Archive

Archive for February 21, 2012

“Angel Looks”, look 2012 di Testanera realizzati in esclusiva da Peter Lindbergh

February 21, 2012 Leave a comment

Angel Looks. 12 scatti in bianco e nero di donne bellissime il cui l’hairstyling e’ messo in rilievo con naturalezza, cura dei dettagli e dell’ambientazione, realizzati per interpretare i look 2012 di Testanera.

Il marchio di cosmetica del gruppo tedesco Henkel continua la partnership con Camera della Moda per la Milano Fashion Week.
Dal 22 al 28 febbraio 2012, presso la Sala Colonne di Palazzo Clerici saranno esposte le immagini “Angel Looks”, i look 2012 di Testanera realizzati in esclusiva da Peter Lindbergh. Da ormai tre stagioni, Testanera emerge in calendario grazie ad attività di alto livello, impatto e innovazione: dalla mostra We Love Hair – una celebrazione dell’acconciatura realizzata da Karl Lagerfeld – a Fashion Silhouette, esposizione on the road dei profili di 10 importanti stilisti italiani realizzati dall’artista di silhouette Alison Russell.
Per la prossima Milano Fashion Week – 22/28 febbraio 2012 – il brand ha affidato l’interpretazione dei suoi look di hairstyling 2012 all’estro creativo del fotografo di moda tedesco Peter Lindbergh, che dagli anni ‘80 ha immortalato le top model Christy Turlington, Naomi Campbell, Cindy Crawford e Linda Evangelista contribuendo a creare il loro mito. Lindbergh può essere considerato tra i più importanti fotografi del mondo, in particolare è riconosciuto per il suo uso del bianco e nero e per i look minimali con cui ama ritrarre le sue modelle, con poco make-up e pettinature semplici.
La sua firma è inconfondibile nei 12 scatti realizzati per interpretare i look 2012 di Testanera: bianco e nero e donne bellissime il cui l’hairstyling è messo in rilievo con naturalezza, cura dei dettagli e dell’ambientazione.
Capelli corti, mossi, raccolti ordinatamente e lisci naturali conferiscono personalità e allure alle modelle immortalate con i volti al naturale e styling semplice, sottolineando così il ruolo chiave dell’acconciatura nella bellezza femminile.
Nella splendida cornice della Sala Colonne di Palazzo Clerici, uno dei più prestigiosi edifici storici milanesi, durante tutta la prossima fashion week di febbraio sarà possibile osservare gli scatti di Lindbergh, in un percorso studiato per mettere in rilievo la forza e la carica emotiva delle immagini realizzate per Testanera.
“Ho sempre ammirato la capacità di Lindbergh di ritrarre i volti al naturale enfatizzandone l’espressività e la bellezza priva di artifici. Lo abbiamo fortemente voluto per realizzare gli scatti dei look 2012 di Testanera per il suo stile così vicino al nostro concetto di cosmetica, pensata non per stravolgere, ma per enfatizzare la bellezza naturale di ogni donna, partendo dai capelli. Siamo orgogliosi che Lindbergh abbia accettato questo delicato incarico e siamo particolarmente soddisfatti del risultato: dai suoi scatti emerge la bellezza firmata Testanera, naturale e creativa” commenta Susanne Cornelius, General Manager della divisione Cosmetica Retail di Henkel.
Testanera prosegue inoltre le sue attività per coinvolgere il pubblico della fashion week con due iniziative speciali:
Styling Cube Testanera di via Mercanti, ospiterà un team di hair-stylist professionisti pronti a realizzare acconciature impeccabili per tutta la fashion community. Un’ulteriore novità per questa stagione è garantita dal Magic Mirror posizionato sullo stesso Cube: un vero e proprio specchio magico “parlante” che fornirà consigli di look personalizzati;
Testanera Beauty Spot, un camper come quello delle migliori produzioni cinematografiche girerà per le vie più frequentate della fashion week per offrire acconciature rapide on the road. Uno staff Testanera fornirà preziosi consigli e realizzerà ritocchi impeccabili alle acconciature. Per la terza stagione, Testanera si conferma come player di rilievo negli eventi della Fashion Week milanese.
Per ulteriori informazioni:
Attila & Co.
Bianca Stampacchia – 02.34970758 – bianca.stampacchia@attila.it
Lodovica Falcone – 02.34970516 – lodovica.falcone@attila.it
Inaugurazione 22 febbraio
Palazzo Clerici
via Clerici, 5 Milano
Ingresso libero

“L’ultima onda del lago” di Stefano Paolo Giussani, Bellavite

February 21, 2012 1 comment

Stefano Paolo Giussani
L’ultima onda del lago
Bellavite
PP 187
Euro 12
Il romanzo di Stefano Paolo Giussani intitolato “L’ultima onda del lago”, pubblicato dalla casa editrice Bellavite, è ambientato nell’ultima parte della Seconda Guerra Mondiale.
Le prime pagine, molto efficaci per la tensione evocata, ci presentano tre personaggi in disperata fuga, immersi in un bosco delle pendici lariane, braccati da una pattuglia di soldati tedeschi.
Anna è una giovanissima ebrea milanese, poco più che adolescente, che si prende amorevolmente cura del fratellino Davide, quest’ultimo purtroppo è sia sordo che cieco e i loro genitori sono già stati deportati.
Il terzo personaggio è Sebastiano, loro vicino di casa, il cui compagno è stato arrestato dalla milizia fascista e che, sconvolto dalla ferocia dell’occupazione tedesca a Milano, si offre di accompagnare i due fratelli in fuga verso la Svizzera.
Sui monti lariani la loro fuga si incrocerà con la vita di Valerio, un ragazzo che fugge per mestiere, uno spallone, un contrabbandiere che ogni giorno si mimetizza nel bosco per sfuggire ai finanzieri e ai nazifascisti. Ma Valerio insegue anche un sogno: costruire un sommergibile per contrabbandare indisturbato lungo il confine, mentre le pattuglie setacciano i boschi alla ricerca di partigiani e fuggiaschi.
I luoghi sono tratteggiati in maniera efficace e anche la trama, che si sviluppa con leggeri salti temporali, mantiene un buon ritmo. In particolar modo è ben rappresentata l’atmosfera di confine, di limite, non solo fisico, di un microcosmo in cui è molto sottile il limite tra l’illegalità e la salvezza, il benessere e la fame, la paura e il sogno.
Un romanzo che si legge agilmente, ma che non è banale e che una volta di più ci obbliga a non dimenticare, affinchè non succedano di nuovo, le atrocità e gli orrori commessi durante la Seconda Guerra Mondiale.

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

Fragranze, decima edizione al salone internazionale di Pitti Immagine

February 21, 2012 Leave a comment

Si svolgerà alla Stazione Leopolda di Firenze da venerdì 14 a domenica 16 settembre 2012 – e non, come precedentemente annunciato, dal 7 al 9 – la decima edizione di Fragranze, il salone internazionale di Pitti Immagine dedicato alle migliori proposte della profumeria artistica e selettiva e all’evoluzione della cultura olfattiva.
“Abbiamo spostato in avanti di una settimana le date del nostro salone – dice Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine – per meglio inserirle nel calendario internazionale degli appuntamenti di quel periodo e permettere così a buyer e giornalisti di tutto il mondo di muoversi più agevolmente.
I lavori per la nuova edizione sono già partiti e gli ottimi risultati dello scorso settembre – 198 marchi esposti (+11% rispetto al 2010, 140 di loro esteri), quasi 2.200 visitatori in totale (+12%), 250 buyers internazionali (+11%), in particolare da Germania, Svizzera, Spagna, Giappone, Emirati Arabi, Corea, Europa dell’Est, Russia – sono per noi uno stimolo a fare ancora meglio.
Il programma completo è ancora in corso di definizione, ma possiamo già dire che avremo anche quest’anno un ospite molto speciale, come nelle precedenti edizioni con Sissel Tolaas e Francis Kurkdjian.
Special guest a settembre sarà infatti Chandler Burr, giornalista – è stato anche perfume critic per il New York Times – e scrittore americano, attualmente curatore del Dipartimento di Arte Olfattiva al Museum of Art and Design di New York, che inaugurerà il prossimo autunno. Chandler Burr terrà una lecture e inoltre realizzerà un’installazione/performance in cui la dimensione artistica si lega creativamente con quella del profumo”.
E ancora, tra i progetti della prossima edizione ci sarà, come in passato, anche un incontro sugli scenari e le prospettive globali del mondo della profumeria. “Tutti quelli che lavorano professionalmente nel settore – dice Agostino Poletto, vice-direttore di Pitti Immagine – trovano questi incontri un osservatorio prezioso per conoscere attitudini e orientamenti futuri dei consumatori e ottenere indicazioni utili su come approcciarli. Ma si tratta anche di uno strumento di comunicazione apprezzato dalle molte testate che seguono la nostra
manifestazione”.

Fonte: Extrait

Categories: Moda Eventi Tags: ,

Renato Dulbecco, muore famoso premio Nobel per la Medicina

February 21, 2012 Leave a comment

E’ morto a 97 anni. E’ stato un pioniere delle ricerche genetiche sui tumori. La sua carriera tra Italia e Usa.

E’ morto a 97 anni Renato Dulbecco, premio Nobel per la Medicina nel 1975 per le scoperte sulle interazioni fra virus tumorali e il materiale genetico della cellula. Ne dà notizia il Consiglio nazionale delle ricerche.
Nato a Catanzaro nel 1914, Renato Dulbecco si trasferisce con la famiglia prima in Liguria, quindi a Torino dove nel 1930, a 16 anni, si iscrive alla Facoltà di Medicina dell’Università di Torino, laureandosi nel 1936 con una tesi di Anatomia patologica con l’anatomo-biologo Giuseppe Levi. Nel 1943 partecipa alla Seconda guerra mondiale alla spedizione sul fronte russo sul Don. Conclusa la guerra abbracciando la lotta partigiana, diviene assistente di Levi ad Anatomia Patologica. Nello stesso tempo compie studi di Fisiologia, e si laurea in Fisica, facoltà che frequenta dal 1945 al 1947. Nel 1947 lascia l’Italia per gli Stati Uniti, chiamato dal biologo Salvatore Luria all’Università di Bloomigton, nell’Indiana.
E’ la svolta della sua vita. Qui Dulbecco studia nei fagi, virus batteriofagi, i meccanismi cellulari che riparano il Dna quando è danneggiato da radiazioni. Chiamato al California Institut of Technology, dove diventa professore ordinario, nel 1955 riesce a isolare il primo mutante del virus della poliomelite, che servirà a Albert Sabin per la preparazione del vaccino, e nel 1960, inizia a interessarsi alla ricerca oncologica. Nel 1972 Dulbecco si trasferisce dagli Stati Uniti a Londra, all’Imperial Cancer Research Fund, dove continua gli studi di oncologia. Per questi studi e “per le sue scoperte in materia di interazione tra virus tumorali e materiale genetico della cellula” nel 1975, insieme a David Baltimore e Howard Temin, gli viene conferito il Premio Nobel in Medicina.
Tornato negli Stati Uniti, al Salk Institute di La Jolla, in California, nel 1986 lancia la sua ultima grande impresa: identificare tutti i geni delle cellule umane e il loro ruolo, in modo da comprendere e combattere concretamente lo sviluppo del cancro. È il Progetto Genoma, allargato poi a tutto il mondo come progetto di collaborazione internazionale al quale Dulbecco ha lavorato negli ultimi anni per conto del Cnr. Nel 1999 ha presentato il Festival di Sanremo insieme a Fabio Fazio e Laetitia Casta.

Fonte: TMNews

Categories: Obituario Tags: ,

Taurina – Clorexidina – Aspartame, sostanze nocive da non sottovalutare

February 21, 2012 Leave a comment

Questo articolo è il risultato di una ricerca che ho fatto, partita dal mio forte interesse nel sapere cosa c’è dentro quel che mangio. Ci sono case italiane come Ferrero o Barilla che sono considerate tra le più sane al mondo in fatto di qualità degli ingredienti utilizzati, e ne dovremmo andare fieri. Già, perché in alcuni prodotti che utilizziamo spesso potrebbero essere presenti tre ingredienti: Taurina (energy drinks come RedBull e non solo…), Clorexidina (molti colluttori) e Aspartame (quasi tutte le chewing gum). Lo scopo di questo articolo certamente non è non farvi più bere/usare/mangiare energy drinks, collutori e chewing gum, ma certamente vi farà riflettere un po’…
Taurina: non c’è da preoccuparsi
Parliamo subito della Taurina. E diciamo subito che si tratta di un liquido che deriva dagli animali e che, in teoria, non fa alcun male all’uomo. Delle tre sostanze che esamineremo infatti la Taurina è la meno pericolosa. Qui però parliamo non di una sostanza pericolosa, ma di una sostanza che, se sapessimo da dove proviene, potrebbe farci un notevole ribrezzo. È risaputo che in molte caramelle energetiche, in alcune marche di latte artificiale e nella RedBull è contenuta una piccola percentuale di Taurina. E perché dovrebbe preoccupare? La Taurina deriva naturalmente dai testicoli dei tori (questo è scientifico), e nella RedBull c’è la Taurina, quindi noi beviamo una sostanza proveniente dai testicoli dei tori? Ovviamente nessuno berrebbe RedBull se fosse veramente così. È risaputo che la Taurina è una sostanza molto energetica, ma può essere riprodotta sinteticamente, cioè in laboratorio. Come dice un Snopes.com, un sito medico autorevole, la RedBull è una bevanda sicuramente con qualche ingrediente sospetto come il Glucuronolattone, l’esagerata dose di caffeina e la Taurina, di derivazione animale ma copiata in laboratorio. In ogni caso, anche se copiata in laboratorio è sempre Taurina.
In conclusione possiamo dire che RedBull è una bevanda veramente energetica perché sfrutta ingredienti di recente introduzione nelle bevande, quindi contiene ingredienti che provocano veramente in noi uno stimolo energico e non si tratta solo di una bevanda “commerciale”. Probabilmente ha avuto un passato un po’ turbolento ma al momento i siti medici affermano che RedBull contiene sostanze controllate e sicure, per ora.
Clorexidina: un pericolo che non conosciamo
Molti di noi usano il collutorio ogni giorno. È certamente un’ottimo strumento se usato dopo lo spazzolino per allungare la pulizia e disinfezione dei denti per parecchie ore. Il problema dei collutori è semplice:

  1. Collutori come Listerine sono molto commerciali e limitatamente efficaci
  2. Tutti gli altri collutori contengono la Clorexidina e sono molto efficaci

La Clorexidina è un disinfettante riconosciuto per la sua grande capacità di eliminare moltissimi batteri, si tratta quindi, in termini tecnici, di un battericida ed è sempre segnalata nei collutori se contenuta. Fin qui non ha nulla di strano, se non che ultimamente sono sorti tantissimi dubbi su questa sostanza. Innanzitutto se utilizzata poco per pochi giorni non dovrebbe avere alcun rischio sulla nostra salute. Se però viene utilizzata quotidianamente, sembra che qualche rischio ci sia…

  1. Aumento della colorazione dei denti, che può addirittura diventare permanente, cioè nemmeno curabile con la normale pulizia dentale
  2. Aumento della pigmentazione dei denti
  3. Aumento nella formazione di calcoli nelle gengive
  4. Forte alterazione del gusto

Il consiglio comune che si trova sul web è dunque di stare attenti ad usare collutori con clorexidina, stare attenti significa sostanzialmente chiedere al proprio dentista se usarli e quanto usarli.
Aspartame: il più pericoloso
L’Aspartame è un dolcificante artificiale prodotto solo da una multinazionale chiamata NutraSweet. Un po’ come lo zucchero, solo che è prodotto in laboratorio. Come tutte le sostanze prodotte in laboratorio, sorge sempre prima o poi qualche dubbio sul loro impatto nella nostra salute. L’Aspartame è contenuto in tantissime Chewing Gum, da Vigorsol a Brooklyn: quasi tutte contengono Aspartame. Pare infatti che questa sostanza possa essere la causa di molti tumori, secondo quanto verificato su dei test su animali, è dunque dubbia la tossicità o meno di questa sostanza. Nonostante il dubbio continua ad essere contenuta in tantissime caramelle e chewing gum che mangiamo ogni giorno.
Dopo una serie di test pluriennali da parte di molte organizzazioni sanitarie come EFSA in Europa o il National Cancer Institute in America, è stato affermato che l’Aspartame è sicuro, e ne è stato fissato un limite di assunzione giornaliera, cioè 40 mg/kg peso corporeo. In realtà è stato dichiarato che è sicuro, ma non è stato smentito il fatto che possa provocare tumori.
In conclusione non c’è la certezza assoluta che questa sostanza sia pericolosa, sicuramente non è molto pericolosa in quanto altrimenti sarebbero sorti molti più tumori negli ultimi anni e si sarebbe scoperto che sarebbero derivati dall’aspartame, però il rischio c’è, e parte sia più alto per i bambini.
Conclusioni
Come la storia insegna, purtroppo i prodotti sintetici non sono mai sperimentati a sufficienza. Non avremo mai la certezza assoluta nel giro di pochi anni se siano sicuri o meno. Il consiglio dei medici è sempre lo stesso: qualsiasi sostanza, chimica o naturale, va assunta nelle giuste dosi. Anche le sostanze naturali, se assunte in dosi eccessive possono gravare sulla nostra salute, per questo si parla spesso di dieta sana ed equilibrata. Dunque ripetiamo, la Taurina non sembra essere una sostanza pericolosa, certo non bisogna bere 10 RedBull al giorno. La Clorexidina è risaputo che può causare problemi di varia natura se assunta ogni giorno per molto tempo. Mentre l’Aspartame è una sostanza con molti dubbi, il consiglio è semplicemente di non mangiarsi un pacchetto di chewing gum al giorno, anche perché le gomme da masticare contengono altre sostanze che se assunte in dose elevate ogni giorno possono causare problemi.
Questo articolo è stato scritto principalmente sulla base di quanto scritto su Wikipedia, e poi sulla base di altre fonti americane e non di siti medici e odontoiatrici, ovviamente ci decliniamo ogni responsabilità per quanto detto e vi ricordiamo che il primo consiglio e i primi pareri devono essere sempre dati dal vostro medico.

Alberto Ziveri

Fonte: Skimbu

Premio Arte Laguna 11.12, mostra evento a Venezia

February 21, 2012 Leave a comment

Venezia – Ritorna anche quest’anno l’atteso appuntamento a Venezia con il Premio Arte Laguna.
Apre il 17 Marzo presso le Nappe dell’Arsenale di Venezia la mostra collettiva dei 110 artisti finalisti che arrivano da ogni parte del mondo e appartengono a sei discipline differenti: Pittura, Scultura, Arte Fotografica, Video Arte, Performance e per la prima volta anche Arte Virtuale allestita su iPad.
Durante l’happening verranno svelati i nomi dei cinque vincitori assoluti e si esibiranno dal vivo i performers finalisti.
La mostra è ad ingresso gratuito e sarà visitabile fino al 1 aprile 2012.
Apertura tutti i giorni dalle 10 alle 18 e dalle 10 alle 20 durante i fine settimana.
Nello stesso periodo la selezione dei migliori artisti Under 25 avrà uno spazio privilegiato nella mostra allestita presso l’Istituto Romeno di Venezia, che ha sede nello storico Palazzo Correr in Campo Santa Fosca, lungo Strada Nuova.
APPUNTAMENTI:
– Domenica 18 marzo ore 10.30 visita guidata alla mostra con il curatore Igor Zanti e dibattito aperto
– Le domeniche 25 marzo e 1 aprile ci saranno gli “Arte Laguna Talk”, il calendario dettagliato verrà aggiornato i prossimi giorni
Informazioni:
SABATO 17 MARZO ORE 18
INAUGURAZIONE MOSTRA FINALISTI E CERIMONIA DI PREMIAZIONE
Dove: Nappe dell’Arsenale di Venezia
Inaugurazione: sabato 17 Marzo 2012 ore 18.00
Periodo: 17 Marzo – 1 Aprile 2012
Orari di apertura: tutti i giorni dalle 10 alle 18 e dalle 10 alle 20 durante i fine settimana – entrata gratuita
Premio Arte Laguna
T: +39 041 5937272
info@premioartelaguna.it
http://www.premioartelaguna.it

“-2: Livello del terrore” di Franck Khalfoun [2007]

February 21, 2012 Leave a comment
Violenta ossessione
Un thriller nel quale l’ossessione amorosa di una guardia giurata per una bella impiegata della società per cui lavora si trasforma in qualcosa di malato e sadico. Con tanto di venature che si rifanno alla lontana a certe tendenze torture-porn tanto di moda negli ultimi tempi.
In attesa di valutare il suo nuovo film, Mirrors, c’è da dire che lo sbarco ad Hollywood non pare aver fatto un granché bene ad Alexandre Aja. Arrivato sul suolo americano sulla scia dei fasti del giustamente celebrato Alta tensione, il cineasta francese si è infatti prodotto prima in uno scadente remake de Le colline hanno gli occhi, dopodiché si è adoperato nel far esordire nella regia l’amico Franck Khalfoun con -2: Livello del terrore, opera di certo non destinata ad entrare nella storia.
Sceneggiato a sei mani dai due con l’aiuto del terzo sodale Gregory Levasseur, il film è un thriller nel quale l’ossessione amorosa di una guardia giurata per una bella impiegata della società per cui lavora si trasforma in qualcosa di malato e sadico. Con tanto di venature che si rifanno alla lontana a certe tendenze torture-porn tanto di moda negli ultimi tempi.
Le ambizioni di P2 (titolo originale del film, che indica un livello del parcheggio sotterraneo dove si svolge l’azione) non si limitano poi a questi richiami: appare evidente infatti che i due protagonisti interpretati da Wes Bentley e Rachel Nichols vorrebbero offrire psicologie più strutturate della media dei prodotti analoghi. Purtroppo però i personaggi finiscono invece con il cadere negli stereotipi più comuni e tutto il film appare nel complesso incapace di convincere appieno e di giocarsi bene le poche carte di cui dispone.
Non basta infatti indugiare inizialmente sull’ambiguità del sentimento di lui e sul carattere un po’ stronzetto di lei per rendere i personaggi memorabili, né aprire con un incipit che vorrebbe accennare ad una lettura pseudo femminista della vicenda per gettare una luce “profonda” su tutta la vicenda. Superata l’introduzione, P2 diviene poi un film di caccia del gatto al topo come tanti, che pur efficace inizialmente, s’incanala ben presto nei binari della ripetizione e del risaputo, abusando dell’effetto “spavento improvviso” che dovrebbe far saltare lo spettatore sulla sedia. Se la scontata ambientazione natalizia non aggiunge punti al tutto, fa di peggio purtroppo uno smorfiosissimo Wes Bentley, mai così sbagliato in un film. Dal canto suo Rachel Nichols fa quello che può e deve: ovvero scappa spaventata da un punto all’altro del parcheggio mettendo in bella evidenza il bel visino e le forme abbondanti, ma sempre nei limiti concessi dal visto censura cui il film mirava.
Per carità, di recente abbiamo visto molto di peggio, e un minimo di tensione e d’intrattenimento P2 li garantisce anche. Ma quel poco che basta per un pomeriggio estivo o domenicale, e nulla più.
Federico Gironi

Robert Downey Jr, interprete del ruolo di Perry Mason

February 21, 2012 Leave a comment

La Warner Bros in intrattativa per un film sul famoso avvocato, rilanciare Perry Mason. Questo l’obiettivo della Warner Bros che, secondo quanto riportato dall’Hollywood Reporter, sarebbe in trattativa con lo sceneggiatore Marc Guggenheim per la scrittura del reboot del famoso avvocato americano, nato dalla penna di Erle Stanley Gardner agli inizi degli anni ’30. La figura di Mason è approdata sugli schermi nel 1957 grazie alla serie televisiva cult della Cbs, interpretata da Raymond Burr.
La major cinematografica ha pensato a Guggenheim in virtù del suo passato da avvocato. Per cinque anni, terminate le scuole, Mark ha svolto la professione legale presso uno studio di Boston, prima di intraprendere la carriera di sceneggiatore. La passione per la giurisprudenza, però, non l’ha mai abbandonato: tra i primi lavori di Guggenheim ricordiamo infatti The Practice, Law & Order e Eli Stone, tutte storie di avvocati.
Sempre stando alle indiscrezioni riportate dall’Hollywood Report, la sceneggiatura si baserà su una storia originale, ambientata nella Los Angeles degli anni Trenta, scritta da David Gambino e dall’attore newyorkese Robert Downey Jr. Quest’ultimo dovrebbe inoltre interpretare la parte di Mason.

Fonte: TMNews