Home > Lectio > “Esercizi sulla madre” di Luigi Romolo Carrino, Perdisapop

“Esercizi sulla madre” di Luigi Romolo Carrino, Perdisapop

PerdisaImager

Questa è la casa della capacità e del delirio. Questo è lo spazio per l’esercizio del bene.
Questa è la notte della manutenzione del dolore, l’abitudine di aspettarti all’infinito.
Dal 15 novembre in libreria
La sera del 27 febbraio 1976, la madre del piccolo Giuseppe esce per fare la spesa. Seduto sul gradino di casa, il bambino ne aspetta il ritorno per dieci terribili ore, fino a che si convince che la donna non tornerà mai più. Trent’anni dopo, Giuseppe è rinchiuso in un ospedale psichiatrico. Attraverso precisi esercizi del ricordo che lo costringono a rivivere quella notte, qualcosa di atroce riaffiora nella sua memoria inceppata. Una processione di dieci madri, una per ogni ora di quell’attesa e ognuna accompagnata da un diavolo custode, sfila nella sua mente nel tentativo di ricostruire una verità indicibile.
Esercizio dopo esercizio, Carrino compone il suo puzzle narrativo più audace e destabilizzante, dominato da uno stile tanto inconsueto quanto ipnotico, in grado di scovare e rivelare il dolore nascosto nell’infanzia di ognuno.
Un puzzle narrativo audace e destabilizzante, dominato da uno stile tanto inconsueto quanto ipnotico, in grado di scovare e rivelare il dolore nascosto nell’infanzia di ognuno.
Il terzo attesissimo romanzo di Carrino – dopo i successi di Acqua Storta (2008) e Pozzoromolo (2009) – si presenta fin da subito come il suo lavoro narrativo più interessante e maturo. È l’amnesia al centro del racconto: la trama ruota intorno alla negazione del ricordo di un’esperienza sconvolgente, un terribile delitto che percorre l’intera narrazione, ma che apparirà chiaro al lettore solo alla fine.
Nelle pagine, le immagini del passato si scompongono in un gioco di specchi, durante il quale la linea che divide la realtà della pazzia sembra essere molto labile. Il personaggio protagonista si raddoppia, si moltiplica, creando una serie di versioni alternative della propria storia, fino a quando la realtà effettiva riemergerà in frammenti perfettamente ricomposti, impressionante e inattesa.
Luigi Romolo Carrino è nato a Napoli nel 1968. Ha pubblicato tre raccolte di poesie ed è autore di testi teatrali. In narrativa ha esordito nel 2006 con due racconti in Men on Men 5 (Mondadori). Ha scritto i romanzi Acqua Storta (Meridiano Zero, 2008 – anche con il cd del recital La versione dell’acqua) e Pozzoromolo (Meridiano Zero, 2009), il racconto lungo Calore (Senzapatria, 2010), la raccolta di racconti Istruzioni per un addio(Azimut, 2010), il reportage A Neopoli nisciuno è neo (Laterza, 2012).
Esercizi sulla madre
L.R. Carrino
Prezzo euro 15,00Pagine 168
Isbn 978-88-8372-589-0

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: