Home > Vernissages e Mostre > “Passaggi e Paesaggi e Mattoni di Vita”, mostra collettiva presso Spazio 1 a Milano

“Passaggi e Paesaggi e Mattoni di Vita”, mostra collettiva presso Spazio 1 a Milano

Passaggi e Paesaggi e Mattoni di Vita
Stefano Raffaele e Elena Sanjust di Teulada
Lunedì  21/11 h 18.30
A cura di :: Lorenzo Argentino
Spazio 1 :: Via Giovanola 21/c
Sguardi divergenti

Le ceramiche di Elena Sanjust di Teulada sono percorse da un desiderio: fissare ciò che altrimenti sarebbe effimero e nello stesso tempo schiudere percorsi nuovi, trattenere il sapore di un ricordo e suggerire passi futuri. La tecnica raku sembra particolarmente vicina a questa duplice disposizione perché raccoglie una sapienza antica e mantiene il rapporto con il passato, ma è aperta all’imprevisto dono del fuoco, al miracolo inatteso ed è quindi slancio verso il futuro. Un lavoro paziente che traduce paesaggi d’anima in oggetti misteriosi, intrecci di linee, risonanze dorate, trasparenze azzurre. Il fascino emana dalla superficie che alterna la luce degli smalti a zone opache, che recano tracce misteriose lasciate dall’incontro del fuoco e della terra. L’attrazione è per la materia, il connubio suggestivo di elementi che questi lavori generano scandendo – come note misteriose – i ritmi dello spazio circostante: fuoco e terra, ma anche acqua dai riflessi turchesi e aria che si insinua nei vuoti e accarezza i pieni. Eppure la bellezza è soprattutto nell’aura impalpabile che avvolge le navi, nel silenzio che accompagna il tragitto verso il mare o dilata i colori del tramonto. Il fascino di questi lavori è qui e altrove. In questo senso i paesaggi diventano passaggi, suggeriscono varchi. Come una soglia segna un confine e lo supera, la materia ha limiti – spazio, tempo, forma, colore – ma li supera nella dimensione della memoria o della ricerca, dell’emozione che precede e segue in un gioco di rimandi infinito. L’arte si fa vita e sorpresa. L’allusione alla vita diventa esplicita nei lavori concepiti insieme a Stefano Raffaele: visioni nitide che uniscono l’immediatezza della graphic novel – i suoi accenti decisi, la luce tagliente e priva di sfumature – e l’impasto materico della ceramica – richiamo alla terra, alla concretezza, all’abbraccio inscindibile degli elementi, come sorgente ancestrale e insuperabile di ogni pensiero, di ogni sintesi concettuale, di ogni linguaggio. Così i pannelli, come mattoni, scandiscono momenti – ancora passaggi – dell’esistenza. Catturano istantanee, suggeriscono storie, aggrappando alla terra il fuoco dell’emozione. Amore, paura, sfida precipitano nelle linee decise di un abbraccio, di un movimento e condensano nella forza degli elementi che la tecnica raku fonde. La chiarezza quasi concettuale della graphic novel si sostanzia della potenza ancestrale dell’argilla, carne del mondo e origine materica del cosmo.
   Vera Maria Carminati
APERTO: martedì, mercoledì e giovedì h 15.00-17.00 fino al 7/12/2011

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: