Home > Mysterium > Maya, calendario più antico contraddice i suoi predecessori

Maya, calendario più antico contraddice i suoi predecessori

Non poteva essere altrimenti: nell’anno, il 2012, in cui ci si aspetta il verificarsi della profezia Maya sulla fine del mondo, gli archeologi hanno scoperto quelle che sono considerate le più antiche tavole astronomiche dei Maya. Ci trorveremo dentro la conferma dell’apocalisse prossima ventura?
E’ decisamente l’anno dei Maya. Dopo tanto parlare e negare la profezia che vorrebbe la fine del mondo calcata nel 2012 da parte degli studiosi Maya, ecco spuntare da un sito archeologico del Guatemala una serie di tavole astronomiche che risalirebbero al Nono secolo avanti Cristo, molto più antiche di qualunque altro esempio del genere scoperto fino a oggi. Queste tavole sono dipinte sulle mura di una abitazione esattamente nella località di Xultun. Tali resti furono scoperti nel 1912, ma nonostante ciò  gran parte delle rovine è tutt’oggi inesplorata. In particolareè stato scoperto un edificio che era rimasto interrato con tre delle quattro mura quasi perfettamente conservate. Su di un muro ecco la scoperta straordinaria: un sistema astronomico che riprende anche Marte, Venere e le eclissi lunari. Sul muro, iscrizioni e calcoli con diverse correzioni, come se quel muro fosse stato una specie di lavagna usata per calcoli astronomici.
Dunque siamo davanti al calcolo definitivo della fine del mondo? Non esattamente Secondo gli studiosi che stanno analizzando la scoperta, i Maya invece avevano calcolato che il mondo sarebbe continuato a esistere per altri 7mila anni proprio a partire dal 2012. I Maya nei loro studi volevano proprio dimostrare come il mondo sarebbe andato avanti così come loro lo conoscevano: niente sarebbe dovuto cambiare. Di chi dobbiamo fidarci adesso? Dei Maya che prevedono la fine del mondo o dei Maya che hanno fiducia in un allunga e prospera esistenza del nostro pianeta?

Fonte: Yahoo! Notizie

Categories: Mysterium Tags: , ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: