Home > Obituario > Renato Dulbecco, muore famoso premio Nobel per la Medicina

Renato Dulbecco, muore famoso premio Nobel per la Medicina

E’ morto a 97 anni. E’ stato un pioniere delle ricerche genetiche sui tumori. La sua carriera tra Italia e Usa.

E’ morto a 97 anni Renato Dulbecco, premio Nobel per la Medicina nel 1975 per le scoperte sulle interazioni fra virus tumorali e il materiale genetico della cellula. Ne dà notizia il Consiglio nazionale delle ricerche.
Nato a Catanzaro nel 1914, Renato Dulbecco si trasferisce con la famiglia prima in Liguria, quindi a Torino dove nel 1930, a 16 anni, si iscrive alla Facoltà di Medicina dell’Università di Torino, laureandosi nel 1936 con una tesi di Anatomia patologica con l’anatomo-biologo Giuseppe Levi. Nel 1943 partecipa alla Seconda guerra mondiale alla spedizione sul fronte russo sul Don. Conclusa la guerra abbracciando la lotta partigiana, diviene assistente di Levi ad Anatomia Patologica. Nello stesso tempo compie studi di Fisiologia, e si laurea in Fisica, facoltà che frequenta dal 1945 al 1947. Nel 1947 lascia l’Italia per gli Stati Uniti, chiamato dal biologo Salvatore Luria all’Università di Bloomigton, nell’Indiana.
E’ la svolta della sua vita. Qui Dulbecco studia nei fagi, virus batteriofagi, i meccanismi cellulari che riparano il Dna quando è danneggiato da radiazioni. Chiamato al California Institut of Technology, dove diventa professore ordinario, nel 1955 riesce a isolare il primo mutante del virus della poliomelite, che servirà a Albert Sabin per la preparazione del vaccino, e nel 1960, inizia a interessarsi alla ricerca oncologica. Nel 1972 Dulbecco si trasferisce dagli Stati Uniti a Londra, all’Imperial Cancer Research Fund, dove continua gli studi di oncologia. Per questi studi e “per le sue scoperte in materia di interazione tra virus tumorali e materiale genetico della cellula” nel 1975, insieme a David Baltimore e Howard Temin, gli viene conferito il Premio Nobel in Medicina.
Tornato negli Stati Uniti, al Salk Institute di La Jolla, in California, nel 1986 lancia la sua ultima grande impresa: identificare tutti i geni delle cellule umane e il loro ruolo, in modo da comprendere e combattere concretamente lo sviluppo del cancro. È il Progetto Genoma, allargato poi a tutto il mondo come progetto di collaborazione internazionale al quale Dulbecco ha lavorato negli ultimi anni per conto del Cnr. Nel 1999 ha presentato il Festival di Sanremo insieme a Fabio Fazio e Laetitia Casta.

Fonte: TMNews

Categories: Obituario Tags: ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: