Home > Cinema... Cinema > “Charlot” di Richard Attenborough (1992)

“Charlot” di Richard Attenborough (1992)

Charlot (Chaplin) è un film di genere drammatico della durata di 144 min. diretto da Richard Attenborough e interpretato da Robert Downey Jr., Geraldine Chaplin, Paul Rhys, John Thaw, Anthony Hopkins, Dan Aykroyd, Marisa Tomei, Penelope Ann Miller, Kevin Kline, Milla Jovovich.
Prodotto nel 1992 in USA.
Nel 1910 a Hollywwod il monello povero dei sobborghi di Londra si trasforma in Charlot, barbone adulto con bombetta e bastoncino. A trent’anni è già l’uomo più ricco d’America, sposato e divorziato, chiaccherato e invidiato.
La pellicola è la biografia romanzata del comico inglese Charlie Chaplin. Colui che seppe prima interpretare al meglio ed in seguito rimodulare un genere cinematografico in auge agli inizi del ventesimo secolo. Un grande e completo artista capace di rinnovare anche la sua figura scenica, grazie all’uso di forti tematiche sentimentali e sociali trasponendo per una grande ed eterogenea platea la vita e le pulsioni umane.
L’impianto scenico scansiona il tempo con il susseguirsi delle molte figure femminili che hanno accompagnato fin dall’inizio, ma solo alla fine reso pago, la lunga esistenza di Chaplin.
Dopo la materna ed essenziale figura (interpretata dalla figlia Geraldine) ecco le prime passioni del giovane e promettente attore di teatro.
La svolta artistica avviene grazie alla proficua intuizione e collaborazione di Sydney, il fratello-manager, e il viaggio negli Stati Uniti. L’incontro col cinema e con il regista Mack Sennett (interpretato da Dan Aykroyd) e il galoppante successo, frutto di sagaci trovate e duro lavoro; relazioni e matrimoni attraversano fugacemente la metamorfosi artistica e umana dell’artista. Si sposò quattro volte ed ebbe innumerevoli avventure: acerbe ragazzine, navigate stelle del cinema e rapaci avventuriere. Figli legittimi, presunti e anche le donne realmente innamorate dell’uomo furono solo dei riempitivi delle pause tra la lavorazione di un film e il successivo. Chaplin conobbe successo fama e gloria come interprete, regista e compositore di musiche, ma fu anche bersaglio politico per le sue mal celate idee “eversive”, sino all’esilio, in Svizzera.
Il suo amore restò sempre il cinema e dal cinema, alla fine, fu premiato.

Fonte: Wikipedia

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: