Archive

Archive for December 27, 2011

“Natale a Roma tra sacro e profano”, concerto natalizio al Teatro Stabile del Giallo di Roma

December 27, 2011 Leave a comment

NATALE A ROMA TRA SACRO E PROFANO – Mercoledi 28 dicembre, ore 21.00, Teatro Stabile del Giallo
Una Roma sospesa tra le forti contraddizioni della convivenza tra sacro e profano, tra il potere e gli sfarzi della Chiesa e la miseria. Ieri come oggi. E’ questo il tema del concerto Natale a Roma tra sacro e profano che si terrà mercoledi 28 dicembre 2011, ore 21.00 presso il Teatro Stabile del Giallo, via al Sesto Miglio, 78.
E così, se da una parte assistiamo al perfezionarsi della forma-sonata con Arcangelo Corelli ed il suo Concerto fatto per la Notte di Natale  (pubblicato postumo ad Amsterdam nel 1714 ma composto presumibilmente nei primi anni del secolo XVIII), dall’altra Giuseppe Gioacchino Belli, poco più di un secolo dopo, non mancherà di ricordare a suo modo la “devozione” del popolo romano durante le feste natalizie  nel sonetto La viggija de Natale; o come negli anni della Grande Guerra, quando nelle Basiliche di Roma si intonano i canti della tradizione come Adeste Fideles, Stille Nacht o Dormi dormi bel bambin – a cui potrebbe essere accostata la più sentita spiritualità  “profana” della Ninna Nanna de la guerra di Trilussa  dedica al Natale delle pagine intense, commoventi e sentite con le poesie Natale de guerra e Natale del 1915.
CAST ARTISTICO
Adamo Dionisi, voce recitante
Vanessa Cremaschi, violino e voce
Giovanna Famulari, violoncello e voce
Massimo De Lorenzi, chitarra
Natale a Roma tra sacro e profano rientra nel progetto Note Romane, un racconto che si articola in 3 distinti appuntamenti, ognuno dei quali narra un periodo socio-culturale e storico della città attraverso la letteratura, il Teatro, le Cronache Giornalistiche e soprattutto attraverso la Musica. Un percorso che vuole condurre lo spettatore alla riscoperta della propria città, della storia, dei costumi, delle credenze, delle aspirazioni – a volte tradite – che hanno contraddistinto ogni diversa epoca e che hanno contribuito a costruire, nei secoli, la Roma che ogni giorno viviamo.
La manifestazione, organizzata dall’Associazione culturale “V&C”,  è realizzata con il sostegno di Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico e della Regione Lazio, con il patrocinio del XX Municipio.
Ideazione e direzione artistica: Vanessa Cremaschi
Regia e testi: Vanessa Cremaschi e Adamo Dionisi

“Miracolo a Maiorca” di Sebastià Alzamora, Marcos Y Marcos

December 27, 2011 Leave a comment

SEBASTIÀ ALZAMORA
Miracolo a Maiorca
Isola di Maiorca, anni Venti: Pere de Son Gall, giovane contadino romantico e geniale, ha due sogni. Il primo: costruire una macchina volante dallo stranissimo nome, Cometagiraviò, simile a un elicottero ma molto più leggero e stabile. Il secondo: conquistare il cuore della celestiale Maria Boscana, figlia dei vicini di casa con cui i suoi – accidenti – sono in rotta da una vita. Come in tutti i paesi del mondo, anche a Llucmajor sparlare è un’arte molto amata, e le voci si diffondono in fretta: Pere viene quasi trattato come il pazzo del villaggio, ricoperto di lazzi e burle. Ma il suo desiderio di volare e il suo amore cieco per Maria non conoscono limiti. Il suo progetto riscuote anche sostegni e apprezzamenti: anzi, una poetessa piuttosto influente prende le sue parti con grande energia. E Maria è tutt’altro che insensibile al fascino di un uomo così originale e temerario. Intanto, da Barcellona arriva una delegazione della “Liga del Bon Mot”: tre donne buffe e indimenticabili che combattono a spada tratta le parolacce e le cattive maniere…
Miracolo a Maiorca è una commedia romantica, piena di erotismo e gioia di vivere. Basata su una storia vera, è un inno all’amore e alla tenacia che solo i veri visionari hanno.
Sebastià Alzamora è il più celebre scrittore maiorchino. “Il desiderio di raccontare una storia accomuna tutti gli uomini, ma è con la poesia che si raggiunge la massima intensità”: in effetti, giovanissimo pubblica raccolte di poesia che ricevono numerosi premi. Presto, Alzamora si dedica anche alla narrativa. La pelle e la principessa, pubblicato nel 2005, è tradotto in sei lingue e vince il prestigioso premio Josep Pla. Colto, timido e spiritoso, Alzamora unisce forza e visione generale dei classici alle innovazioni dei narratori di oggi: i suoi sono romanzi intensi, che ritraggono la società e i suoi aspetti decadenti, i conflitti fra umili e potenti. Recentemente, assieme a due scrittori amici, ha lanciato un singolare manifesto dal sapore dantesco: “Lasciate ogni speranza”.

Fonte: Marcos Y Marcos

Londra, polacca seppellita viva scampata alla morte

December 27, 2011 Leave a comment

Il fatto è avvenuto nel bosco dello Yorkshire, vicino Londra. Una donna di origini polacche sarebbe stata sepolta viva dal proprio fidanzato, chiusa in una scatola di cartone. Autore del folle gesto è Marcin Kasprzak, processato e ritenuto colpevole di tentato omicidio. Avrebbe seppellito viva la propria compagna, madre del loro figlio, perché lo annoiava. L’uomo si è difeso dicendo che voleva solo spaventarla e non ucciderla. La donna, Michelina Lewandowska di 27 anni, sarebbe riuscita a scampare alla terribile morte riuscendo a liberarsi scavando con l’anello di fidanzamento che le aveva regalato il suo stesso carnefice. La Lewandowska è riuscita a liberarsi dal cartone che l’avvolgeva e da vari metri cubi di terra sotto la quale era stata seppellita, scavando con le mani e rompendo il cartone grazie all’anello. I fatti sono stati ricostruiti in tribunale durante il processo che ha visto imputato prima e condannato poi, il compagno della donna il quale l’aveva legata ed imbavagliata e poi chiusa in uno scatolone con del nastro adesivo per pacchi, per poi gettarla nel bosco e ricoprendola con del terriccio, foglie e rami secchi, ma l’autore del gesto si è sempre dichiarato innocente asserendo di non aver avuto alcuna intenzione di ucciderla, ma solo di spaventarla. Michelina Lewandowska, dal canto suo, nel raccontare come è riuscita a liberarsi dalla tomba in cui era stata sepolta viva, ha dichiarato: “Temevo che sarei morta in quella scatola o che, se fossi mai riuscita a uscire, lui sarebbe stato lì ad aspettarmi. Ogni notte sogno che tornerà per uccidermi. Spero solo che capisca quel che ha fatto e capisca che era molto sbagliato Soltanto Il pensiero di mio figlio mi ha dato la forza di salvarmi”.

Fonte: AGS Cosmo

Categories: Cronaca Tags:

“PaGAGnini, mas que un concerto!”, spettacolo al Piccolo Teatro Strehler di Milano

December 27, 2011 Leave a comment

PaGAGnini: molto più che un concerto! Diretti da Ara Malikian, enfant prodige della musica classica e violinista di fama mondiale – nato nel 1968, libanese di famiglia armena, uno dei più brillanti artisti della sua generazione – arrivano gli irriverenti musicisti.
Severo quartetto d’archi all’apparenza, e insospettabili showman non appena si spengono le luci di sala, i musicisti interpretano da virtuosi le arie più famose di Mozart, Vivaldi, Boccherini e, certo, Paganini, la cui tormentata figura è al cuore della pièce. Ma con esilaranti variazioni sul tema: i violinisti sobbalzano a tempo, il direttore si incammina sul palcoscenico per “un’esecuzione itinerante”, il violoncellista impugna le nacchere e improvvisa un flamenco.
Le gag, la fisicità e lo humour esplosivi, tipici del linguaggio teatrale dell’originale compagnia, hanno già fatto ridere le platee del mondo intero. Puro teatro e puro divertimento. Altamente contagioso.
Durata: 1 ora e 20 minuti senza intervallo
Piccolo Teatro Strehler
dal 27 dicembre 2011 all’8 gennaio 2012
PaGAGnini, mas que un concerto!
direzione musicale Ara Malikian
regia e direzione Yllana
direzione artistica David Ottone, Juan Francisco Ramos
assistente alla direzione Ramón Sáez
creazione musicale e interpreti Ara Malikian, Fernando Clemente, Eduardo Ortega, Gartxot Ortiz
Una produzione di Yllana e Ara Malikian in collaborazione con ATER-Associazione Teatrale Emilia Romagna
SERIE FESTIVAL
Platea:
Intero € 40,00
Ridotto card Gio/Anz € 23,00
Balconata:
Intero € 32,00
Ridotto card Gio/Anz € 20,00
SPETTACOLO IN ABBONAMENTO
Vai alla pagina degli abbonamenti
Informazioni e prenotazioni
Servizio telefonico 848.800.304
(max 1 scatto urbano da telefono fisso)
Per chi chiama dall’estero tel. +39 02.42.41.18.89
da lunedì a sabato 9.45-18.45;
domenica 10-17.
festività (solo nei giorni di spettacolo) 10-17
Teatro Strehler
da lunedì sabato 9.45-18.45 continuato
domenica 13-18.30
festività chiusa
Nelle serate di spettacolo la prevendita dei biglietti è sospesa a partire da un’ora prima della rappresentazione
Gruppi e pubblico organizzato
Per informazioni su biglietti e abbonamenti per i gruppi organizzati, pomeridiane per le scuole, spettacoli educational, rivolgersi al Servizio Promozione Pubblico e Proposte Culturali.
tel. 02 72.333.216 – e-mail: promozione.pubblico@piccoloteatromilano.it

“Eliseo” di Jae-woong Kwon (2003)

December 27, 2011 Leave a comment

Eliseo (Elysium) è un film a colori di genere animazione, azione, fantascienza, fantastico della durata di 85 min. diretto da Jae-woong Kwon e interpretato da Alexandra Boyd, Lee Cherry, Cam Clarke,Lara Cody, Justin Cowden, Pat Fraley, Crispin Freeman, Eddie Frierson, Jessica Gee, Michael Gough.
Prodotto nel 2003 in Corea del Sud.
2113: alcuni scienziati muoiono misteriosamente in Antartide. La causa è un’entità aliena proveniente dal pianeta Elysium. La Terra è in pericolo. Van, un ragazzo supersportivo che vive in una futuristica Manhattan, è l’eroe designato per salvarla.

Fonte: Movieplayer.it

Categories: Cinema... Cinema Tags:

“Tea For Two”, mostra collettiva presso Officine Saffi a Milano

December 27, 2011 Leave a comment

TEA FOR TWO
Ventitr firme eccellenti della ceramica, italiane e internazionali, hanno esplorato le infinite potenzialit del servizio da t – una teiera e due tazze – reinventandone tecniche, stili e materiali. Una grande mostra collettiva curata da Laura Borghi. Oggetto funzionale per eccellenza, ma anche opera d’arte e di design, da sempre la teiera costituisce per l’artista una sfida espressiva e al tempo stesso un invito a sperimentare. La scelta di tecniche e materiali e la composizione armonica dei volumi di tutte le parti che la compongono (la base, il corpo centrale, l’infusore, il coperchio, il beccuccio e il manico) sono espressione diretta della personalit dell’artista, dove a volte prevale l’elemento funzionale, a volte le potenzialit scultoree insite in questi oggetti del vivere quotidiano. Fino a fine gennaio 2012 alle Officine Saffi, l’unica galleria in Italia per l’arte della ceramica. L’inaugurazione, il 30 novembre alle 18:00, sar accompagnata da una degustazione di ta cura di CHA’ Tea Atelier.
GLI ARTISTI
Riccardo Biavati – John Britt – Jeff Campana – Sam Chung – Robert Cooper – Guido De Zan – Christine Fabre – Carol Farrow – Mariano Fuga – Alfredo Giovent – Kohei Hahn – Sun Kim – Yves Lambeau – Hennie Meyer – Kim Myungjin – Tonino Negri – Margareth O’Rorke – Martha Pachon – Paolo Polloniato – Elisabeth Raeburn – Gabriella Sacchi – Clementina Van Der Valt – Ann Van Hoey.
30 Novembre 2011 – 31 Gennaio 2012
Luogo: Officine Saffi Ingresso: libero
Via A.Saffi, 7  |  20123 Milano

Stati Uniti d’America, pronti ad attaccare l’Iran

December 27, 2011 Leave a comment

Nel caso in cui Obama scegliesse l’opzione attacco, la Difesa americana annuncia di avere già tutto pronto.
Potrebbe accadere in qualsiasi momento. Basterebbero pochi minuti da un eventuale ordine di attacco per mettere in moto tutta la macchina da guerra americana. L’obiettivo uno dei nemici storici degli Stati Uniti, l’Iran, che con il suo programma nucleare tiene sul chi va là tutti i governi occidentali. «Se il Presidente Barack Obama dovesse dare l’ordine, noi saremmo pronti all’istante ad attaccare». A dichiararlo è il generale pluridecorato, Martin Dempsey, capo di stato maggiore congiunto dell’esercito americano.
Il numero uno nell’esecuzione militare lo ha rivelato alla Cnn in un’intervista sulle tensioni con l’Iran. «La guerra sarebbe una tragedia – ha affermato l’alto ufficiale che però ha aggiunto  – il non far nulla lo sarebbe ancor di più. Ogni tipo di sottovalutazione della minaccia nucleare iraniana potrebbe avere effetti devastanti su tutta la regione e sul mondo intero». Il generale ha poi confermato l’utilizzo di droni di ricognizione utilizzati dagli Stati Uniti per monitorare la situazione in Iran.
Per Dempsey sarebbe stato un errore imperdonabile non tenere sotto controllo i movimenti del governo di Mahmoud Ahmadinejad considerato comunque ostile agli Stati Uniti. Dempsey si è poi detto soddisfatto delle operazioni di preparazione di un eventuale attacco che garantiscono all’America uno stato di tranquillità e preparazione. «Stiamo esaminando una serie di opzioni ma al momento sono soddisfatto delle mobilitazioni che stiamo facendo. Se sarà necessario un attacco noi saremo pronti, sempre se il Presidente lo riterrà opportuno».
Di fatto la stessa linea dettata dal segretario alla Difesa, Leon Panetta, che pure non aveva escluso nessuna opzione. Una di queste è ormai chiaro sia quella dell’attacco all’Iran che creerebbe una crisi internazionale visto il ruolo centrale della nazione guidata da Ahmadinejad in Medio Oriente. Dempsey ha infine parlato dell’intelligence americana, visto che dalla primavera ad oggi sono state catturate 45 spie statunitensi in Iran, e della collaborazione  con Israele contro il nemico comune condividendo anche un reparto congiunto di spionaggio.

Fonte: Fanpage

Brasile, confermata posizione come sesta maggiore economia mondiale

December 27, 2011 Leave a comment

Nel 2011 il Brasile ha superato la Gran Bretagna e l’Italia collocandosi come sesta maggiore economia mondiale dopo Usa, Cina, Giappone, Germania e Francia. Nel 2020 una ‘new entry’ sara’ l’India che si collochera’ al quinto posto dopo Usa, Cina, Giappone e Russia, seguita da Brasile, Germania, Gran Bretagna. Fuori dalla classifica a seguire ci saranno Francia e Italia rispettivamente al nono e al decimo posto.
Nel 2011 il Brasile ha superato la Gran Bretagna e l’Italia collocandosi come sesta maggiore economia mondiale dopo Usa, Cina, Giappone, Germania e Francia.
A rifare i conteggi sui paesi piu’ ricchi del Paese e’ il Center for Economics and Business Research, Cebr, secondo cui nel 2020 i paesi emergenti domineranno la classifica del G8 lasciando addirittura fuori Francia e Italia.
In un’intervista alla Bbc radio l’amministratore delegato del centro di ricerche Douglas McWilliams ha spiegato che in particolare le economie europee sono destinate a arretrare nella classifica del G8.
Nel 2020 una ‘new entry’ sara’ l’India che si collochera’ al quinto posto dopo Usa, Cina, Giappone e Russia, seguita da Brasile, Germania, Gran Bretagna. Fuori dalla classifica a seguire ci saranno Francia e Italia rispettivamente al nono e al decimo posto.

Fonte: RaiNews24

Silvio Berlusconi, nuove tasse sinonimo di recessione

December 27, 2011 Leave a comment

“Con queste nuove tasse il rischio e’ di comprimere i consumi e di indurre in recessione l’economia. La soluzione non dipende da noi, ne’ dal Governo nazionale, ma dall’Europa. Dobbiamo avere una banca centrale europea che possa garantire l’euro”. Lo ha affermato il leader del Pdl, Silvio Berlusconi, in collegamento telefonico con la Comunita’ Incontro di don Gelmini ad Amelia. Alla riunione, come da tradizione, ha partecipato anche il Presidente dei senatori Pdl Maurizio Gasparri: “Solo le comunita’ danno una risposta positiva al problema droga. I Sert, il metadone, le strutture pubbliche non danno risultati concreti”. Oltre alla telefonata di Berlusconi, la Comunita’ Incontro si e’ collegata con vari centri di tutto il mondo, ad esempio Bolivia, Costarica e Thailandia. Berlusconi ha parlato anche di riforme: “Abbiamo bisogno di un grande cambiamento, una grande riforma dell’architettura istituzionale per poter rendere governabile il nostro Paese. Se riusciremo a farlo in questo tempo che ci divide dalla fine dela legislatura, potremo veramente dire che abbiamo fatto qualcosa di grande e di importante”. L’ex Presidente del Consiglio ha spronato don Gelmini ad andare avanti con “l’impegno e la forza di sempre”. Attualmente la Comunita’ di Amelia ospita 150 ragazzi con problemi di droga, ma sono molte altre le comunita’ sul territorio nazionale e all’estero.

Fonte: Agi

Categories: Politick Tags:

“Postmodernism: style and subversion 1970-1990”, collettina al Victoria & Albert Museum di Londra

December 27, 2011 Leave a comment

Postmodernism al Victoria & Albert Museum
A fine settembre presso Victoria & Albert Museum di Londra inaugura Postmodernism: Style and Subversion 1970-1990, a cura di Jane Pavitt e Glenn Adamson, una retrospettiva sulla cultura e l’estetica di questi ultimi decenni, un’indagine attraverso l’arte, la musica, il design, l’architettura, il cinema, la moda, la grafica che guarda al passato più recente, per tentare di definire un futuro possibile.
Nella mostra si potranno ammirare le grafiche di Peter Saville e Neville Brody, i dipinti di Robert Rauschenberg ed Andy Warhol, i busti in acciaio inossidabile di Luigi XIV di Jeff Koons, le opere anticonsumistiche di Jenny Holzer.
Per il design, progetti del Gruppo Memphis di Sottsass e Mendini e lavori di Studio Alchimia, i costumi di scena di David Byrne, leader dei Talking Heads, e di Grace Jones, musa androgina degli anni 80.
A completare la mostra, foto e video di Jean-Paul Goude, Jonathan Demme e Derek Jarman.
Dal 24 settembre 2011 il Victoria & Albert Museum di Londra inaugura la mostra Postmodernism: style and subversion 1970-1990; un percorso dedicato ad uno dei movimenti più controversi del secolo scorso. Mentre i modernisti volevano aprire una finestra nuova nel mondo, i postmodernisti all’opposto creavano una rappresentazione della realtà multi-sfaccettata.
I punti cardine di questa nuova filosofia erano contraddizione e complessità, due concetti che si sono infusi nelle discipline artistiche apportando nuove forme di libertà espressiva nella ricerca di nuovi stili personali. Compreso nel periodo che va dal 1970 al 1990, il postmodernismo abbraccia tematiche come il progresso, la perfezione, il consumismo e il potere dei soldi e il senso dell’apocalisse (ottimamente rappresentata dal film Blade Runner di Ridley Scott).
E si diffonde nel lifestyle con la tendenza New Wave: un tripudio di colori, esagerazioni ed effetti teatrali nella musica e nella moda, che ha profondamente influenzato anche la nascita di un nuovo modo di fare i giornali di tendenza. La mostra proseguirà fino al 12 gennaio 2012.
Per maggiori info: http://www.vam.ac.uk