Home > Astro > Sole, nuova luce sull’attività esplosiva solare

Sole, nuova luce sull’attività esplosiva solare

Le prime immagini di un aumento di gas verso l’alto del sole in quiescenti loops coronali sono state individuate da un team internazionale di scienziati. La scoperta è un ulteriore passo verso la comprensione delle origini delle tempeste spaziali estreme, che possono causare danni alle comunicazioni satellitari e alle reti elettriche sulla Terra.
Lo studio pubblicato dall’ Università di Cambridge da scienziati che lavorano con  colleghi in India e negli Stati Uniti è il primo a visualizzare il movimento del gas a un milione di gradi nei cappi coronali, strutture solari che si estendono nelle regioni attive del sole .
L’osservazione aiuterà gli scienziati a capire una delle questioni più impegnative in astrofisica,come le strutture solari si riscaldano e si mantengono nell’alta atmosfera solare. L’attività solare è ciclica, con la previsione massima prossima a verificarsi intorno a maggio 2013.
Sulla base di osservazioni del satellite Hinode , i nuovi risultati forniscono la prima prova dei getti del plasma che viaggiano a circa 20 km al secondo a un milione  di gradi nella regione attive. Gli scienziati suggeriscono che la risalita dei gas è probabilmente il risultato di “riscaldamento impulsivo” vicino alle regioni degli anelli.
Precedenti immagini ultravioletti del Sole prese da SDO della NASA hanno mostrato grandi anse  di gas caldo guidate dal campo magnetico del Sole e radicate nei pressi delle macchie solari. Nonostante questi notevoli sviluppi nelle osservazioni e la teoria delle regioni attive negli ultimi decenni, la questione è rimasta aperta di come  il plasma solare viene riscaldato e sale nei getti  di plasma solari .
La nuova ricerca fornisce la prima visualizzazione del flusso di plasma che mostra il movimento del gas all’interno del ciclo nelle immagini diagnostiche con l’estremo ultravioletto  tramite EIS ( ultravioletto Imaging Spectrometer)  sul satellite Hinode. Le linee spettrali prodotte dallo spettrometro come ‘impronte digitali’ o ‘codice a barre’ in un supermercato , identificano la molteplicità di elementi e ioni all’interno del ciclo e forniscono informazioni sul movimento del plasma. Sebbene il sole è composto principalmente da idrogeno ed elio, vi sono anche altri oligoelementi, quali ferro, e ossigeno nel gas caldo ionizzato all’interno delle anse.
Gli scienziati suggeriscono che il movimento del gas è causata da un processo di “evaporazione cromosferica” in cui ” il riscaldamento impulsivo” su piccola scala può provocare il riscaldamento delle regioni attive solari, ma su scala più grande può portare a esplosioni enormi, quali brillamenti solari o espulsioni di massa coronale.
Si ritiene che l’energia magnetica si accumula in una regione attiva, appena  il campo magnetico diventa distorto, per esempio a causa dei movimenti sotto la superficie del Sole in cui vengono trascinati i campi magnetici vicini. ”A volte il flusso magnetico può emergere o immergere  influenzando il campo magnetico sovrastante. Crediamo che ci sono picchi di plasma solare verso l’alto quando c’è un riscaldamento impulsivo di riconnessione magnetica che si verifica sia nei cicli o vicino alla superficie del sole. Queste interruzioni sono a volte relativamente dolci, ma possono anche essere catastrofiche “.
I ricercatori sperano che una migliore comprensione delle regioni attive del sole  potrebbe un giorno aiutare  a identificare le strutture del campo magnetico che portano alle esplosive liberazioni di energia solare e utilizzarla come mezzo per prevedere quando tali eventi si verifichino.

Fonte: S.O.S. 2012

Categories: Astro Tags: , ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: