Archive

Archive for September 27, 2012

HARPS, scoperto nuovo pianeta potenzialmente abitabile

September 27, 2012 Leave a comment

Gli astronomi hanno scoperto una nuova ‘Super Terra‘ nella zona abitabile intorno alla stella nana rossa Gliese 163. L’esopianeta Gliese 163c ha una massa 6.9 volte quella della Terra e un periodo orbitale di 26 giorni. Gli astronomi, utilizzando il telescopio HARPS (High Accuracy Radial Velocity Planet Searcher) dell’European Southern Observatory, lo hanno trovato in orbita attorno a una stella nana rossa , a 49 anni luce della costellazione del Dorado. “Gliese 163c potrebbe avere una dimensione compresa tra 1.8 a 2.4 raggi terrestri, a secondo se è composto per lo più di roccia e di acqua“, hanno detto i ricercatori. Una super Terra è un pianeta extrasolare con una massa superiore a quella della Terra, ma molto al di sotto della massa dei piccoli giganti gassosi del Sistema Solare, come Urano e Nettuno. Il termine super Terra si riferisce solo alla massa del pianeta, e non implica nulla circa le condizioni di superficie o di abitabilità.“Non conosciamo le proprietà dell’atmosfera di Gliese 163c ma, se si assume che si tratti di una versione in scala dell’atmosfera della Terra, allora la sua temperatura di superficie potrebbe essere intorno ai 60°C“, hanno riferito i ricercatori. Gliese 163c riceve in media il 40 per cento in più di luce dalla sua stella di quanto la Terra dal Sole, il che lo rende più caldo. Le forme di vita più complesse presenti sulla Terra – come le piante, animali e anche gli esseri umani – non sono in grado di sopravvivere a temperature superiori ai 50°C. La scoperta è stata fatta dal team dell’European HARPS guidato da Xavier Bonfils proveniente dal UJF-Grenoble/CNRS-INSU, Istituto di Planetologia e di Astrofisica di Grenoble, Francia.Assieme alla loro ultima scoperta, il team ha anche trovato un pianeta più grande, Gliese 163b, in orbita intorno alla sua stella più vicina, con un periodo orbitale di 9 giorni, afferma il rapporto. Hanno anche annunciato che un nuovo terzo, ma non confermato, pianeta potrebbe essere in orbita molto più lontano intorno alla stella.

Fonte: Ufo e dintorni

Categories: Astro Tags:

ISON, recente scoperta di una nuova cometa possibilmente visibile a occhio nudo

September 27, 2012 Leave a comment

Sembra che il 2013 sarà un anno molto promettente per vedere delle comete ad occhio nudo, vista la recente scoperta di una nuova cometa che passerà molto vicino al Sole e potrebbe mettere in mostra una gigantesca coda di gas, polvere e ghiaccio, ben visibile anche senza telescopi. La cometa si chiama C/2012 S1 (ISON), dato che è stata scoperta dal team Russo del ISON (International Scientific Optical Network). Attualmente si trova circa alla distanza dell’orbita di Giove. Ma secondo le proiezioni dovrebbe arrivare a meno di 2 milioni di km dal Sole al suo perielio, il 28 Novembre 2013. Ernesto Guido e Giovanni Sostero, dell’Osservatorio Remanzacco, insieme al loro collega Nick Howes, dell’UK, hanno scattato immagini della cometa usando il telescopio RAS nel Nuovo Messico e hanno dichiarato che “Secondo la sua orbita, la cometa potrebbe diventare visibile ad occhio nudo nel periodo tra Novembre 2013 e Gennaio 2014. E potrebbe raggiungere un magnitudo negativo alla fine del Novembre 2013.”
Questa nuova cometa si aggiunge alla cometa C/2011 L4 PanSTARRS, che dovrebbe arrivare entro 45 milioni di km dal Sole il 9 Marzo 2013, e teoreticamente dovrebbe bastare per creare una chioma molto brillante. Questa cometa sarà visibile durante il passaggio a perielio,ma nell’emisfero sud del pianeta, mentre la cometa ISON dovrebbe essere visibile a quelli che si trovano nelle latitudini medie dell’emisfero nord.
In questo momento, la cometa ISON ha un magnitudo +18 e soltanto i telescopi molto grandi riescono a vederla. La grande domanda è ovviamente quando diventerà grande nel cielo e quando sarà visibile durante il giorno. Per queste domande bisognerà aspettare ancora. 2 milioni di km dal Sole però sono incredibilmente poco e se la cometa rimane intatta potrebbe raggiungere magnitudini negativi da -11 a -16. Per fare un paragone, il magnitudo massimo della Luna è -12.7!
Ma questo succederà soltanto se la cometa non andrà in frantumi. Le comete possono essere molto imprevedibili e altre che si sono avvicinate tanto al Sole, come la famosa Cometa Elenin nel 2011 o la Cometa LINEAR nel 1999, o la Cometa Kohoutek nel 1973, non sono riuscite ad arrivare neanche vicino alla luminosità e visibilità previste.
Dall’altro canto, abbiamo visto tutti come la Cometa Lovejoy, quest’anno, è riuscita a a sopravvivere ad un incontro due volte più ravvicinato con il Sole. Nel 2007 la Cometa McNaught diventò visibile ad occhio nudo anche di giorno (raggiunse il magnitudo -5.5) Ed era a ben 24 milioni di km dal Sole.
La scoperta della cometa C/2012 S1 (ISON) è stata fatta da Vitali Nevski, dalla Bielorussia e da Artyom Novichonok, di Kondopoga, Russia. Hanno usato un telescopio riflettore da 0.4 metri posizionato vicino a Kislovodsk, in Russia.

Fonte: Link 2 Universe

Categories: Astro Tags:

“Delicious Pin-Up”, omaggio all’America anni ’40-’50 di Simone Romeo

September 27, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Sarà che la bellezza femminile non passa mai di moda, sarà che il mondo delle Pin-Up porta con sé un’aurea di fascino d’altri tempi, eppure intramontabile. Il book fotografico Delicious Pin-Up appassiona ed intriga.
Gli ingredienti sono essenziali ma ben amalgamati: una sala posa, splendide modelle, profumo di una seduttiva America anni ’40-’50 e un fotografo italianissimo, Simone Romeo.
Un susseguirsi di scatti dal sapore vintage accompagna il lettore alla scoperta delle mode dell’epoca e di un erotismo dai tratti morbidi.
Attraverso lo studio della posa, le curve sapientemente esibite, il trucco e l’acconciatura, gli abiti e gli accessori, ognuna di queste Pin-Up regala nostalgiche emozioni e strappa sorrisi. Nulla è volgare, i ritratti celano una sottile alchimia tra erotismo ed ironia, senza mai eccedere. Il gioco di tatuaggi sulla pelle delle ragazze esprime ancor di più la ricerca, da parte di Simone Romeo, dell’individualità e dell’interpretazione in chiave moderna, di un genere femminile che ai tempi della Golden Era era considerata quasi onirica. Un minuzioso quanto delicato intervento di post produzione delle immagini, amplifica la complessiva sensazione di surrealismo. Molti infine gli omaggi ai disegni dei grandi illustratori dell’epoca, da Alberto Vargas a Gil Elvgren, così come le effigi sui bombardieri americani che diedero vita ad una corrente artistica dal nome Nose Art.
Il book fotografico Delicious Pin-Up si presenta in formato A4, 21 x 29,7 cm, 80 pagine su carta lucida da 170 grammi che accolgono i 50 migliori scatti dell’autore, copertina rigida plastificata, edito in tiratura limitata di 1.000 copie, con prefazione curata dalla Dott.ssa Roberta Valtorta, direttore scientifico del Museo di Fotografia Contemporanea. Il libro è acquistabile direttamente dal sito internet http://www.simoneromeo.it/pinup_book.htm.
Si tratta del secondo book fotografico realizzato da Simone Romeo. L’opera prima è stata Kustom People, una raccolta dei ritratti più straordinari della cultura Kustom, vero fenomeno sociale. Due immagini in particolare, Yone e Rockabilly, sono state incluse negli archivi del Museo di Fotografia Contemporanea come “esempio di nuova ritrattistica”.
Simone Romeo è nato nel 1975 a Milano, dove attualmente vive. Dopo gli studi inizia a dedicarsi alla fotografia. Collabora con le principali riviste e con le più grandi aziende del settore automotive ma non solo. Accanto all’attività professionale sviluppa un’accurata ricerca sugli archetipi umani della contemporaneità e sui modelli di comportamento della società di massa. Da qui inizia il suo percorso verso la più raffinata ritrattistica e fotografia lifestyle.

Fonte: BlogModa

Categories: Moda Livre Tags:

Poker, tendenza e malcostume

September 27, 2012 Leave a comment

Una nuova tendenza ci mette veramente poco a diventare malcostume. È la stessa storia del poker che, negli ultimi anni, è diventato una moda in tutti sensi, quasi un vizio, praticato nella maggior parte dei casi da neofiti che si improvvisano professionisti, ma quali sono le cause?
Chris Moneymaker: il boom del poker
Tutto è iniziato con Chris Moneymaker nel 2003 durante le WSOP di quell’anno. Per chi non lo sapesse, le WSOP (World Series of Poker) sono una serie di eventi dedicati al poker che si tengono ogni anno a Las Vegas, esse si concludono con il Main Event, il torneo che decreta convenzionalmente il campione del mondo di poker. La quota di iscrizione di quest’ultimo evento è di ben 10.000 dollari, ed è qui che inizia la storia del nostro Chris, che decide di partecipare ad uno dei tanti tornei satellite. Essi mettono in palio un biglietto gratuito per il Main Event, e la quota di iscrizione è di 1.000 dollari in questo caso. Per ben tre volte Chris partecipa a questi tornei, senza risultato. Fu allora che egli decise di pagare l’intera quota di iscrizione.
Stiamo parlando di un neofita, difatti prima di allora Chris Moneymaker non aveva mai partecipato ad un torneo di poker di quel livello, poiché per lui il poker altro non era che una semplice passione. Con grande sorpresa di tutti i presenti, Chris riesce a vincere il Main Event piazzandosi primo e aggiudicandosi diversi milioni di dollari. Fu allora che gli venne affidato il cognome di “Moneymaker” (letteralmente fare soldi). Ecco così che inizia la storia del poker, un gioco di carte poco conosciuto fino ad allora. La storia di Moneymaker fa il giro del mondo e nasce nella gente la malsana idea che chiunque, anche un giocatore inesperto, poteva vincere grandi somme. Il poker fa il boom. Nasce così una nuova tendenza che, negli anni successivi, è dilagata. Dai circoli alle poker room, oggi in pochi non conoscono il poker, e tutti (anche adolescenti) lo praticano abbastanza frequentemente.
Il poker diventa una moda
Come succede molto spesso nella nostra società, quella che era una nuova tendenza, con il passare del tempo, diventa una vera e propria moda. Non solamente giocatori professionisti, ma anche i principianti, tutti iniziano ad abusarne. Nonostante una legislazione che vieta il gioco d’azzardo ai minori, il poker spopola sopratutto tra gli adolescenti che iniziano a giocare sia in modo amatoriale (organizzando tornei con i propri amici), sia in maniera più professionale, su alcune poker room, naturalmente sotto falso nome. L’abuso è all’ordine del giorno, ed ecco che quella che era semplicemente una nuova tendenza diventa malcostume.
Non stiamo parlando solamente di un hobby, poiché questo gioco di carte ha tutti i diritti di essere chiamato “sport”, tuttavia esso prevede delle dinamiche di gioco così profonde che vanno al di là delle semplici regole. I neofiti, naturalmente, tralasciano tutte queste particolarità sul poker e, molto spesso, subiscono pesanti sconfitte. Senza alcuna conoscenza dei termini tecnici e delle tattiche più utilizzate, quando si arriva ad un tavolo verde degno di essere chiamato tale, i cosiddetti squali ci staranno poco a sbranarvi.
Un discorso a parte merita questo gioco quando, più che moda abusata, diventa un vero e proprio vizio. I casi sono tanti, e difficilmente hanno un lieto finale. Un consiglio? Non abusate del poker che, essendo uno sport, può non essere all’altezza di tutti. Abbiate la consapevolezza di quali sono i vostri limiti e la volontà di fermarvi laddove le cose vadano male. Non abusatene e, con il tempo, diverrà quello che per molti dovrebbe essere: un semplice hobby.
“Io sono un professionista!”
È una delle frasi che si sentono più spesso, accompagnata da “Ci gioco tutti i giorni”. Giocare online con soldi veri in una celebre poker room è alla portata di tutti, ma anche facendolo tutti i giorni difficilmente potremo dichiararci professionisti. L’abuso del poker negli ultimi anni nasce proprio da questo. Kicker, Continuation Bet, 3bettare, sono solamente alcuni dei termini più utilizzati in questo gioco e, nonostante questo, tanti professionisti improvvisati non ne hanno mai sentito parlare. A prescindere dalle conoscenze terminologiche, molto spesso è la mentalità che manca. Sapere quando compiere determinati mosse e quando no, non andare nel panico, controllare le proprie emozioni, sono solamente alcune delle basi fondamentali per arrivare in alto.
Molti principianti vantano di possederle, per poi lanciarsi in all-in del tutto inadeguati solo perché hanno un asso tra le proprie carte. Insomma, stiamo parlando del gioco di carte più famoso al mondo che, da quasi 10 anni, ha iniziato a diffondersi esponenzialmente senza fermarsi. La legislazione vigente prevede che questa nuova tendenza non debba essere presente nei circoli delle grandi città (è necessaria una licenza per il gioco d’azzardo), ma nonostante tutto sono molti i locali che si ostinano a farlo. Il perché è semplice: lasciamo i veri professionisti al loro posto, e noi divertiamoci occasionalmente in un torneo tra amici, d’altronde è anche per questo che è nato il poker in passato, non per diventare una moda quale è oggi.

Donato Braico

Fonte: Tasc

Categories: Sententia Tags: ,

“Viaggio nella Storia”, vino e culto dei defunti sulla Giara di Siddi

September 27, 2012 Leave a comment

Dopo la lunga pausa estiva, riprendono le attività culturali legate alle escursioni. Domenica 30 Settembre, l’Associazione Tsìppiri organizza un’escursione sulla Giara di Siddi. La giornata sarà dedicata al vino e all’antico culto dei defunti che si celebrava presso i templi denominati Tombe di Giganti.
L’appuntamento per chi parte da Cagliari è al T-Hotel, alle ore 09.30 (si richiede la massima puntualità). Il raduno è previsto alle 10.15 all’ingresso di Lunamatrona.
Ore 10.30 – Visita alla Tomba di Giganti di Lunamatrona.
Ore 11.30 – Convegno sulle libagioni e sul culto dei defunti, presso i vigneti della cantina Lilliu, dove, alle 13.00, nella zona conviviale, un gruppo di “arrostidorisi” preparerà un pranzo tipico sardo (costo 20 Euro). Le pietanze sono rigorosamente locali, selezionate da allevatori e agricoltori della Giara. Il capanno ha 4 tavolate in grado di ospitare 20 persone ciascuna, e domina la Marmilla a 360° con un panorama mozzafiato a 600 metri sul livello del mare.
Pomeriggio:
Ore 16.00 – Dal capanno, il gruppo si muoverà per una passeggiata (1 km) sul pianoro della Giara, con visita guidata alla monumentale Tomba di Giganti Sa Domu ‘e S’Orku.
A seguire, verso le ore 18.00, degustazione di vini delle cantine Lilliu e spiegazione della vinificazione.
Partecipazione libera e gratuita, con mezzi propri.
Informazioni al 338.2070515 o inviando una mail a pierlu.mont@libero.it

Categories: Eventi Tags: