Archive

Archive for March 19, 2012

“Galeotto fu il collier” di Vitali Andrea, Garzanti Libri

March 19, 2012 Leave a comment

Vitali Andrea
Galeotto fu il collier
Narratori Moderni
396 pagine
€ 17.60
ISBN 978881168152-6
Pare tutto quieto e tranquillo, a Bellano. E invece… una imprevedibile caccia al tesoro.
CHI SPOSERÀ LIDIO CEREVELLI?
La bella e disinibita Helga, che piomba in paese da Zurigo nel giorno più caldo dell’estate? Oppure, come vorrebbe sua madre Lirica, la nipote del professor Cerretti, Eufemia, un ottimo partito ma brutta da far venire il mal di pancia solo a guardarla?
CHI È LA PIÙ BELLA DEL PAESE?
Olghina, giovane sposa del professor Cerretti, che accende il desiderio del direttore di banca Avano Degiurati? Oppure Anita, la moglie del muratore Campesi, di cui s’incapriccia Beppe Canizza, barbiere nonché segretario della sezione locale del Partito?
CHE FINE FARÀ IL TESORO CHE HA TROVATO LIDIO?
Nascosto in un muro, Lidio trova un gruzzolo di monete d’oro, nascosto chissà da chi e chissà quando. Con quel tesoro potrebbe realizzare tutti i suoi sogni… o mettersi in un mare di guai!
Lidio Cervelli è figlio unico di madre vedova. Un bravo ragazzo, finché alla festa organizzata al Circolo della Vela non arriva Helga: bella, disinibita e abbastanza ubriaca. Prima che finisca la cena, sono in riva al lago: una notte indimenticabile, in cui le chiappe di Helga rilucono come due mezzelune.
Lirica, la severa madre di Lidio, abile e ricca imprenditrice dell’edilizia, ha vedute molto diverse. Suo figlio deve trovare una moglie «made in Italy», una ragazza come si deve. Magari la nipote del professor Eugeo Cerretti, Eufemia, un ottimo partito con un piccolo difetto: è brutta da far venire il mal di pancia solo a guardarla. Ma forse Lidio ha trovato il modo per uscire dalla trappola e realizzare tutti i suoi sogni: durante un sopralluogo per un lavoro di ristrutturazione, in un muro maestro scova un gruzzolo di monete d’oro, nascosto chissà da chi e chissà quando.
Intorno a questo quintetto e al tesoro di Lidio, un travolgente coro di comprimari. A cominciare dalle due donne più belle del paese: Olghina, giovane sposa del potente professor Cerretti, che fa innamorare Avano Degiurati, direttore della Banca del Mandamento; e Anita, la moglie del muratore Campesi, di cui si incapriccia Beppe Canizza, il focoso segretario della locale sezione del Partito. E poi l’Os de Mort, di professione «assistente contrario», cuochi e contrabbandieri, l’astuto prevosto e l’azzimato avvocato… Immancabili, a vigilare e indagare, i carabinieri guidati dal maresciallo Maccadò.
Tra piccoli e grandi misteri, piccoli e grandi segreti, in un vortice di amori e tradimenti, Andrea Vitali costruisce un’imprevedibile caccia al tesoro, per uno dei suoi romanzi più divertenti.

Fonte: Garzanti Libri

Categories: Lectio Tags: ,

“Giverny”, mostra personale di Alexander Tovborg al Brand New Gallery di Milano

March 19, 2012 Leave a comment

BRAND NEW GALLERY
presents
ALEXANDER TOVBORG
Giverny
1 March – 4 April 2012 Opening: 1 March | 19.00-21.00
“It was only when Eve and the young stranger had exhausted the Kama Sutra (was that last position Splitting the Bamboo, or the Congress of the Cow?) that she realized what it was she really wanted. As the guard came running over the Japanese bridge, the beam of his flashlight stabbing wildly at the undergrowth, she took the stranger by the hand, helped him down from the lily pad, and began to wade with him through the still waters of the pond towards the house. She had been in the garden for only a few short hours, but she felt that it was somehow part of her, as though it had grown, in all its florid majesty, from the shadowy cleft between her legs. Eve tapped her fingertips against the damp triangle of her pubic hair. It yielded fast and firm, like keys on a computer keyboard; bouncing back up the moment she released the pressure. They were almost at the house now. On the other side of the pond, the guard blundered and swore through the warm Normandy night.” (excerpt from the essay by Tom Morton in the catalogue)
Brand New Gallery is pleased to present Giverny, the first solo exhibition in Italy by the young Danish artist, Alexander Tovborg. Sophisticated narratives embedded within a fervid and oftentimes metaphysical imaginarium, Tovborg’s work straddles abstraction and figuration, drawing its power from a miscellany of foreign cultures, literary stimuli and religious spirituality. It is layered and complex, in some ways mystical, and takes form through visual experiments whose content and concept investigate and challenge artistic, historical and religious traditions while, at the same time, playing with the viewer’s imagination. Confidently deploying a range of media, from drawing to painting, the artist constructs a fictional erotic narrative for Giverny, set in the famous garden of Claude Monet. The Milan exhibition also features a series entitled Tourist, in which Tovborg situates archetypal and symbolic figures that function as points of interaction between an erotic/artistic reading of the Kama Sutra and the biblical story of Adam and Eve in the Garden of Eden.
Tovborg expresses himself through intense and colorful storytelling, elegantly Scandinavian and folkloristic in its representation, meditative in the poetic geometry of its settings. While always acute and full of life, his work sometimes negates color, censors it, resulting in intimate spaces that inspire silence and contemplation. These spiritual spaces constantly evoke the religious theme so important to the artist, insofar as it is the ideal position from which to observe man’s devotion in an intensely private dimension.
Alexander Tovborg was born in Copenhagen in 1983, and graduated from the Royal Academy of Arts in 2010. From 2007 to 2009 he attended the Staatliche Akademie der Bildenden Künste in Karlsruhe, Germany. His work has been shown in internationally renowned museums and galleries. He currently lives and works between Copenhagen and Berlin.
Alexander Tovborg
1 March – 4 April 2012
Brand New Gallery
Via Farini 32, 20159 Milan t. +39.02.89.05.30.83 Open Tuesday – Saturday 11.00-13.00; 14.30-19.00 info@brandnew-gallery.com http://www.brandnew-gallery.com
Catalogue
Published by Brand New Gallery Text by Tom Morton
Press Office
Lucia Crespi Via Francesco Brioschi 21, 20136 Milan tel. +39.02 89415532 – 02 89401645 lucia@luciacrespi.it

“Still and Forever”, prima esibizione personale di Ori Gersht al Brand New Gallery di Milano

March 19, 2012 Leave a comment

BRAND NEW GALLERY
presents
ORI GERSHT
Still and Forever
1 March – 4 April 2012 Opening: 1 March | 19.00-21.00
Brand New Gallery is pleased to present Still and Forever, the first solo exhibition in Italy by the Israeli artist, Ori Gersht. Through the creation of sublime scenarios that become precipitously unsettling as they gradually decay, the works of Ori Gersht capture prolonged moments of suspense with stop-motion photography and slow-motion video. Recreating the compositions of Old Master paintings, the artist offers a meditation on life, loss, destiny and chance, stopping the constructed moment in time and space in order to make it perceptible in a clear and precise way.
In the series Blow Up, which is related to Michelangelo Antonioni, the floral composition recalls the colors of the French flag and refers to the work of Henri Fantin-Latour. Gersht accelerates the disappearance of the still life by literally blowing it up, using a technique whereby the flowers are frozen, then shattered by a violent explosion. The action is captured quite vividly with high-resolution camera (1/7,500th of a second): the images are at once fascinating and disturbing, evoking the dichotomy between chaos and serenity, epitomizing in the random acts of violence not only of European history but that of his native country as well. The same procedure is used in the film entitled Big Bang, where fragments of petals, stems and pot shards scatter through the room and fall in slow motion to the floor. In Pomegranate the composition, related to a 17th-century still life by the Spanish painter Juan Sànchez Cotan, is traversed this time by a bullet that appears to perforate the frame and pulverize the suspended fruit. Gersht deliberately creates tensions between the old masters and new technologies in a moment of union and simultaneous destruction; of opposites which, for a fraction of a second, merge into one. In Falling Bird, based on a still life by Jean Baptiste Siméon Chardin, a pheasant is hang lifelessly by their feet, reflected in a mirror of dark water below, toward which they impotently fall, consumed by their own reflection.
Also on display in the Milan exhibition are several works from the series Chasing Good Fortune, realized in Japan during cherry blossom season. In this works, the artist explores the symbolism of this flower, historically and metaphorically. While initially associated with Buddhist concepts of renewal, the celebration of life, and good fortune, the cherry blossom was re-appropriated during Japan’s 19th century militarization and colonial expansion. Once celebrated as a healthy and abundant flower, the falling of the petals from the tree became the symbol of Kamikaze soldiers. In this work, Gersht captures the essence of this emblematic flower in a sinister, post-atomic world: the artist’s interest in traveling to Hiroshima was in fact divided equally between the lost innocence of the cherry tree and the strength that enables it to continue to blossom in contaminated soil.
More than a critical commentary on violence, Gersht depicts the absurdity that surrounds us, whereby bloody wars are fought in one place while people enjoy a comfortably decadent lifestyle in another: opposite yet parallel existences that sometimes intersect, in the same way that beauty and destruction coexist in his art.

Ori Gersht e Alexander Tovborg, personali al Brand New Gallery di Milano

March 19, 2012 Leave a comment

Ori Gersht e Alexander Tovborg
Giovedì, 1 Marzo, 2012 – 19:00
Brand New Gallery
La nuova mostra della Brand New Gallery è dedicata al fotografo israeliano Ori Gersht, che vanta un curriculum museale di grande profilo ed espone ora a Londra all’Imperial War Museum.
Attraverso la creazione di scenari sublimi che diventano inquietanti per mezzo di una decadenza improvvisa e graduale, le opere di Ori Gersht rendono momenti prolungati di suspense grazie all’uso della fotografia in stop-motion e del film al rallentatore. Rifacendosi nelle composizioni a quadri storici di grandi maestri, l’artista offre una meditazione sulla vita, la perdita, il destino ed il caso. Catturare un attimo, fermarlo nel tempo e nello spazio per renderlo percettibile in modo chiaro e preciso è una prerogativa di questo artista.
In mostra alcuni lavori delle serie: Blow up che si rifa alle opere di Fantin Latour, Big Bang ispirata dal pittore spagnolo Juan Sànchez Cotan, Falling Bird dalle nature morte di Chardin, Chasing Good Fortune realizzata in Giappone durante la fioritura dei ciliegi.
La serie di scatti con nature morte, che paiono oli su tela, nasce dalla costruzione di scenografie perfette in cui vengono posizionate piccole cariche di nitroglicerina: ogni stante dell’esplosione, e quindi della distruzione dell’opera, viene documentato.
Accanto alla mostra di Gersht, la prima personale in Italia del giovane artista danese Alexander Tovborg: le sue opere sono stratificate e complesse, prendono forma attraverso esperimenti visivi che indagano e sfidano la tradizione artistica, storica e religiosa, giocando allo stesso tempo con l’immaginazione dello spettatore.
Tovborg costruisce una narrazione erotica fittizia, ambientata nel celebre giardino di Claude Monet.
Entrambi gli artisti saranno presenti al vernissage.

“Quasi Amici” di Eric Tolédano e Olivier Nakache [2011]

March 19, 2012 Leave a comment

Insieme, fumano hascich  ”che arriva direttamente dal Marocco“», sgommano  a 200 km orari sull’autostrada e si divertono un mondo a disprezzare le leggi e le convenzioni. Per dieci anni, Philippe Pozzo di Borgo, un ricco aristocratico tetraplegico e Abdel Sellou, suo ausiliare di vita, hanno vissuto una quotidianità unica e irripetibile. Tutto era contro i due: classe sociale, abitudini culturali e quant’altro, ma sono diventati amici. La loro storia, pazza e mai banale, ha ispirato il regista Eric Tolédano e Olivier Nakache ha realizzare il film Intoccabili (in Italia Quasi Amici), una commedia confortante, mai lacrimevole o stucchevole. Con François Cluzet e la rivelazione Omar Sy, questo lungo-metraggio, nelle sale ora, è uno dei più grandi successi nella storia del cinema francese.  Grazie anche al Marocco. La vera storia è questa: nato da una ricca famiglia corsa, Philippe Pozzo di Borgo (di ovvie origini italiane), è stato direttore di una grande società di produzione vinicole (champagne); una vita lussuosa e divertente, sino a quando la fortuna gli volta le spalle. Nel 1993, un incidente di parapendio lo rende tetraplegico: paralisi totale dai piedi alle spalle. Chiuso nella sua dimora parigina soffre di una profonda depressione. È  Abdel Sellou (Driss nel film), suo assistente domiciliare improvvisato, che grazie alla sua spontaneità e il suo modo di trattare l’handicap del datore di lavoro, riesce a far rivivere il borghese Philippe. Sedotto dal lusso che mai aveva avvicinato, Abdel si abitua alla nuova vita e al nuovo lavoro molto velocemente. “Vide in me una cassaforte, l’amicizia è arrivata in seguito”, racconta divertito Philippe Pozzo di Borgo. Amicizia che li porterà sino in Marocco, dove i loro cammini si separeranno, dopo un decennio di divertimenti, di avventure, di momenti rudi che si raccontano nel film. I due compari sbarcarono a Marrakech nell’inverno del 2003, dopo un estate canicolare, dove Philippe decise in seguito di restarci. Non arrivarono per l’haschich, non era necessario andare così lontano per questo, ma per il clima secco dell’inverno marrakchi. L’uomo ritrova poi una piccola parte della sua infanzia essendo vissuto in Marocco quando il padre si occupava di petrolio, nel 1960. Il sole di Marrakech aiuta il fisico di Philippe ma snerva il fido Abdel, che finirà al commissariato di polizia dopo una rissa con un guardiano di parking. I due compari partono poi per un viaggio a Saïda, dove Abdel incontra Amal, una receptionist d’hôtel che diventerà in seguito sua moglie. Oggi, la coppia vive in Algeria, la terra natale di Abdel, dove il giovane è diventato imprenditore, aprendo un allevamento industriale di polli. In quanto a Philippe, ha sposato Khadija, una gerente di riads della medina di Marrakech,  e vivono felici ad Essaouira.  Nel suo piccolo paradiso, una casa di campagna, Philippe ha ospitato l’equipe del film, prima della riprese. François Cluzet si è recato a Essaouira per osservare da vicino l’uomo che sarebbe diventato il soggetto del suo film, apprezzando l’umorismo sarcastico del tetraplegico.  Alla presentazione del film, Philippe ha condiviso il tono leggero con il quale il film abborda il dramma; un approccio che l’aveva sedotto quando il regista presentò il suo progetto. “Sdrammatizzare gli handicap, è una buona cosa”, spiega, cosciente del fatto che per lui “è stato facile, avendo a disposizione dei mezzi finanziari”.  I registi, ha dichiarato Philippe, hanno adattato la storia, ma è rimasta vera la complicità, l’amicizia. Certi aneddoti sono attenuati o modificati, come la scena del film in cui Omar Sy prende per il collo un vicino di casa in un parcheggio vietato (in realtà Abdel si prese due pugni dal vicino che lo fecero sanguinare non poco).  Altre scene sono esagerate, come quella con la prostituta che gli massaggia le orecchie, la sola zona erogena rimasta sensibile. “In quella scena hanno aggiunto un po’ di cose, esagerando. Ma comunque provate con le orecchie!”, consiglia Philippe.  Dopo l’uscita del film, Philippe Pozzo di Borgo è diventato una star. I media internazionali gli rendono visita a Essaouira per intervistarlo e in compagnia di François Cluzet è stato inviatato all’ultimo  Festival Internazionale  del Film di Marrakech dove si è visto passare sul tappeto rosso, senza imbarazzi o pregiudizi, rientrando poi velocemente a Essaouira per raggiungere i suoi due figli. Bella storia in cui il Marocco entra di prepotenza nella vita di due “quasi amici“, dividendoli ma lasciando ricordi indelebili per entrambi e la promessa di non dimenticarsi mai.

Paolo Pautasso

Fonte: My Amazighen

“Madonna World Tour 2012”, nuova location per la presenza in Italia

March 19, 2012 Leave a comment

Madonna, a pochi giorni dall’uscita del nuovo album “MDNA”, per entusiasmare al massimo i suoi fan, ha aggiunto una nuova location italiana del “Madonna World Tour 2012”, da sommare a quelle di Milano e Firenze, per il prossimo 12 giugno presso lo Stadio Olimpico di Roma. I prezzi variano da 45 euro più prevendita, della Curva Nord, a 150 euro, più prevendita, della Tribuna Monte Mario Centrale. Le prevendite inizieranno il 20 marzo per tutti gli iscritti al Fan Club Ufficiale della star americana mentre la vendita ufficiale partirà alle 10 di venerdì 23 marzo.

Categories: Musica News Tags: ,