Archive

Archive for March 2, 2012

Avvenire, banche ora pensino ai cittadini

March 2, 2012 Leave a comment

Servono ‘lezioni di stile’, secondo ‘Avvenire’, che dedica un corsivo così intitolato alla protesta delle banche per una controversa norma introdotta da un emendamento al decreto liberalizzazioni sull’apertura delle linee di credito.
“Ci tocca anche questa, nel nostro benedetto paese: assistere alla rivolta delle banche contro Governo”, scrive il quotidiano dei vescovi. “Con tanto di minaccia, fatta trapelare tra le righe, che se la norma non sarà cambiata, le banche si potrebbero veder costrette al vero ‘credit crunch’, bloccando l’erogazione di fondi a imprese e famiglie. Un passaggio infelice della conferenza stampa. Tanto più all’indomani della maxi-asta che ha portato nelle loro casse decine e decine di miliardi al tasso dell’1%. Certo, non hanno tutti i torti: le norme contestate non paiono molto liberiste. Da chi però ha già dimostrato nei fatti di aver contribuito, con scelte oculate, a tenere in piedi il paese, non ci aspettiamo ora solo rivendicazioni. Le banche hanno la forza di correggere una norma. I cittadini non hanno quella di far cambiare i costi bancari. Se ne ricordino, i nostri banchieri”. In un editoriale di prima pagina, Giancarlo Galli sottolinea che nonostante la “manna” dei 529 euro destinati dalla Bce al sistema creditizio “spiace rilevarlo, in prima battuta le banche paiono guardare ai propri interessi di bottega”. Invece, “salvate le banche, che fanno pure il viso dell’arme per una norma andata loro di traverso, occorre insomma ridare speranza agli italiani. Alla gente comune, alle famiglie. La priorità è questa”.

Fonte: TMNews

Categories: Ecclesia Tags:

“Armonica-Mente”, mostra di Emilio Baracco alla Galleria Cavour di Padova

March 2, 2012 Leave a comment

Padova – dall’ 11 febbraio al 1 aprile, la Galleria Cavour, Piazza Cavour, ospiterà la mostra di Emilio Baracco “Armonica-Mente”. Assessorato alla Cultura del Comune di Padova rende omaggio al talento di Emilio Baracco, affermato artista padovano che, dopo varie esposizioni personali tenute sia in Italia che all’estero, ritorna nella sua città – dove vive e lavora – con questa esposizione in cui presenta sculture, disegni, acquerelli, incisioni e gioielli, una selezione degli ultimi venti anni del suo lavoro creativo. La poetica di Baracco pone sempre al centro la figura, emblema della condizione esistenziale dell’umanità, nel suo stato di precarietà e incertezza ma sostenuta, a volte, da elementi impalpabili come le ali, simboli di aspirazione alla misura, all’equilibrio, all’armonia. L’artista è interprete di un’inquieta sperimentazione, in cui recupera il patrimonio dell’antichità classica e al contempo denuncia tutti i turbamenti dell’attualità e proietta le sue visioni in un futuro possibile dove, misteriosamente, le immagini di questo Olimpo perfetto si sono disgregate e infrante in un perenne metamorfismo. E’ un artista che alterna, con pari sapienza, la padronanza della tecnica di fusione e d’incisione con la perfezione di un disegno nitido compiuto con la tecnica antica del pastello, passando dalla citazione esplicita della pittura storica a un dialogo con la tradizione novecentesca, surrealista e metafisica in particolare. L’artista Nato nel 1946 a Padova, frequenta l’Istituto d’Arte allievo di Mario Pinton e Amleto Sartori, e nello studio di quest’ultimo apprende il mestiere della scultura e della costruzione di maschere della Commedia dell’Arte. Si diploma in scultura nel 1967 presso l’Accademia di Belle Arti a Venezia sotto la guida del maestro Alberto Viani. Successivamente si dedica al perfezionamento delle tecniche grafiche seguendo i corsi di incisione e litografia ad Urbino; è membro dell’Associazione Incisori Veneti. Ha realizzato a Murano alcune sculture in vetro con il maestro Lino Tagliapietra. Emilio Baracco ha un’intensa attività espositiva in Europa, Russia, Stati Uniti e Asia. Le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private.
Emilio Baracco. Armonica-Mente – Tra segno e forma; Padova, Galleria Cavour, Piazza Cavour; Inaugurazione: venerdì 10 febbraio ore 18,00; 11 febbraio 1 aprile 2012; Orario: 10-13, 16-19, lunedì chiuso; Biglietto intero euro 5, ridotto euro 3; Servizio Mostre del Settore Attività Culturali : tel. 049 8204528-47

Chiesa Cattolica, vescovi contrari a cremazione e funerale in casa

March 2, 2012 Leave a comment

Giro di vite per rischio concezioni panteistiche o naturalistiche

La Chiesa, “anche se non si oppone alla cremazione dei corpi quando non viene fatta in odium fidei”, “continua a ritenere la sepoltura del corpo dei defunti la forma più idonea a esprimere la fede nella risurrezione della carne, ad alimentare la pietà dei fedeli verso coloro che sono passati da questo mondo al Padre e a favorire il ricordo e la preghiera di suffragio da parte di familiari e amici”. Lo scrive la Conferenza episcopale italiana nella seconda edizione del Rito delle esequie presentata oggi.
La norma è contenuta in un’appendice al volume edito dalla Libreria editrice vaticana (Lev) che fa seguito alla prima traduzione in italiano apparsa nel 1974 sulla base di quella ‘typica’ del 1969. E, sul tema delle ceneri, presenta un linguaggio più categorico sul tema della cremazione di quello definito dall’assemblea generale che i vescovi tennero ad Assisi nell’autunno del 2009. La Chiesa, stabilì allora la Cei, “pur preferendo la sepoltura tradizionale, non riprova tale pratica, se non quando è voluta in disprezzo della fede, cioè quando si intende con questo gesto postulare il nulla a cui verrebbe ricondotto l’essere umano”. Inoltre, “la memoria dei defunti attraverso la preghiera liturgica e personale e la familiarità con il camposanto costituiranno la strada per contrastare, con un’appropriata catechesi, la prassi di disperdere le ceneri o di conservarle al di fuori del cimitero o di un luogo sacro”. Su questo punto, il volume presentato oggi spiega che la prassi di spargere le ceneri “solleva non poche perplessità sulla sua piena coerenza con la fede cristiana, soprattutto quando sottintende concezioni panteistiche o naturalistiche”.

Fonte: TMNews

Categories: Ecclesia Tags:

Silvio Berlusconi, possibile fiducia a candidato premier in Angelino Alfano

March 2, 2012 Leave a comment

Silvio Berlusconi nega in una nota di aver espresso perplessità sulla possibilità che il segretario del Pdl Angelino Alfano possa essere il prossimo candidato premier, come invece risulta da sue dichiarazioni riportate oggi da alcuni quotidiani. “Quando saremo chiamati a scegliere il nostro candidato premier, lo faremo sì attraverso lo strumento delle primarie, ma io – ha sottolineato – ho già detto e ripetuto che sosterrò lui, Angelino Alfano”.
“Sono molto dispiaciuto – ha affermato – perché le mie presunte dichiarazioni sul segretario del Popolo della Libertà Angelino Alfano non rispondono assolutamente al mio sentire. Faccio notare che non rispondono neanche a quanto ho dichiarato più volte a giornali nazionali e internazionali. Angelino Alfano è il più giovane leader tra quanti oggi esistono in Italia ed è stato eletto per un grande progetto di cambiamento, in un momento difficile che sta gestendo con indiscussa capacità”.

Fonte: TMNews

Scarlett Johansson, ingresso nel cast del nuovo film ‘Psycho’

March 2, 2012 Leave a comment

Scarlett Johansson entra nel cast del remake del film ‘Psycho’ in onore ad Alfred Hitchocock. La biondissima Johansson interpreterà il ruolo che nella pellicola originale fu di Janet Leigh, morta nel 2004, e rimasta sempre indissolubilmente legata al film culto per tanti cinefili. In realtà il film non vuole propriamente essere un remake dell’originale degli anni Sessanta, più che altro, punta a raccontare il ‘dietro le quinte’ del film, la creazione della famosa opera cinematografica, apprezzata e studiata in tutti i corsi di cinematografia per la scena all’epoca scandalosa dell’assassinio sotto la doccia della protagonista del film. Secondo ‘The Hollywood reporter’, nel cast ci sarà anche Anthony Hopkins che ha già firmato per il ruolo del regista Alfred Hitchcock, mentre Dame Helen Mirren interpreterà la moglie Alma Reville. ‘Psycho’ di Hitchcock ha avuto un successo insperato, prodotto con 800mila dollari incassò 50 milioni, divenendo inoltre uno dei film culturalmente più significativi della storia.

Fonte: La Presse

Greenpeace, indagine commercio illegale del legno in Indonesia

March 2, 2012 Leave a comment

Tronchi di alberi di specie protette e a rischio mischiati con legni comuni per aggirare la legge. Lo denuncia Greenpeace grazie ad un’inchiesta sottocopertura durata un anno nella più grande cartiera in Indonesia del colosso del settore APP, Asia Pulp & Paper. Gli attivisti controllando i carichi di legno hanno scoperto tronchi di ramino, il cui commercio è stato bandito in Indonesia dal 2001. Questa specie cresce nelle foreste torbiere, habitat naturale delle ultime 400 tigri di sumatra rimaste: la sua scomparsa creerebbe un danno enorme all’ecosistema. Il legno è stato fatto analizzare da esperti che hanno confermato i sospetti di Greenpeace. L’associazione ambientalista punta il dito anche contro le aziende che utilizzano la carta APP, citando National Geographic, Xerox e Danone. Il colosso indonesiano da parte sua ha sempre negato di utilizzare legno illegale. Intanto Greenpeace ha consegnato le prove, il materiale video e fotografico al Ministero delle Foreste indonesiano e alla polizia del Paese chiedendo loro di intervenire.

Fonte: TMNews

Categories: Green Peace Tags: ,

AIDS, emergenza uso scorretto del profilattico

March 2, 2012 1 comment

L’uso non corretto del preservativo maschile sta diventando una delle principali preoccupazioni dei funzionari della sanita’ pubblica nei principali paesi del mondo. Un gruppo di studiosi ha raccolto una serie di studi sull’uso del condom maschile, fornendo una prospettiva globale sugli effetti sanitari della mancata efficacia del potenziale di prevenzione. I ricercatori sottolineano che il corretto utilizzo dei preservativo e’ fondamentale per ridurre le gravidanze indesiderate e la diffusione delle infezioni sessualmente trasmissibili come l’HIV. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista Sexual Health. Il team internazionale, guidato dal Kinsey Institute Condom Use Research Team (CURT), che raccoglie piu’ di 20 ricercatori provenienti da tutto il mondo, ha esaminato le questioni piu’ rilevanti sul tema, quali i comportamenti a garanzia del sesso sicuro tra gli adulti americani, l’emergenza dei preservativi contraffatti in Cina e l’adozione del preservativo femminile in Sud Africa. ”Gli articoli illustrano le analogie e le differenze relative all’utilizzo e alla promozione del preservativo maschile in tutto il mondo”, ha detto William L. Yarber, professore di scienza della salute applicata alla Indiana University e membro del CURT. ”La ricerca – ha aggiunto – fornisce una risorsa per i professionisti della salute impegnati nel mettere a punto strategie per aumentare l’accettazione culturale e individuale di uso del preservativo”. Il CURT comprende studiosi provenienti da Indiana University , la University of Kentucky, l’Universita’ di Guelph in Ontario, Canada, e l’Universita’ di Southampton nel Regno Unito. ”Ci piacerebbe pensare che l’epidemia di AIDS stia per essere superata, ma non e’ cosi’.
Anzi, negli Stati Uniti sta peggiorando”, ha detto Richard Crosby, membro del CURT, professore presso la University of Kentucky e redattore del numero speciale di Sexual Health.
”Rendendo piu’ efficace l’uso del preservativo! , possiamo prevenire malattie come il vaiolo, la SARS, il colera e una miriade di altre patologie infettive. La prevenzione della malattie – ha continuato – e’ la soluzione moderna alla pandemie, e abbiamo bisogno di cominciare ad applicare questa soluzione sul serio”. I ricercatori hanno inoltre evidenziato l’esistenza di un forte divario tra l’uso corretto del preservativo e l’uso piu’ diffuso, segnalando l’opportunita’ di una migliore educazione sul suo utilizzo. ”Abbiamo sistematicamente sottovalutato quanto possa essere complicato l’uso del preservativo”, ha concluso Crosby.

Fonte: Agi

Categories: Salus Tags: , ,

Christian Wulff, dimissioni beffarde con vitalizio

March 2, 2012 Leave a comment

L’ex presidente tedesco, che ha abbandonato la carica dopo una scia di scandali, riceverà la somma nonostante abbia servito la Repubblica per soli 598 giorni. Oltre a questo gli spettano anche 280mila euro per spese di segreteria, ufficio e auto blu con autista.
Qualcosa come 199.000 euro all’anno fino alla fine dei suoi giorni per appena 598 giorni di mandato. È il trattamento dorato che la Germania riserverà a Christian Wulff, l’ex presidente della Repubblica che ha danneggiato più di qualunque suo predecessore l’autorità e l’immagine della carica del capo dello Stato in Germania. Wulff si è dimesso il 17 febbraio, il giorno dopo che la procura di Hannover aveva chiesto al parlamento tedesco di revocargli l’immunità per poter indagare contro di lui. L’accusa: aver ottenuto, prima ancora di essere stato eletto presidente, una lunga serie di trattamenti di favore da imprenditori a lui vicini. Si va da un prestito a tasso agevolato per comprare casa, ricevuto dalla moglie di un amico e taciuto al parlamento della Bassa Sassonia quando era ancora governatore del Land, fino a vacanze pagate per lui da produttori cinematografici che hanno poi beneficiato di sovvenzioni pubbliche. Un’ondata di accuse che hanno finito per travolgere il capo dello Stato, che ha motivato la sua uscita di scena con la perdita di fiducia tra i tedeschi. Contro di lui indaga nel frattempo la procura di Hannover.
Le leggi tedesche parlano chiaro: agli ex presidenti della Repubblica viene versata per tutta la vita una pensione di 199.000 euro l’anno, cui si aggiungono 280.000 euro per un ufficio con tanto di segretaria, un assistente personale e un’auto blu con autista. Tale trattamento spetta anche ai presidenti che si sono dimessi “per ragioni politiche o di salute” prima della scadenza del mandato quinquennale. Wulff ha gettato la spugna o no “per ragioni politiche o di salute”?
L’interrogativo ha diviso per giorni il mondo politico e gli esperti di diritto in Germania: secondo l’autorevole costituzionalista Hans Herbert von Arnim, ad esempio, Wulff non avrebbe diritto al vitalizio, in quanto si è dimesso per motivi personali. A mettere la parola fine al dibattito ci ha pensato ora la presidenza della Repubblica federale, con uno scarno comunicato: “Christian Wulff si è dimesso per ragioni politiche, sussistevano le condizioni oggettive per una notevole e duratura limitazione dell’esercizio del suo mandato”, si legge nella nota. Ergo: Wulff rispetta i presupposti fissati dalla legge, per cui avrà diritto a 199.000 euro l’anno per tutto il resto della sua vita. Niente male, considerando che l’ex presidente ha 52 anni.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Categories: Politick Tags:

”Comprami Vendimi Affittami”, personale di Alessio Fralleone presso Hula Hoop Club di Roma

March 2, 2012 Leave a comment

Il 9 marzo 2012, negli spazi dell’HulaHoop Club, si inaugura ”Comprami Vendimi Affittami” la personale dell’artista romano Alessio Fralleone. Un crescendo di musica e arte, sono queste le premesse della serata d’apertura di “Comprami Vendimi Affittami”. Alessio Fralleone sceglie le note di Morgan Morrison per intraprendere un viaggio iniziatico insieme al pubblico. L’opera nasce dal mondo delle idee e viene scaraventata in quello reale grazie all’azione, alla foga improvvisata del momento, aiutata dalle note vibranti della musica sperimentale. Il mistero della creazione si sdoppia per tutta la durata della performance, intenso spaccato temporale in cui lo spettatore amplifica la totalità dei cinque sensi e sfiora la grandiosità dell’arte. La metodicità del fare si nutre della libertà di condividere, i limiti sono erosi dalla partecipazione e gli animi possono muoversi all’unisono per un breve, fugace attimo. La parola possiede la potenza di unire, sovvertire, specificare, confondere. La rara forza che un vocabolo scritto acquisisce dipende da variabili prettamente umane, da quel legame tra vissuto interiore e contesto culturale che supera i limiti del tempo e si ricollega all’immaginazione. E se l’immaginario visivo viaggia su un binario parallelo alla parola, vi è un momento in cui la fusione tra le due vie origina ciò che i dibattiti secolari degli uomini chiamano “opera d’arte”. Esiste un momento, sospeso nell’immaterialità del pensiero creativo, in cui l’artista si affida al proprio universo di regole ed inizia a tessere un progetto di ciò che ancora non è ma sarà, sovvertendo a priori ogni realtà esistente.
Per Alessio Fralleone la progettualità è la base su cui muoversi per accostarsi al caos, il vero nucleo da cui la sua arte attinge per potersi mostrare. Egli è il mezzo che sceglie come tradurla attraverso quel tipo d’agire viscerale che trasforma il pigmento puro in elemento sovversivo, condotto sulla materia traslucida dal gesto di chi sa riconoscere il caos e vuole renderlo libero.
“Comprami Vendimi Affittami” è il fulcro concettuale dell’artista romano, discorso nato dal connubio tra la sua consapevolezza tecnica e la capacità di bilanciare il calore espressivo con la fermezza significante della parola, ora tra luccicanti misture e muscolature sanguigne di corpi torti, ora tra bande vivaci di colore steso in campiture studiate. I suoi prodotti guardano all’arte e alla sua tradizione affondando le radici nella contemporaneità di chi adopera la processualità ed il segno come ingredienti per la propria ricetta personale. L’osservatore si trova dinnanzi all’opera come fosse seduto a tavola, impegnato a gustare un piatto ricco che ha bisogno di essere digerito, scisso degli elementi complessi con cui è stato creato ed infine accolto nella lucidità fredda di un esame individuale. L’happening dell’artista non guarda al passato ma accoglie l’accadere, supera l’intricata questione della tematica figurativa anche quando l’opera d’arte si presenta già conclusa tra gli ambienti privati dello studio e volge all’astratto.
Ciò perchè essa è frutto del dialogo privilegiato che intrattiene con il suo creatore, l’unico in grado di testimoniare sulla tela o su qualsiasi altro supporto che ogni manifestazione, ogni rappresentazione ha luogo a prescindere dall’involucro formale che la contiene.
L’affissione dei cartelli “Comprami Vendimi Affittami” amplifica la dimensione dell’opera d’arte e limita la portata emotiva ed individuale, chiude il cerchio innescato dalla creatività dell’uno per stimolare alla ricezione pensata di molti. Ci si trova dinnanzi ad un oggetto parlante, ricco di suggestioni giacenti nel profondo ma idealmente progettato per essere creato e donato al suo pubblico in qualità di artefatto artistico. Ciò che l’arte di Alessio Fralleone porta con sè stimola la volontà umana di allenare l’occhio a guardare e la mente a lasciar giungere le cose a sè, scatenare quel fluire di domande che si oppone alla tendenza esistenziale del voler trovare un senso univoco nella risposta. La preziosa potenza della parola e di ciò che chiamiamo opera d’arte fonda la sua eternità proprio nell’indefinitezza, in quella pulsione interiore che smuove gli animi ed allo stesso tempo, paradossalmente, li raffredda. Non esistono parole che siano definitive per spiegare ciò che va oltre lo scibile e supera la piccolezza degli esseri umani, solo un grande mistero che si origina nell’immaginazione di questi ultimi e sfugge loro nel momento in cui l’opera stessa dichiara all’artista il suo epilogo creativo. (testo di Camilla Cossu)
Mostra: “Comprami Vendimi Affittami”; Inaugurazione: 9 marzo 2012, aperitivo ore 19.30; Luogo: Hula Hoop Club Via L.F. De Magistris 91/93 Roma; Info: tel.3493191935 .

“The Raven” di James McTeigue (2012)

March 2, 2012 Leave a comment

The Raven è un film a colori di genere thriller della durata di 111 min. diretto da James McTeigue e interpretato da John Cusack, Luke Evans, Alice Eve, Brendan Gleeson, Oliver Jackson-Cohen, Jimmy Yuill, Kevin McNally, Brendan Coyle, Pam Ferris, M. Emmet Walsh. Prodotto nel 2012 in USA – uscita originale: 09 marzo 2012 (USA) – e distribuito in Italia da Eagle Pictures il giorno 23 marzo 2012.

Baltimora, XIX secolo. Quando una madre e sua figlia vengono ritrovate brutalmente assassinate, il detective Emmet Fields fa una scoperta sorprendente: il delitto assomiglia a un omicidio descritto fin nei minimi dettagli in un racconto dello scrittore emergente ed emarginato Edgar Allan Poe. Ma proprio mentre Poe viene interrogato dalla polizia, viene commesso un altro omicidio ispirato a una sua storia. Rendendosi conto che c’è un pazzo omicida a piede libero, che utilizza i racconti di Poe come ispirazione, Fields chiede l’aiuto dell’autore per fermarlo.

Fonte: Movieplayer


Categories: Cinema... Cinema Tags: