembre 2012 al 2 giugno 2013 una grande mostra sui capolavori della dinastia Brueghel che ripercorre la storia e l’eccezionale talento della più importante stirpe di artisti fiamminghi attivi tra il XVI e il XVII secolo, attraverso oltre 100 opere tra dipinti, disegni e grafiche. Le opere, provenienti da importanti collezioni private e musei italiani e stranieri – tra cui il Kunsthistorisches Museum di Vienna, il Tel Aviv Museum of Art, il la Pinacoteca Ambrosiana di Milano e il Museo di Capodimonte di Napoli – presentano al pubblico le relazioni e il percorso artistico di quattro generazioni di pittori della nobile stirpe.
La dinastia dei Brueghel ha segnato con il suo talento e la sua visione dell’umanità – a volte grottesca – la storia dell’arte europea dei secoli a venire. La vita a tratti misteriosa e la scarsità di notizie certe sulla biografia del capostipite Pieter Brueghel il Vecchio, sono i presupposti narrativi dell’esposizione che inizia con la relazione tra Brueghel il Vecchio e Hieronymus Bosch. Un altro presupposto storico della mostra è presentare le visioni allegoriche, moralistiche e fantastiche prima d’ora inimmaginabili ma paradossalmente diventate concrete grazie alle conquiste della pittura del cinquecento. Brueghel influenzato da Bosch, ne incarna la capacità di osservazione e di rappresentazione, non limitandosi all’insegnamento morale, ma riuscendo a tratteggiare un vasto universo di tipologie umane. I registri del comico e del grottesco assumono una valenza educativa che il padre trasmette ai figli: Pieter il Giovane e Jan il Vecchio.
La dinastia, quindi, comincia ad articolarsi e la mostra trasmette fedelmente la corrispondenza tra le vicende familiari e l’evoluzione pittorica dei protagonisti. La genealogia prosegue e si ramifica con i figli dei figli del capostipite, in una complicata rete di relazioni presentata con precisione e rigore, fino agli undici figli di Jan, cinque dei quali anch’essi pittori. Il percorso si focalizza attorno alle vicende di ciascun artista e si sviluppa secondo una logica a rete, abbracciando i riferimenti internazionali e i fatti storici del periodo di riferimento, come l’esperienza di Jan van Kessel I, figlio di Paschasia, sorella di Jan Brueghel e di Ambrosius Brueghel, artista di grandissima qualità ma poco conosciuto e studiato. Il percorso espositivo si chiude idealmente con David Teniers il Giovane, legato alla dinastia dei Brueghel per aver sposato Anna, figlia di Ambrosius. Attraverso le opere di Pieter Brueghel il Vecchio e della sua genealogia la mostra proporrà un viaggio appassionante nell’epoca d’oro della pittura fiamminga del Seicento.
Curata da Sergio Gaddi e Doron J. Lurie, Conservatore dei Dipinti Antichi al Tel Aviv Museum of Art, la mostra è promossa e organizzata da Arthemisia Group, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e DART Chiostro del Bramante.
Orario apertura
– Tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00*
– Sabato e domenica dalle 10.00 alle 21.00*
*(la biglietteria chiude unʼora prima)