Archive

Archive for December 31, 2011

“La diligenza di Capodanno” di Hans Christian Andersen

December 31, 2011 Leave a comment

La diligenza di Capodanno

“Mezzanotte suonò sopra il villaggio
nella placida piazza solitaria…
le ore sobbalzarono nell’aria
per la tacita volta senza raggio;
recava da lontano, intanto il vento
come un tintinnio garrulo d’argento,
e per il villaggio solitario; errare
un trotto di cavali si sentì;
un cavallo vicino, ecco nitrì
il gabelliere si sporse per guardare;
qualche finestra ancor s’illuminò
e mezzanotte, lenta, risuonò.
La diligenza a dodici cavalli
arriva con dodici signori
e tutti, presto presto, vennero fuori
con valige, con scatole, con scialli;
e il primo, un vecchio tremulo e bonario:
« Lode a Dio – esclamò – siamo in orario! »

Era il trentun dicembre ed era l’ora
che l’anno vecchio, curvo, se n’era ito,
nel mare eterno dell’eternità
svanito, disperso, scolorito,
mentre andavano per ville e per tuguri
baci e abbracci, brindisi e auguri.”

Categories: Musa Tags:

Europa, in arrivo il passaporto europeo

December 31, 2011 Leave a comment

Secondo le stime dell’UE, entro il 2020 serviranno 16 milioni di professionisti disposti a trasferirsi nei vari paesi dell’Europa e ci sarà dunque necessità di riconoscere le loro qualifiche professionali in tutti gli Stati. Bruxelles ha lanciato dunque l’idea di un passaporto europeo al fine di esercitare la propria professione dovunque nei Paesi dell’Unione Europea. Il commissario per il mercato interno, Michel Barnier a tal proposito ha dichiarato: “Per coloro che dispongono delle necessarie qualifiche, sarà più facile trasferirsi dove si prospettano offerte di lavoro e l’idea di una tessera professionale europea, sotto forma di certificato elettronico, consentirà di semplificare ed accelerare, le procedure di riconoscimento per i professionisti disposti a trasferirsi per lavoro”. La proposta dell’UE prevede anche l’aggiornamento dei requisiti minimi di formazione ad esempio per i medici, dentisti, farmacisti, infermieri, ostetriche, veterinari ed architetti e la possibilità di introdurre un quadro di formazione e di verifiche professionali comuni.

Fonte: AGS Cosmo

Categories: Curiosità Tags:

“Il giorno di Capodanno” di Pablo Neruda

December 31, 2011 Leave a comment

Il giorno di Capodanno

Il primo giorno dell’anno
lo distinguiamo dagli altri
come
se fosse
un cavallino
diverso da tutti
i cavalli.
Gli adorniamo
la fronte
con un nastro,
gli posiamo sul collo sonagli colorati,
e a mezzanotte
lo andiamo a ricevere
come se fosse
un esploratore
che scende da una stella.
La terra accoglierà questo giorno
dorato, grigio, celeste,
lo bagnerà con frecce
di trasparente pioggia
e poi lo avvolgerà
nell’ombra.
Eppure
piccola porta della speranza,
nuovo giorno dell’anno,
sebbene tu sia uguale agli altri
come i pani
a ogni altro pane,
ci prepariamo a viverti in altro modo.

Categories: Musa Tags:

Germania, raccomandazioni e clientelismo non sono solo un male italiano

December 31, 2011 Leave a comment

Uno studio condotto in Germania su 15mila imprese, ha rivelato che un tedesco su 4 è stato raccomandato per ottenere il posto di lavoro. I tedeschi la chiamano ‘Vitamina B’, ‘B’ sta per ‘Beziehung’ ovvero sia: Raccomandazione. Lo studio effettuato rivela come anche i germanici lavoratori e datori di lavoro, siano affetti da quello che in Italia chiamiamo clientelismo, ossia il sistema di raccomandazione per poter occupare i migliori posti di lavoro. La proporzione tedesca è di uno su quattro, differente di sicuro è il paradigma che ne scaturirebbe se uno studio simile venisse eseguito in Italia. Le conoscenze inoltre pare contribuiscano anche alle possibilità di successo di amici e parenti nelle candidature al lavoro, infatti una su due di queste candidature va a buon fine.

Fonte: AGS Cosmo

Categories: Curiosità Tags:

Tangerine Dream, prossimi concerti a Padova e Milano nel 2012

December 31, 2011 Leave a comment

Sono due le date italiane che vedranno esibirsi la famosa sinth band: Tangerine Dream, noti già dalla metà degli anni ’80 e che hanno segnato un passo lungo per la musica internazionale. Si esibiranno il 5 maggio a Padova al Teatro Geox ed il 6 maggio a Milano al Teatro degli Arcimboldi. Gli spettacoli comprendono una scaletta di due ore e mezzo di musica con i nuovi brani che vanno a fondersi con i sound classici divenuti i più ascoltati successi musicali della band.

Fonte: AGS Cosmo

Categories: Musica News Tags:

Periostina, creato anticorpo contro la formazione di metastasi

December 31, 2011 Leave a comment

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Istituto Svizzero di Ricerca, nel quale da anni si studiano rimedi possibili per la cura di varie forme di tumore maligno. Gli studiosi hanno scoperto un anticorpo isolando la proteina denominata ‘Periostina’, che il corpo umano produce naturalmente e che era già conosciuta dai ricercatori per il ruolo fondamentale che ha nello sviluppo del feto e per le attività che conduce negli organismi degli adulti ed in organi specifici come l’intestino, le ghiandole mammarie, le ossa e la pelle. Quando un organismo umano viene colto dal tumore, è proprio la Periostina, normalmente innocua, a preparare il terreno per lo sviluppo delle cellule tumorali che si espandono poi in metastasi. Isolando tale proteina, i ricercatori hanno potuto creare un anticorpo in grado di bloccarla arrestando così il diffondersi delle metastasi. Questa scoperta rappresenta un grande passo avanti nella ricerca di cure contro il cancro, manca ora di fare i primi test su pazienti umani visto che i risultati sono pervenuti ancora solo da test sugli animali.

Fonte: AGS Cosmo

Categories: Scientia Tags:

Pila di Karpen, batteria perpetua

December 31, 2011 1 comment

Ormai ci stiamo accorgendo che il vero problema a livello di hardware dei dispositivi mobili moderni è la batteria. Mentre un tempo il cellulare durava anche una settimana, al giorno d’oggi con sempre più connessioni (Bluetooth, WiFi, rete dati ecc.), schermi sempre più brillanti e software sempre più multitasking diventa difficile consumare poca batteria. Le batterie al litio non sembrano più soddisfare le nostre esigenze. Apple, Samsung e altre aziende stanno lavorando sodo per cercare di migliorare le batterie al litio o persino creare nuovi tipi di batterie (non è escluso che qualcosa possa essere già presentato con l’iPhone 5). E oggi scopriamo una batteria che ha suscitato molto interesse, si tratta della famosa Pila di Karpen, una misteriosa batteria che dura da 60 anni ed è custodita in un piccolo museo rumeno. Scopriamo di cosa si tratta…
Introduzione
La pila di Karpen è stata brevettata e costruita dall’ingegnere rumeno Nicolae Vasilescu-Karpen (Craiova, 1870 – Bucarest, 2 marzo 1964) intorno al 1950. Questa pila è custodita la Museo Nazionale Scientifico “Dimitrie Leonida” a Bucarest, in Romania. Dal momento che il museo non ha soldi per finanziare un’esposizione che richiederebbe un altissimo livello di sicurezza, la pila di Karpen non è praticamente mai stata esposta nel museo, per questo è custodita nell’ufficio del direttore del museo, in una cassaforte. In teoria la pila avrebbe dovuto, secondo gli esperti (non secondo Karpen) fermarsi qualche decennio dopo la sua creazione, ma il 27 Febbraio 2006 un quotidiano rumeno chiamato ZIUA visitò l’ufficio del direttore del museo e controllò che la pila di Karpen avesse terminato la sua “carica”, le misurazioni rilevarono che la pila produceva ancora 1 volt, ovvero quanto produceva più di 50 anni prima. E tutt’ora la pila sta generando elettricità.
Funzionamento
Nonostante le numerose esibizioni scientifiche avvenute a Parigi, Bucarest e anche Bologna e nonostante i numerosi studi del politecnico di Bucarest (questo il documento più significativo che si trova in rete) nessuno è riuscito a riprodurre la pila di Karpen. Il funzionamento, secondo chi l’ha studiata è dovuto in realtà vi sono due pile connesse in serie tra di loro che muovono un piccolo motore galvanometrico (un tipo di motore che semplicemente trasforma l’energia elettrica proveniente dalle pile in energia meccanica), il motore dunque muove un filo collegato ad uno switch, ad ogni mezzo giro, il filo apre e chiude il circuito, durante il tempo di rotazione le pile hanno il tempo di ricostituire la loro polarità e quindi di ricaricarsi. Secondo alcuni l’energia viene prodotta convertendo l’energia termica in energia meccanica, secondo altri questa pila funziona violando le leggi della fisica (in particolare il secondo principio della termodinamica).
Purtroppo è difficile trovare in rete delle spiegazioni efficaci, e come ho detto prima l’unico documento su cui si sono basati tutti i blog nelle loro spiegazioni è questo. Chissà mai se qualcuno con un po’ di denaro vorrà andare a studiare per bene la pila e magari mostrarla ad alcuni dei fisici più autorevoli al mondo. Personalmente non vedo l’ora di avere uno smartphone che mi dura per 60 anni senza mai attaccarlo alla presa di corrente!

Alberto Ziveri

Fonte: Skimbu