Home > Curiosità, Mysterium, Warning > Giovanna Podda, racconta in tv abduction alieno per il quale costretta a lasciare il suo paese

Giovanna Podda, racconta in tv abduction alieno per il quale costretta a lasciare il suo paese

La vicenda è accaduta ad una quarantenne che dopo aver partecipato al programma di Italia 1 ‘Mistero’, in cui aveva raccontato di essere stata rapita dagli alieni ma pare che nessuno nel suo paese le abbia creduto e anzi, pare sia stata considerata un pazza da evitare. Così in pochi giorni la vita di Giovanna Podda, è diventata un vero e proprio incubo, ha perso il lavoro e ha dovuto trasferirsi altrove, allontanandosi dalla sua famiglia. Giovanna avrebbe detto che non ne poteva più di sentirsi sghignazzare alle spalle. La sfortunata e coraggiosa donna ribadisce però con forza la sua versione dei fatti, asserisce di essere stata rapita dagli alieni e precisamente dalla razza dei ‘grigi’, dall’età di 5 anni e per decine e decine di volte pare sia stata sottoposta ad inseminazione artificiale da parte di questi. Giovanna Podda, allorquando fu intervistata dalla trasmissione, portò a riprova della sua versione una serie di prove che conferiscono veridicità alla sua storia, fra cui i resti di un feto che si presenta come una specie di amalgama di carne ed ossa insanguinati, ed inoltre ha potuto dimostrare di avere sul suo corpo, delle tracce fosforescenti verdi ed indelebili e una TAC avrebbe dimostrato senza ombra di dubbio, la presenza di un oggetto non qualificabile all’interno del suo organismo. La donna avrebbe risposto a coloro che non le credono con la seguente dichiarazione: “Devo sbattere sul tavolo l’alieno per farmi credere? Ho avuto il coraggio di rivelare questa verità. Non sono l’unica a vivere simili esperienze, ma altri preferiscono tacere. Io sentivo il bisogno di liberarmi di un grande peso e far uscire altre persone allo scoperto. Si vogliono tenere nascoste certe verità, ma gli extraterrestri esistono e sono qua tra noi”.

Carla Liberatore

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: