Archive

Archive for January 16, 2012

“Das Cabinet des Dr. Caligari Live”, primo film horror muto della storia del cinema presso Spazionovecento a Roma

January 16, 2012 Leave a comment

DAS CABINET DES DR. CALIGARI LIVE
Dopo oltre novant’anni, ritrova la voce il primo film horror muto della storia del cinema con un’affascinante rielaborazione intermediale ed elettronica realizzata in tempo reale: la live computer soundtrack firmata da Edison Studio.
21 gennaio 2012, ore 21.00
Roma, Spazionovecento, piazza Guglielmo Marconi 26/B, quartiere Eur
Grazie alle più avanzate tecnologie informatiche applicate al design del suono, trova una voce nuova e originale uno dei massimi capolavori del cinema espressionista e primo cult-movie della storia della settima arte, Das Cabinet des Dr.Caligari (Berlino, 1919, regia di Robert Wiene). La rielaborazione intermediale ed elettronica del film è affidata alla live computer soundtrack di Edison Studio, progettata con il contributo dell’Istituto Italiano di Cultura di Singapore e della Cineteca di Bologna. L’evento Das Cabinet des Dr.Caligari Live viene presentato a Roma il 21 gennaio alle ore 21.00 da Artmediamix, con il patrocinio dell’Assessorato alle Politiche Culturali di Roma Capitale e dell’Assessorato alle Politiche Culturali della Provincia di Roma. Location dell’evento è Spazionovecento, nel cuore del quartiere Eur (piazza Guglielmo Marconi 26/B). L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti. È necessaria la prenotazione al numero 335.6254286 o via mail all’indirizzo dr.caligari@artmediamix.com.
L’EVENTO. Das Cabinet des Dr.Caligari Live è un’esperienza unica per lo spettatore, capace di unire in modo suggestivo suono e immagine in movimento, restituendo al cinema la meraviglia spettacolare degli esordi e alla musica un’avvolgente tridimensionalità, resa preziosa dall’incontro tra la performance dal vivo e le possibilità dell’elaborazione elettronica e digitale applicate al sound design. Grazie alla ricerca di Edison Studio il cinema muto ritrova una propria originale e attuale dimensione sonora, con il valore aggiunto di tutta l’emozione dello spettacolo musicale dal vivo. Quella eseguita sotto gli occhi dello spettatore è qualcosa di più di una semplice colonna sonora: oggetti risonanti, computer, voci elaborate in tempo reale avvolgono il pubblico con paesaggi sonori surreali, linguaggi improbabili, trame musicali oniriche ma anche ironiche, capaci di illuminare ed esaltare la potenza espressiva della pellicola cinematografica.
Commissionate nel 2003 dall’International Computer Music Conference di Singapore e presentate in numerosi festival, conferenze, teatri e musei internazionali, dall’estremo Oriente alla Svezia, dalla Francia all’Ungheria, dalla Germania agli USA, le musiche composte da Edison Studio per Das Cabinet des Dr. Caligari restituiscono al pubblico, dopo oltre novant’anni, il più famoso e celebrato “horror movie” dell’era del muto in una veste del tutto inedita, ridisegnato dalla sensibilità musicale dei nostri giorni e reinventato espressivamente attraverso il suono eseguito rigorosamente dal vivo, come nella tradizione del cinema muto.
L’incredibile fusione intermediale fra suono e immagine crea uno spettacolo prezioso, di forte impatto per gli amanti del cinema, della musica e della tecnologia applicata alle arti. Le tecnologie avanzate per l’elaborazione in tempo reale del suono e per la spazializzazione danno vita a una musica che fonde al suo interno anche i suoni per gli spazi immaginari del film e le voci straniate dei personaggi, realizzando una partitura visionaria in linea con l’immaginifico e terrificante scenario del capolavoro di Robert Wiene.
La strumentazione utilizzata da Edison Studio comprende computer, tastiere elettroniche, strumenti a percussione, voci e oggetti risonanti. L’intervento dei sound designer sul palco restituisce l’emozione della creazione musicale dal vivo, unita all’istantanea creazione di paesaggi acustici inventati e surreali linguaggi verbali, che si sciolgono nella trama sonora per sottolineare il mondo espressivo e simbolico dei personaggi del film.
IL FILM. Das Cabinet des Dr.Caligari è uno dei primi grandi cult-movie e un simbolo indiscusso del cinema espressionista tedesco. La regia di Robert Wiene, il cast e soprattutto le scenografie di Hermann Warm ambientano in un mondo originalissimo una trama sospesa fra allucinazione e realtà. La versione del film musicata in tempo reale da Edison Studio non è però quella classica, la più nota al grande pubblico, della durata di 50 minuti, ma una versione più lunga, di 82 minuti e sottotitolata in italiano: si tratta del director’s cut, il montaggio originariamente immaginato da Wiene e solo in seguito ridotto, al momento della sua diffusione, per motivi di distribuzione. Questa versione, quasi sconosciuta per il pubblico italiano, è stata restaurata dalla Cineteca di Bologna in collaborazione con il München Filmmuseum e la Cinémathèque Royale de Belgique.
Thriller psicologico sulla condizione umana illusoriamente libera nell’epoca della società di massa, sempre in bilico tra verità e finzione, il film di Wiene appare oggi il padre di tutti i thriller, ambientato in spazi straordinari e improbabili, disegnati e scolpiti da artisti espressionisti, in cui gli attori si muovono come all’interno di mirabolanti istallazioni in movimento.
Dal racconto di uno studente, Franz, riviviamo la cronaca di una serie di omicidi commessi da Cesare, sonnambulo e asservito a un individuo misterioso, il Dr. Caligari, che nella tenda di una fiera di paese mette in mostra il suo burattino. Dopo aver ucciso il segretario comunale e il migliore amico di Franz, Cesare tenta prima di uccidere e poi di rapire Jane, la donna amata dallo studente. Pedinato da Franz, il Dr. Caligari viene sorpreso a rifugiarsi in un manicomio, nel quale lo studente apprende dai medici la vera identità del manipolatore: Werner Krauss, direttore dello stesso manicomio. Franz, con l’aiuto degli altri psichiatri, smaschera il Dr. Caligari, scoprendo nei suoi diari il motivo ispiratore del suo segreto agire: in un antico mito di origine italiana Caligari è un mistico capace di far commettere omicidi a un sonnambulo. L’identificazione del direttore del manicomio dalla personalità sdoppiata con l’antico Caligari, chiarisce la trama che tuttavia riserva nel finale ancora un altro, definitivo e magistrale, colpo di scena.
IL CAST ARTISTICO: EDISON STUDIO, LIVE COMPUTER SOUNDTRACK. Il gruppo Edison Studio, formato dai compositori Mauro Cardi, Luigi Ceccarelli, Fabio Cifariello Ciardi e Alessandro Cipriani, è un’originale e riconosciuta realtà attiva da anni nel panorama della musica elettroacustica internazionale. Sono numerosi i premi e i riconoscimenti che il collettivo ha ottenuto, fra i quali Concours International de Musique Electroacoustique de Bourges, Prix Ars Electronica, International Computer Music Conference e Main Prize Musica Nova. Oltre che per le collaborazioni con la Biennale di Venezia, il Ravenna Festival, la Fondazione ITeatri di Reggio Emilia, l’Opera di Lipsia, il Calarts Theater di Los Angeles e il Theatre de la Ville di Parigi, Edison Studio si distingue per l’originalità dei suoi progetti: non solo concerti, come il progetto con il percussionista persiano Mahammad Ghavi Helm (pubblicato nel CD “Zarbing”, da RAI Trade e CNI), ma anche opere scritte collettivamente, come le colonne sonore dei film muti “Gli Ultimi Giorni di Pompei”, “Das Cabinet des Dr. Caligari”, “Inferno” (pubblicato nel 2011 su DVD Cineteca di Bologna e premiato con il Premio speciale A.I.T.S. 2011).
LA PRODUZIONE E L’ORGANIZZAZIONE: ARTMEDIAMIX. L’agenzia Artmediamix progetta architetture di esperienza e di emozione in cui contenuti d’arte, tecnologia d’avanguardia e spettacolo contemporaneo si fondono, concependo l’evento di brand non come un semplice happening, ma come un articolato processo di ingegneria sociale, attraverso la capacità di catalizzare un ampio buzz pre e post. Artmediamix ha collaborato con importanti soggetti privati e pubblici, nel settore dei prodotti e dei servizi, per aiutarli a comunicare con il pubblico sul campo. Negli ultimi dieci anni ha maturato una vasta esperienza nella ideazione e realizzazione di eventi in cui è centrale la presenza di contenuti artistici di qualità e di tecnologie digitali avanzate. Il variegato equipaggio dell’agenzia cura l’evento in tutte le sue fasi, dal booking degli artisti nazionali e internazionali alla drammaturgia, dalla produzione alla comunicazione in tutte le sue forme e declinazioni (video, sound, effetti, scenografie, regia, animazione).
LA LOCATION: SPAZIONOVECENTO. Progettato all’interno del Palazzo dell’Arte Antica, nel cuore dell’Eur, Spazionovecento è una delle più interessanti realtà postmoderne della cultura e del panorama artistico capitolino. Con un accostamento sincretico e affascinante, l’evento Das Cabinet des Dr.Caligari Live attua un inaspettato e non più impossibile dialogo fra le geometrie del razionalismo italiano del contenitore e l’estetica della sperimentazione visiva e cinematografica dell’Espressionismo tedesco del contenuto, unendo due aspetti lontani ma non discordi della cultura europea del primo Novecento.

Parigi, imminente mostra dedicata a Marc Jacobs da Louis Vuitton presso Les Arts Décoratifs

January 16, 2012 Leave a comment

Sarà inaugurata presso Les Arts Décoratifs a Parigi il prossimo 9 marzo, e durerà fino al 16 settembre 2012, la mostra dedicata a Marc Jacobs e organizzata da Louis Vuitton.
Due i protagonisti dell’esposizione curata dall’autrice di moda e docente Pamela Golbin, ad ognuno dei quali è dedicato uno dei due piani della mostra, la carriera del celebre designer, che dura ormai da 15 anni, presso la griffe e la storia della maison del lusso fondata ben 158 anni fa e del suo contributo al mondo della moda.

Fonte: Pambianconews

Marc Cherry, nessun film in programma per Desperate Housewives

January 16, 2012 Leave a comment

Ha del coraggio il produttore di Desperate Housewives Marc Cherry. La maggior parte dei produttori di telefilm di successo ha, successivamente, trasformato o tentato di trasformare i propri prodotti in lungometraggi per raccogliere ancora più denaro e sfruttare fino all’ultimo il proprio cavallo di razza. Marc Cherry, invece, si dice soddisfatto dei risultati raggiunti negli ultimi anni del serial che sarà trasmesso a breve su Abc con la stagione finale, pertanto non realizzerà ne ora ne mai un film sulle protagoniste di Wisteria Lane. Non solo: per togliersi l’ultimo sfizio, il produttore comparirà nel finale con un cameo alla Hitchcock. Scherzando Cherry ha dichiarato che le protagoniste non andranno – a sue spese – a Dubai – alludendo al secondo episodio di Sex and the City il film -.

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

Categories: TV News Tags:

Artes, spazio espositivo e salotto d’arte d’avanguardia per l’élite culturale

January 16, 2012 Leave a comment

Artes nasce dall’esperienza più che trentennale che Rosy Fuga De Rosa ha acquisito, durante e dopo gli studi all’Accademia di Brera a Milano, nel mondo dell’arte moderna e contemporanea.
Negli anni ’70, in Italia, si costituiva per la prima volta un gruppo, ormai storico, di Consulenti d’Arte.
Un nuovo modo di concepire il rapporto tra gli “addetti ai lavori” ed il pubblico del piccolo e grande collezionismo, oltre a costruire nuove basi per avvicinare adulti e bambini ad un mondo che, fino ad allora, era considerato solo per una piccola elite culturale.
Dopo dieci anni di esperienza sul campo, Rosy Fuga De Rosa, che afferma: “la gavetta non termina mai in questo mestiere”, decide di aprire una Galleria/Studio, “Artestudio”, che opera con i collezionisti unendo la consulenza di acquisto e vendita alla, ben più difficile, trasformazione dello spazio galleria in “salotto d’arte” sempre a disposizione del pubblico.
Questa nuova iniziativa ha successo e il tè o l’aperitivo in Galleria diviene un appuntamento che coinvolge sempre più persone.
Negli anni ’90 Rosy Fuga unisce ad Artestudio anche la realizzazione di documentari televisivi sulle cascine ed i laghi lombardi. Documentari che si soffermano su come arte, architettura e natura si possano unire creando paesaggi di indicibile bellezza.
Da alcuni anni, con il nome di “Artes” (arti in latino), con sede operativa in un antico palazzo nella splendida e storica Vigevano a pochi chilometri da Milano, Rosy Fuga ha voluto privilegiare il rapporto con Fondazioni e Musei pubblici e privati per creare eventi che, con un percorso vitale – articolato e frizzante, anche in sedi alcune volte non ortodosse possano richiamare sempre nuovo pubblico. Rosy Fuga de Rosa è anche consulente di Spirale d’Idee per le mostre internazionali a Palazzo reale a Milano.
Oggi Artes è una Società in grado di organizzare e dirigere eventi d’arte avvalendosi di una equipe molto qualificata, di consulenti specializzati nel settore e con la presenza costante di curatori e artisti di livello nazionale ed internazionale. Il lavoro di Artes è sempre teso a mantenere fede agli obiettivi del committente che possono essere sia solo di immagine che anche finalizzati a far affluire sempre più pubblico in un luogo stabilito.
Non solo eventi di arte moderna e contemporanea, ma, veri e propri festival della cultura a tutto tondo che si aprono anche su eventi letterari e musicali. Questo a far sì che il pubblico che rappresenta il “nuovo turismo post industriale” che tende a durare tutto l’anno ed apprezza sempre di più l’apprendimento e la qualità della vita abbia in queste proposte la risposta alle sue esigenze.
In questi progetti Artes tiene in massima considerazione il “genius loci” il paesaggio e lo sviluppo delle attività industriali e commerciali in cui si svolge il progetto.
Il tutto con agilità e spirito innovativo mantenendo, sempre, una altissima professionalità ed il desiderio di guardare sempre al futuro facendo tesoro dell’esperienza del passato.
Artes si specializza nel format televisivo che con il titolo “Art for Art” si propone di portare nelle case di tutta Italia e Comunità Europea (la trasmissione è dotata di un “sottopancia” descrittivo dell’artista in inglese) Artisti di talento che, altrimenti, non avrebbero la possibilità di essere conosciuti dal grande pubblico.
Partendo dal suo spazio espositivo di Vigevano presenta, con l’appoggio di Curatori, Critici e Uffici Stampa nazionali e internazionali, l’artista avvalendosi di un percorso di gallerie d’arte e luoghi istituzionali. Percorso che ha il fine di consolidare la conoscenza delle opere e dell’artista in oggetto.

Fonte: Artes

Categories: Cameo, Figurativa Tags: ,

Madonna, annuncio titolo e data di uscita del nuovo album

January 16, 2012 Leave a comment

Non ho mai capito dove attinga tutta la sua energia la ex material girl Madonna, sta di fatto che, dopo aver terminato la promozione del suo film “W.E” dedicato a Wallis Simpson, ha già acceso i motori per lanciare il nuovo album. Il titolo sarà M.D.N.A, un chiaro gioco di parole che prende spunto sia dal suo nome, sia dal nome completo del dna e l’album, come annunciato di recente dalla cantante stessa, sarà in vendita a partire da fine marzo. La figlia Veronica, ormai coinvolta in molte scelte artistiche dalla cantante, sta ascoltando i pezzi per dare suggerimenti alla madre.

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

Categories: Musica News Tags:

“C come… Costume e Moda”, nuovo allestimento di Palazzo Morando a Milano

January 16, 2012 Leave a comment

NEL QUADRIILATERO DELLA MODA UN NUOVO SPAZIO DEDICATO ALLA CREATIVITA’
Inaugurato il 1 marzo 2010 il nuovo allestimento di Palazzo Morando. Costume Moda Immagine è finalizzato a dare nuova visibilità allo straordinario patrimonio artistico dell’ex Museo di Milano e contemporaneamente a valorizzare il patrimonio di abiti e accessori conservati presso le Civiche Raccolte d’Arti Applicate del Castello di Milano, permettendo al pubblico cittadino, nazionale e internazionale di fruire gli spazi dedicati alla collezione di dipinti che illustrano i paesaggi urbani di Milano tra XVI e XIX secolo in un nuovo percorso espositivo, che andrà ad arricchire la veste di casa-museo già presente in una parte di Palazzo Morando.
A Palazzo Morando non solo troveranno casa le importanti collezioni di tessuti, abiti e accessori  fino ad oggi conservate presso le Civiche Raccolte d’Arte Applicata del Castello Sforzesco, ma sarà possibile sperimentare, approfondire e declinare la moda in tutte le sue forme. Il nuovo Museo si presenta come un luogo del sapere e dell’emozione, dove ammirare, in oltre 2mila metri quadrati, i capolavori del passato, analizzare l’immagine del presente e costruire suggestioni per il futuro, uno spazio polivalente, un ambiente destinato alla ricerca di linguaggi estetici e alla promozione di un’immagine giovane e giocosa del Costume e della Moda.
C come… Costume e Moda – A spasso con Milano – VIII ed. 2011-2012
Palazzo Morando. Costume Moda Immagine
Domenica 22/01/2012 – 15:00-16:30
Ingresso gratuito. Obbligo prenotazione: 393.9440207 prenotazioni@neiade.com http://www.neiade.com uffici: 02.36565694 da lun. a ven. 9.30-13.00 14.00-18.30
WEB: http://www.neiade.com – TEL: 02.36565694

Fonte: Milano é Turismo

Gianni Morandi, lista ufficiale dei big partecipanti al Festival di Sanremo 2012

January 16, 2012 Leave a comment

Morandi ha svelato i nomi: insieme Gigi D’Alesso e Loredana Bertè.
L’attesa è finita. Nel corso dell’Arena di Massimo Giletti, il salotto domenicale di RaiUno, Gianni Morandi ha reso noti i nomi dei 14 cantanti che parteciperanno al Festival di Sanremo 2012. La kermesse canora, giunta quest’anno alla 62esima edizione, promette scintille. I primi nomi annunciati dal cantante bolognese, anche quest’anno alla guida della Festival, sono stati: Dolcenera, Irene Fornaciari, Nina Zilli e Samuele Bersani; tutti e quattro al ritorno sul palco dell’Ariston. Esordio assoluto, invece, per Pierdavide Carone, direttamente dai banchi del talent show Amici, che si esibirà con un brano scritto da Lucio Dalla, per l’occasione direttore d’orchestra.
Nella seconda tranche di partecipanti annunciata da Morandi sono arrivate altre sorprese: nella città dei fiori arriveranno la giovane Noemi, gli intramontabili e due volte vincitori Matia Bazar, Arisa dopo l’esperienza come giudice di X-Factor, il vincitore del 2005 Francesco Renga, e Emma Marrone, che porterà una canzone scritta da Kekko Silvestre, il leader dei Modà.
Ma è durante gli ultimi 4 nomi fatti da Morandi che nel pubblico si scatena lo stupore. Il ‘comandante’ del Festival annuncia infatti che quest’anno sul palco dell’Ariston si esibirà l’inedita coppia formata da Gigi D’Alessio e Loredana Bertè. Smentita la bufala di un ipotetico duo tra Morgan e Emanuele Filiberto, sarà il tandem formato dal cantante napoletano e dalla rocker calabrese a creare la maggiore curiosità. L’artista jazz Chiara Civello, Eugenio Finardi, alla terza apparizione a Sanremo, e i Marlene Kuntz, considerati da molti come gli outsider per la vittoria finale, chiudono la lista dei Big che dal 14 al 18 febbraio si daranno battaglia sul palco della manifestazione canora italiana per eccellenza.

Fonte: TMNews