Home > Biennale di Venezia > Biennale di Venezia / 68. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, Vivan las Antipodas! di Victor Kossakovsky secondo film della serata d’apertura

Biennale di Venezia / 68. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, Vivan las Antipodas! di Victor Kossakovsky secondo film della serata d’apertura

la Biennale di Venezia / 68. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Vivan las Antipodas! di Victor Kossakovsky è il secondo film della serata d’apertura (Fuori Concorso)

Il nuovo film del grande documentarista russo Victor Kossakovsky, Vivan las Antipodas!, è il secondo film della serata d’apertura (Fuori Concorso) della 68. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (31 agosto-10 settembre 2011), diretta da Marco Mueller e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta.

Vivan las Antipodas! sarà proiettato in prima mondiale in Sala Grande (Palazzo del Cinema) mercoledì 31 agosto alle ore 22 per il pubblico e tutti gli accreditati della Mostra. Il film è scritto e diretto da Victor Kossakovsky, prodotto da Heino Deckert, coprodotto da Leontine Petit, Joost de Vries, Marleen Slot, Gema Juarez Allen, Juan Manuel Egaña. Gli assistenti alla regia sono Saskia Heyden e Derek Howard. Le musiche sono di Alexander Popov, il suono di Michel Schöpping.

Per questo suo nuovo documentario, Victor Kossakovsky ci trascina in un singolarissimo viaggio intorno al mondo: nei pochi posti del globo situati esattamente uno all’opposto dell’altro. Con un montaggio di immagini di particolare effetto, Kossakovsky affronta un argomento inusuale come quello degli antipodi, realizzando “un poema sul mondo multipolare”. La storia è ambientata in quattro coppie di luoghi opposti sulla terra: Argentina-Cina, Cile-Russia, Hawaii-Botswana, Nuova Zelanda-Spagna. Si racconta di un pescatore solitario in un villaggio argentino e di una donna che vende pesce in una rumorosa strada di Shangai, di un guardiano del faro cileno a Capo Horn e di un ufficiale di bordo sul lago Baikal. Le loro storie sono antitetiche e simili allo stesso tempo.

Vivan las Antipodas! è anche un ritorno intelligente al film ‘planetario’ alla Godfrey Reggio (il documentarista statunitense autore di Koyaanisqatsi, Anima mundi e Naqoyqatsi, gli ultimi due presentati a Venezia nel 1991 e 2002), sull’enumerazione delle contraddizioni culturali e ambientali del nostro pianeta, attraverso rigorose e affascinanti dicotomie, che si sviluppano per mezzo di un montaggio particolarmente creativo di immagini documentaristiche, scandite da musiche suggestive.

“Un giorno viaggiando in Argentina – ha dichiarato Victor Kossakovsky – vidi un uomo che pescava da un piccolo ponte in un piccolo villaggio. Nella luce del tramonto, quel posto così semplice mi è sembrato il più meraviglioso al mondo. Ho pensato: cosa accadrebbe se tirassi ben più in fondo quel filo della canna da pesca, attraverso il centro della terra? Cosa avrei visto esattamente dall’altra parte? Ho controllato, e avrei trovato una delle città più popolate, movimentate e rumorose del pianeta, Shanghai. Poi ho imparato che da quando la maggior parte del pianeta è ricoperta dall’acqua, esistono solo poche terre abitate che hanno agli antipodi altre terre. Ad esempio, in tutta l’Europa solo la Spagna ha un paese agli antipodi, la Nuova Zelanda. Gli Stati Uniti hanno solo uno stato, le Hawaii, che ha agli antipodi il Botswana, a sua volta l’unico paese africano ad avere una terra agli antipodi. Abbiamo inoltre filmato nella coppia di luoghi secondo me più belli e cinegenici, il Lago Baikal e Capo Horn. Qualche volta accade che hai una buona idea per un film ma poi, quando davvero la realizzi, capisci che l’idea era migliore della realtà. In Vivan las Antipodas! accade invece che gli opposti coesistano. L’idea era buona, ma cosa realmente ho trovato è qualcosa di incredibile e sorprendente”.

Victor Kossakovsky è uno dei cineasti russi più conosciuti e apprezzati, ed è uno dei maggiori documentaristi al mondo. Realizza documentari dal 1989 e ha ricevuto più di 100 premi in festival nazionali e internazionali. Inoltre, retrospettive del suo lavoro sono state presentate nei più prestigiosi centri culturali, fra cui il MOMA a New York e il Centro Pompidou a Parigi.

Kossakovsky ha ottenuto la notorietà nel 1992 col suo documentario Belovy (60’), che descrive la vita di un contadino russo e di suo fratello. Il film ha vinto il Premio Ioris Ivens all’IDFA, ed è stato giudicato dai critici olandesi uno dei migliori documentari del ventesimo secolo.

Nel 1997 ha realizzato il documentario Wednesday 19.07.1961, che ritrae tutte le 74 persone nate a Leningrado nello stesso giorno, come lo stesso Kossakovsky. Il film ha vinto il Premio FIPRESCI alla Berlinale nel 1997.

Nel 1998 ha fatto seguito Pavel e Lyala – The Jerusalem romance, sui due suoi insegnanti di regia che adesso vivono in Israele, sul loro amore l’uno verso l’altro e sulla loro disputa sulla morte, che è diventata la prima parte della successiva trilogia I Loved You… (2000), realizzata in collaborazione con la BBC e produzioni tedesche. Il film ha ricevuto il premio per il miglior documentario al Festival di Montreal.

Il suo film del 2003, il tragicomico Tishe!, è uno sguardo fuori dalla finestra del suo appartamento di San Pietroburgo, nell’anno della preparazione della città per il trecentesimo anniversario. Per questo lavoro, Kossakovsky è stato paragonato a Buster Keaton e il film è stato nominato per ricevere il premio dell’European Film Academy e il premio Ioris Ivens, ed è stato distribuito nei cinema e sui canali televisivi di tutto il mondo.

Nel 2006 ha realizzato il documentario breve Svyato, 33 minuti dedicati all’argomento del riconoscimento di se stessi. Viene osservato un bambino di due anni, che riconosce il suo riflesso nello specchio per la prima volta. Il film ha vinto il Centauro d’oro al Festival di San Pietroburgo.

Vivan las Antipodas! è il suo nuovo progetto internazionale pensato per i cinema e le televisioni di tutto il mondo.

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: