Home > Scientia > Siamo figli delle stelle

Siamo figli delle stelle

Vi siete mai chiesti di che cosa siamo fatti? Bene. A seconda delle persone le risposte sono tutte valide. Un biologo potrebbe rispondere che siamo costituiti da cellule che formano i nostri tessuti, i quali formano gli organi… e così via fino all’intero corpo. Una persona spirituale potrebbe dire che siamo un semplice involucro per la nostra anima. Uno scienziato (chimico o fisico che sia) ci darebbe la ricetta perfetta per costruire un uomo.

La ricetta dell’uomo

La ricetta per fare un uomo di media corporatura è la seguente: 15 kg di carbonio, 4 di azoto, 1 di calcio, mezzo di fosforo, 200 g di sodio, 150 di potassio, 150 di cloro, qualche grammo di una quindicina di altri elementi (tra i quali alcuni esotici, come il selenio, il litio e il vanadio in dosi infinitesimali) e quattro secchi d’acqua da 10 litri. I 40 litri d’acqua a loro volta si possono ottenere combinando 5 Kg di idrogeno e 35 Kg di ossigeno.

Nell’intervista a Margherita Hack che vi propongo alla fine dell’articolo, l’esimia professoressa dice:
(…)pulsar, cioè quei nocciolini centrali che rimangono dopo l’esplosione di grandi stelle, molto più grosse del Sole, che alla fine della loro vita danno luogo a un enorme serie di reazioni nucleari nel corso delle quali produco tutti gli elementi che noi conosciamo sulla terra, e quindi esplodendo arricchiscono il mezzo interstellare di questi elementi da cui poi si formerranno altre stelle con i loro pianeti e anche la vita, quindi noi oggi siamo fatti di materia costruita dentro le stelle, siamo un prodotto dell’evoluzione dell’universo(…)

Rianalizzando gli elementi chimici sopracitati, possiamo vedere che i  5 Kg di idrogeno e il pizzico di litio vengono dal big-bang, risalgono a 15 miliardi di anni fa. Gli altri ingredienti sono più recenti, per produrli l’universo ha dovuto evolversi per vari miliardi di anni, miliardi di stelle hanno dovuto nascere, splendere, morire, rinascere nel seno di nebulose generate da collassi stellari. I 15 Kg di carbonio sono stati costruiti dentro una stella nella fase terminale della sua vita, unendo 3 atomi di elio. I 35 Kg di ossigeno derivano dalla fusione di carbonio ed elio nel nòcciolo di stelle caldissime. Il ferro è cenere di stelle esaurite. Anche calcio, fosforo, zolfo, cloro, sodio e azoto vengono da caldissime fucine stellari. Le tracce di elementi ancora più pesanti ci arrivano dalle supernovae (cioè un’esplosione stellare estremamente energetica).
In conclusione possiamo dire che gli atomi che formano le molecole delle nostre cellule sono nati all’interno di fornaci cosmiche: stelle come quelle che vediamo in cielo.
Insomma, siamo nati dalle stelle.

Fonte: Skimbu

Categories: Scientia Tags: ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: