Archive

Archive for December, 2012

Rita Levi-Montalcini, muore il famoso premio Nobel per la medicina

December 30, 2012 Leave a comment

rita-levi-montalcini_650x447

E’ morta Rita Levi Montalcini,  premio Nobel per la medicina e senatore a vita. Si è spenta nella sua abitazione a Roma, aveva 103 anni ed era nata a Torino.
Negli anni cinquanta le sue ricerche la portarono alla scoperta e all’identificazione del fattore di accrescimento della fibra nervosa o NGF, scoperta per la quale è stata insignita nel 1986 del premio Nobel per la medicina. La Montalcini è stata la prima donna ad essere ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze. Il 1º agosto 2001 è stata nominata senatrice a vita “per aver illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo scientifico e sociale”.È stata socia nazionale dell’Accademia dei Lincei per la classe delle scienze fisiche e tra i soci fondatori della Fondazione Idis-Città della Scienza.
Levi-Montalcini ha sempre affermato di sentirsi una donna libera. Cresciuta in «un mondo vittoriano, nel quale dominava la figura maschile e la donna aveva poche possibilità», ha dichiarato d’averne «risentito, poiché sapevo che le nostre capacità mentali – uomo e donna – son le stesse: abbiamo uguali possibilità e differente approccio»
Ha rinunciato per scelta a un marito e a una famiglia per dedicarsi interamente alla scienza. Riguardo alla propria esperienza di donna nell’ambito scientifico, ha descritto i rapporti coi collaboratori e studiosi sempre amichevoli e paritari, sostenendo che le donne costituiscono al pari degli uomini un immenso serbatoio di potenzialità, sebbene ancora lontane dal raggiungimento di una piena parità sociale.
Spesso attiva in campagne di interesse politico e sociale, come quelle contro le mine anti-uomo, o per la responsabilità degli scienziati nei confronti della società, nel 1992 istituì in memoria del padre, con la sorella gemella Paola, la Fondazione Rita Levi-Montalcini, rivolta alla formazione dei giovani, nonché al conferimento di borse di studio universitarie a giovani studentesse africane (progetto “Un convitto per le ragazze Tuareg”), con l’obiettivo di creare una classe di giovani donne che svolgessero un ruolo da leader nella vita scientifica e sociale del proprio paese.
Nel 1998 cofondò la sezione italiana di Green Cross International, riconosciuta dalle Nazioni Unite e presieduta da Michail Gorbačëv, di cui è consigliere. Significativo l’impegno nella prevenzione dei conflitti legati allo sfruttamento delle risorse naturali, con particolare riferimento alla protezione e all’accesso alle risorse idriche.
Nel 1998 si schierò a favore della fine del proibizionismo, aderendo all’appello rivolto al Segretario Generale dell’Onu con il quale si auspicava la liberalizzazione della droga ai fini di sottrarre i giovani al mercato illegale. Negli anni successivi, tuttavia, dichiarò che il consumo di droghe leggere può favorire l’accesso a droghe più forti.
Ha fatto da testimonial per due spot televisivi (i cui compensi ha devoluto in beneficenza): nel 2001 per Telecom Italia e nel 2005 per Sky Italia.
Con la vittoria de L’Unione di Romano Prodi alle elezioni politiche del 2006, la scienziata, in qualità di senatrice a vita, accordò la fiducia al governo Prodi II. In quel periodo, a causa della propria ridotta capacità visiva, rifiutò la presidenza del Senato provvisoria che le spettava per anzianità nel periodo d’elezione. In tutti gli scrutini dichiarò d’aver votato Franco Marini. Sostenne il governo Prodi fino alla sua caduta, pur senza partecipare ai lavori delle commissioni parlamentari. Per questo motivo l’ex ministro Francesco Storace la contestò ironizzando sull’età e suggerendo di fornirla di un paio di stampelle; ricevendo risposta con una lettera pubblicata dal quotidiano La Repubblica. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano censurò il giorno successivo l’intervento di Storace, scatenando un acceso dibattito sfociato in una denuncia per offesa all’onore e al prestigio del Presidente della Repubblica (articolo 278 del Codice Penale) a carico di Storace.
Negli stessi giorni la Lega Nord proponeva un emendamento alla legge finanziaria per abolire e spostare alcuni stanziamenti pubblici dalla fondazione EBRI, centro di ricerca sul cervello a Roma voluto dalla scienziata, in collaborazione con la Fondazione S. Lucia e dal CNR, verso la Fondazione di ricerca dell’Ospedale San Raffaele di Milano, fra i cui soci risultava Fininvest, società a capo della famiglia del leader della CdL di cui la Lega stessa faceva parte e che già con la Finanziaria 2005 aveva ricevuto 15 milioni di euro.La senatrice intervenne in aula per spiegare la propria decisione di non partecipare alla votazione sull’emendamento per conflitto di interessi, affermando: «Signor Presidente, io non voterò, ma ringrazio molto quanti si rendono conto dell’attività svolta dall’istituto EBRI per la scienza italiana. Sono veramente molto grata a tutti coloro che si rendono conto di quanto stiamo facendo per la scienza, che mai è stata così utilmente portata avanti. Grazie infinite». L’emendamento della Lega Nord venne in seguito respinto a larghissima maggioranza con 173 voti contrari, 57 astenuti e 75 voti a favore.
Controverso il caso della collaborazione tra la Montalcini e l’azienda farmaceutica italiana Fidia. A partire dal 1975 la scienziata promosse il farmaco Cronassial, prodotto con cervello bovino. Tutti e tre i farmaci a base di ganglioside, dopo alcuni anni risultarono essere in grado di causare una grave sindrome neurologica (sindrome di Guillain-Barré) nonostante le prestigiose pubblicazioni scientifiche al riguardo di due luminari come Carleton Gajdusek e Julius Axelrod anche se finanziati sempre dalla stessa multinazionale. Per questa ragione l’Ufficio di Sanità tedesco non concesse il permesso nel 1983, così come anche altri Paesi lo rifiutarono o lo ritirarono dal mercato. In Italia fu vietata la vendita e diffusione del farmaco solo nel 1993 dal Ministro Raffaele Costa.. Questo episodio ha portato alcuni a dubitare dell’opportunità del Nobel ricevuto dalla scienziata. In seguito dichiara:
« Certo, non nascondo che mi importunava vedere talvolta il mio nome legato a quello della Fidia. Ma pensavo che fosse il prezzo da pagare, non me ne importava niente pur di avere qualche aiuto per la ricerca. Se impediamo all’industria di aiutare il laboratorio, noi moriamo. »

Fonte: Wikipedia

Categories: Obituario Tags:

Marrakech, scontri in piazza almeno 60 feriti

December 30, 2012 Leave a comment

scontri

Trenta persone sono state arrestate venerdì scorso durante alcuni scontri tra la polizia e manifestanti che protestavano contro l’aumento dell’acqua e dell’elettricità, riporta oggi un bollettino del ministero degli Interni. “Trenta persone sono state arrestate venerdi’ a Marrakech per aver organizzato una manifestazione non autorizzata”, indica il comunicato, affermando che queste persone si sono viste colpevoli di atti di violenza e di vandalismo, scagliando pietre sulle forze dell’ordine e sui passanti. Secondo alcuni testimoni oculari della manifestazione, che cade in una settimana dove i turisti sono numerosi, almeno 60 persone sono state ferite e quattro di loro sono stati ricoverati con codice rosso. I manifestanti sono stati dispersi con un lancio prolungato di gas lacrimogeni e con i cannoni a getto d’acqua.  Il governo islamista di Benkirane, insediatosi al potere in Marocco da un anno nel contesto della Primavera Araba, si sta confrontando con delle serie problematiche sociali e gli indicatori economici del paese sono in caduta libera.

Fonte: My Amazighen

Categories: Amazighen Tags:

Mario Monti, summa benedictio nel filo diretto con la Santa Sede

December 28, 2012 Leave a comment

Pope Benedict XVI (R) is greeted by Ital

Il Vaticano ‘benedice’ la scelta di Mario Monti di “salire in politica” con un appello singolare sottolineato dall’Osservatore Romano attraverso cui l’ex Presidente del Consiglio intende “recuperare il senso più alto e più nobile della politica che è pur sempre, anche etimologicamente, cura del bene comune”.
Secondo quanto riportato nel quotidiano della Santa Sede codesto impegno rappresenta una “domanda di politica alta che probabilmente la figura di Mario Monti sta intercettando o sulla quale comunque il capo del governo uscente intende legittimamente far leva e che interpella i partiti al di la’ dei contenuti del suo manifesto politico”.
Istantanea la riprovazione dell’ex premier Silvio Berlusconi, il quale da una trasmissione televisiva ribadisce il suo aspro dissenso criticando sarcasticamente l’evento: “Ha ragione ad usare l’espressione ‘salire in politica’, ma solo perché “aveva un rango inferiore a quello di presidente del Consiglio. Io ho detto ‘sceso in campo’ perché avevo un rango superiore”. Inoltre: “Non temo Monti. Credo che da deus ex machina quale era stato proposto, se scende in campo diventa un protagonista qualunque”.
Un attacco subitaneo e pesante anche da parte di Beppe Grillo, il quale accende il dibattito con toni più diretti: “E’ un fenomeno della autoreferenzialità estrema, un energumeno anticostituzionale, un presuntuoso che non ammette lo sfascio economico di cui e’ diretto responsabile”.
Mario Monti è un uomo in carne ed ossa, non un dio temerario immedesimato nella natura umana, né un aberrante alieno ben camuffato come si nota in certi film d’autore, ma tutto sommato durante i mesi del suo mandato egli ha assunto il ruolo di Sommo Pontefice dello Stato, noncurante della profonda crisi popolare incombente sotto il giusto pretesto della ripresa economica mediante il risanamento delle banche, assistendo indenne – si fa per dire – allo sfacelo della Repubblica. Ma, come in certi film, il dio tiranno preannuncia esecuzioni demiurgiche senza minimamente sindacare la responsabilità nei confronti delle classi sociali meno abbienti mentre il “vampiro alieno” sugge lentamente le vittime inconsapevoli della sua prode voracità, poiché sature di un risparmio consacrato a lungo nel sangue versato nei decenni della rinuncia.
Mario Monti inteso dall’opinione pubblica contrastante quale profano demiurgo, profeta della nuova Italia vestita a festa con gli stracci della plebe costituzionale, o sacro romano arcano chirottero della devota salvezza statutaria, ma quel che trapela a noi esseri mortali sono solo le gesta di un uomo elegantemente morigerato il cui scopo ultimo è stato quello di salire al trono d’Italia, patron dei patroni, nel sortire le sorti di una nazione inginocchiata dagli abusi politici di una sfrenata corruzione epocale, ancora costantemente impunita oserei aggiungere.
Mario Monti, l’uomo delle banche, il ministro “dell’elusione finanziaria”, il grande amico delle lobbies, colui che ha consacrato il ‘sacrificio’ di oggi in nome di una proficua ascensione del domani, l’artefice della concessione dell’IMU sul territorio italiano, sottratto irresponsabilmente alle molteplici attività ecclesiastiche sotto un profilo puramente caritatevole, il maestro dell’elisir della morte accidentale, silenziosamente somministrata agli avventori del club del plasma infetto, è stato benedetto dal Sommo Pontefice della Chiesa quale nobile portavoce del bene comune nel più elevato senso del dovere, coadiuvando a mio avviso una sorta di alleanza velata dalla mera coerenza politica.
Nessuno interdice una pia benedizione… Mario Monti deve sentirsi fiero di una meritevole consacrazione.
Tutto questo non porta a pensare che forse dietro il gioco della formula rituale esista un gioco molto più profano, un disegno ben congetturato il cui fine ultimo sembra piuttosto curare gli interessi di pochi eletti? La visione di due Sommi che intercedono in un linguaggio comune il cui prezzo è racchiuso nel nichilismo liberale. E chi dovrebbe insorgere difatti al fine di depistare questo nuovo cavillo della diplomazia, il prode Silvio Berlusconi o forse l’impavido Beppe Grillo…? A seguire poi una fila esangue di uomini e semidei fagociti!

Marius Creati

Fonte: MondoRaro

Roma, compagnia dell’Orchestraccia in Piazza dell’Immacolata a Capodanno

December 28, 2012 Leave a comment

Orchestraccia_Capodanno_Fringe_Festival

SAN LORENZO – PIAZZA DELL’IMMACOLATA
28 dicembre 2012 – 10 gennaio 2013
A grande richiesta, dopo gli spettacoli proposti dal Roma Fringe Festival, la Festa continua con il Capodanno in compagnia dell’ORCHESTRACCIA, il 31 dicembre
Ricordando Anna Magnani dal 2 al 5 gennaio
…e ancora Eventi e Proiezioni…
Dopo aver ospitato gli spettacoli più interessanti del Roma Fringe Festival, il Municipio III di Roma continua a far vivere Piazza dell’Immacolata con il mercatino artigianale, l’animazione e tanti eventi.
Il 28 e 29 dicembre si continua con Binario Due – Sotto la Panca la Capra Crepa di Pasquale Passaretti con Luigi Morra, vincitore del Premio Special Off al Roma Fringe Festival 2012, e Popolo Bue di e con Francesco Pompilio per la regia di Angelo Libri, e ancora spazio alla stand up comedy il 30 dicembre con GROG alle ore 21.00.
Il 2012 si chiude con una grande festa in musica – rigorosamente a ingresso gratuito – grazie a un ospite speciale che porterà sul palco di Piazza dell’Immacolata la sua formula delirante di folk-rock romano: l’Orchestraccia.
Luca Angeletti, Roberto Angelini, Diego Bianchi, Giorgio Caputo, Marco Conidi, Maurizio Filardo, Edoardo Leo, Edoardo Pesce , Matteo Pezzolet, Daniele Natrella, Gianfranco Mauto, Giovanni di Cosimo, Riccardo Corso…sono solo alcuni degli attori e dei cantanti che hanno deciso di dare vita a questo ensemble unico nel suo genere, che attraverso una contaminazione che spazia dal folk alla patchanka, al dub, al punk rock fa rivivere la migliore tradizione romana.

Categories: Musica Eventi Tags:

“Baccarat Taillé sur Mesure”, mostra presso la Maison Baccarat a Parigi

December 28, 2012 Leave a comment

image

TAILLÉ SUR MESURE…
Baccarat, Cristallo Haute Couture
Se l’Haute Couture valorizza le forme del corpo umano donando ai tessuti struttura e volume, il taglio del cristallo scolpisce forme ed elementi decorativi. L’alta moda e la creazione di impareggiabili manufatti in cristallo occupano entrambi un ruolo di primo piano nell’artigianato d’eccellenza. La mostra “Taillé sur Mesure” ospita 300 pezzi storici e contemporanei delle collezioni della Maison Baccarat, illustra i leggendari “tour de force” dei propri maestri tagliatori e testimonia della trasmissione della loro abilità senza eguali da una generazione all’altra nell’arco di quasi 250 anni.
“Taillé sur Mesure”, o l’Arte del Taglio è un tributo all’eccezionale lavoro dei laboratori di taglio Baccarat. Dagli schizzi iniziali alla rifinitura, ciascuna fase della creazione di un oggetto in cristallo celebra la perfetta maestria dell’artigiano, la nobiltà del materiale lavorato e ogni singolo, raffinato dettaglio. I motivi intagliati nel cristallo variano dalle decorazioni più semplici a quelle più sontuose, dalla purezza di una linea agli ornamenti che richiamano i ricami e i pizzi più delicati.
Gli oggetti realizzati con taglio a coste piatte, firma distintiva di Baccarat esemplificata dal leggendario servizio di bicchieri a stelo Harcourt, sono esposti in una gamma pressoché infinita di lavorazioni e di tagli: concavo, smussato, a diamante quadrato, a diamante sfaccettato, rosa, foglia di palma, pontello, oliva, trifoglio, chicco di riso o “taille riche”. Questi motivi costituiscono un repertorio ornamentale di cui i designer si avvalgono per creare volumi e decorare una molteplicità di vasi, ciotole, flaconi, lampade e gioielli.
Dalle edizioni limitate, disegnate da artisti del calibro di Ettore Sottsass, Marcel Wanders e Patricia Urquiola, a collezioni “prêt-à-porter” come Masséna o Flers, il taglio valorizza il materiale, ne esalta lo scintillio e lo riveste di luce.
Mostra Taillé sur Mesure  31 ottobre 2012 – 30 marzo 2013
Galerie-Musée Baccarat 11, Place des Etats-Unis, 75116 Parigi
Tel: + 33 1 40 22 11 00
Aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18.
Chiusa il martedì, la domenica e nelle festività nazionali.
Ingresso € 5, ridotto € 3,50 Visite guidate su prenotazione.
Curatrice della mostra
Michaela Lerch, Sovrintendente
in collaborazione con Sandrine Fritz
Reparto Storico. Tel. +33 1 40 22 11 13 patrimoine@baccarat.fr <mailto:patrimoine@baccarat.fr>
Designer
Vincent Dupont-Rougier  www.vincentdupontrougier.com/ <http://vincentdupontrougier.com/&gt;
UFFICIO STAMPA BACCARAT
Dragonetti e Montefusco Comunicazione
Annachiara Montefusco T 02 48022325   M 339 7218836
montefusco@dragonettimontefusco.com
http://www.baccarat.com <http://www.baccarat.com/&gt;

Categories: Vernissages e Mostre Tags: ,

Virgilio Sieni

December 28, 2012 Leave a comment

Virgilio Sieni-w600-h600

Virgilio Sieni (Firenze, 1957)
Protagonista della scena contemporanea italiana a partire dai primi anni ’80, Sieni è oggi coreografo e danzatore conosciuto a livello internazionale, “tra i pochissimi capaci tramite il movimento di dar vita a composizioni che parlano ancora dell’“umano”, delle sue debolezze e fragilità” (Goffredo Fofi) e “le cui opere si offrono come un pensiero in forma di danza e sulla danza” (Roberto Giambrone).
Sieni si è formato alla danza classica e contemporanea ad Amsterdam, New York e Tokyo, ma il suo percorso comprende anche studi di arti visive, architettura e arti marziali. Nell’83 ha fondato la Compagnia Parco Butterfly, che nel 1992 diventa Compagnia Virgilio Sieni, con cui, fra i tanti riconoscimenti, vince tre premi UBU – nel 2000, nel 2003 e nel 2011, anno in cui ottiene anche il premio della rivista “Lo Straniero”. In qualità di coreografo ospite, ha creato balletti per i principali Enti Lirici e istituzioni teatrali italiane: Teatro alla Scala di Milano, Teatro Comunale di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Massimo di Palermo, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro dell’Opera di Roma.
Osso, La natura della cose, tratto dal De rerum natura di Lucrezio con la collaborazione del filosofo Giorgio Agamben per la drammaturgia, Solo Goldberg Improvisation, Tristi tropici, liberamente ispirato all’omonimo testo di Claude Lévi-Strauss e De anima, ispirato ad Aristotele, sono alcuni dei titoli più significativi della sua produzione.
Per la creazione dei suoi lavori Sieni si è spesso avvalso della collaborazioni di artisti visivi, musicisti e compositori di fama, come Alexander Balanescu, Ennio Morricone, Steve Lacy, Francesco Giomi/Tempo Reale, Evan Parker, Stefano Scodanibbio, Grazia Toderi, Liliana Moro, Maurizio Nannucci, Flavio Favelli.
Insieme alla sua compagnia, Sieni affianca alla creazione di spettacoli un programma di ricerca, studio, diffusione del linguaggio coreografico contemporaneo articolato in progetti di residenza, produzione e formazione. Dal 2003 dirige infatti a Firenze Cango Cantieri Goldonetta e dal 2007 l’Accademia sull’arte del gesto, finalizzata alla trasmissione delle pratiche artistiche e alla definizione di un nuovo rapporto tra formazione e produzione, rivolto sia a professionisti che a gruppi di neofiti della danza, dall’infanzia alla terza età ai non vedenti.

Categories: Ritratti Tags:

“20 anni di Maschere e Costumi teatrali (Ca’ Giustinian)”, mostra presso la Biennale di Venezia – 4. Carnevale Internazionale dei Ragazzi

December 28, 2012 Leave a comment

logo_biennalela Biennale di Venezia /
4. Carnevale Internazionale dei Ragazzi
Il Leon Musico
Sperimentazione, tradizione e creatività
Mostra
20 anni di Maschere e Costumi teatrali (Ca’ Giustinian)
Partecipano
Argentina, Bahamas, Belgio, Germania, Gran Bretagna, Olanda, Romania, Stati Uniti
2 > 12 febbraio 2013 (h 10.00-18.00)
Venezia, Giardini della Biennale e Ca’ Giustinian
La Biennale di Venezia, presieduta da Paolo Baratta, annuncia la quarta edizione del Carnevale Internazionale dei Ragazzi, dal titolo Il Leon Musico. Sperimentazione, tradizione e creatività,che si terrà da sabato 2 febbraio a martedì 12 febbraio 2013 a Venezia ai Giardini (Padiglione Centrale) e a Ca’ Giustinian, con ingresso e attività gratuiti.
In occasione dell’apertura del 4. Carnevale, sabato 2 febbraio, sarà inaugurata a Ca’ Giustinian (Portego) la mostra 20 anni di Maschere e Costumi teatrali dalla collezione di bozzetti dell’ASAC (Archivio Storico delle Arti Contemporanee).
Dopo i successi delle precedenti edizioni, il 4. Carnevale Internazionale dei Ragazzi della Biennale si arricchisce nel 2013 di nuove attività, aprendosi anche alla Musica, oltre che alla Danza come negli anni scorsi.
Al 4. Carnevale Internazionale dei Ragazzi hanno confermato la loro partecipazione Olanda, Belgio (con i loro Padiglioni aperti), Germania, Gran Bretagna, Romania, Stati Uniti,e parteciperanno per la prima volta quest’anno Argentinae Bahamas.
Il Carnevale si articolerà in:
Partecipazioni nazionali
Performance dal vivo
“I Magnifici”: i giovani creativi
Collaborazioni con le Istituzioni
Mattinate per le Scuole
Attività creative per tutti
Le performance dal vivo prevedono laboratori e concerti organizzati in accordo con il settore Musica della Biennale.
La sezione “I magnifici” vedrà la partecipazione diretta di giovani creativi e scuole di tutta Italia a laboratori dove gli studenti possono sperimentare e presentare le loro idee attraverso dimostrazioni dirette e progetti.
Si conferma anche nel 2013 il coinvolgimento di Istituzioni come il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia, l’UNICEF e, per la prima volta, il World Food Programme, Agenzia delle Nazioni Unite.
Le Mattinate per le Scuole prevedono un programma di laboratori musicali, di espressione corporea e multimediali. Sono previsti anche laboratori per gli asili nido.
Le Attività creative per tutti comprendono visite guidate e attività ludico creative alla Mostra “20 anni di Maschere e Costumi”, visite alla Biblioteca della Biennale – ASAC attraverso un tour mirato dell’area di studio, consultazione e ricerca con approfondimenti sulle collezioni da parte del personale bibliotecario specializzato dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee.
E’ previsto un servizio di bus e navetta gratuito per le scuole e navetta gratuita per il pubblico.
Bookshop e Caffetteria aperti, Spazio famiglie.

“Un dipinto del Rinascimento veneziano a Bergamo”, mostra al Museo e Tesoro della Cattedrale

December 28, 2012 Leave a comment
getimage
Un dipinto del Rinascimento veneziano a Bergamo
Museo e Tesoro della Cattedrale, 22 dicembre 2012 – 2 febbraio 2013
La Madonna dei colombi di Giovanni Cariani 
Esistono delle opere d’arte che presumono e richiedono il coinvolgimento dello spettatore. Solo tramite questa consapevolezza si compie il programma dell’artista. In assenza di un complice l’opera rimane muta e incompleta.
Per sprigionare il suo significato essa ha bisogno di un testimone consapevole. Molti artisti del Rinascimento hanno elaborato delle invenzioni che richiedono uno spettatore coinvolto. Un caso emblematico è rappresentato dalla Madonna dei colombi di Giovanni Cariani, dipinta a Venezia all’inizio del Cinquecento.
Il dipinto allude a una vicenda narrativa: la presentazione al Tempio di Gesù. Secondo la legge ebraica ogni figlio maschio andava riscattato presso il Tempio, tramite l’offerta di cinque sicli e di due giovani tortore o colombe. Nel primo piano del dipinto è stato posto un cestino con due colombe e Gesù è seduto sopra un piccolo forziere aperto, pronto a ricevere l’offerta. Allo spettatore dell’opera è attribuito il ruolo del sommo sacerdote, secondo i versi del Vangelo di Luca (2, 22-39).
In collaborazione con la Parrocchia di S. Alessandro M. in Cattedrale
Museo e Tesoro della Cattedrale
Piazza Duomo – Bergamo (Città Alta)
Martedì-domenica ore 9.30-13 / 14-18.30
Lunedì chiuso
Info 035.248772 www.fondazionebernareggi.it

Keiji Nakazawa, muore il noto fumettista giapponese di Gen di Hiroshima

December 28, 2012 Leave a comment

Keiji Nakazawa, muore il noto  fumettista giapponese di Gen di Hiroshima

Muore il 19 dicembre il noto fumettista giapponese Keiji Nakazawa, autore del manga Hadashi No Gen (Gen di Hiroshima), una storia narrante la vita del giovane Gen sopravvissuto all’inferno del bombardamento atomico di Hiroshima nel 1945. Aveva 73 anni, affetto da radiazioni nucleari dal giorno del lancio della bomba atomica, il fatidico 6 agosto 1945, esplosione che vede coinvolta l’intera famiglia. Perde la madre un anno dopo a causa delle radiazioni. Negli anni successivi alla fine della guerra si trasfesce a Tokyo dove inizia la sua carriera com disegnatore di fumetti, collabora con note testate quali Shonen Gaho  e Shukan Shonen Jump. Nel 1972 scrive Gen di Hiroshima, pubblicata in Italia dalla Panini Comics.

Marius Creati

Categories: Obituario Tags:

“500 gatti di tutto il mondo in mostra a Salò”, mostra per prevenire il randagismo felino

December 28, 2012 Leave a comment

1298

Fino al 27 gennaio la mostra per raccogliere fondi per prevenire il randagismo felino
500 gatti di tutto il mondo in mostra a Salò
L’insolita collezione è stata donata al Comune dal chirurgo plastico Giovanni Botti, che l’ha realizzata in 30 anni. Grazie alle sue pazienti.
Provengono da ogni angolo del mondo, hanno forme, dimensioni e colori diversi. Sono gli oltre 500 gatti protagonisti di “Gattarte 500 + 1 felini”, la mostra in corso a Salò organizzata dal telefono Difesa animali e dal comune di Salò che sarà aperta fino al 27 gennaio 2013. Un’iniziativa curiosa, che ha come obiettivo la raccolta di fondi per prevenire il randagismo gattile. Ancora più curiosa è la storia che riguarda questa collezione, che comprende in tutto mille pezzi e che è stata donata al comune di Salò dal chirurgo plastico Giovanni Botti, presidente dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica.
Definiti da Leonardo da Vinci dei “capolavori”, i gatti sono gli animali che più rappresentano l’ideale di bellezza e perfezione delle proporzioni. E proprio un micetto di ceramica, è l’animale con cui Botti decise di abbellire il suo studio all’inizio della sua carriera, oltre 30 anni fa. «Amo tutti gli animali, ma ho una predilezione per i felini – afferma il chirurgo -. Certo, non avrei mai pensato di dar vita a una collezione così assortita. Tutto è iniziato con un piccolo gattino di ceramica: una paziente lo notò e, dopo essere stata operata, me ne regalò un altro pensando, a ragione, che mi piacessero i mici. Vedendo due gattini nella sala d’attesa del mio studio altre pazienti fecero la stessa riflessione e me ne regalarono ancora. Poco alla volta le statuette di gatti si sono moltiplicate a dismisura, fino a raggiungere l’incredibile numero di mille. Sono tutti esemplari regalati dai miei pazienti, ad eccezione del primo. E provengono da ogni paese del mondo».
Gatti artistici, gatti utili, gatti decorativi, gatti “griffati”. Insomma, “tutti i gatti che non ti aspetti”.  Una collezione unica nel suo genere e di considerevole valore, che Giovanni Botti ha deciso di donare al Comune di Salò che, come recita la lettera di donazione, “ne potrà disporre liberamente per gli scopi culturali, sociali, turistici e didattici oltre che di prevenzione del randagismo gattile o per promuovere raccolte, aiutare associazioni libere o riconosciute che si occupino della sterilizzazione, cura e manutenzione dei gatti randagi”.
Lo scopo di Gattarte è sensibilizzare tutti i visitatori a favore dei gatti meno fortunati per antonomasia, ossia i randagi. La mostra, che è stata allestita nella Torre dell’Orologio, in centro a Salò, senza costi per il Comune grazie all’opera dei volontari, al sostegno di alcuni sponsor, e a Publiradio srl, è stata inaugurata il 21 settembre e sta riscuotendo molto interesse e partecipazione. E’ possibile visitarla nei pomeriggi di venerdì, sabato e domenica fino al 27 gennaio 2013. L’ingresso è a offerta libera, il ricavato sarà devoluto all’Associazione Telefono Difesa Animali.