Home > Mysterium, Warning > Barack Hussein Obama, risposta impersonale UFO

Barack Hussein Obama, risposta impersonale UFO

Sono accadute un serie di cose, botte e risposte negli Stati Uniti d’America, che sono passate tal volta in secondo piano rispetto l’andamento di vita che si ripercuote sulle nostre esistenze, a meno che sappiate esternarvi dai problemi del Mondo, ricercando un Mondo nuovo.

Il Presidente USA Barack Hussein Obama ha dato responso a chi gli chiedeva delucidazioni a riguardo di UFO e vita extraterrestre, or dunque un Presidente, e più in generale un politico di spicco, deve possedere una buona dialettica, altrimenti gli sarebbe senz’altro impossibile ricoprire la carica che occupa, da ciò nasce quindi, indelebile in ogni caso, un proprio personale modo di scrivere, diverso da persona a persona, come per un pittore gli si riconosce la propria opera e occhi esperti ne distinguono persino il periodo, sovente diviso in tre stili di differenti momenti della vita dell’autore, adolescenziale, maturo o eseguito nell’età avanzata, così un politico lo si può riconoscere anche dalle sue parole, dette o scritte che siano, non può una persona arrivare a ricoprire una tale Carica senza venirne meno, la dialettica la si riconosce!

Detto questo, il Presidente Obama ha giorni addietro rispondendo al popolo americano che gli chiedeva la desclosure (rivelazione) sull’esistenza degli extraterrestri, ha risposto con una lettera firmata di mano sua Barack Hussein Obama, ma che, se da un lato nega l’esistenza, almeno per i vicini, passati e futuri, contatti avuti o che avverranno, dall’altro lato non contiene minimamente parole che possano legarsi ad una personale visione delle cose e non solo, la lettera ricalca, in parole e discorso, tal quale gli scritti scettici in modelli accademici, come se a capo di codesti scritti si riuscisse ad intravedere l’opera della NSA, organismo che sovrasta le operazioni della NASA (National Aeronautics and Space Administration) e che trovasi al di sotto dei servizi di intelligence (servizi segreti in poche parole) della CIA e della FBI, una catena di Enti che tutti assieme formano un substrato di cover –up (copertura).

Carissimo ed Illustrissimo Presidente Barack Hussein Obama, sono certo che per le parole che contiene, qualche statunitense di rilievo, magari anche per indagine, leggera questo articolo di me medesimo Gennaro Gelmini, lo si copi pure in nome della libertà di cui tanto se ne parla in tutto il Mondo ma che io non ho ancora pienamente trovato

Per 30 secondi, nella giornata di mercoledì 9 novembre 2011, tutti i mass media degli Stati Uniti d’America si sono fermati, annunciando un test d’emergenza, ma per solamente 30 secondi, cosa ben esile nella forma, ma che cela il segreto della preparazione di ben più consistenti eventi d’emergenza legati alla sempre più vicina presenza del pianeta Nibiru, difatti questo test è stato svolto in concomitanza con il ravvicinato passaggio della meteora 2005 YU55, che gli astronomi dicono sia presente da tempo remore nel Sistema Solare, ma come fanno a dire ciò se l’hanno scoperta solo di recente, nel 2005? Una constatazione più generosa la fa assoggettare alla Coda del Drago, la coda di meteore di Nibiru, che, ricordo, dista, nell’approssimarsi di questo metà mese di novembre 2011, 8,0 Unità Astronomiche (Astronomical Unit) dal Sole, in avvicinamento al suo perielio situato tra i pianeti Giove e Marte alla velocità di 0,6 Unità Astronomiche al mese, ancora in parte non visibile perché, come ho in passato già spiegato, già nel 1983 gli era stata conferita la sigla di denominazione in greco ΩΡΚ (che si pronuncia omega rho cappa) come sovente si attribuisce alle stelle per catalogarne la luminosità, secondo cui Ω, che è l’ultima lettera dell’alfabeto greco, in questo contesto significa luminosità estremamente bassa, Nibiru irradia poco e soprattutto raggi ultravioletti, che gli umani non percepiscono, inoltre risulta visibile al crepuscolo e sovente invisibile poiché coperto dalla luce solare.

Fonte: Gennaro-Gelmini

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: