Home > Attualità > Mariano Sabatini, web e i giornalisti ne assumono le difese

Mariano Sabatini, web e i giornalisti ne assumono le difese

La storia è ormai nota. Il giornalista e critico televisivo Mariano Sabatini nell’esercizio delle sue funzioni sul sito di Tiscali dove ha una rubrica di critica televisiva, ha definito Salvo Sottile un telebecchino. Il motivo? Secondo Sabatini la trasmissione 4 grado – trasmessa da Rete 4 – è il classico format che sguazza nel dolore umano di chi ha perso dei familiari per mano di altri – vedi il caso di Sarah Scazzi – e, sempre dalla critica di Sabatini si evince che Salvo Sottile sia una sorta di cerimoniere che in questo dolore sguazza molto bene. Una critica, per l’appunto. Sottile però si è convinto che l’appellativo di telebecchino – ossia di colui che si aggira per cimiteri tra cadaveri nella versione, però, quarto potere – sia un’offesa e un insulto pertanto ha querelato Sabatini chiedendogli un milione di euro. Chi fa televisione – e in generale i personaggi pubblici che dal proprio essere visibili traggono, oltre al denaro, anche benefici e privilegi non accessibili ai comuni mortali – dimentica a volte che se ci si espone, tanto più pubblicamente, si può essere soggetti a critiche. In particolare, in questo caso, la critica non è rivolta alla persona, ma al personaggio e ai valori che incarna andando in video in un format simile. Non solo: chi fa il giornalista sa di essere potenzialmente a rischio qualsiasi cosa scriva. Chiunque infatti può rilasciare delle dichiarazioni e negare di averle fatte querelando il cronista. Pertanto, la responsabilità, nella maggior parte dei casi, è più che adottata dai giornalisti quando scrivono. Le querele, spesso, non arrivano in tribunale e, tra l’altro, non è nemmeno detto che il querelante vinca. La querela è un’arma odiosa spesso usata dai potenti e da chi ha la coda di paglia per minacciare e fare tacere coloro i quali hanno deciso di non tacere per professione. Il fatto che sia un giornalista il querelante rende il gesto ancor più brutto. Ma internet è democratica, pertanto già molti giornalisti e intellettuali, sulla pagina di Facebook di Sabatini hanno manifestato solidarietà al critico tv per l’ingiustizia subita: Camillo Langone, Camilla Baresani, Gabriella Sassone, Paolo Bianchi e persino, anche se indirettamente Vittorio Zincone che in una sua intervista sulle pagine di Sette, come ultima domanda alla moglie di Sottile, Sara Varetto nuovo direttore di SkyTg ha chiesto all’anchorwoman se non ritenesse un po’ eccessiva la richiesta del marito.

http://notizie.tiscali.it/articoli/collaboratori/marianosabatini/11/2/quarto-grado.html

Fonte: Vivianamusumeciblog’s

Categories: Attualità Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: