Archive

Archive for March 27, 2012

Antartide, invasione di semi alieni danneggiano il territorio

Secondo la Divisione Antartica australiana l’ecosistema dell’Antartide rischia il danneggiamento irreparabile  a causa di una sprovveduta forma di colonizzazione da parte di pericolosi alieni che sarebbero approdati accidentalmente nel continente. Nel 2007-2008 é stato  identificato un altissimo numero di semi non autoctoni trasportati nel territorio da turisti che li avevano inavvertitamente addosso senza rendersene conto,  diventando così veicoli insospettabili per semi di piante non autoctone che però riescono a sopravvivere anche sotto l’influenza di questi climi estremi. Lo studio, pubblicato sulla rivista americana ”Proceedings of the National Academy of Sciences”, ha rilevato inoltre che mediamente ogni visitatore riesce a trasportare 9,5 semi tra vestiario e bagaglio dopo una scrupolosa indagine  effettuata  esaminando scrupolosamente muniti di pinzette e aspirapolvere un migliaio di visitatori tra turisti, ricercatori e scienziati. Dai risultati emersi sembra che la maggior parte di questi semi appartengono a esemplari di piante molto competitive, di cui molte specie addirittura sono originarie di zone a clima freddo.
Dana Bergstrom, , ecologa terreste della Divisione antartica australiana, spiega: ”Con più di 33 mila turisti e 7 mila scienziati che hanno visitato il continente nel 2007-2008, il potenziale per questi semi di stabilirsi nelle fragili aree libere dai ghiacci è sostanziale. Molte delle specie identificate sono originarie di climi freddi, cosa che rende ancora più probabile che i semi che portavano potessero propagarsi in Antartide”.

Marius Creati

Categories: Antartide Tags:

Federico Barbarossa, imperatore contro i Comuni Italiani

March 27, 2012 Leave a comment

Nel 1176 le truppe dell’imperatore Federico Barbarossa, sceso in Italia per la quinta volta, vengono annientate nella battaglia di Legnano: le truppe confederate della Lega Lombarda, composta da numerose città dell’Italia settentrionale protette da papa Alessandro III (in nome del quale, nel 1168, è stata fondata la città di Alessandria in Piemonte), sbaragliano l’esercito imperiale. Dopo vent’anni di campagne militari, la sconfitta di Legnano pone fine alle pretese del Barbarossa di esportare in Italia il suo «modello tedesco».
In Germania, Federico – sulla base del diritto feudale – aveva imposto che le terre del demanio imperiale dovessero essere considerate, chiunque ne fosse stato in possesso, feudi dell’Impero. In base a questo principio – applicato con ottimi risultati per i rapporti tra imperatore e suoi feudatari in terra tedesca – tutti i detentori delle terre demaniali diventavano diretti vassalli dell’imperatore, titolare del dominio assoluto (dominium) delle terre del demanio. Anche in Italia c’erano terre appartenenti al demanio imperiale, sulle quali Federico poteva esercitare, almeno in linea di principio, quel complesso sistema di diritti demaniali denominati regalìe (iura regalia), stilati nella seconda dieta di Roncaglia (1158) e riconosciuti legittimi da quattro insigni giuristi dell’Università di Bologna.
In virtù di questi iura l’imperatore era riconosciuto signore assoluto di terre libere, strade, ponti, fiumi; aveva facoltà di imporre tasse di passo e di dazio; poteva battere moneta, riscuotere multe, acquisire i beni confiscati ai condannati per gravi delitti, disporre dei palazzi regi delle città demaniali; nominare magistrati o richiedere somme di denaro alle comunità che volessero nominarne di propri; amministrare i più alti gradi di giustizia, richiedere la partecipazione alle spedizioni militari, riscuotere il fodrum, una tassa imposta in cambio del servizio militare, esigere contributi straordinari per spedizioni militari di interesse comune e altro ancora.
Nelle sue prime discese in Italia, Federico era riuscito ad imporre ai Comuni italiani la sua autorità, rivendicando le regalìe, pacificando i comuni in lotta tra loro e distruggendo le città ribellatesi alla sua autorità (Asti, Chieri, Tortona nel 1155; Crema, Milano, Brescia, Piacenza, Bologna nel 1162), ma a partire dalla quarta discesa (1166) il clima in Italia diventa più ostile. I comuni si sono organizzati nella Lega Lombarda, reclamano l’esercizio delle regalìe, concesse loro dall’imperatore Enrico V (+ 1125). Ricostruiscono Milano, fondano Alessandria che nel 1174 (quinta discesa) resiste all’attacco delle truppe imperiali, divenendo il simbolo della riscossa antimperiale. La sconfitta di Legnano impone un cambiamento di rotta nella politica italiana: la tregua e la mediazione politica. Nel 1183 i Comuni italiani firmano con l’imperatore la pace di Costanza: Federico accoglie le richieste della Lega e annulla le deliberazioni di Roncaglia. I comuni, per parte loro riconoscono a Federico le regalìe, ma ottengono di esercitarle in nome dell’imperatore dietro il pagamento di un censo annuo; accettano inoltre che l’imperatore rinnovi loro ogni cinque anni l’investitura feudale (i comuni sorgevano pur sempre sulle terre imperiali), e promettono di fortificare le loro città e mantenere un esercito da inviare all’occorrenza, al loro imperatore, proprio come tutti i buoni vassalli.

Fonte: Lux in Arcana

Biennale di Venezia, nuovo foyer per lo storico Palazzo del Cinema

March 27, 2012 Leave a comment

la Biennale di Venezia / Nuovo foyer per lo storico Palazzo del Cinema
Dal 30 agosto al 3 settembre il nuovo Mercato del Film di Venezia
Dall’8 al 24 giugno l’8. Festival Internazionale di Danza Contemporanea
Dal 6 al 13 ottobre il 56. Festival Internazionale di Musica Contemporanea
Da agosto a dicembre il Laboratorio Internazionale di Arti Sceniche
Il Cda della Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta, si è riunito in data odierna nella sede di Ca’ Giustinian e ha preso le seguenti decisioni.
Nell’ambito della riqualificazione – svolta d’intesa col Comune di Venezia – delle strutture esistenti della Mostra del Cinema al Lido, che ha visto nel 2011 il restauro della Sala Grande, il Cda ha approvato l’avvio dei lavori per la realizzazione di un nuovo,  più ampio e funzionale foyer del Palazzo del Cinema per l’accoglienza del pubblico, intervenendo negli spazi dell’avancorpo al piano terra del Palazzo stesso, come previsto dal progetto approvato dalla Conferenza dei servizi del 22 luglio 2011. L’intervento prevede anche il rinnovo delle due salette storiche Pasinetti e Zorzi, con un ampliamento complessivo di 50 posti.
La Sala Volpi, che porta il nome del fondatore della Mostra del Cinema, ricavata a suo tempo riducendo il foyer ma purtroppo ormai del tutto inadeguata per qualità e caratteristiche, sarà temporaneamente allestita – per l’edizione 2012 della Mostra – in una sala sostitutiva al primo piano del Casinò, senza alcuna riduzione di posti (150). La Sala Volpi troverà in seguito più degna e funzionale collocazione all’esterno del Palazzo, come previsto dal progetto sopracitato.
Per il Settore Cinema, il Cda è stato informato sull’avanzamento del progetto del nuovo Mercato del Film (Venice Film Market) proposto dal Direttore Alberto Barbera che si aggiungerà all’Industry Office per incrementare la capacità di attrazione verso gli operatori della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.
A partire dalla prossima 69. edizione della Mostra (29 agosto-8 settembre 2012), il Mercato – concentrato nei primi giorni, quest’anno da giovedì 30 agosto a lunedì 3 settembre, e allestito in appositi spazi all’Hotel Excelsior – si affiancherà, potenziandolo, all’Industry Office che continuerà invece la sua funzione durante tutta la Mostra come avvenuto negli anni scorsi, offrendo molteplici possibilità di assistenza agli operatori.
Responsabile del Mercato del Film sarà il francese Pascal Diot, che ha esperienza di co-produzioni, distribuzioni e vendite internazionali e di organizzazione di mercati cinematografici.
Il principale cambiamento del nuovo Mercato consisterà nell’accrescere già da quest’anno la possibilità dei compratori di visionare e acquistare i film che i venditori proporranno, oltre quelli visionati in Mostra. 
Per attirare i professionisti da tutto il mondo, gli spazi del Mercato all’Hotel Excelsior si articoleranno in una nuova, triplice struttura, attrezzata e accogliente, che prevede la Digital Video Library, il Business Center e l’Industry Club.
La Digital Video Library sarà dotata di 40 postazioni video e sarà aperta anche ai venditori che non avranno film selezionati alla Mostra
Il Business Center sarà il luogo di accoglienza dei professionisti, destinato alle informazioni e alla registrazione per l’accesso alla Digital Video Library, con servizi di segreteria, computer e navigazione Wi-Fi
L’Industry Club sarà il luogo d’incontro per compratori, venditori, produttori e distributori presenti, per offrir loro la possibilità di discutere e fare affari
Particolari attività utili ai professionisti saranno organizzate nell’ambito del Mercato: proiezioni speciali di promo-reel, conferenze, panel, networking. Sarà organizzato inoltre uno specifico servizio di ristorazione, e saranno previste apposite convenzioni nei locali del Lido
Il Cda ha inoltre approvato per il 2012 i programmi e le date dei seguenti Festival e attività per i Settori di spettacolo dal vivo:
8. Festival Internazionale di Danza Contemporanea dall’8 al 24 giugno 2012 diretto da Ismael Ivo
56. Festival Internazionale di Musica Contemporanea dal 6 al 13 ottobre 2012 diretto da Ivan Fedele 
per il Settore Teatro, nel 2012 si terrà da agosto a dicembre il Laboratorio Internazionale delle Arti Sceniche diretto da Àlex Rigola, nell’ambito dell’andamento biennale che per il Teatro e la Danza alterna sessioni laboratoriali ai festival, e che prevede quindi l’anno prossimo lo svolgimento del Festival Internazionale del Teatro.