Home > Salus > Omega3, importanza di integrare acidi grassi nella propria alimentazione

Omega3, importanza di integrare acidi grassi nella propria alimentazione

Integrare la propria alimentazione con gli Omega 3 sembra ormai di uso comune, ma che cosa comporta un sovradosaggio di Omega 3? In quali circostanze sarebbe opportuno non assumerli, o combinarli con altri integratori?
L’integrazione di Omega 3 TRIGLIC OIL BIOMEGA 100OPR è sicuramente di fondamentale importanza per diminuire i livelli di infiammazione e per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Talvolta però, in caso di stress ossidativo e alte concentrazioni di radicali liberi, è opportuno consigliare l’integrazione di questi acidi grassi polinsaturi accompagnata da assunzione di antiossidanti REVIDOX C/STILVID 30CPS, o la sospensione dell’integrazione di Omega 3.
Questi acidi grassi, infatti, in presenza di stress ossidativo sono molto esposti ai processi di ossidazione (perossidazione lipidica) e giocano un ruolo chiave nel processo infiammatorio, richiamano una maggior concentrazione di citochine pro-infiammatorie, invece che contrastarle. Entrambe queste situazioni, a loro volta, possono indurre od aumentare lo stress ossidativo.
In particolare se ci si trova in uno stato di stress ossidativo elevato (radicali liberi ad elevata concentrazione e barriera antiossidante a livelli bassi) e facciamo integrazione di Omega 3, questi ultimi verranno ossidati creando più danno che beneficio. Riportiamo alcuni studi a riguardo.
In questo studio “PUFAs in serum cholesterol ester and oxidative DNA damage in Japanese men and women” Kimura Y et al. 2012, è stato verificato che i livelli di radicali liberi e molecole ossidate sono aumentati nei soggetti con concentrazione di Omega 3 maggiore, in particolare di acido eicosapentaenoico (EPA) e di acido docosaesaenoico (DHA). Questo studio conferma che gli acidi grassi Omega 3 possono aumentare il livello di stress ossidativo, poiché sono acidi grassi a lunga catena facilmente ossidabili.
Lo stesso effetto è stato osservato in studi effettuati su atleti: ad esempio, da questo articolo riguardante atleti di judo “Effect of 6 Weeks of n-3 fatty-acid supplementation on oxidative stress in Judo atlete” Filarie E. et al. 2010, è emerso che l’integrazione con acidi grassi Omega 3 TRIGLIC OIL BIOMEGA 100OPR aumenta significativamente lo stress ossidativo negli atleti, sia a riposo che dopo l’allenamento.
Un altro trial effettuato su ciclisti ha osservato che l’integrazione con Omega 3 da sola aumenta in modo significativo il livello degli isoprostani, di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo. Per contro, una supplementazione combinata di antiossidanti ed Omega 3 può parzialmente contrastare l’aumento di stress ossidativo, ma non lo previene, quindi gli isoprostani aumentano comunque dopo l’esercizio fisico. “Effect of n-3 fatty acids and antioxidants on oxidative stress after exercise” McAnulty SR et al. 2010.

Fonte: BlogModa

Categories: Salus Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: