Home > Leisure Book > “Guida al Piacere e al Divertimento 2013” di Roberto Piccinelli

“Guida al Piacere e al Divertimento 2013” di Roberto Piccinelli

Copertina ok-w600-h600

Guida al Piacere e al Divertimento 2013 (XVI° Anno) di Roberto Piccinelli
La pizza alla cannabis sativa, la gang bang di wurstel, il dj che mixa mentre fa spinning, il gastroenterologo in spiaggia, la riserva di caccia con jazz club, la trattoria che usa il baratto come forma di pagamento, l’aperitivo al poligono di tiro, i cocktail con la tattoo-machine, il pub che cucina con il ferro da stiro e le cofane di pasta con valenza socializzante sono i simboli di una nuova era. Che guarda al passato per andare oltre.
Meno snobismo, più fantasia. Il mondo del loisir risponde alla crisi economica, ricominciando a puntare su emozioni e curiosità più che su esibizionismo e vanagloria. Fedeli al motto delle nostre nonne, niente si butta, tutto si ricicla, le piste da ballo si trasformano in “Lunch-Disco”, ma anche in location per matrimoni, le biciclette ispirano i nuovi locali e le lavanderie li ospitano. E non mancano iniziative concrete tipo “Adotta uno speck”, anche se, contro il logorio della vita moderna, si fanno strada i “Neuro Club”…
Un banco metalli preziosi che si annette un bar/tabacchi, per intrattenere la clientela, mentre vende o acquista oro, gioielli, monete e orologi potrebbe essere semplicisticamente interpretato come la nuova versione del banco dei pegni d’antan, ma invece dimostra la voglia di superare il momento difficile, aguzzando la fantasia. Lo sa bene Roberto Piccinelli che, nella sua ultima Guida al Piacere e al Divertimento, giunta al XVI° anno di vita, inserisce oltre 1.800 locali nuovi rispetto all’anno passato (per un totale di 3.650 indirizzi), avendo modo di spaziare anche dal cineristorante mignon alla gelateria specializzata in ice-bau, passando per il caffè che propone l’aperitivo attribuzionista. Quanto a tendenze sociali e proposte ludiche, il “sociologo del piacere” punta l’occhio su Mapping, Decluttering, Divorce Party, Slope Food e Pay for Sell, mentre si fanno strada la mozzarella al pistacchio, il consumismo illuminato e la vacanza liofilizzata. Tutte prove di un mondo che cambia e che merita di essere monitorato con attenzione, come ben testimoniato da una Guida 2013 che parla di Window Dressing, ossia della necessità di innestare figuranti ad hoc nei locali-immagine, per evitare vuoti clamorosi e della nuova trasgressione, termine spinto talmente all’eccesso da costringere Piccinelli ad un paradosso: oggigiorno, è la fedeltà di coppia a fungere da vera trasgressione! Del resto, mentre un tempo erano le discoteche a prendere il posto delle chiese sconsacrate, ora sono i luoghi di culto a scalzare le piste da ballo… Ma la Guida al Piacere e al Divertimento 2013 non finisce certo qua, perché ampio spazio viene riservato alle eccellenze annuali: Roberto Piccinelli segnala che le Top City sono Catania, Firenze, Milano, Napoli e Roma, le Top Winter Location sono Bardonecchia, Chiesa Valmalenco, Courmayeur, Ortisei e Pescasseroli, mentre le Top Summer sono Alghero, Cervia, Marina di Pietrasanta, Monopoli e Noto. Le Hit della Movida sono Carmine/Brescia, Corso Manthonè/Pescara, Erbaria/Venezia, San Salvario/Torino e Via Chiavettieri/Palermo, veri e propri Outsider si rivelano Conegliano, Foligno, Ispica, Monfalcone e Riva del Garda, mentre le classifiche regionali vedono l’Emilia Romagna al primo posto per gli Indirizzi da Oscar, la Toscana regina fra i Luoghi che sanno Emozionare e la Puglia in vetta nella Sommatoria fra Emozioni ed Oscar.
GUIDA al PIACERE e al DIVERTIMENTO 2013 di ROBERTO PICCINELLI
Giunta al XVI° anno di vita, la Guida al Piacere e al Divertimento provvede a tracciare i contorni di un mondo del loisir in continua evoluzione. Lo fa, presentando ben 3.650 indirizzi al top (1.846 dei quali totalmente nuovi, rispetto all’anno passato). Ed eleggendo RE e REGINE, ossia i 120 locali che, suddivisi nelle 24 tipologie dominanti, meritano un OSCAR del PIACERE ed i 50 che, ovviamente ripartiti in 10 categorie ad hoc, si ritrovano ad assurgere al rango di TOP TEN EMOTION, location che sanno emozionare. Stilando classifiche turistico-ludiche, che mettono in fila regioni, città, mari, monti ed addirittura quartieri. E proponendo le ultime tendenze in fatto di Mode, Food&Beverage, Eventi, Exploit, Dance&Music ed evoluzioni sociali, ma anche gli acclamati Protagonisti del Bien Vivre: le mille sfaccettature del “Nuovo Divertimento Italiano” sono tutte qua. In libreria, 15 Euro, Morellini Editore. Per info, http://www.piacereedivertimento.com.
Roberto Piccinelli. Laureato in legge, giornalista, scrittore e anticipatore di mode e tendenze sociali, ha recentemente tenuto tre relazioni sul rapporto fra turismo e divertimento al Carrousel du Louvre di Parigi. Opinionista radio-televisivo, nel corso degli anni ricopre l’incarico di docente di Sociologia dei Consumi al Politecnico e all’Università Cattolica di Milano, ma anche al Polimoda di Firenze, all’Università degli Studi di Perugia, al Cet-Centro Europeo Toscolano, voluto da Mogol e per Actl, nell’ambito di un progetto formativo Fondo Sociale Europeo by Ministero del Lavoro e Regione Lombardia. E’ autore dell’annuale “Guida al Piacere e al Divertimento”, in libreria dal 1997 e considerata l’unica, vera Bibbia del Loisir. E’ definito “Sociologo del Piacere”.

Categories: Leisure Book Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: