Archive

Archive for June 7, 2012

Tom Cruise, possibile remake del cult “I Magnifici Sette”

Nuovo look per Cruise nel cimena, stivali cappello e pistola, dovrà vestire i panni del pistolero Chris Adams uno dei “I Magnifici Sette” infatti è in trattative per entrare a far parte del  remaike del storico film westwer  del 1960 diretto da John Struges, che nella pellicola originale era interpretato da Yul Brynner. “Tom non vede l’ora di iniziare questa nuova esperienza – Adora il genere western, ed è un fan dei Magnifici Sette” Ancora sconosciuti gli altri interpreti da affiancare a Cruise, ricordiamo il cast orinario , da Steve McQueen, Charles Bronson, James Coburn, Eli Wallach, Brad Dexter e Robert Vaughn. Tutti conosciamo la trama del film…Ambientata nel lontano 1880 una guerra tra bande di pistoleri  al confine tra gli Stati Uniti e il Messico, i sette cawboys avranno il compito di difendere un piccolo villaggio messicano da bande di banditi  spietati.

Categories: Cinema News Tags:

Brad Pitt, contro politici Usa nel film ‘Killing Them Softly’

E’ il re dei gossip con l’imminente matrimonio con la compagna Angelina Jolie, ma tuttavia rimane sempre un attore quindi parliamo del suo impegno sociale  anche per questa volta lo vedremo nel suo ultimo film ‘Killing Them Softly’. Il film in cui è co-produttore, il quale dipinge un immagine ormai desolata del famoso sogno americano, che va dal raccontare di una storia violenta al comico  con gangster con una parentesi contro i politici dove si esprime  i fallimenti della politica americana  ma soprattutto del modo in cui ha fronteggiato la crisi economica di questo inizio secolo. Ambientata in una città non specifica degli USA dove è alle prese con il collasso finanziario: sullo sfondo case abbandonate, negozi chiusi, microcriminalità diffusa e gangster che si fanno strada in una realtà sociale sempre più emarginata. Pitt interpreta il ruolo di un  sicario Jackie Cogan, assunto da un boss mafioso che deve stanare e uccidere un gruppo di ladri…Nel cast anche nomi del calibro come Ray Liotta e James Gandolfini.

Emilio Di Iorio

Categories: Cinema News Tags: ,

Rupert Everett, esordio in regia con “The Happy Prince”

Una nuova sfida quella dell’attore inglese  Rupert Everett nei panni di regista per dirigere un film biografico sugli ultimi giorni di vita del celebre poeta Oscar Wilde, ma non solo come debutto come regista ma reciterà anche i panni del celebre scrittore. Un doppio ruolo che sottoporrà Everett ad un notevole sforzo, vista anche la non banale materia trattata: l’ultimo oscuro e travagliato periodo della vita di Oscar Wilde.
Il film intitolato “The Happy Prince”, una co-produzione inglese, tedesca e italiana, molti nomi del firmamento sono presenti nel cast come Emma Watson, Tom Wilkinson, Edward Fox e Colin Firth, che nel film avrà la parte dell’amico e confidente di Wilde, Reggie Turner. Già in passato c’è stata una collaborazione tra Everett e Firth in un film casualmente tratto proprio da un’opera di Wilde “The Importance of Being Earnest” del 2002. Le riprese secondo alcune indiscrezioni  dovrebbero iniziare nell’estate 2013.

Emilio Di Iorio

Categories: Cinema News Tags:

Michael Douglas, piccoli furti in casa per entrare nel vivo del suo nuovo personaggio muliebre

June 7, 2012 Leave a comment

Il celebre attore Michael Douglas, che interpreterà l’eccentrico musicista di origini italo-polacche Wladziu Valentino Liberace morto per Aids nel 1987, sta iniziando ad indossare biancheria intima e i gioielli della moglie Catherine Zeta Jones per entrare nel vivo del  nuovo personaggio del film ‘Liberace’, mentre quest’ultima é costretta a redarguirlo dicendogli chiaramente di stare lontano dai suoi vestiti. Sul set  Matt Damon interpreterà il suo amante Scott Thorson.

Zelig, Claudio Bisio e Paola Cortellesi lasciano la conduzione del programma

June 7, 2012 Leave a comment

Claudio Bisio e Paola Cortellesi lasciano la conduzione di “Zelig”, il fortunato programma comico di Canale 5.
“Dopo tutti questi anni sento il bisogno di prendere una pausa, ricaricare le pile, studiare, sperimentare (fossi un docente invocherei il diritto all’anno sabbatico). Avrei voglia di potermi concentrare un po’ più sul cinema – spiega Bisio in una nota -. Mi manca il teatro, il luogo in cui sono (artisticamente) nato e che negli ultimi anni ho potuto frequentare poco. Vorrei tornare a fare il comico, come ho fatto per anni in un locale milanese chiamato Zelig da cui è nato tutto, anche la voglia di portare il cabaret in televisione”.
“Sono appena trascorsi quindici anni, non ricordo tutte le date, i numeri, le edizioni. Ricordo solo che quest’anno (all’inizio dell’edizione 2012) abbiamo festeggiato la centesima puntata in prima serata. Faccio l’attore da circa trent’anni, quindi Zelig è, in termini numerici, metà della mia vita professionale – prosegue -, in termini artistici è molto di più. Con Zelig ho imparato un mestiere nuovo e insieme a Gino, Michele e Giancarlo forse lo abbiamo addirittura inventato: è un bell’ibrido a cui sta stretta la definizione di conduttore, come quella di spalla e pure quella di showman, ma è tutte queste cose insieme più qualcos’altro”.
“Negli ultimi due anni ho lavorato con un gruppo che in poco tempo ho cominciato a considerare un po’ la mia famiglia. Ma nel nostro mestiere il cambiamento è linfa vitale e al termine di un viaggio lungo 27 puntate è naturale dedicarsi a nuove esperienze”, afferma la Cortellesi, che prosegue: “Tra tutte quelle fatte finora quella con Zelig è stata per me una delle più emozionanti. L’invito di Claudio ad affiancarlo per l’edizione 2011, due anni fa, mi ha spiazzata e lusingata. Mi sono tuffata in questa avventura con tanto entusiasmo e una buona dose di incoscienza. Non avevo il cabaret nel mio percorso teatrale, nè la conduzione in quello televisivo. Ma il bello di Zelig è che non rispetta questi schemi. Perche’ c’è tutto: ci sono i comici, diversi tra loro per stile e argomenti ma tutti accomunati da un immenso talento”.

Fonte: Italpress

“Canti e Discanti – Umbria World Fest”, in attesa della undicesima edizione del festival a Foligno

June 7, 2012 Leave a comment

“Canti e Discanti – Umbria World Fest”
XI edizione – Foligno (18-27 luglio 2012)

Si terrà a Foligno dal 18 al 27 luglio 2012 e ospiterà artisti di fama nazionale ed internazionale (tra cui Al Di Meola, nella foto): musicisti, fotografi, registi, ballerini, viaggiatori, scienziati, giornalisti) per affrontare il tema “Madre Terra”
Spicca anche il nome di Foligno nell’elenco delle città, insieme alle più grandi capitali di tutto il mondo, che saranno toccate da un grande evento musicale. Al Di Meola, annoverato fra i migliori chitarristi del mondo, regalerà infatti alla città umbra una delle sue rarissime performance italiane.
Ormai quindi è ufficiale. Ad arricchire il cartellone dell’11esima edizione di “Canti e Discanti – Umbria World Fest” ci sarà l’esibizione di Di Meola, prevista per il 26 luglio 2012 alle ore 21.30. Suggestiva anche la location, visto che l’esibizione sarà presso la corte di Palazzo Trinci (prevendite sui circuiti abituali e su http://www.ticketitalia.com).
Questa nuova edizione del festival, che dal 18 al 27 luglio 2012 affronterà il tema “Madre Terra”, intende così stimolare ed arricchire la riflessione sulle trasformazioni ambientali, culturali e paesaggistiche che investono il pianeta. Attraverso le diverse forme di espressione artistica, saranno legati insieme diversi luoghi del mondo, con esperienze e storie che verranno proposte in anteprima in Umbria. Artisti di fama nazionale ed internazionale (musicisti, fotografi, registi, ballerini, viaggiatori, scienziati, giornalisti ecc…), che saranno presentati prossimamente, porteranno per dieci giorni il mondo a Foligno e ci racconteranno appunto la “Madre Terra”.
A suo modo, attraverso le note magiche della sua chitarra, la saprà racconterà benissimo anche Di Meola. Dopo un tour in Marocco, il chitarrista ha deciso di espandere la sua World Music con la nuova formazione “New World Sinfonia”. Ed Al Di Meola New World Sinfonia è il nome della formazione con la quale il notissimo chitarrista americano da qualche anno si accompagna, da quando egli stesso l’ha fondata e con la quale, anche quest’anno, ha affrontato un’impegnativa tournèe girando tutto il mondo, da Beirut a Seul, da Londra a Betlemme, da Bucharest a New York, da Chicago a Monaco, da Bilbao a Zurigo.
Gran parte della critica non ha dubbi nel definire Al Di Meola, uno dei migliori chitarristi viventi. L’artista 57enne, nato in New Jersey, ma originario della provincia di Benevento, calca dagli anni ’70 i palchi di tutto il mondo.
Esploratore e precursore del genere jazz, la sua musica è un’avanguardia continua che richiama a sé la world music, il tango nuevo rubato a Piazzolla, il flamenco, le ascendenze brasiliane, la musica africana e medio orientale, e ovviamente il  alla Di Meola.
La celebrata carriera musicale di Di Meola ha raccolto e sperimentato un vasto spettro di emozioni in un unico stile che comprende molteplici influenze. Si passa dalla velocità impressionante dei suoi primi assoli alla sfida e al trionfo del “Guitar Trio” formato da Al Di Meola, John Mclaughlin e Paco De Lucia; dalle esplorazioni brasiliane di “Cielo e Terra” e “Soaring Through A Dream” al romanticismo globale e al richiamo al Tango del gruppo acustico di Al Di Meola “World Sinfonia”.
Robert Lynch, storico della chitarra, ha scritto: “Nella storia della chitarra, nessuno ha contribuito in modo così decisivo a far progredire lo strumento nell’approccio tecnico come Al Di Meola. Una tecnica pulita e morbida sulle corde nonostante l’impressionante rapidità di esecuzione. Sicuramente il più veloce chitarrista in assoluto nell’uso del plettro.”
È stato premiato più di una volta anche dalla rivista “Guitar Player Magazine” come miglior chitarrista jazz ed ha collaborato con autentiche star come Phil Collins, Carlos Santana, Chick Corea, John Mclaughlin, Paco de Lucia, Herbie Hancock e Stenie Wonder, Frank Zappa, solo per citarne alcune.
Prevendite sui circuiti abituali e su: www.ticketitalia.com Per info:www.cantiediscanti.net
Al Di Meola sarà in concerto a Foligno per “Canti e Discanti – Umbria World Fest”,  festival che per la sua 11esima edizione ospiterà dal 18 al 27 luglio anche altri artisti di fama nazionale ed internazionale (musicisti, fotografi, registi, ballerini, viaggiatori, scienziati, giornalisti) per affrontare il tema “Madre Terra”. 
Il grande chitarrista si esibirà il 26 luglio alle ore 21.30 presso la corte di Palazzo Trinci.
Annoverato fra i migliori chitarristi al mondo, regalerà una delle sue rarissime performance italiane accompagnato dalla New World Sinfonia.

Categories: Musica Eventi Tags: , ,

Justin Bieber, prima volta in uno show italiano

Justin Bieber una pop star più famose del momento al suo  primo debutto in uno show italiano, sarà ospite all’ “Arena di Verona 2012”, la serata evento dedicata all’opera e al bel canto che inaugura la stagione lirica 2012-2013 dell’Arena il gala lirico-pop lo show televisivo condotto da Antonella Clerici in programma sabato 2 giugno che andrà in onda in prima serata su RaiUno giovedì 7 giugno. Lo scorso anno in aprile l’idolo delle teenager aveva gia  mandato in delirio le fan al Mediolanum Forum di Assago, alcune con genitori al seguito. I flash dei fotografi saranno però quasi tutti per Bieber: il 18enne di Stratford, l’artista maschile più seguito su Twitter e con alle spalle già 14 milioni di dischi venduti, si esibirà insieme ai suoi ballerini per lanciare il suo terzo album in studio, “Believe”, in uscita il prossimo 19 giugno. La serata sarà  alleviata dalle opere che andranno in scena del 90esimo Festival Lirico Areniano: Don Giovanni, Aida, Carmen, Romeo e Giulietta, Turandot, Tosca, la quale parteciperanno grandi nomi per la lirica Placido Domingo, l’esordiente Vittorio Grigolo, il basso baritono Ildebrando D’Arcangelo e il tenore Fabio Sartori. Tutte le esibizioni saranno accompagnate dall’Orchestra dell’Arena di Verona diretta da Marco Sabiu. Alle loro performance si alterneranno altre grandi stelle della musica italiana “ Ogni opera viene presentata attraverso le sue arie più famose. Non ci rivolgiamo agli intenditori, ma vogliamo arrivare al cuore della gente con un evento che punta sulla contaminazione di generi”, ha dichiarato la Clerici. Un evento che grazie alla presenza di Bieber richiamerà l’attenzione di molti giovani.

Emilio Di Iorio

Categories: TV News Tags:

Etimos Foundation, polemica raccolta fondi sms/terremoto Emilia Romagna

June 7, 2012 Leave a comment

POLEMICA RACCOLTA FONDI SMS/TERREMOTO EMILIA ROMAGNA.
Sulla destinazione dei fondi per “Microcredito per l’Abruzzo” interviene il presidente di Etimos Foundation Marco Santori: «Polemica del tutto fuori luogo. Il microcredito in aiuto alle piccole imprese: per sua natura un intervento di sostegno post emergenza».
La polemica montata in questi giorni sulla raccolta fondi tramite sms per l’emergenza terremoto in Emilia Romagna, con l’aggancio immediato a quella precedente in occasione del terremoto in Abruzzo del 2009, ha tirato in ballo – del tutto a sproposito – la gestione del progetto “Microcredito per l’Abruzzo”, a tutt’oggi in capo a Etimos Foundation. Una mossa mediatica che si è distinta per superficialità e non poche inesattezze, e che, puntando alla pancia degli italiani, è riuscita purtroppo ad alimentare una spirale di disinformazione rimbalzata in breve tempo su blog e siti vari. Ciò obbliga Etimos Foundation a chiarire i termini della questione, limitatamente a quel che le compete e la riguarda. Tra i dubbi più gravi instillati dall’azione di “controinformazione” sottesa alla polemica, che i fondi raccolti dalla Protezione civile per l’Abruzzo siano stati interamente utilizzati per erogare prestiti anziché essere utilizzati per l’emergenza, paventando che lo stesso possa accadere con il sisma dell’Emilia Romagna.
Ecco dunque alcune doverose precisazioni
Innanzitutto: “Microcredito per l’Abruzzo” (www.etimedia.org/Microcredito-Abruzzo) è un intervento di sostegno post emergenza, che dunque risponde a priorità differenti rispetto a quelle dell’immediatezza: in primo luogo di ricostruzione di un tessuto economico e produttivo profondamente ferito. È un progetto coordinato da Etimos Foundation onlus, in partnership con Consorzio Etimos, Abi-Associazione bancaria italiana, Federazione delle BCC di Abruzzo e Molise, Associazione Qualità e Servizi, Caritas diocesana dell’Aquila. Conta su un fondo patrimoniale di 4 milioni e 530mila euro progressivamente impiegato a garanzia dei finanziamenti (erogati da banche locali con risorse proprie), fondo che ha la sua origine nel più ampio flusso di donazioni degli italiani post terremoto (63 milioni) canalizzate attraverso il Dipartimento di Protezione civile. Etimos Foundation è stata nominata gestore dei fondi relativi al progetto, individuato dal Comitato dei Garanti come iniziativa prioritaria nel post emergenza a completamento di iniziative primarie attivate nella prima fase.
I risultati ottenuti dal progetto, la policy di trasparenza, il ruolo di garante di Etimos Foundation
Grazie al progetto, che ha una prospettiva temporale di almeno nove anni, in Abruzzo sono stati erogati crediti per 5.046.500 euro da gennaio 2011 ad oggi, per un totale di 248 finanziamenti che hanno permesso l’accesso al credito a soggetti che altrimenti ne sarebbero stati esclusi (famiglie, cooperative, piccole e micro imprese), perché incapaci di offrire le garanzie patrimoniali o personali normalmente richieste dalle banche. Etimos Foundation dunque, oltre che ideatore e coordinatore del progetto, funge da garante (non da soggetto erogatore dei prestiti!). Ben il 90% dell’ammontare finanziato è stato erogato a sostegno della microimpresa, con un’attenzione particolare al segmento delle start-up (pari al 39% delle realtà finanziate). Grazie a una policy molto severa in materia di trasparenza, sono pubblicati online quotidianamente gli aggiornamenti di tutti i dati sulle erogazioni (www.etimedia.org/Microcredito-Abruzzo/Utilizzo-fondi).
«La polemica nata in questi giorni intorno a “Microcredito per l’Abruzzo” è del tutto fuori luogo, ma anche fuori tempo rispetto a un progetto che, operativo ormai da oltre un anno e mezzo, sta dimostrando – numeri alla mano – tutta la propria efficacia sul territorio: abbiamo voluto misurare ogni risultato, compreso il livello di impatto sociale sui beneficiari con un monitoraggio specifico i cui dati saranno resi noti a breve» commenta il presidente di Etimos Foundation Marco Santori, precisando ancora: «Consideriamo il microcredito un autentico strumento di welfare, crescita e sviluppo, lontano da logiche assistenziali e fondamentale non solo in funzione post emergenza, ma anche come sostegno e supporto per affrontare la crisi economica e la stretta del credito. Per questo ci amareggia ancor di più constatare la facilità con cui da parte di alcuni si è messa in dubbio la trasparenza della gestione del nostro progetto: non è stata fatta la minima verifica delle fonti delle informazioni, né si è fatta alcuna distinzione, come sarebbe stato doveroso fare, rispetto alle diverse destinazioni delle risorse in fase di emergenza e post emergenza. È quindi evidente in questa polemica l’intento di strumentalizzare il progetto “Microcredito per l’Abruzzo”. Ringraziamo i pochi che hanno fatto lo sforzo di mettere un po’ d’ordine e si sono curati di fare chiarezza sul progetto e sul microcredito: strumento rispetto al quale – come appare con grande evidenza – c’è ancora tanto bisogno di fare informazione e cultura in Italia».