Home > Vernissages e Mostre > “Add Fire. Premio Furla 2013”, nona edizione del premio dedicato alla giovane arte emergente italiana

“Add Fire. Premio Furla 2013”, nona edizione del premio dedicato alla giovane arte emergente italiana

Add Fire. Premio Furla 2013
La nona edizione del premio dedicato alla giovane arte emergente italiana.
Milano, 20 novembre 2012 – Si intitola “Add Fire” la nona edizione del Premio Furla, riconoscimento biennale d’eccellenza per l’arte contemporanea dedicato ai giovani talenti italiani, presentato oggi a Milano. A firmare il titolo dell’edizione di quest’anno è Jimmie Durham, l’artista – ma anche poeta – statunitense, che farà da padrino al Premio Furla 2013.
Il Premio Furla mira a sostenere la migliore pratica artistica del nostro Paese, attraverso il monitoraggio, la selezione, la formazione degli artisti e la produzione di nuovi lavori, e ha saputo nel tempo affermarsi come vetrina internazionale per la creatività emergente.
Curato da Chiara Bertola, il Premio è organizzato e promosso da Fondazione Furla, Fondazione Carisbo, Fondazione Querini Stampalia, MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, con il supporto di Carisbo S.p.A. e con la collaborazione di Arte Fiera e Viafarini.
Nel corso della presentazione, cui hanno preso parte, tra gli altri, Giovanna Furlanetto, Presidente Fondazione Furla, Fabio Roversi-Monaco, Presidente Fondazione Carisbo, e Marino Cortese, Presidente Fondazione Querini Stampalia, Chiara Bertola ha annunciato i nomi dei finalisti della nona edizione e le cinque coppie curatoriali che hanno individuato la rosa dei finalisti per questa edizione.
All’incontro era presente anche Jimmie Durham, nel ruolo già svolto nelle passate edizioni da Christian Boltanski (2011), Marina Abramovic (2009), Mona Hatoum (2007), Kiki Smith (2005), Michelangelo Pistoletto (2003), Lothar Baumgarten (2002), Ilya Kabakov (2001) e Joseph Kosuth (2000). L’artista-padrino ha il compito di rintracciare il tema emergente e il titolo dell’edizione, attraverso la realizzazione di un lavoro appositamente concepito che connoterà tutta l’immagine grafica del Premio. “Add Fire” vuole essere un omaggio a un’iniziativa che si è sempre posta come motore di crescita per i giovani artisti e al tempo stesso invita in modo inequivocabile a non fermarsi di fronte a nessun ostacolo, affrontando il futuro con passione ed energia creativa.
Il Premio Furla opera come un vero e proprio osservatorio sui protagonisti della migliore creatività emergente in ambito contemporaneo e rivolge la propria attenzione agli artisti, ma anche alla più recente generazione di curatori, affidando per ogni edizione la selezione degli artisti e la curatela della mostra collegata a cinque curatori italiani, ciascuno affiancato a un guest curator straniero.I curatori selezionatori della nona edizione sono: Stefano Collicelli Cagol (Padova, 1978) e Bart van der Heide (Olanda, 1974); Francesco Garutti (Milano, 1979) e Yann Chateigné Tytelman (Ginevra, 1977); Ilaria Gianni (Roma, 1979) e Alice Motard (Parigi, 1978); Vincenzo Latronico (Roma, 1984) e Fanny Gonella (Francia, 1976); Filipa Ramos (Lisbona, 1978) e Elena Filipovic (Los Angeles, 1972).
I cinque artisti finalisti, individuati al termine di un vero e proprio viaggio di ricognizione sul territorio, sono:
 Tomaso De Luca (1988) selezionato da Ilaria Gianni e Alice Motard  Chiara Fumai (1978) selezionata da Stefano Collicelli Cagol e Bart van der Heide  Invernomuto / Simone Bertuzzi (1983) e Simone Trabucchi (1982) selezionati da Filipa Ramos e Elena Filipovic  Davide Stucchi (1988) selezionato da Francesco Garutti e Yann Chateigné Tytelman  Diego Tonus (1984) selezionato da Vincenzo Latronico e Fanny Gonella
Nelle prossime settimane i finalisti elaboreranno ciascuno un progetto per la realizzazione di un’opera che, insieme a una selezione di loro lavori, sarà presentato al pubblico e alla giuria interazionale nell’ambito di una mostra collettiva. La mostra, intitolata “Add Fire” dal lavoro di Jimmie Durham, sarà allestita nella suggestiva cornice dell’Ex Ospedale degli Innocenti a Bologna, complesso monumentale di proprietà della Provincia di Bologna, recentemente valorizzato da un ingente restauro e ridisegno funzionale. L’esposizione sarà inaugurata venerdì 25 gennaio in concomitanza con Arte Fiera e resterà aperta al pubblico da sabato 26 gennaio a domenica 3 febbraio 2013.
I cinque progetti finalisti saranno al centro di una tavola rotonda dedicata alla creatività emergente che si terrà nell’ambito di Arte Fiera, venerdì 25 gennaio, e che vedrà la partecipazione dei curatori e degli artisti della nona edizione del Premio Furla.
Il vincitore avrà la possibilità di realizzare l’opera proposta in progetto, interamente prodotta dalla Fondazione Furla e destinata alla fruizione pubblica attraverso la concessione in comodato al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna. Il lavoro realizzato sarà presentato in anteprima presso la Fondazione Querini Stampalia a giugno 2013, in concomitanza con la 55ma Biennale di Arti Visive di Venezia.
Come ogni anno, il vincitore del Premio Furla avrà la possibilità di studiare e lavorare all’estero, grazie alla
La giuria internazionale, composta da Galit Eilat (Presidente di Akademie der Künste der Welt, Colonia, e Curatore Ricercatore al Van Abbe Museum, Eindhoven), Marina Fokidis (Direttore Fondatore di Kunsthalle Athena), John Peter Nilsson (Direttore del Moderna Museet di Malmö), Chiara Parisi (Direttore dei programmi culturali della Monnaie di Parigi), Dirk Snauwaert (direttore di WIELS Contemporary Art Centre, Bruxelles) selezionerà il vincitore, che sarà annunciato venerdì 25 gennaio 2013 a Bologna alle 19.30, durante l’inaugurazione della mostra.
partecipazione a un progetto di residenza d’artista, che per questa edizione si svolgerà presso il WIELS Contemporary Art Centre di Bruxelles. La gestione della residenza è affidata a Viafarini, centro di documentazione sull’arte contemporanea che, dalla quinta edizione, raccoglie l’archivio generale del Premio Furla e che collabora all’ospitalità dei curatori stranieri grazie al programma di residenza milanese VIR Viafarini-in-residence.
Istituito nel 2000 a Venezia alla Fondazione Querini Stampalia come appuntamento annuale, nel corso degli anni il Premio Furla si è sviluppato, rinnovando e ampliando la propria modalità di intervento. Dal 2003 il premio è un riconoscimento biennale, assicurando così il ricambio generazionale, l’ampiezza e l’efficacia del monitoraggio sulla creatività emergente nel nostro Paese. Il rigore scientifico della manifestazione, l’impianto curatoriale, il sostegno alla formazione e alla produzione di nuovi lavori, si uniscono all’efficace rete internazionale di contatti con critici d’arte, curatori, direttori di musei e centri d’arte di prestigio facendone di fatto oggi un appuntamento cruciale nel percorso di crescita dei giovani artisti italiani.

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: