Archive

Archive for December 28, 2011

L’Express, censura in Marocco

December 28, 2011 Leave a comment

Il  Marocco ha bloccato la distribuzione del settimanale francese L’Express che ha pubblicato, nel numero speciale di questa settimana, un dossier sul mondo arabo inserendo una riproduzione del viso del profeta Maometto, prescritto dalla tradizione musulmana. Questo numero è stato  censurato anche se la direzione dell’Espresso ha proposto di velare il viso di Maometto, ha precisato la direzione del settimanale francese. Contattato sabato dall’AFP, il ministro marocchino della Comunicazione Khalid Nacir ha dichiarato che “noi siamo sempre stati decisi su questa questione, molto sensibile e sentita dall’opinione pubblica”. Ovviamente L’Express sta protestando con vigore contro questa censura e si inquieta di vedere, ancora una volta, il Marocco, conosciuto nel mondo arabo come un vero trampolino di democrazia, un comportamento cosi’ intollerante che attenta alla libertà della stampa. Il direttore del giornale, M. Barbier, ha inoltre dichiarato che “non soltanto i più grandi specialisti hanno apportato una visione delicata di tutte le problematiche storiche, ma i soggetti sono stati trattati con distanza e senza alcuna polemica”.  Sul web si è scatenata la polemica ovviamente e gli aggettivi più usati sono “ipocrisia”, “razzismo” e “fanatismo”. Ci si chiede inoltre come è possibile censurare un ritratto del VI° secolo, non attuale, e di quanta ipocrisia regna nel Marocco dove la maggiorparte delle persone beve alcolici, pratica sesso normalmente anche senza essere sposato, e conduce uno stile di vita assolutamente europeo. Vallo a sapere!!

Fonte: My Amazighen

Pensiero di Marguerite Yourcenar

December 28, 2011 Leave a comment

Quando prendo in esame la mia vita, mi spaventa di trovarla informe. L’esistenza degli eroi, quella che ci raccontano, è semplice: va dritta al suo scopo come una freccia. E gli uomini, per lo più, si compiacciono di riassumere la propria esistenza in una formula – talvolta un’ostentazione, talvolta una lamentela, quasi sempre una recriminazione; la memoria compiacente compone loro una esistenza chiara e spiegabile. La mia vita ha contorni meno netti: come spesso accade, la definisce con maggior esattezza proprio quello che non sono stato: buon soldato, non grande uomo di guerra; amatore d’arte, non artista come credette d’essere Nerone alla sua morte; capace di delitti, ma non carico di delitti […] Si direbbe che il quadro dei miei giorni come le regioni di montagna, si componga di materiali diversi agglomerati alla rinfusa. Vi ravviso la mia natura, già di per se stessa composita, formata in parti uguali di cultura e d’istinto. Affiorano qua e là i graniti dell’inevitabile; dappertutto, le frane del caso […] In questa difformità, in questo disordine, percepisco la presenza di un individuo, ma si direbbe che sia stata sempre la forza delle circostanze a tracciarne il profilo; e le sue fortezze si confondono come quelle di un’immagine che si riflette nell’acqua.

Marguerite Yourcenar

Capodanno, banditi i tradizionali fuochi d’artificio

December 28, 2011 Leave a comment

Nel capoluogo piemontese il veto deciso per tutelare gli animali. Multe e denunce per chi non rispetta le ordinanze…

Notte di Capodanno senza botti a Venezia, Torino e Bari dove le rispettive amministrazioni comunali hanno deciso di festeggiare il nuovo anno vietando i tradizionali fuochi d’artificio.
A Venezia il comandante generale della polizia municipale, Luciano Marini, ha emesso un’ordinanza che per la notte di Capodanno vieta “comportamenti che possano turbare la tranquillità o compromettere la sicurezza dei cittadini in luoghi aperti: nello specifico sabato 31 dicembre e domenica 1 gennaio sarà vietato usare o portare con sé materiale esplodente, accendere fuochi e far esplodere petardi, castagnole o altri artifici esplodenti”.
A chi contravverrà l’ordinanza verrà sequestrato e confiscato il materiale e sarà applicata una sanzione amministrativa pecuniaria. La polizia municipale dedicherà particolare attenzione all’area marciana a Venezia e a Piazza Ferretto e zone limitrofe a Mestre.
Veglione senza botti anche a Torino, dove il divieto è stato però deciso per tutelare gli animali. L’assessorato all’Ambiente ha infatti stabilito di applicare il regolamento per la tutela degli animali, che prevede appunto il veto allo scoppio di fuochi d’artificio, pena una sanzione fino a 500 euro e, nei casi particolari, una denuncia penale. Anche il Comune si è adeguato, annullando per quest’anno il tradizionale spettacolo di fuochi alla mezzanotte. In Piazza Vittorio Veneto si svolgerà, dalle 21, solo il concerto di Renzo Arbore.
Dopo Venezia e Torino, anche a Bari i fuochi d’artificio saranno messi al bando. Lo ha annunciato il sindaco del capoluogo pugliese, Michele Emiliano, direttamente sul suo profilo Facebook. L’ordinanza sarà varata giovedì.
“A furor di popolo – ha spiegato Emiliano – ho deciso di adottare l’ordinanza che vieta i botti di Capodanno al fine di tutelare la sicurezza delle persone e di altri esseri viventi. E’ chiaro che si tratta di un inizio e che i risultati probabilmente non saranno decisivi. Ma è evidente che Bari deve e può fare questo ulteriore salto di civiltà”.

Fonte: TMNews

Categories: Curiosità, Sententia Tags: , ,